como-l-omicida-di-don-roberto-in-aula-il-16-giugno
Ancora meta di pellegrinaggio (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Estero
Confine
23 min

Disastro del Mottarone, Eitan è tornato a casa a Pavia

Il bambino di 6 anni, unico superstite, era stato sequestrato dal nonno che lo aveva portato in Israele con un volo da Agno
Estero
2 ore

Positivi al Covid due ippopotami dello zoo di Anversa

Si tratta del primo caso riscontrato. Finora il virus ha colpito specialmente grandi scimmie e felini
Estero
10 ore

No vax col braccio in silicone per avere il Covid Pass

Sarebbe un sanitario sospeso perché non vaccinato l’uomo denunciato a Biella per aver cercato d’ingannare gli operatori sanitari
Estero
11 ore

 Austria, Karl Nehammer designato come prossimo cancelliere

Dopo l’annuncio dell’addio alla politica di Sebastian Kurz e le dimissioni di Schallenberg il partito Oevp ha indicato il successore
Estero
13 ore

Canada, al bando la ‘terapia di conversione’ per Lgbtq

In una rara unanimità nel Parlamento di Ottawa, approvata una mozione dei conservatori per accelerare il via libera
Estero
14 ore

In tutta Italia scoperti 281 medici no vax

In 126 al lavoro nonostante fossero sospesi per non aver rispettato l’obbligo vaccinale per i sanitari. Denunciati per esercizio abusivo della professione
Estero
1 gior

Austria, getta la spugna anche Blümel, ministro delle finanze

Lascia anche la funzione di leader della Oevp. Ancora una “vittima” causata dal terremoto politico iniziato con le dimissioni dell’ex cancelliere Kurz
Estero
1 gior

La Germania mette i no vax in lockdown. Boom di casi in Europa

Situazione più tranquilla in Italia e Spagna. Preoccupa l’Africa dove aumentano i casi e la percentuale di vaccinati non arriva al 7 per cento
Confine
18.05.2021 - 13:540
Aggiornamento : 14:25

Como, l'omicida di don Roberto in aula il 16 giugno

Fissata l'udienza preliminare nei confronti del 53enne tunisino che accoltellò il sacerdote il 15 settembre scorso

È stata fissata per il prossimo 16 giugno in Tribunale a Como l'udienza preliminare nei confronti del 53enne tunisino che lo scorso 15 settembre in piazza San Rocco con numerose coltellate ha ucciso don Roberto Malgesini, il sacerdote degli ultimi, un “nuovo martire”, come lo ha definito papa Francesco, medaglia d'oro al valore civile, conferitagli dal presidente della Repubblica. L'udienza preliminare sembra destinata a essere un passaggio verso il processo in Corte d'Assise a Como. Considerato capace d'intendere e di volere sembra destinato a una condanna a vita, anche perché l'accusa che gli è contestata dal pm Massimo Astori, cioè omicidio volontario con l'aggravante della premeditazione, prevede l'ergastolo.

Nelle scorse settimane il magistrato inquirente aveva chiesto il rinvio a giudizio per il tunisino di 53 anni, che all’epoca dell’omicidio era domiciliato e trascorreva le notti al dormitorio presso l’oratorio di Sant’Orsola. Per il pm l’omicidio fu spietato, preparato per giorni. L’agguato avrebbe dovuto consumarsi il 14 settembre 2020 ma fu poi spostato al giorno successivo, il 15 settembre, per farlo combaciare in maniera simbolica con la data dell’udienza davanti al giudice di Como, dove l’indagato era chiamato a rispondere delle violazioni alla legge sull’immigrazione. L’obiettivo avrebbe dovuto essere il suo avvocato, uno dei componenti del presunto complotto di cui il tunisino riteneva di essere vittima. Per questo aveva pattugliato più volte le strade attorno al Tribunale, nella speranza di incrociarlo. Poi il mirino si era spostato su una vittima più facile: don Roberto che da anni lo aiutava.

Don Roberto fu ucciso in piazza San Rocco, sotto casa sua e nei pressi della chiesa, mentre si preparava a portare le colazioni ai senzatetto della città. Il 53enne lo aspettò, gli andò incontro con la scusa di un mal di denti. Don Roberto fece in tempo a preoccuparsi per lui un’ultima volta, dicendogli che poi l’avrebbe portato in ospedale, finito il giro delle colazioni. Appena il prete si voltò, l’uomo lo colpì con più fendenti. Fatale secondo l’autopsia sarebbe stato lo “shock emorragico” successivo a un colpo al torace che ha perforato il polmone sinistro. Don Roberto si accasciò sotto l’albero che ancora oggi è meta di pellegrinaggio. Il suo aggressore non scappò, ma infierì ancora sul corpo senza vita del sacerdote, causando una ampia ferita al collo. Si ferì (a una mano, la sinistra) anche il tunisino, tanto che nell’allontanarsi da piazza San Rocco, visto da più testimoni e ripreso dalle telecamere (tutto materiale che è nel fascicolo del pm) lasciò una lunga scia di sangue fino alla caserma dei carabinieri di Como, dove di presentò dicendo di aver ucciso un prete. Erano le 7.20 della mattina del 15 settembre: don Roberto era già morto da almeno un quarto d’ora. Dal carcere il 53enne omicida continua a rifiutare il difensore d'ufficio.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved