GOLUBIC V. (SUI)
0
ZHANG S. (CHN)
2
fine
(3-6 : 4-6)
commercio-mondiale-in-ripresa-trasporti-sotto-pressione
Importante riapertura dei mercati Usa e europeo dopo la pandemia (foto archivio Keystone)
11.07.2021 - 11:160
Aggiornamento : 13:37

Commercio mondiale in ripresa, trasporti sotto pressione

Sollecitato soprattutto quello marittimo. Le principali ragioni: forte aumento delle importazioni dall'Asia e necessità di fare scorta.

Il commercio mondiale ha già avuto una forte ripresa e si prevede che quest'anno crescerà ancora. Secondo uno studio di Euler Hermes pubblicato venerdì, si prevede che sarà guidato dalla ripresa economica, che sta aumentando il costo delle importazioni, in particolare per il trasporto marittimo.

L'aumento dopo la pandemia

In tutto l'anno, il commercio internazionale dovrebbe crescere del 7,7% in volume e del 15,9% in valore, dopo essere sceso rispettivamente dell'8% e del 9,9% l'anno scorso, si prevede.

"La riapertura delle economie in Europa e negli Stati Uniti sta portando a un forte aumento delle importazioni dall'Asia per queste due regioni, il che sostiene fortemente il commercio mondiale in termini di volume", spiega lo studio.

Oltre all'aumento della domanda, le aziende hanno bisogno di ricostituire le loro scorte, che sono state in gran parte esaurite l'anno scorso quando il commercio è stato praticamente bloccato dalla pandemia.

Di conseguenza, il trasporto delle merci, e in particolare il trasporto marittimo, sta lottando per tenere il passo con la domanda, portando a una carenza di container e a costi di trasporto più elevati. Quindi un aumento del valore del commercio maggiore dell'aumento del volume.

Dal sessanta al 65% delle navi container hanno subito ritardi di consegna dall'inizio dell'anno, rispetto al 20% circa prima della crisi, secondo l'assicuratore del credito.

Un improvviso aumento dei prezzi di trasporto

Questo fenomeno si autoalimenta: "L'improvviso aumento dei prezzi sta costringendo le aziende a cambiare le loro strategie di gestione delle azioni. Stanno passando da un modello "just in time" a un modello "just in case", comprando in fretta beni intermedi per proteggersi da possibili ulteriori aumenti di prezzo", spiega Euler Hermes.

Le aziende europee sono particolarmente colpite, poiché le loro scorte erano inferiori a quelle dei loro concorrenti americani e asiatici. I settori con la gestione delle scorte più stretta, come l'industria automobilistica e tessile, sono anche più colpiti.

Euler Hermes si aspetta che la pressione sui costi persista anche nel 2022, dato che il commercio mondiale continua a crescere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved