una-societa-senza-contanti-e-piu-un-auspicio-che-una-realta
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 gior

Swisscom e banche: sperimentato tasso riferimento per criptovalute

Durante il periodo di sperimentazione, durato due settimane, i partner hanno effettuato fixing quotidiani per le due criptovalute bitcoin ed ether
Economia
2 gior

Unione svizzera arti e mestieri: stop subito alle restrizioni

Per l'Usam il Consiglio federale tiene conto solo di considerazioni sanitarie e non di fattori come la politica economica e le questioni sociali
Economia
3 gior

DiaSorin prende Luminex, fusione da 1,8 miliardi di dollari

Diagnostica molecolare, l'azienda italiana acquisisce quella americana leader del mercato e produttrice fra l'altro di test per il Covid
Economia
5 gior

Credit Suisse inasprisce le condizioni per gli hedge fund

In particolare Credit Suisse sta passando da requisiti di margine statici a dinamici, scrive l'agenzia Bloomberg facendo riferimento a Insider
Economia
6 gior

Riserve di divise in crescita per la Banca nazionale

L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 920,55 a 937,40 miliardi. Quinto incremento consecutivo.
Economia
1 sett

Fmi: finora la Svizzera ha gestito bene la pandemia

Il Fondo monetario internazionale per l'anno in corso prospetta una crescita del 3,5% e per il prossimo del 2,8% per la Svizzera
Economia
1 sett

Credit Suisse: le incertezze restano elevate

Dopo l'annuncio delle perdite legate al fallimento dell'hedge fund Archegos e i cambi in direzione la situazione resta incerta
Economia
1 sett

Credit Suisse, prevista perdita di 900 milioni

Il n°1 dell'investment banking Brian Chin e la "Chief Risk and Compliance Officer" Lara Warner lasciano i loro ruoli rispettivamente a fine mese e oggi
Economia
1 sett

Conti cantonali meglio del previsto

In 17 Cantoni superate le aspettative. Il Ticino per il prossimo anno calcola un rosso di quasi 231 milioni
Economia
1 sett

Credit Suisse negligente nell’assicurare fondi Greensill

Lo affermano all’agenzia Reuters fonti insider vicine al dossier. La liquidazione ammonterebbe a 10 miliardi di franchi
Economia
1 sett

Il programma di investimenti Usa fa gola alle aziende svizzere

Gran parte degli analisti ritiene che l'economia elvetica trarrà vantaggio dal programma di investimenti americano
Economia
1 sett

Acquisizioni, Firestone Building passa a Lafargeholcim

Il gruppo franco-svizzero rileva ditta statunitense specializzata in coperture per tre miliardi di franchi. Il via libera all'accordo dalle autorità Usa
Economia
2 sett

Autogrill cede le attività autostradali americane

Le ha rilevate un consorzio guidato da Blackstone Infrastructure Partners per 375 milioni di dollari
Economia
2 sett

Medacta, maggiori ricavi nonostante il calo delle vendite

Il produttore di dispositivi ortopedici ha registrato un utile netto di oltre 40 milioni di franchi.
Economia
2 sett

La Finma ridà libertà di fare acquisizioni a Julius Bär

L'autorità di vigilanza ha revocato il divieto temporaneo imposto l'anno scorso a causa di gravi carenze nella lotta contro il riciclaggio di denaro
Economia
27.03.2021 - 05:250

Una società senza contanti è più un auspicio che una realtà

La pandemia di coronavirus ha accelerato le abitudini di pagamento a favore degli strumenti digitali. In Svizzera nella legge l’uso di banconote e monete

L’India è il paese più a favore di una società senza contanti: il 79% degli indiani auspica che sostituire il contante con altri mezzi di pagamento avrebbe un impatto positivo sul loro paese. È quanto emerge da una recente analisi effettuata da MoneyTransfer.com, una società specializzata nel trasferimento di denaro da una parte all’altra del mondo, su dati di YouGov, un gruppo internazionale specializzato in ricerca di mercato e analisi dei dati a fini di marketing.Sono state intervistate 25’823 persone in 21 paesi.

Al secondo posto troviamo la Malesia (65%). Seguono Emirati Arabi Uniti (63%) e Indonesia (63%) sono tra gli altri paesi dove una maggioranza dei cittadini accoglierebbe con favore il passaggio ai pagamenti elettronici. È interessante notare che nei primi dieci posti troviamo l’Italia con il 52% degli interpellati che si è detto favorevole a una società senza contanti. Al decimo posto troviamo l’Australia (35%) e poi seguono il Canada (32%); Danimarca (31%); Spagna (27%) e poi Regno Unito (26%); Stati Uniti (24%). I più reticenti all’uso di strumenti alternativi al contante sono Germania (20%) e Francia (18%).

La Svizzera non è stata considerata dall’analisi di MoneyTransfer.com. Stando però a un sondaggio recente, di fine febbraio curato da Moneyland.ch, interrogata sul metodo di pagamento preferito dagli svizzeri, la maggioranza degli intervistati (73%) ha dichiarato di non poter fare a meno delle carte di debito, seguite da quelle di credito (71%). I contanti si piazzano solo al terzo posto, con il 67% di preferenze. Nel 2020 la quota era ancora del 78%. 

Il tema di una società senza contanti è stato accelerato dalla crisi sanitaria determinata dal Covid-19 che ha influenzato vari aspetti della nostra vita, compresi i sistemi di pagamenti. A causa dell’emergere del coronavirus, i pagamenti senza contanti sono l’opzione di pagamento preferita sia per le imprese, sia per i privati per il timore di trasmissione del virus attraverso le banconote. Ma tra il dire e il fare c’è sempre un mare enorme di mezzo. Un conto è l’auspicio di una società senza contanti e un altro la realtà, anche al tempo di una pandemia globale.

In ben sei paesi, oltre il 50% degli intervistati ha ammesso di aver usato meno denaro contante durante l’ultimo anno. La Thailandia, al settimo posto tra i fautori della sostituzione del contante con il 51% dei favorevoli a tale opzione, è il paese che più ha usato strumenti alternativi a causa della pandemia: il 57% dei thailandesi infatti ha rinunciato al contante per timore dell’infezione. Anche nel Regno Unito, con il popolo tra i più reticenti a cambiare abitudini, il 50% ha ammesso di essere stato cauto nel maneggiare denaro contante nell’ultimo anno. Qui probabilmente ha inciso anche il cambio di paradigma imposto dalle aziende e dall’aumento del commercio online che hanno incoraggiato alternative digitali alle classiche banconote e monete. I consumatori che hanno cambiato meno le loro abitudini di pagamento a causa del coronavirus si trovano invece in Danimarca (29%), Taiwan (27%), Stati Uniti (25%) e Svezia (11%). Questi ultimi tre paesi sono i meno virtuosi da questo punto di vista. La posizione della Svezia, ultima in classifica, non sorprende i ricercatori in quanto è il paese che più di altri sta andando nella direzione di diventare la prima società al mondo senza contanti. Essendo già pochi coloro che usano il contante, anche la quota di coloro che hanno cambiato abitudine è quindi più piccola. Infine, la tendenza verso una società senza contanti oltre che dal coronavirus che ha dato una spinta senza precedenti, è accelerata dall’aumento delle chiusure di filiali, agenzie bancarie e di bancomat e dal processo di digitalizzazione dell’economia in generale.

In Svizzera il contante non sparirà, per legge

Lo scorso dicembre il Consiglio nazionale ha accettato a larga maggioranza (145 contro 38) un postulato che chiede al Consiglio federale di elaborare una proposta di modifica legislativa in modo da permettere, a chi lo vorrà, di poter utilizzare il denaro contante. In particolare si chiede di trasformare l’obbligo di accettazione di denaro contante stabilito all’articolo 3 della Legge federale sull’unità monetaria e i mezzi di pagamento da norma dispositiva in norma cogente, ovvero imperativa indicando le deroghe, le restrizioni (ad esempio sulla base delle disposizioni della legge sul riciclaggio di denaro o per gli acquisti online) o le misure di accompagnamento ritenute opportune.

Secondo la deputata socialista lucernese Priska Birrer-Heimo, sempre più spesso si annuncia che i privati non possono più pagare i servizi in contanti, bensì soltanto attraverso mezzi di pagamento elettronici; molto probabilmente questa tendenza si accentuerà con la crescente digitalizzazione. 

La trasformazione verso una società senza contanti comporta però svantaggi non trascurabili, secondo la consigliera nazionale socialista: interruzione del sistema di pagamento elettronico, indebitamento eccessivo, senza dimenticare che senza contanti, i gestori e gli emittenti dei mezzi di pagamento elettronici, potrebbero aumentare sensibilmente le commissioni a carico di commercianti e consumatori.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved