ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
6 ore

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
8 ore

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
8 ore

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
Spettacoli
8 ore

Addio a Cindy Williams, protagonista di ‘Laverne & Shirley’

Fu Shirley assieme a Penny Marshall nella popolare sitcom. È morta a Los Angeles a 75 anni dopo una breve malattia
cinema
9 ore

‘I nuovi mostri’ al Palacinema di Locarno

Ospite del ciclo ‘10 Film Festival’, il direttore artistico del Fiff propone, giovedì 2 febbraio, la commedia satirica firmata da Monicelli, Risi e Scola
Spettacoli
9 ore

‘Dimenticando Gaber’ alla Cambusa di Locarno

L’attore e regista Emanuele Santoro, accompagnato dalla musica di Yara Mennel, propone un recital dei testi del cantautore meneghino, sabato 4 febbraio
Spettacoli
11 ore

Ai ‘Margini’ del mondo con Vischer, Lepori e Mourtzakis

La performance fra poesia e musica verrà interpretata dai tre protagonisti domenica 5 febbraio, alle 17, al Teatro San Materno di Ascona
Spettacoli
12 ore

Il futuro apocalittico di ghiacci sciolti con ‘Ulisse Artico’

Lo spettacolo scritto da Lina Prosa e diretto da Carmelo Rifici verrà rappresentato in prima nazionale martedì 7 febbraio (in replica l’8) al Lac
Locarno Film Festival
15 ore

Successione Marco Solari, c’è la commissione

Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
22 ore

Le Donne, la musica e Ornella Vanoni

Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
la recensione
04.12.2022 - 15:17
Aggiornamento: 16:15

Silvio Orlando torna bambino a Parigi-Belleville

L’attore e regista ha portato lo spettacolo tratto dal romanzo di Émile Ajar sul palco del Teatro di Locarno, sabato 3 dicembre. In replica domenica 4.

di Giovanni Medolago
silvio-orlando-torna-bambino-a-parigi-belleville
In replica domenica 4 dicembre, alle 17

Roman Kacew (1914-1980) nacque a Vilnius e giunse a Nizza all’età di 13 anni. Divenne avvocato, poi pilota d’aerei impegnato nella Resistenza durante la guerra, fu console di Francia a Los Angeles. Sposò l’attrice Jean Seberg e come lei finì suicida. Quando aveva ancora la vie devant soi divenne uno scrittore di successo cui piacevano gli pseudonimi. È l’unico scrittore che ha vinto per due volte il prestigioso Premio Goncourt: dapprima, come Romain Gary, con ‘Le radici del cielo’ e qualche anno dopo nei fantomatici panni di Émile Ajar* grazie a ‘La vita davanti a sé’. Da questo romanzo, Silvio Orlando ha tratto, diretto e interpretato lo spettacolo ‘La vita davanti a sé’, portandolo in scena nei giorni scorsi al Teatro di Locarno.

Siamo nella Parigi anni 70, nel quartiere operaio di Belleville, caro alla tribù Malaussène di Daniel Pennac e punto d’incontro tra culture diverse. Infatti vediamo Madame Rosa, ebrea sopravvissuta ad Auschwitz ed ex prostituta, prendersi cura degli indesiderati figli di alcune sue giovani colleghe, non importa di quale razza siano. Nemmeno Momò conosce le sue origini: "Non credevo di essere musulmano perché nessuno mi insultava a scuola". È un piccolo orfano che cerca disperatamente un affetto, visto che di sua madre si sono perse le tracce. Vive sulla strada e potrebbe finir vittima delle cattive compagnie, come quel drogato che decide di entrare in clinica, però solo dopo aver messo al sicuro una busta d’eroina per quando si sarà disintossicato: non si sa mai!

A salvarlo c’è la saggezza di Madame Rosa: sebbene ormai ultra novantenne, "95 kg uno più brutto dell’altro" (secondo l’arguto e tosto ragazzino) e con l’Alzheimer che fa capolino, la vecchia signora ben conosce le tragedie umane che cerca di evitare ai suoi protetti. Con loro vive al sesto piano di un palazzo un po’ fatiscente (lo scenografo Roberto Crea lo ha realizzato forse pensando all’Hangar Bicocca milanese), dove – due piani più sotto – abita un travestito senegalese ex campione di boxe nel suo Paese e dove troviamo pure un altro curioso soggetto che ha saputo vincere la fame. Difatti, commenta Momò, "adesso fa il mangiafuoco"!

Silvio Orlando, solo sul palco, si sdoppia e triplica per dar vita ai vari personaggi dello spettacolo, raccontando di drammi e tragedie con una leggerezza che probabilmente deve parecchio alla sua napoletanità. Passa dalla comicità al disincanto, dall’ira alla dolcezza con invidiabile nonchalance. E sorprende quando di punto in bianco ri/recita alcuni momenti già proposti pochi minuti prima – un inedito "tormentone"! –, arricchendo così la sua eccellente prova di atmosfere quasi surreali.

Un ruolo importante lo assume la musica dell’Ensemble dell’Orchestra Terra Madre, che apre lo spettacolo intonando ‘Padam Padam’ di Edith Piaf (nata in Rue Belleville 72) e, quando Madame Rosa sta per chiudere gli occhi, ci propone ‘Comment te dire adieu’ del ginevrino Quentin Mosimann in una versione arabeggiante. Finale molologico, dunque, con Silvio Orlando che saluta un pubblico entusiasta con le ultime parole del libro di Gary: un ecumenico quanto sempre necessario "Bisogna voler bene".

(* un critico letterario francese, evidentemente poco attendibile, scrisse nello stesso articolo che "Romain Gary sembra un semianalfabeta di fronte al talento di Émile Ajar"!)

Leggi anche:

Silvio Orlando, un Momò a Locarno

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved