ULTIME NOTIZIE Culture
Video
Musica
27 min

’Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
1 ora

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
16 ore

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
16 ore

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
1 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
1 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
1 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
1 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
1 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
1 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
1 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
2 gior

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
2 gior

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
2 gior

Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola

Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Culture
2 gior

A Milano una serata per celebrare la Cramps Records

Etichetta fondata nel 1972 da Gianni Sassi, pubblicò ‘Arbeit Macht Frei’, primo album degli Area. Appuntamento al Lirico Giorgio Gaber giovedì 6 aprile
Musica
2 gior

LuganoMusica, Francesco Piemontesi tra Debussy e Schubert

Martedì 31 gennaio alle 20.30 al Lac. Poco prima, alle 19.30 nella Hall, in dialogo con Etienne Reymond, il pianista presenta il programma al pubblico
Scienze
2 gior

Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima

Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
3 gior

Maestro, che ne pensa dei Måneskin?

Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
3 gior

‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)

Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
3 gior

Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare

Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
3 gior

‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure

Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
Culture
3 gior

Con le ‘Locarno Short Weeks’ un mese di cortometraggi

Dal 1º al 28 febbraio quinta edizione online di uno degli spin-off del Locarno Film Festival più amati dal pubblico, con più proposte e offerta on demand
L’intervista
laR
 
02.12.2022 - 05:30
Aggiornamento: 05.12.2022 - 15:13

Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle

Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi

eugenio-finardi-anche-euphonia-suite-e-musica-ribelle
Facebook
‘È costruita in quel momento, senza pre-produzione, se non la scrittura alla vecchia, le note messe sul rigo’

«Dal momento che oggi la normalità è che le canzoni durino due minuti, farne una sola di un’ora e dieci si può chiamare ribellione. È un album che va un po’ in direzione ostinata e contraria, come diceva il buon Fabrizio». Eugenio Finardi pubblica ‘Euphonia Suite’, dove tutto – da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, La radio’, ‘Diesel’ e molto di quel che si può chiedere al cantautore – è fisicamente un’unica traccia. Mirko Signorile al pianoforte e Raffaele Casarano al sassofono sono i due compagni di viaggio di un album che chiude un ciclo di songbook aperto nel 1990 da ‘La forza dell’amore’ – splendido greatest hits con i brani suonati ex-novo, ricco e virtuosissimo – e proseguito tre anni dopo con ‘Acustica’, un ritorno all’essenziale come gli anni suggerivano.

‘Euphonia’ è un ritorno ancor più alle origini, che tende al classico: «Qui non cè nulla di elettronico. ‘Acustica’ aveva una traccia midi sottostante che, potendo tornare indietro, oggi toglierei. In ‘Euphonia’ invece c’è l’abbandono, ci sono rallentati e accelerando, c’è la musica che si costruisce in quel momento, senza pre-produzione, se non la scrittura alla vecchia, le note messe sul rigo». Aspettando lo showcase alla Rsi di lunedì 5 dicembre allo Studio Molo, un po’ di ‘Euphonia’ è anche in queste pagine…

Domanda d’obbligo: dove, come, quando nasce ‘Euphonia’?

Durante il lockdown mi è capitato di seguire in tv la conferenza di un musicista neurologo che spiegava come l’ascolto di un pattern sonoro per più di 10-12 minuti avesse un effetto curativo sullo spirito. Questa cosa mi ha ricordato di quando a Chinatown entrai in uno di quei supermercatini cinesi, che in un angolo esponeva radici ginseng, altre erbe e dei cd; chiesi che tipo di musica fosse e il gestore mi rispose "healing music" (musica per guarire, ndr). Scoprii quel giorno che per gli antichi cinesi la musica non era un arte ma una medicina. Ascoltando la registrazione di un mio concerto con Raffaele Casarano e Mirko Signorile, l’ultimo prima che tutto si fermasse, ho provato a eliminare i parlati e ad ascoltare i brani in successione; ho capito che sarebbe stato possibile creare una suite che per un’ora e dieci minuti potesse riproporre quella sensazione di trascendenza, senza perdere il filo del discorso, producendo leggerezza, sollievo.

Hai dichiarato che in un album di questo tipo, scegliere un singolo sarebbe stato impossibile. Perché proprio ‘Katia’?

Prima di tutto perché è una canzone che mi piace tantissimo. E poi perché parla dell’inizio, del primo amore, quello puro, sognato, come Dante per Beatrice. Forse non è la forma di amore più alta, ma quella più pura, in quanto amore non consumato.

In ‘Euphonia’, tra i classici, ci sono ‘Le ragazze di Osaka’ e ‘Amore diverso’, dedicate a tua figlia Elettra. Rivista con gli occhi del 1983, ‘Amore diverso’ era avanti quarant’anni…

Anche quella è una canzone purissima. Tempo fa ho ritrovato la registrazione di quando la canzone è nata: la cantavo a mia figlia, accompagnandomi con un Casiotone, una tastierina che aveva due note sole di polifonia (quella di ‘Da da da’, 1981, del gruppo tedesco Trio, ndr). Quella batteria elettronica molto basilare si ascolta nell’incipit del pezzo. Nella cassetta, in sottofondo, si sente la voce di mia figlia che gorgoglia come gorgogliano i bimbi appena nati, e sopra ci sono le mie parole non ancora definitive. Io gliela canto, lei si rilassa e intanto la canzone sta nascendo.

Tra le immancabili di ‘Euphonia’ c’è ‘Dolce Italia’, un parallelo che parte da Boston dove nevica e arriva agli Stati Uniti tutti. Trentacinque anni dopo, l’Italia è ancora dolce come la descrivevi?

È dolce come tutte le realtà locali. A parte alcuni episodi patologici, l’Italia è un Paese straordinario fatto di tante capitali: se ci pensi, Milano è una capitale, anche Brescia, Torino, Venezia, Firenze, Roma, Napoli, Palermo. In Italia ogni città ha la sua reggia; posti come Urbino, dove in mezzo a colline sbuca questo Palazzo Ducale meraviglioso, con il teatro giusto davanti. L’Italia è un paese magico nel locale, e anche un popolo straordinario, generoso, accogliente, divertente e un po’ anarchico, e ci vuole. Ma lo Stato è sempre stato in uno stato disastroso (ride, ndr), consentitemi tutte le ripetizioni. Basta guardare ‘Report’…

"Vorrei metterli su di un Jumbo e poi fargliela vedere / Quell’America senza gioia, sempre in vendita come una t****". In questa nuova versione, sugli Stati Uniti hai abbassato i toni: quell’America senza gioia adesso è "sempre in vendita ed in paranoia"…

Sì, è in paranoia ed è ben peggio. La preferivo quando era puro capitalismo che non questo neo-fondamentalismo che nemmeno si può dire protestante, perché si tratta di sette, portatrici di follie; metà dell’America è in preda a un delirio che da noi in Europa non potrebbe attecchire, perché siamo troppo esperti, troppo ironici. Qui c’è umanità, nell’Europa del sud ancor di più, e ci metto anche il Ticino, che è al di qua delle Alpi. Mia figlia è a Barcellona, una città straordinaria, non una metropoli come New York, ma con meno differenze sociali, con una bellezza diffusa, una città moderna, accogliente, liberale. Trovo che l’Europa sia cresciuta molto meglio. Il trumpismo, evidentemente cosa latente, è stato un evento veramente nefasto, uno di quelli che rimarrà nella storia con tutta la sua tragicità.

Chiudo con due tributi presenti in ‘Euphonia’. Il primo: ‘Oceani di silenzio’ di Franco Battiato, un altro ribelle…

Ho conosciuto Franco nel 1972, molto prima che suonasse in ‘Saluteremo il signor padrone’ (da ‘Non gettate alcun oggetto dai finestrini’, 1975, album d’esordio di Finardi), era una figura importante di quegli anni. L’ho visto attraversare tutte le fasi della sperimentazione, ho avuto la fortuna di essere nella scuderia di Angelo Carrara, produttore e manager molto bravo, ho assistito alla nascita di ‘L’era del cinghiale bianco’, ‘Patriots’, ‘La voce del padrone’, ‘Mondi lontanissimi’. Ne ho visto il cambiamento umano, personale. Il Battiato di ‘Fetus’, con la fama, divenne molto più simpatico, affabile, molto meno stronzo, cosa che a volte la fama provoca. Adorabile, generoso, un vero maestro.

Il secondo è un filo sospeso tra ‘La forza dell’amore’, dove appare per la prima volta in duetto con il suo autore, e questo disco: ‘Una notte in Italia’ di Ivano Fossati…

Io l’ho scritto a Ivano: la sua canzone, come si sente anche in ‘Euphonia’, non riesco a cantarla senza commuovermi; in questo disco si sente, mi viene il groppo in gola e a un certo punto la voce mi manca. E non succede con tutte le strofe, ma con due o tre particolari passaggi che non dicono nulla di speciale rispetto al resto, ma che mi toccano così tanto che se adesso te li recitassi mi commuoverei di nuovo. E non è una canzone in cui l’autore ti parla della mamma morta: quindi, perché mai "un pallone da toccare col piede nel vento che tocca il mare" mi deve commuovere fino a tal punto? È un mistero e non voglio nemmeno che Ivano mi spieghi cosa vuole dire per lui, perché ciò che mi accade è cosa mia, purissima e vera. Mettiamola così: siccome mi fa piangere, ho il diritto di cantarla.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved