philipp-fankhauser-il-blues-e-a-gordevio-aspettando-copeland
Philipp Fankhauser: il nuovo album, in uscita a dicembre, sarà un tributo a Johnny Copeland
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
9 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
11 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
12 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
12 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
12 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
13 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
13 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
14 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
Locarno 75
17 ore

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme
Locarno 75
18 ore

Thomasina e Martha ascoltano il futuro con ‘Lola’

Nel film di Andrew Legge, con tutti i rischi del caso, due sorelle inventano un dispositivo in grado d’intercettare onde radio dal futuro
Locarno 75
20 ore

‘Paradise Highway’ irrisolto, non convince ‘Delta’

Nel film con Juliette Binoche, imbarazzante e malinconico Morgan Freeman; tanti i temi narrativi irrisolti. Sorprende ‘Medusa Deluxe’
Culture
20 ore

Fra cultura e scienza allo ‘Sconfinare Festival’

Dal 30 settembre al 2 ottobre in Piazza del Sole a Bellinzona, lungo il confine che separa due mondi solo apparentemente opposti
Musica
21 ore

Roberto Pianca organ Trio per il Jazz in Bess extra muros

Giovedì 11 agosto alle 18.30 a Cureglia, Casa Rusca
L’intervista
22 ore

Juliette Binoche, attrice e camionista

Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
22 ore

Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum P.I.

Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore ‘TC’ Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
1 gior

Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco

La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
1 gior

Nuove narrazioni digitali: un incontro al BaseCamp

All’Istituto Sant’Eugenio domani, dalle 19, si terrà una masterclass dedicata al lavoro del collettivo Total Refusal. A introdurla una conferenza.
Spettacoli
1 gior

Al Festival di narrazione, raccontare senza stereotipi

Un incontro aperto al pubblico sul tema è in programma sabato 20 agosto, presso la Corte dei Miracoli di Arzo
Locarno 75
1 gior

‘Il pataffio’ o della trappola della commedia (umana)

Il film di F. Lagi, presentato in prima mondiale al Concorso internazionale sabato, racconta le bassezze della contemporaneità travestite da medioevo
Locarno 75
1 gior

Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare

Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
L'intervista
02.08.2022 - 05:15

Philipp Fankhauser, il blues è a Gordevio (aspettando Copeland)

Giovedì 4 agosto il Vallemaggia Magic Blues riabbraccia il bluesman, che presto pubblicherà un album dedicato a chi nel 1983 a Montreux gli cambiò la vita

Mettila come vuoi, quando in Svizzera dici ‘blues’ dici Philipp Fankhauser, 58 anni, nato a Thun ma cresciuto in Ticino a pane e blues, naturalmente, ma anche a pane e cantautori. Forse la duttilità, le aperture melodiche dei suoi lavori – l’ultimo in ordine di tempo è ‘Let It Flow’, anno 2019 – vengono da lì, dagli anni di Gordola, quando 11enne comprava i dischi in piazza a Locarno. "‘Banana Republic’ è un disco pazzesco", ci disse tre anni fa presentando il suo, di disco, con dentro ‘Milano’ di Lucio Dalla, artista amato tanto quanto i grandi del blues, prima di volare dall’altra parte dell’oceano a conoscerne alcuni e a vivere quella musica, da riportarsi in patria per essere riproposta con la massima, inscalfibile credibilità (il granitico Swiss Music Award del 2015 parla da sé).

Tre anni dopo ‘Let It Flow’, il Vallemaggia Magic Blues riabbraccia l’half-ticinese Fankhauser, che da Maggia, sede dell’indimenticato concerto del 2019, si sposta a Gordevio, dov’è atteso il prossimo 4 agosto alle 21, sulla scia di un remix – ‘Watching From The Safe Side’, album del 2006 prodotto da Dennis Walker (musicista e produttore scomparso un anno fa, già al fianco di Robert Cray e B.B. King) – e sulla scia di un nuovo album in lavorazione. Di cui, qui sotto, Philipp ci dirà, senza lesinare informazioni.

Philipp Fankhauser, l’ultima volta su queste pagine era il 2019. Tante cose sono accadute: di quale salute gode oggi la tua musica?

È vero, tante cose sono successe, e nel nostro caso possiamo ritenerci fortunati. Nel marzo del 2020 ci sentivamo come tutti gli altri, scioccati, ma in mezzo a tutto quell’aprire e chiudere cui siamo stati sottoposti, snervante, ci sono stati spiragli più o meno lunghi durante i quali poter suonare. Di certo le continue pause, per noi che siamo abituati a suonare sempre, non hanno aiutato. Però tra il 2020 e il 2021 siamo riusciti a mettere in fila dai cinquanta ai sessanta concerti, alcuni con più repliche, per andare incontro alle capienze ridotte e accontentare quanta più gente possibile. Economicamente non sarà stato convenientissimo, ma si trattava di salvare il nostro spirito, e si trattava della sopravvivenza di questo lavoro.

Ci eravamo lasciati a ‘Let It Flow’, album cosmopolita per concezione e realizzazione, in cui il blues incontrava anche Hanery Amman e Dalla. Il presente ha un titolo nuovo?

Titoli non posso farne, ma stiamo lavorando al nuovo disco, in uscita il 16 di dicembre. Il primo singolo uscirà il 26 di agosto. Per questo nuovo album abbiamo appositamente registrato tredici canzoni del mio idolo e amico Johhny Copeland, tredici brani che lui scrisse all’inizio degli anni ’60, quand’era ancora giovanissimo. In quel particolare momento storico, fine anni ’50 - inizio ’60, il blues subì lo scossone portato dall’arrivo dalla musica soul, e Johhny, per sopravviere, si adattò producendo un soul-blues che ai tempi era assai commerciale, un po’ ‘alla Otis Redding’, ma assai ben scritto. Tutte composizioni molto brevi, perché in quegli anni le radio non passavano singoli che andassero oltre i due minuti di lunghezza, ma di grande qualità. Sono brani influenzati da quel soul ma anche, naturalmente, dal rock and roll.

Un tributo, dunque. Come mai proprio Copeland?

Perché Johnny è stato un faro nella mia carriera. Nel luglio del 1983 lo vidi a Montreux, in un’edizione che vedeva anche John Lee Hooker, Luther Allison. Avevo 19 anni e posso dire che Johnny cambiò la mia vita. Da quel concerto mi si aprì un mondo: fino a quel momento, per me il blues era tre accordi, le classiche twelve bars, tipicamente Chicago. Johnny, al contrario, era un concentrato di melodie molto varie, e insieme aveva quel taglio soul che lo rendeva differente dagli altri. Il prossimo anno, quarant’anni dopo quel concerto, per me sarà una sorta di giubileo, e il nuovo disco s’inserisce proprio in questo contesto.

Montreux è Montreux, ma anche il Vallemaggia Magic Blues ha la sua storia…

L’invito di quest’anno mi fa felice. Ci hanno messo un discreto tempo prima d’invitarmi, ma mi fa estremamente piacere. La prima volta, nel 2019, fu un vero successo, c’era tanta gente che si ricordava di me, visto che ho frequentato Tegna, Verscio, e la Vallemaggia la conosco bene. In Ticino ricordo con piacere il concerto di Bellinzona, al Blues Festival del 2006, e anche JazzAscona, nel 2018, un invito che ho apprezzato tantissimo. Non ho mai suonato a Lugano, all’Estival.

‘Nemo propheta in patria’, secondo i latini funziona così...

Sì, ma non è un problema. Credo di avere davanti a me almeno altri venti, venticinque anni per fare ancora questa musica, sempre che io rimanga sano (ride, ndr). In generale, preferisco il ‘meglio tardi che mai’…

Il 2021 non è stato un grande anno per te, in ambiti di amici persi. Sulle tue pagine social ricordi Margie Evans, alla quale ti hanno legato collaborazioni e una profonda amicizia…

È successo nel maggio dello scorso anno. Sì, è stato un momento molto doloroso. Nel maggio di quest’anno ci ha lasciati anche Dennis Walker, e la cosa mi ha talmente stravolto che nemmeno ho trovato la forza di scrivere una riga. Gli dedicherò un tributo quando me lo sentirò.

Chiudiamo con Gordevio: due parole sullo show?

Nel 2019, a Maggia, suonavamo con tre fiati al seguito. Questa volta veniamo solamente, e lo dico tra virgolette, in quintetto, che è la mia forma preferita per questioni di pura flessibilità. I fiati hanno parti precise da eseguire, mentre suonando in cinque, pur esistendo un piano preciso, pur sapendo perfettamente quel che suoneremo, io posso adattarmi più facilmente al pubblico, vedere le loro facce e capire dalla loro relazione cosa posso suonare, cambiando le canzoni come più mi piace. Quando siamo sul palco non suoniamo per noi, ma per il pubblico. Mettiamola così: su di un Alfa Romeo sei più flessibile che alla guida di un grande camion…

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
blues gordevio johnny copeland montreux philipp fankhauser vallemaggia magic blues
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved