ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
33 min

Addio all’attrice Annie Wershing, star di ‘24’

Recitò anche in ‘Bosch’ e fu la regina dei Borg in ‘Star Trek’. È morta a soli 45 anni dopo due anni di battaglia contro il cancro
Spettacoli
40 min

Sanremo 2023, ora i duetti sono ufficiali

Di venerdì a duettare con gli artisti in gara, tra gli altri, Eros Ramazzotti, Edoardo Bennato, Salmo, Arisa, Carla Bruni. L’elenco completo
Spettacoli
40 min

È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams

L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Musica
54 min

Il violoncello di Jean-Guihen Queyras in Auditorio con l’Osi

Il programma del terzo appuntamento della stagione allo Stelio Molo di Lugano, giovedì 2 febbraio, propone brani da Bach a Haydn e Ligeti
Scienze
2 ore

Il Covid resta un’emergenza internazionale

Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
Spettacoli
4 ore

La febbre del calcio con Stefano Accorsi al Lac è ‘Azul’

Lo spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca arriva a Lugano con quattro rappresentazioni, da giovedì 2 a domenica 5 febbraio
fumetto
5 ore

Il fumettista svizzero Panchaud vincitore ad Angoulême

Grazie a ‘La Couleur des choses’, l’artista è stato premiato lo scorso fine settimana al 50esimo Festival international de la bande dessinée
concerto
6 ore

La mostra dedicata a Marcel Dupertuis chiude in musica

In occasione del finissage al Museo Vela di Ligornetto, domenica 12 febbraio, si esibirà il duo composto dall’arpista Ziveri e dal sassofonista Creola
L’intervista
11 ore

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Culture
21 ore

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
22 ore

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
22 ore

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
23 ore

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
1 gior

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Cinema
laR
 
11.07.2022 - 10:30
Aggiornamento: 15:29

Tutti come Ulisse (camminando con Franco Piavoli)

Un’idea ‘sinfonica’ di fare cinema, non teatrale. Tra ricordi anche locarnesi, incontro con l’89enne regista

di Ugo Brusaporco
tutti-come-ulisse-camminando-con-franco-piavoli
Franco Piavoli premiato da Paolo Micalizzi, Fedic (Federazione italiana dei Cineclub)

È facile guardare la sera una falce di luna e accorgersi di una strana e stonata musica che sotto il cielo canta e invita a ballare. Non è un film di John Ford e non ti aspetti di veder entrare in scena un John Wayne sporco di polvere dopo una infinita cavalcata. Siamo nel basso Lago di Garda, lungo il Mincio oggi sterile e vuoto, odiato anche dalle zanzare assetate più di acqua che di sangue. Non era così nel 1962 quando Franco Piavoli, regista amatore più che amatoriale, girava ‘Domenica sera’ raccontando con poesia un mondo oggi scomparso, quello di chi arrivava in motocicletta e scendendo dal mezzo ancora caldo si sistemava con il pettine i capelli prima di lanciarsi in pista a ballare con quella che forse un giorno sarebbe diventata fidanzata e poi moglie, o forse lo sarebbe stata dell’altro, quello dall’occhio più chiaro e dal capello meno nero. Franco Piavoli attento scienziato dell’essere umano che scandaglia con quella macchina 8mm trovata casualmente in treno una sera tornando dall’università. Con quella stessa macchina da presa, l’anno dopo girerà un altro capolavoro, perché Chaplin e prima Griffith hanno insegnato che i cortometraggi sono capolavori anche più grandi di un lungo e Méliès oggi è un esempio per tutti. Lui gira su un treno e alla stazione di Milano ‘Emigranti’, un incredibile film che coglie il senso compiuto del problema, la disperazione e la speranza di chi migra, la nostra borghese indifferenza. E questo è un tema che mai lo abbandona, nella sua concezione di uomo come essere migrante per essere compiuto.

Franco Piavoli fu a Locarno fuori concorso con ‘Nostos il ritorno’ e tornò nel 2002, in concorso, con il non compreso ‘Al primo soffio di vento’, il cui titolo è una citazione dei versi delle Argonautiche di Apollonio Rodio. E già queste sono tracce dell’uomo che andiamo a incontrare, tracce della sua cultura, l’Odissea e Apollonio Rodio. Tutto dopo i corti: dove era cominciato? "Era cominciato con ‘Il pianeta azzurro’ nel 1982 al Festival di Venezia. Erano altri tempi, oggi il fisico non mi aiuta, mi sento fuori dal tempo, allora ero fuori dagli schemi. Tutti cercavano film narrativi, teatrali, io sconvolgo l’idea non racconto, seguo un’idea sinfonica, loro sono all’espressione medievale, di un teatro vecchio".

Sessant’anni dopo

Ci guarda con i suoi 89 anni, siamo a Montecatini all’incontro della Fedic (Federazione italiana dei Cineclub), lui era in quello di Brescia quando iniziò. Qui lo premiano sessant’anni dopo il suo primo riconoscimento, lui si guarda intorno, chiede: "Non c’era nessuno di voi allora?". Paolo Micalizzi, direttore del Festival, lo guarda: "Io ho solo 84 anni". Piavoli sorride, nella sua mente passano i film, lui che si sente sempre un Ulisse che torna a trovare la sua Penelope, che si chiamava Nevia ed è morta affondando anche la loro Itaca. Questa è la vita: "Nevia era la mia ragazza e lo è stata per diverse stagioni, era l’azzurro del ‘Pianeta azzurro’, era le stagioni della vita e dei miei film, era quello che abbiamo vissuto, l’infanzia, l’adolescenza, la giovinezza, la maturità, la vecchiaia, non di più, non oltre". Continua: "È stata lei, con la sua naturale spontaneità, con il suo senso dello stupore a spingermi a lasciare l’idea teatrale del fare cinema, che è quella cui siamo abituati dalle serie televisive, dai Matrix e dagli Indiana Jones, dalle Guerre Stellari a Netflix, per puntare a un’idea sinfonica dove tutte le voci, tutti i suoni, tutto concorresse a un’idea unica che non è una monodia medievale cantata da frati e suore ma, laicamente, la gioia sinfonica". Questo ci conduce a ‘Nostos’? Risponde: "Si in ‘Nostos’ uso varie lingue antichissime, prebibliche, accadiche e i suoni diventano messaggi internazionali, un viaggio in un atavico suono. E questo succede in tutti i miei film, una ricerca sinfonica. Purtroppo ha vinto il linguaggio teatrale, più facile per l’utente televisivo e di internet. Dovete pensare che io parto dal Classico e ho studiato le varie forme del greco, come l’attico e il dorico. Nei miei film è chiaro anche come, insieme con il linguaggio, è importante il mio pensare a questa umanità omicida e fratricida. Nasciamo crudeli e violenti, ed è per questo che nei miei film c’è sempre una componente amorosa".

Le sue pellicole sono tutte ambientate in campagna, nella sua campagna tra Garda e Mincio da ‘Il pianeta azzurro’, ‘1982’, a ‘Voci nel tempo’, ‘1996’ e ‘Al primo soffio di vento’, ‘2002’, e anche ‘Nostos’ e i corti. Si sente un po’ un poeta contadino? "No non sono un contadino, ma un uomo di campagna, il mio nume è Lucrezio e credo che il mio aver fatto cinema sia stato un bisogno di scrivere il mio De rerum natura, con un’umanità e un ambiente completamente diversi, e non so se migliori".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved