ULTIME NOTIZIE Culture
La recensione
1 ora

Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio

Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
5 ore

La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner

A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Spettacoli
15 ore

È morto l’attore Sergio Solli, un pezzo di storia napoletana

Volto popolare di teatro e cinema, il parrucchiere partenopeo ha lavorato con diversi registi, da Eduardo De Filippo a Luciano De Crescenzo
Scienze
18 ore

La Terra ha un suo sosia. Si chiama Wolf 1069 b

Il pianeta, scoperto grazie al progetto Carmenes (attivo dal 2016) dista 31 anni luce dal nostro e verosimilmente potrebbe essere abitabile
Culture
19 ore

Addio a Paco Rabanne

Lo stilista spagnolo è morto all’età di 88 anni a Portsall, in Francia. Era ribelle e provocatorio.
conferenza
19 ore

I cambiamenti del clima fra percezione e scioperi

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita un incontro del ciclo ‘La memoria e i ghiacci’, martedì 7 febbraio, alle 18.30
Scienze
20 ore

Chi mangia in modo sano spreca meno cibo

Donne, anziani e famiglie con due componenti i più inclini a seguire le linee guida per un’alimentazione corretta
arbedo
21 ore

‘Spazio Tempo’ opere di Natalia

In mostra all’Atelier Attila di Arbedo le opere della pittrice Mengoni David, visitabile da sabato 4 a domenica 19 febbraio 2023
Musica
22 ore

‘On&On’ di Iris Moné, la tristezza può diventare oro

La cantautrice ticinese, che vive a San Diego, è tornata in Ticino per stare vicino alla madre. Dagli ultimi giorni insieme a lei è nata una canzone
Spettacoli
1 gior

‘Figli di E.’, un dono e un vuoto grandi come solo l’amore

Domenica a ‘Storie’ il percorso di Marta e Tazio dopo la tragica scomparsa del papà Erminio Ferrari, in un toccante documentario di Fabrizio Albertini
Musica
1 gior

A Carlo, il Conservatorio in Festival

È una lunga dedica al Ciceri che non c’è più la seconda edizione dell’evento, dal 6 al 12 febbraio tra aule, Lac e altre sale da concerto cittadine
Lac
1 gior

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista
Musica
1 gior

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Musica
05.04.2022 - 15:21
Aggiornamento: 15:43

‘The face of God’, alchimia tra violoncello e canto corale sardo

Il virtuoso Ernst Reijseger e le voci del coro Cuncordu e Tenore de Orosei, giovedì 7 aprile alle 20.30 a Muralto per Osa!

the-face-of-god-alchimia-tra-violoncello-e-canto-corale-sardo
‘Il nostro canto è soprattutto interazione’

L’improvvisazione e le polifonie del canto tradizionale sardo, il jazz d’avanguardia e la musica sacra, un’apparente contrapposizione che diventa armonia e concerto in ‘The face of God’, la faccia di Dio. Da una parte il violoncello di Ernst Reijseger, virtuoso dello strumento e compositore olandese; dall’altra le voci del coro sardo Cuncordu e Tenore de Orosei, attesi giovedì 7 aprile alle 20.30 a Muralto, nella Chiesa di San Vittore, all’interno del programma primaverile di Osa!. Il sodalizio tra le due parti, come spiega a laRegione Piero Pala, membro del Cuncordu e Tenore de Orosei, «nasce nell’ormai lontano 1998, quando entrambi pubblicammo un cd per la stessa casa discografica tedesca. Venimmo invitati a Venezia, a una festa concerto per tutti coloro che avevano registrato per quell’etichetta e dopo cena noi ed Ernst ci mettemmo a improvvisare, per non lasciarci mai più». Oltre che su cd, Reijseger e Tenore di Orosei si trovano, per esempio, nelle colonne sonore di molti film di Werner Herzog. «Con lui torneremo a incontrarci in ottobre», dice Pala, che ci porta ancor più dentro il concerto di giovedì. «L’accostamento tra un jazzista e i nostri canti trova il suo punto di contatto nella libertà. In un certo senso, anche i nostri canti sono un po’ jazz, soprattutto quelli profani, che hanno sì uno schema fisso, ma che offrono anche estreme possibilità d’interazione tra le voci». Il canto sardo può dunque essere improvvisazione? «Può esserlo, a partire dalla poesia che si canta, che consta generalmente dei versi di poeti conosciuti sardi, ma non è raro che un cantante particolarmente dotato possa intonare versi di saluto a una comunità, per esempio, improvvisando in quel preciso momento. Ma per libertà intendo soprattutto il fatto che è musica non scritta ma di tradizione orale, dunque non esiste l’esecuzione esatta di uno spartito, ma quella di voci che hanno la libertà di accelerare e rallentare, di anticipare le altre voci. Il nostro canto è soprattutto interazione».

Herzog a parte, violoncello e voci hanno girato l’Europa intera. «Ricordo in particolare un concerto in Olanda, al quale assistette la regina, con la quale bevemmo un calice di vino; alla fine le dedicammo altre canzoni, soltanto per lei. Ma le occasioni sono state tutte belle e uniche. Ora è due anni che siamo un po’ fermi, ancora ci sono strascichi del Covid, speriamo si possa riprendere una volta per tutte». A Muralto, Reijseger e Tenore suoneranno ognun per sé all’inizio, poi insieme. «Ci incontreremo soprattutto sul repertorio di Orosei, sui brani ‘a cuncordu’, i canti sacri delle confraternite, dei riti pasquali e dell’anno liturgico più in generale. E poi in brani del canto profano, a tenore, quello dei pastori, della campagna, caratterizzato dall’emissione gutturale della voce». Un canto che apre a più ampie e conclusive considerazioni: «La Sardegna ha una grandissima tradizione, soprattuto nel canto», chiude Pala. «Un etnomusicologo di fine Ottocento disse che quel che s’incontra in duecento chilometri di Sardegna, attraversandola da Sud a Nord, non s’incontra in tutta la penisola italiana, questo per dire di quante espressioni esistano su quest’isola. Il canto a cuncordu è un’esperienza più recente, risale al 1600 con l’avvento delle confraternite religiose, ma quello a tenore è più antico, ancestrale, tanto da essere dichiarato Patrimonio dell’Unesco. È un canto unico e nemmeno si riesce a stabilirne l’origine. L’unica espressione al mondo che gli assomiglia, come tipologia d’emissione, è il canto dei mongoli nella repubblica di Tuva, che pure resta qualcosa di molto diverso» (www.cuncorduetenore.com, www.ernstreijseger.com. Programma completo su: www.organicoscenaartistica.ch. Info e prenotazioni: tel. 076 280 96 90, e-mail: info@organicoscenaartistica.ch).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved