ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Annie Ernaux riceve il Nobel per la Letteratura

L’ambito riconoscimento è stato conferito alla scrittrice francese ‘per il coraggio e l’acutezza’ delle sue opere
Culture
2 ore

Massimo Daviddi presenta ‘Il volto di Pasolini’

Nuove poesie nel volume edito da La Vita Felice, che verrà presentato alla libreria Dal libraio di Mendrisio sabato 8 ottobre dalle 16.30
Distopie
3 ore

Mi chiamo Montag, brucio libri

Ogni primo giovedì del mese, un libro ambientato in una realtà nella quale preferiremmo non vivere. Cominciando da quella di ‘Fahrenheit 451’.
Spettacoli
4 ore

Decamerone/1 di Emanuele Santoro al Foce

Martedì 11 ottobre a Lugano il primo appuntamento di SOLOconBoccaccio; seguiranno, in novembre e dicembre, Decamerone/2 e Decamerone/3
Spettacoli
15 ore

Rivoluzione Scooby-Doo: Velma è ufficialmente gay

Lo rivela una clip del nuovo film ‘Trick or Treat Scooby-Doo!’
Culture
17 ore

Case protagoniste di Lettere dalla Svizzera alla Valposchiavo

Dal 7 al 9 ottobre seconda edizione del festival interamente dedicato alla produzione letteraria nelle quattro lingue nazionali
Scienze
21 ore

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
1 gior

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
1 gior

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
1 gior

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
1 gior

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
1 gior

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
1 gior

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
1 gior

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
1 gior

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
1 gior

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
1 gior

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
2 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
2 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
2 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
laR
 
12.03.2022 - 17:54

‘Ghost - Il musical’ raccontato da Molly, Giulia Sol

Lunedì 14 e martedì 15 marzo al Lac, per la regia di Federico Bellone, la versione teatrale del film cult con Demi Moore e il fu Patrick Swayze

ghost-il-musical-raccontato-da-molly-giulia-sol
‘Woah, my love, my darling / I’ve hungered for your touch’

È nata a Bergamo ma non ha un filo d’inflessione bergamasca, che come quella bresciana è un marchio a fuoco ("Una malattia della gola", la chiamò una volta il bergamasco da parte di padre Eugenio Finardi). Complici la mamma siciliana, il padre piemontese, la nonna olandese. «E poi ho studiato dizione in Accademia, anche se sono partita avvantaggiata perché in casa mia il bergamasco non si è mai parlato. Comunque riferirò il complimento al mio insegnante di recitazione, sarà molto fiero». ‘Fiero’ con la ‘e’ aperta, s’intende.

Le hanno tagliato i capelli ad hoc, così Giulia Sol – attrice, cantante, performer, una vita per il musical – sarà il più possibile uguale a Molly e, per la proprietà transitiva del cinema, a Demi Moore. Lunedì 14 e martedì 15 marzo alle 20.30, nella Sala Teatro del Lac, in collaborazione con My Nina Spettacoli, va in scena ‘Ghost il Musical’, versione teatrale di ‘Ghost’ (‘Ghost - Fantasma’ in lingua italiana), film di Jerry Zucker del 1990, Oscar a Whoopi Goldberg quale Migliore attrice non protagonista (Oda Mae Brown, la sensitiva) e a Bruce Joel Rubin per la migliore sceneggiatura originale. Rubin ha poi ha curato l’adattamento del film per Broadway, con le musiche arrangiate da Dave Stewart degli Eurythmics e dal canadese Glenn Ballard. E una costante, ‘Unchained Melody’, brano del 1965 dei Righteous Brothers che richiama immediatamente ‘Ghost’ tanto quanto ‘My Heart Will Go On’ fa con ‘Titanic’.

La talentuosa Giulia Sol, vista durante il lockdown in ‘Tale e Quale’, è dunque Molly, giovane artista sconvolta dall’omicidio di Sam (il fu Patrick Swayze al cinema, qui Mirko Ranù), banchiere di New York ritrovatosi fantasma e costretto a servirsi di una medium (Goldberg nel film, Gloria Enchill a teatro) per proteggere l’amata dall’insospettabile mandante del proprio omicidio. A muovere i fili del musical è Federico Bellone, una garanzia quando Hollywood viene portato a teatro, già regista di ‘Annie’, ‘Dirty Dancing’, ‘Grease’, ‘Fame’ e molto altro.

Giulia Sol, per parlare di ‘Ghost’ partiamo da ‘Notre Dame de Paris’: cosa successe nel Duemila all’Arcimboldi?

Successe che i miei mi portarono a vedere lo spettacolo, avevo 5 anni. Da quel che mi hanno raccontato, ero una bimba che li faceva dannare e a teatro non mi ci volevano mai portare. Ma quella sera mi ci portarono con l’idea di andarsene nell’intervallo e invece io rimasi incantata da tutto quel che era appena successo sul palco. Di lì in poi sono cresciuta con il musical in testa: alle Elementari, nell’intervallo, recitavo tutti i ruoli di Notre Dame de Paris, oppure li assegnavo ai miei compagni di classe. Una volta obbligai l’insegnante a proiettarlo in classe.

Anche la scelta formativa, la Scuola del Musical di Milano, non tradisce la folgorazione…

Sì, ho sempre voluto fare questo e purtroppo o per fortuna non ho mai avuto un piano B. Anche con altre esperienze arrivate in seguito, il teatro musicale è stato il mio primo amore.

Penny Pingleton in ‘Hairspray’, Elizabeth in ‘Dirty Dancing’, Carmen Diaz in ‘Fame’, ora ‘Ghost’. Cos’hai trovato nel musical? Completezza? Varietà?

Magia. Mi è subito sembrato tutto magico, estremamente facile, tutto funzionava benissimo. Mi ha conquistato il veder fare dagli artisti qualcosa di totalmente distante da quella che è la realtà, e ascoltare queste voci potenti. Sere fa ero proprio agli Arcimboldi, alla ‘prima’ del 20esimo anniversario di Notre Dame de Paris, che devo aver rivisto per l’ottava o la nona volta. Per una notte son tornata bambina. Dopo vent’anni ho anche iniziato a lavorare con Giò Di Tonno. Il musical è stata una cosa troppo magica per essere vera che è poi diventata realtà.

Se con ‘Notre Dame de Paris’ avevi 5 anni, con ‘Ghost’ non eri ancora nata. Quando l’hai visto per la prima volta?

L’ho visto molto tardi. Tutti si ‘scandalizzano’ un po’ quando lo dico, ma io il film l’ho visto per intero soltanto con l’uscita dell’audizione per il musical. Ma quando sono iniziate le prove l’ho visto una volta al giorno, per lo studio della storia, del personaggio. Nella sua prima versione, ‘Ghost - Il musical’ fu un mezzo fallimento, Molly era bionda, la storia era stata trasportata al 2010, con tanto di smartphone. Non ricordava in alcun modo il film e non funzionò proprio per questo motivo. Il nostro regista, invece, è sempre molto legato all’idea che di queste storie, ‘Fame’, ‘Dirty Dancing’, ‘Grease’, il pubblico voglia l’esatta copia.

E dunque com’è il vostro ‘Ghost’?

La particolarità è che ci sono splendidi effetti speciali, che nella versione di Federico sono curati da Paolo Carta. La cosa bella è che è teatro e gli effetti sono artigianali, è illusionismo, la cui riuscita dipende da tutti noi. È una grande macchina alla quale lavoriamo insieme, e se qualcuno si sposta pochi centimetri più in là di quanto stabilito, l’effetto non riesce. È un bellissimo lavoro di squadra, la gente all’uscita chiede sempre come sia stato possibile: ci sono fantasmi che entrano nel corpo di Oda Mae, che si tuffano nella sua pancia, c’è Sam che attraversa le porte, momenti molto forti, suggestivi.

Anche ‘Ghost - Il musical’ fa parte dei tanti spettacoli fermati dal Covid…

Sì, anche noi ci siamo dovuti fermare. Era il 23 febbraio, agli Arcimboldi. Tante produzioni in Italia poi non sono ripartite, noi siamo stati dei privilegiati, io bacio il palcoscenico ogni volta che ci salgo. È stata tosta, nonostante durante lo stop io abbia avuto la fortuna di fare anche altro. Ma per molti miei colleghi è stato molto difficile, c’è chi ha cambiato lavoro, chi s’è iscritto all’università…

Per finire: com’è stato essere qualcun altro in ‘Tale e Quale’?

Venendo io dal teatro, non ero abituata a vedere le telecamere. Mettiamoci anche l’assenza di pubblico, una situazione quanto meno strana. Ma dico sempre che è stato il miglior battesimo televisivo che potessi avere, e un anno dopo ne resto fermamente convinta. Sono felicissima di essermi presentata al grande pubblico facendo una cosa così difficile. Si può pensare che a ‘Tale e Quale’ chi sa cantare sia avvantaggiato, ma essere un cantante è altra cosa dall’essere imitatore. Sono convinta che in un contesto di quel tipo il cantante non parta avvantaggiato, avendo egli già un proprio timbro e un proprio modo di cantare. ‘Castrarsi’, per così dire, non è assolutamente facile. Quella di avere una propria voce, personale, è stata anche una constatazione, ed è qualcosa che fa estremamente piacere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved