ULTIME NOTIZIE Culture
L’intervista
47 min

Silvio Orlando, un Momò a Locarno

Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Società
6 ore

Divorzio Kardashian-West: lui sborserà 200mila dollari al mese

Kim e Kanye si erano sposati nel 2014. La crisi è arrivata nel 2020, quando West annunciò la sua candidatura alla presidenza Usa.
Società
18 ore

Chiude il fast food, là dove nacquero i ‘paninari’

Si tratta del McDonald’s di piazza San Babila, culla negli anni Ottanta del fenomeno modaiolo ossessionato da griffe e linguaggio in codice
Scienze
21 ore

Morto Bernard Crettaz, etnologo specializzato in riti mortuari

Anche sociologo, il vallesano insieme alla moglie Yvonne Preiswerk aveva creato i ‘Café mortels’, ritrovi per parlare del fine-vita. Aveva 84 anni
Spettacoli
22 ore

Il Sociale diventa una ‘Funeral Home’ con Giacomo Poretti

Il Teatro di Bellinzona propone la commedia per la sezione ‘Com.x’. Per la rassegna ‘Narrazioni’ salirà sul palco ‘52’ della Compagnia Finzi Pasca
Culture
1 gior

Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel

Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
1 gior

Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’

Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
1 gior

‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano

È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
16.02.2022 - 22:04
Aggiornamento: 22:25

Svizzera premiata a Berlino, ma delude l’Orso d’oro a ‘Alcarràs’

Menzione speciale al bel ‘Drii Winter’ del lucernese Michael Koch mentre nella sezione Encounters la miglior regia è di Cyril Schäublin per ‘Unrueh’

di Ugo Brusaporco
svizzera-premiata-a-berlino-ma-delude-l-orso-d-oro-a-alcarras
keystone
Cyril Schäublin

Una Menzione speciale al bel ‘Drii Winter’ del lucernese Michael Koch: si deve accontentare, la Svizzera che insieme a questo aveva portato al concorso del festival di Berlino un altro pezzo forte come il trascurato ‘La ligne’ di Ursula Meier. Con questo verdetto la Giuria mostra la profonda crepa esistente tra un mondo che ormai ha come riferimento un’idea di cinema televisivo e sopravvissuti del vecchio mondo cinematografico. Certo per la Giuria è stato facile liberarsi di tre mostri sacri come Hong Sangsoo che qui ha portato il notevole ‘So-seol-ga-ui yeong-hwa’, Claire Denis con il suo bel ‘Avec amour et acharnement’ e Rithy Panh con il rigoroso ‘Everything Will Be Ok’, dando a quest’ultimo il premio per il contributo artistico, al primo il Gran premio della Giuria e alla regista francese il premio per la regia.

Con questi tre riconoscimenti si accontentano i cinefili e si può dare l’Orso d’oro a ‘Alcarràs’ di Carla Simón. ‘Alcarràs’ è un film che mostra la grande volontà della regista catalana, ma il suo linguaggio è povero, senza luce, registra le immagini, non le compone, certo il tema che affronta, la distruzione dell’ambiente naturale con un mondo contadino che sparisce, è nobile, ma non giustifica un Orso d’oro. Lo stesso discorso, se non ancor peggiore, vale per il Premio della Giuria a ‘Robe of Gems’, confuso pastiche firmato malamente da una Natalia López Gallardo incapace di uscire dagli stereotipi e di avere uno sguardo originale nel suo dire.

Niente di meglio per il premio per l’interprete di supporto a Laura Basuki, coprotagonista nel film ‘Nana’ di Kamila Andini, anche sulla sua interpretazione pesa la povertà qualitativa della regista incapace di guidare con freschezza e vivacità il gioco degli attori. Meritatissimi i due premi a ‘Rabiye Kurnaz gegen George W. Bush’, il bel film di Andreas Dresen: un po’ tutti si aspettavano di più ma era impossibile almeno non premiare la bella sceneggiatura di Laila Stieler e la straordinaria interpretazione di Meltem Kaptan premiata con un meritatissimo Orso. Resta a leccarsi le ferite anche Ulrich Seidl con il suo sottovalutato ‘Rimini’.

Per la Svizzera è andata meglio nella sezione Encounters dove ‘Unrueh’ di Cyril Schäublin ha vinto il premio per la migliore regia. Si tratta di un film sull’orologeria svizzera nata nel 1877 nella quale gli operai anarchici, organizzati sindacalmente e apprezzati anche dagli imprenditori per le loro doti manufatturiere, lottano non tanto per i loro salari quanto per la liberazione del tempo, quel tempo scandito dagli orologi e dai ritmi di produzione in fabbrica. E un premio speciale dedicato al musicista Giuseppe Becce è andato al Der Chor Luzern impegnato in modo fondamentale proprio in ‘Drii Winter’ di Michael Koch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved