il-dolore-di-vivere-in-concorso
Ulrich Seidl Filmproduktion
Michael Thomas in ‘Rimini’ di Ulrich Seidl
ULTIME NOTIZIE Culture
Estate giallo-nera
7 ore

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
23 ore

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
1 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
1 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
1 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
1 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
1 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
1 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
1 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
1 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
1 gior

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
1 gior

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
2 gior

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
2 gior

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
Berlinale
11.02.2022 - 18:14
di Ugo Brusaporco

Il dolore di vivere in Concorso

Successo del primo film svizzero ‘La ligne’ di Ursula Meier, nel giorno del capolavoro ‘Rimini’ di Ulrich Seidl

Una bella giornata di cinema in Concorso, nelle sale di questa Potsdamer Platz divenuta da segno di un tempio della modernità architettonica a cimitero di un sogno, la sera addirittura spettrale, dove il Covid ha distrutto qui ogni attività di bar, ristoranti, negozi, uffici e persino multisale. Alla sera dopo le 22 non si trova da mangiare, non che il resto di Berlino se la passi meglio, qui il virus sta lasciando tracce indelebili sulla vita di comunità.

Tornando al Concorso. Successo del primo film svizzero ‘La ligne’ di Ursula Meier, proprio nel giorno segnato da un capolavoro qual è ‘Rimini’ di Ulrich Seidl e dalla resa di un film che ha deluso le attese come è stato ‘Robe of Gems’ di Natalia López Gallardo. Già il fatto che, su tre film, due siano firmati da registe è un fatto importante e mai come in questo breve confronto si sono misurati i diversi colori della tensione emotiva tra i lavori delle due registe e quello del regista austriaco. Non si tratta di valori determinati da stelline, ma proprio di scelte drammaturgiche e di regia diverse, e in questo senso non sorprende la grande qualità e la pregevole sensibilità di Ursula Meier nel guidare cast e tecnici in un film difficile qual è ‘La ligne’. La ‘linea’ del titolo è quella che divide Margaret (una intensa e convincente Stéphanie Blanchoud) dal resto della sua famiglia; si tratta di cento metri che lei non deve oltrepassare, è la pena che deve sopportare, in attesa del processo per aver picchiato selvaggiamente la madre (una insostituibile, per grazia d’attrice, Valeria Bruni Tedeschi) causandole la perdita dell’udito da un orecchio. Il loro è un rapporto frantumato: la nascita di Margaret aveva definitivamente bloccato la nascente carriera di musicista della madre, che in lei alla fine non aveva trovato neppure la soddisfazione di un cammino artistico. A interagire con loro, le altre due figlie della pianista diventata insegnante di musica, una incinta di due gemelle e la più giovane in preda a una crisi mistica. Su quei cento metri corre il filo di una vicenda che coglie il processo di maturazione di una donna che si sente incomoda dalla nascita. Tutto funziona alla perfezione, si potrebbe dire come un orologio svizzero, se non fosse per le emozioni, che al di là del felice meccanismo, segnano in gran quantità il film.

Con altra intensità e forza dell’immagine e delle interpretazioni viaggia il superbo ‘Rimini’ di Ulrich Seidl. Ci troviamo di fronte al destino di due uomini: un pittoresco cantante pop in declino, Richie Bravo (uno straordinario Michael Thomas) e il suo vecchio padre (un monumentale Hans-Michael Rehberg). La Rimini del titolo è la città di Fellini sull’Adriatico e Seidl la racconta d’inverno, nel fallimento del vuoto con solo migranti a far da fisse quinte, come coro greco a sottolineare muto il destino di quel fallito eroe che è il protagonista. Ma l’inizio folgorante è in una casa di riposo in Austria dove è ricoverato il padre di Richie; questi, insieme al fratello, lo è venuto a prelevare per portarlo al funerale di sua moglie, la loro madre. Il vecchio uomo sembra ormai non capire, perso nei viaggi della sua mente. Richie torna a Rimini dove qualche hotel ancora aperto fuori stagione accoglie ricchi anziani tedeschi che altro non aspettano che sentirlo cantare vellutate melodie Wurlitzer, che aiutano lo stanco cantante ad arrotondare lo stipendio vendendosi come stallone alle vecchie signore che bene lo pagano. Il gioco va avanti finché appare improvvisamente sua figlia, che non vede da quando era bambina, lasciando lei e la moglie. Ora la figlia gli chiede di riparare con dei soldi: è a Rimini, con il camper del suo ragazzo, un siriano, che viaggia con altri giovani arabi. Lui non fa mancare la richiesta e inventa uno schifoso ricatto al marito di una delle sue vecchie amanti; la figlia non vorrà solo i soldi, mentre lui continua a riempirsi di grappa e a fumare. Intanto il padre, solo e con la mente che lo tradisce, riesce a mettere su un vecchio riproduttore una musica che gli è cara fin da bambino: è uno dei Lied di Franz Schubert dalla raccolta Winterreise; con la struggente musica, chiama sua madre e piange perché non è con lui, in un momento di magica e assoluta emozione. Seidl dirige con assoluta maestria e il suo dettato su questa umanità arrivata alle soglie della morte e ancora decisa a non morire è di assoluto rigore come la sua visione invernale di Rimini, scena perfetta per suggellare il suo detto. E proprio in questo generale gelido inverno di natura e umanità si rivela tutto il capolavoro della composizione d’immagini del regista austriaco.

Non convince invece ‘Robe of Gems’ di Natalia López Gallardo, un film che nasce da una buona idea, quella di raccontare il mondo rurale e crudelmente delinquenziale del Messico di oggi, con rapimenti, sparizioni, ritrovamento di cadaveri irriconoscibili, traffico di armi e droga, e machismo assordante come il volume delle televisioni. Succede però che la voglia di dire molto della regista si tramuti in un freddo sequenzialismo di situazioni che annoia per il suo vuoto narrativo. Poteva fare molto meglio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berlinale berlino cinema la ligne rimini ulrich seidl ursula meier
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved