confederation-music-fa-bene-alla-vista-le-sessions
Pablo Infernal, oggi, e altri quattro fino al 25 febbraio
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
3 ore

Stefano Raimondi. La città, il mare

Anni di quartieri popolari, giochi, sfide. Poi le scelte. A Milano, partendo dall’inizio, con il poeta, critico letterario e autore di saggi.
Pagine scelte
3 ore

Mariella Cerutti Marocco, storia di un ‘dono inatteso’

Personalità multiforme, capace di passare nella sua scrittura dal verso al romanzo e da questo al racconto
Sulla Croisette
17 ore

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
17 ore

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
20 ore

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
22 ore

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
1 gior

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
1 gior

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
1 gior

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
1 gior

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
1 gior

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
1 gior

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
1 gior

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
1 gior

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
2 gior

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
Festival della Musica
2 gior

La lirica torna ad Arbedo con il ‘Quartet’

Domenica 5 giugno alle 17.30 presso la sala Multiuso del Centro Civico, un concerto ispirato al film di Dustin Hoffman
Musica
2 gior

Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards

Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Culture
2 gior

‘Cantiere della gioventù 1971-2021’ un ricordo a Casa Rusca

A 51 anni dal suo esperimento, tra spunti musicali e parlati, domenica 29 maggio dalle 14 alle 18 a Locarno un incontro/dibattito
Rsi
laR
 
28.01.2022 - 05:30
Aggiornamento : 19:31

Confederation Music fa bene alla vista (le Sessions)

Live, in alta qualità audio e video, tra la tv e il Tubo. Da oggi fino al 25 febbraio. Spiega tutto Marco Kohler

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

A differenziarle dal glorioso ‘Unplugged’ manca solo il pubblico e Kurt Cobain (o anche Eric Clapton). Perché quanto a lampade da salotto e arredamento generale, pare Mtv a volumi bassi. Ogni venerdì, per cinque venerdì, a partire da oggi, il radiofonico ‘Confederation Music’ di Rete Uno diventa ‘Confederation Music Sessions’, rendendosi visibile su YouTube Rsi Musica con una serie di appuntamenti live di alta qualità cinematografica e sonica firmati Rsi. Dietro, artisticamente parlando, c’è il titolare del contenitore radiofonico, Marco Kohler. È lui che ha scelto, in ordine di apparizione: Pablo Infernal, Cyril Cyril, Animor, Nadja Zela, Boodaman. «Ho cercato di fornire un primo ventaglio della proposta musicale svizzera, cose veramente particolari oltre che musicalmente profonde», ci dice. Cinque vecchie conoscenze del suo format, restati in mente per «un forte senso di creatività e originalità».

Con Joanne Holder a curare la produzione insieme a Kohler, e con Nick Rusconi a metterci la firma registica e stilistica, ogni venerdì una nuova puntata e il lunedì successivo su YouTube Rsi Musica la parte relativa all’intervista. E su YouTube Rsi Musica, intervista a parte, è musica ininterrotta. Si parte con i Pablo Infernal: «Fra tutti i gruppi rock ascoltati nell’ultimo anno e mezzo sono quelli che più mi hanno impressionato per tecnica e songwriting, e una chimica confermatasi durante la produzione, positiva, ridanciana, innaffiata di whisky. Sono una specie di in-house band del Kir Royal di Zurigo». Aneddoto: «Una sera, da ubriachi, fecero una scommessa con il proprietario del club: ‘Sappiamo suonare tutte le canzoni dei Beatles’; e il proprietario disse loro ‘Bene, vediamo’». Da allora, al Kir Royal sono stati riproposti tutti gli album dei Beatles, e i Pablo Infernal che suonano i Fab Four al Kir Royal sono diventati un classico. «Le strutture di Lennon e McCartney, tra le altre cose, hanno molto influenzato tanto la tecnica quanto il loro songwriting». Il 4 febbraio sarà la volta di Cyril e Cyrill, dall’accostamento banjo-percussioni decisamente affascinante: «Cyrill Yeterian è il fondatore di Bongo Joe Records, prima negozio di dischi poi etichetta discografica diventata punto d’incontro, anche caffè letterario, epicentro di nuove sinergie. Raccogliendo in un certo senso l’eredità dell’Usine, la scena ginevrina parte da lì, nel suo coraggio, nella sua trasversalità, mettici pure lo spirito calvinista che permea il posto». L’altro Cyirill, Bondi, è un batterista jazz che viene da mondo sperimentale. Tornando a Yeterian, «è, tra l’altro, uno dei fondatori di Mama Rosin, gli unici svizzeri a suonare da Jools Holland alla Bbc, tipico di come prima devi farti conoscere all’estero perché in Svizzera s’accorgano che ci sei».

L’11 febbraio tocca a Romina Kalsi alias Animor, una delle più belle voci (di casa) in circolazione: «Realizzò la puntata pilota nel 2019 ed è confermata anche in questa nuova impostazione. Completa la proposta con qualcosa di musicalmente e melodicamente ‘potabile’, non perché mainstream, ma perché più immediata, dentro l’estrema qualità. Credo che il duo Romina Kalsi-Tobias Granbaka, pianista finlandese che vive in Svezia, nato durante un songwriting camp in Austria, dia risultati a livello pop strepitosi». Il 18 febbraio sarà la volta di Nadja Zela: «Dopo la morte del marito, il fumettista zurighese Christophe Badoux, Nadja ha iniziato un percorso introspettivo andando a studiarsi la storia del requiem classico, per riemergere due anni dopo con un doppio album magnifico. Di requiem rock ve ne sono pochissimi nella storia». E il suo, per la precisione, è ‘Greetings to Andromeda. Requiem’. Il 25 febbraio chiude Boodaman, all’anagrafe Stéphan Caviglioli, integralista dell’analogico: «Io lo chiamo ‘Maestro svizzero dei synth modulari’, maestro perché costruisce i modelli dei propri sintetizzatori. Boodaman è parte di questo underground estremamente appassionato, quasi nerd, di gente che rifiuta l’informatica per lavorare in modo assolutamente analogico, artigianale, basandosi unicamente sulla forma d’onda».

Seattle-Lugano andata e ritorno

Ritroviamo il Kohler produttore quasi un anno dopo ‘A beautiful day with Gemina – Tales from Skeleton Dreams’, produzione Rsi che raccontava di Michael Sele, idealmente in nome e per conto della musica svizzera alle prese con la pandemia: «Se da una parte del grande albero artistico il ramo della musica è quello che ha sofferto di più, e parlo di gente che vive anche sotto la soglia di povertà per il non poter più suonare dal vivo visto che non esiste uno statuto di lavoratore indipendente per il musicista, dall’altra parte la chiusura ha permesso a tante persone di lasciare da parte impegni pressanti in funzione del ritrovarsi, del lavoro introspettivo, del collaborare a distanza e creare nuove sinergie. Cito Bonaparte e Sophie Hunger con Tyler Pope, bassista degli LCD Soundsystem, figlio dichiarato dell’impossibilità di suonare con quel poco di cui si dispone, strumentisticamente parlando. Ho visto anche tanti dischi, purtroppo, bruciarsi perché la gente non ha resistito alla tentazione di pubblicare nonostante l’assenza di concerti. Ora le cose sembrano migliorare».

Come si arriva al video? «Conduco Confederation Music in onda da dodici anni su Rete Uno e da un anno anche su Rete Tre, siamo a quasi 600 puntate che significano quasi 600 ospiti. A un certo punto mi sono reso conto che era diventata una passione e una missione, e che aveva quasi azzerato o comunque ridotto l’ascolto di quel che succede al di fuori di questo Paese. Tanta ve n’è di musica, e di buona qualità, che mi sembrava un crimine non permettere che fosse ascoltata almeno per una volta alla radio. Poi ho trovato su YouTube nelle KEXP Sessions, nei Tiny Desk Concerts, in questi format da una quindicina/ventina di minuti molto efficaci, la premessa per questa operazione e mi sono detto: ma se noi, da qui, possiamo rimanere affascinati guardando le session di una radio per noi anonima di Seattle su YouTube, perché da Seattle non possono restare affascinati guardando le session di una radio per loro anonima in Svizzera? Perché alla fine ciò che conta è la qualità della musica. Poi, certo, bisogna anche promuoverla, ma i mezzi ci sono, il vettore è libero, democratico, YouTube. Sfruttiamolo».

Finiamo acustici, finiamo ‘Unplugged’, come avevamo cominciato. «Mi sono reso conto del mood Mtv allestendo, una volta spente le luci bianche fredde per accedere quelle di scena. Voglio sottolineare il grande lavoro scenografico e registico di Nick Rusconi, persona rivelatasi di una sensibilità pazzesca. Il suono era un’altra delle condizioni da me imposte, affidato a Davide Pagano, a Milano, sound Engineer che mastica tutto il giorno rock and roll e pop. Forse, una delle cose più difficili è stata convincere tutti quanti che la musica alternativa svizzera ha un potenziale enorme anche per il pubblico internazionale e che meritava quindi un format di altissimo livello. Serve un linguaggio internazionale, che non è Anderson Paak, i Muse, ma che importa: abbiamo un prodotto che qualitativamente sta al livello coi concorrenti internazionali».


Marco Kohler

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
confederation music marco kohler musica rsi video youtube
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved