festival-diritti-umani-tornare-in-sala-contro-l-indifferenza
Numbers di Oleg Sentsov
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
11 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
13 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
16 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
16 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
18 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
19 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
29.09.2021 - 21:270

Festival diritti umani, tornare in sala contro l’indifferenza

Presentato il programma dell’ottava edizione, a Lugano dal 13 al 17 ottobre. Tra gli ospiti, il regista ucraino Oleg Sentsov, ingiustamente incarcerato dal governo russo

Tornano i diritti umani a Lugano: una frase per certi versi curiosa, ma che ben riassume la conferenza stampa di presentazione del programma dell’ottava edizione del Film festival diritti umani che si terrà dal 13 al 17 ottobre. Una giusta sintesi innanzitutto perché uno degli obiettivi di questa manifestazione, e della Fondazione che tra le altre attività sostiene questo festival, è quello di “portare in casa” il dibattito sui diritti umani, raccontando sì quel che accade in altri luoghi ma richiamando alla responsabilità e alla consapevolezza che il tema riguarda tutti noi (e qui accenniamo brevemente a una delle novità di quest’anno, il focus su Diritti e tecnologia). Poi è effettivamente un ritorno a Lugano, quello del festival: per quanto sia una delle poche manifestazioni che è riuscita a tenersi quasi normalmente anche nel 2020, aveva optato per una forma “itinerante” in vari centri del cantone, mentre l’edizione 2021 tornerà in quello che da alcuni anni è il suo cuore, il Cinema Corso a Lugano (ai quali si aggiungono il Cinema Iride e, altra novità su cui si tornerà, l’Università della Svizzera italiana). Durante la conferenza stampa il presidente Roberto Pomari ha precisato che non mancheranno, una volta concluso il festival vero e proprio, delle proiezioni in altre località ma la “casa” del Film festival diritti umani rimane il Cinema Corso. Una casa – apriamo qui un discorso che va oltre il festival e che riguarda gli enti pubblici, Città di Lugano in primis – che avrebbe urgentemente bisogno si interventi di manutenzione e a lungo termine di un progetto culturale che possa finalmente valorizzare questo importante edificio.

Quello del Film festival diritti umani è infine un ritorno perché abbiamo, dopo la pausa forzata dell’anno scorso, nuovamente un programma per le scuole con la proiezione di sei film per gli studenti. A causa delle disposizioni sanitarie, si è deciso di riservare queste proiezioni unicamente alle scuole: alcuni dei film saranno comunque riproposti, sia in sala sia in streaming sul sito www.festivaldirittiumani.stream, un’eredità del lockdown che arricchisce l’offerta del festival.

Veniamo finalmente al programma costruito, ha spiegato il direttore Antonio Prata, partendo da alcune forti figure di riferimenti. Di Alexander Nanau si è già detto nelle scorse settimane quando è stato annunciato che il regista rumeno al quale avrebbe ritirato il Premio diritti umani per l’autore: il suo film ‘Collective’ è al contempo una denuncia della corruzione in un ambito importante e sensibile come la sanità pubblica e una difesa del giornalismo indipendente. Ma c’è un’altra presenza importante al festival: il regista ucraino Oleg Sentsov, ingiustamente accusato di terrorismo dal governo russo e per questo incarcerato per cinque anni. Antonio Prata ha avuto occasione di incontrare Sentsov – «ma solo per pochi minuti» – alla Berlinale, poi durante la pandemia lo ha chiamato per chiedergli se gli andasse di partecipare al Film festival diritti umani Lugano, appena possibile. Il suo fermo interesse è stato di motivazione e per certi versi il suo ‘Numbers’ – realizzato durante la sua prigionia grazie alle poche persone che sono riuscite a mantenere un contatto – è un po’ la pietra angolare di questa edizione. Il film, riportiamo dalla sinossi nel comunicato stampa, ci porta in una società distopica dove dieci personaggi, identificati da dieci numeri, sono soggetti alle severe norme stabilite da una divinità onnipresente, il Grande Zero. La vita dei numeri cambia però improvvisamente quando due di loro decidono di avere, senza permesso, una relazione da cui nasce un figlio.

Volendo trovare un fil rouge che lega i 29 film che saranno proiettati – tra cui 7 prime svizzere, ma la pandemia ha interrotto o limitato la diffusione di molti film che meritano, anche se non più nuovi, spazio e attenzione – è quindi il rapporto tra individuo e potere. Qualche accenno (il programma completo è sul sito www.festivaldirittiumani.ch): il film d’apertura sarà il sudcoreano ‘Fighter’ di Jéro Yun, storia della rifugiata nordcoreana Jina e delle discriminazioni che si ritrova a subire; ‘Quo vadis, Aida?’ di Jasmila Zbanic racconta di un’interprete che lavora per l’Onu nella cittadina di Srebrenica; il il regista siriano Feras Fayyad (anche lui ospite annunciato del festival) con il suo ‘The Cave’ porta il pubblico a scoprire l’incredibile ospedale sotterraneo in cui il pediatra Amani Ballour tenta con pochi mezzi di aiutare più persone possibili; Brian Fogel ripercorre la storia dell’assassinio del giornalista Jamal Khashoggi in ‘The Dissident’; ‘Santiago Rising’ di Nick MacWilliam percorre le strade della capitale cilena alla fine del 2019, quando esplodo le proteste contro le disuguaglianze economiche; Gianluca Monnier e Andrée Julikà Tavares in ‘Holy Highway’ raccontano delle ingiustizie derivanti dalla costruzione di un’autostrada in India.

In aggiunta a questo macrotema, il festival introduce un focus più specifico che quest’anno, come accennato, sarà incentrato sulla tecnologia: curato da Chiara Fanetti, presenterà quattro film tra cui il documentario ‘Coded Bias’ di Shalini Kantayya su pregiudizi e discriminazioni cntenuti negli algoritmi che sempre più regolano la nostra vita.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved