Fiorentina
6
Genoa
0
fine
(3-0)
Lakers
5
Langnau
3
fine
(1-1 : 1-2 : 3-0)
COL Avalanche
2
MIN Wild
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
SJ Sharks
5
LA Kings
1
2. tempo
(4-1 : 1-0)
ARI Coyotes
3
MON Canadiens
1
2. tempo
(2-1 : 1-0)
Seattle Kraken
CHI Blackhawks
23:00
 
nel-gatto-sold-out-ascona-applaude-tullio-de-piscopo
Tullio De Piscopo, luned?i 20 settembre ad Ascona (foto: Fotopedrazzini.ch)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
3 ore

Scoperto il primo pianeta ovale come una palla da rugby

’Scovato’ grazie al satellite Cheops dell’Esa. Si chiama Wasp-103b, è a 1’800 anni luce da noi e compie un’orbita in meno di un giorno.
Culture
3 ore

Sostegno alla cultura, rinnovati gli accordi triennali

Prolungato li sostegno per il periodo 2022-24 per le associazioni culturali attive nei sei principali comuni e per i Circoli del cinema
Culture
4 ore

‘Traditi dagli ebrei’, disse Otto Frank: un libro lo conferma

Il padre di Anna lo affermò nel 1948. In ‘Chi ha tradito Anne Frank’ di Rosemary Sullivan, l’indagine che ha portato a questa conclusione
Covid e cultura
4 ore

Scuole musica e federazione bandistica chiedono deroga al Decs

Nella lettera indirizzata a Manuele Bertoli ‘l’inaccettabile discriminazione tra giovani ticinesi impegnati nella formazione musicale e coetanei svizzeri’
Cinema Teatro Chiasso
5 ore

Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show: si recupera il 10 aprile

Riprogrammato il concerto con i due mattatori annullato lo scorso 8 gennaio
Cinema
5 ore

Visions du Réel, Marco Bellocchio ospite d’onore

L’omaggio di Nyon al regista, sceneggiatore e produttore italiano prevede una retrospettiva e la presentazione di un nuovo documentario.
Musica
6 ore

Raggiunto accordo sull’eredità di Prince: vale il doppio

Il lascito del ‘folletto’ è di 156,4 milioni di dollari, quasi il doppio della stima precedente. Gli eredi potrebbero sfruttare la vendita del catalogo
Scienze
9 ore

In 500 anni si è estinto il 10% delle specie conosciute

Lo dice uno studio coordinato tra università delle Hawaii e Museo di storia naturale di Parigi pubblicato su Biological Reviews
Jazz in Bess
11 ore

Suisse Diagonales Jazz, Lombardi & Salis prima dei Mohs

Secondo appuntamento ticinese del festival svizzero: alle 20.30 i 30 anni di sodalizio dei due ticinesi; alle 22 il quartetto capitanato da Kysk e Valazza
Culture
12 ore

‘Shoah, tempo e memoria’, concerto-lettura per non dimenticare

Mercoledì 26 gennaio alle 19.15 alla Biblioteca di Bellinzona, pianoforte e voce narrante aspettando la giornata della memoria
Musica
12 ore

Riccardo Minasi guida l’Osi in Auditorio

Giovedì 20 gennaio alle 20.30 allo Stelio Molo, il violinista e direttore d’orchestra in un concerto incentrato sul romanticismo tedesco
Società
1 gior

È morto Monsieur Pigeon, clochard dal grande cuore

Il senzatetto Giuseppe Belvedere, protagonsita del bel documentario di Antonio Prata, è stato trovato senza vita a Parigi
La recensione
1 gior

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta
Spettacoli
1 gior

L’Osi, Kowalski e la musica dalla Polonia bigotta

Primo concerto della stagione in Auditorio dell’Orchestra della Svizzera italiana. Alla guida dell’Osi, il Konzertmeister Robert Kowalski
La recensione
21.09.2021 - 20:550
Aggiornamento : 21:18

Nel ‘Gatto’ sold out, Ascona applaude Tullio De Piscopo

Il Jazz Cat Club riparte col botto: tutti in piedi per il grande batterista in trio con Dado Moroni e Aldo Zunino, nel nome del jazz e di Pino Daniele

Il tempo di avvitare qualche vite, di tirare la pelle del timpano e di affilare un sorriso che è una specie di metronomo, e parte ‘Stadera’ dall’album ‘Acqua e viento’, anno 1983, il 33 giri di ‘Stop bajon’ con dentro mezza band di ‘Vai mò’ compreso Pino Daniele, che quell’album di Tullio De Piscopo (in cui c’è anche Lucio Dalla al clarinetto) lo volle arrangiare, chiamando la prima traccia come una via di Napoli. Via Stadera appunto, dove alle 19.34 del 23 novembre di tre anni prima, il sisma che colpì l’Irpinia fece crollare un palazzo intero.

L’aveva promesso, Tullio De Piscopo. Gli standard del suo ‘Around Pino’ al Teatro del Gatto, con gli amici Dado Moroni al pianoforte e Aldo Zunino al contrabbasso a suonare jazz dalle parti del grande cantautore e musicista scomparso, sarebbero stati pochi. ‘Barbara’ di Horace Silver, o ‘Nostalgia in Time Square’ di Charles Mingus, per esempio, dove la nostalgia è anche quella di ‘D.o.c.’, il contenitore musicale di Renzo Arbore che quel pezzo l’aveva scelto come sigla. Era metà anni Ottanta e di pomeriggio, all’ora di ‘Uomini e donne’, in tv c’era la musica dal vivo. “Cos’e pazz”, dicono dalle parti di De Piscopo.

L’amico fraterno torna spesso in ‘Around Pino’, anche se, a contare le occasioni, è più numeroso il contesto che non i brani di Pino Daniele in scaletta. Che alla fine sono due: le «cinque note magiche» che aprono ‘Quando’ (1991) e una versione di ‘Je so’ pazzo’ (1979) per batteria e smorfie, con invito al canto libero che Ascona ci mette un po’ a raccogliere, mollando i freni – seppur lontana dagli entusiasmi di Fuorigrotta la notte dell’ultimo dell’anno – su “Masaniello è crisciuto, Masaniello è turnato”, per prorompere nel poco asconiano ma liberatorio “Nun ce scassate ‘o c***” («Chissà a chi era dedicata», commenta il batterista alla fine. «Forse a nessuno, forse agli sfruttatori, a chi se magnava ‘a città»).

De Piscopo e il suo set di bacchette, le frustate e i vuoti e tutto lo scomporre e ricomporre si rubano la scena. Ma il Gatto, a Moroni e Zunino, non fa mancare affetto. E non si perde una parola quando il primo ricorda la notte in cui, giovanissimo, finì sul palco di Franco Cerri con De Piscopo alla batteria, o nel racconto della scrittura di ‘Charlie’s Moment’, suonata di lì a poco, tributo dell’allora 18enne pianista a Charlie Parker sull’album ‘Bluesology’.

L’acqua di Formia

C’è altro Pino Daniele in ‘Namina’, le iniziali di Napoli e Milano andata e ritorno, ancora il De Piscopo di ‘Acqua e viento’, «la colonna sonora dei primi viaggi in treno verso la speranza, la musica», senza mai separarsi dalla batteria, «dalla Premier bianca comperata da papà con le cambiali». Un cenno al fratello Romeo, talento percussivo morto giovanissimo («Avrebbe fatto meglio di me, mi dicono. Mi ha fatto capire che avrei dovuto fare questo mestiere»), agli ascolti di jazz, all’incontro con Max Roach anticipatoci nell’intervista di una settimana fa e – dentro un flusso emotivo in cambio del quale, se ce l’avessero chiesto, avremmo pure fatto a meno della musica – il batterista apre il libro dei ricordi: «Sono quarant’anni da ‘Vai mò’. Un po’ tutti lo hanno ricordato e vi confesso che ho avuto qualche cedimento». Cita i compagni di viaggio Joe Amoruso e Rino Zurzolo e si tuffa nei ricordi di Pino che faceva il caffè «con l’acqua dei monti di Formia», sede dello studio in cui il disco è nato. I giorni di ‘Vai mò’, di ‘Bella ‘mbriana’, ‘Acqua e viento’, ‘Sciò live’ ci vengono restituiti come se noi, quelli del Gatto strapieno, nei Bagaria Studios «dei due pomodori rossi» (il marchio) ci fossimo stati davvero.

Quando Sua Maestà la batteria s’inchina per l’ultima volta e le luci in sala dicono che basta così, il metronomo del sorriso è visibile sulle facce di tutti. E mentre in questa ‘Notte che se ne va’, come canterebbe l’amico, il maestro De Piscopo accoglie con soddisfazione il Napoli che ha appena vinto a Udine, mentre firma vecchi vinili, anche vecchissimi (uno pare il prezioso ‘Mirage’ di Romano Mussolini, 1973, col napoletano alle percussioni), e mentre si concede al selfie selvaggio, i flyer all’entrata dicono che il Jazz Cat tornerà a miagolare in ottobre: il 4 con l’Emmet Cohen Trio, il 15 con il Leroy Jones Quintet, il 25 con Adam Ben Ezra; e poi in novembre, l’8 con Huntertones feat. Shayna Steele e il 29 con il George Cables Quartet. Ma difficilmente dimenticherà questo 20 settembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved