PHI Flyers
2
SEATTLE KRAKEN
0
1. tempo
(2-0)
TOR Leafs
0
NY Rangers
0
1. tempo
(0-0)
sua-maesta-tullio-de-piscopo-tutto-il-jazz-around-pino
Per ‘Tra jazz e nuove musiche’ di Rete Due, in collaborazione con il Jazz Cat Club (evento con certificato Covid)
ULTIME NOTIZIE Culture
Lac
5 ore

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
5 ore

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
8 ore

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
10 ore

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
10 ore

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
11 ore

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
11 ore

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
13 ore

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
13 ore

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Spettacoli
1 gior

Altroquando festival svela il suo primo film

A Massagno il 3 e 4 dicembre, la prima edizione si aprirà con il film svedese Knocking, proposto in prima ticinese grazie a Nifff on Tour
Arte
1 gior

Arte, addio a Perilli, tra i padri nobili dell’astrattismo

Fondatore dello storico gruppo di ispirazione marxista Forma 1, Perilli aveva 94 anni
Culture
1 gior

I messaggi essenziali della poesia di Giampiero Neri

Il decano della poesia in lingua italiana ha pubblicato ‘Piazza Libia’ un percorso liberamente narrativo in cui emerge la sua natura antiretorica
La recensione
1 gior

From Bollani to Chiasso, cronaca di un colorato trionfo

Tra il blu e il verde, e ottimi Soloists, il pianista segna un’altra tacca al Cinema Teatro: ‘Un pubblico così bello che dovremmo portarcelo in tour’
Pensiero
1 gior

Salvatore Veca, un filosofo pubblico

In ricordo del pensatore italiano scomparso nei giorni scorsi
Microcosmi
1 gior

Uno spazio, un albero, le chiatte

Di rami che si aprono a ventaglio, e di poesie di Viola Poli. Partendo da Bellinzona, al ‘5b’, contributo culturale di Luca Berla
Fiere
2 gior

Il sistema dell’arte, da Basilea a Milano

Tastando il polso ad Art Basel a Miart, tra prezzi stratosferici, sensazione d’invenduto e presenza
Culture
2 gior

Oleh Sencov, regista dal gulag

Dopo cinque anni di prigionia il dissidente ucraino è passato anche a Lugano per presentare ‘Numbers’, film distopico e profetico
Arte
3 gior

‘Tempo sospeso e facezie’, Renzo Ferrari a Lugano

Le opere 2020-2021. Inaugurazione sabato 16 ottobre alle 17 nel porticato della Biblioteca Salita dei Frati
Teatro
3 gior

Emanuele Santoro, la nuova stagione teatrale

Le novità sono Edgar Allan Poe, l’Ubu Re di Alfred Jarry e lo spettacolo ‘Stupidi-tà’. Si comincia sabato e domenica al Paravento con Dürrenmatt
Castellinaria
3 gior

Il Castello d’Onore a Milena Vukotic

Amata e apprezzata da cinema e teatro, vincitrice di un Nastro d’argento e più volte vicina al David, ha lavorato con i più grandi registi
Spettacoli
3 gior

Festival diritti umani, Nanau tra corruzione e fiducia

Il regista rumeno presenta il suo documentario ‘Colectiv’, seguendo il lavoro dei giornalisti che hanno denunciato i problemi del sistema sanitario
Netflix
3 gior

‘Squid Game’: dopo la serie, il videogioco

Dalle indiscrezioni, si tratterebbe di un videogame del genere ‘battle royale’, simile a Fortnite e Pubg, che ben si adatterebbe alla trama
Arte
3 gior

Il Banksy semidistrutto venduto a 22 milioni di euro

‘Love is in the Bin’, battuto ieri da Sotheby’s, era in origine ‘Girl with Balloon’, tagliuzzato nel 2018 tramite un meccanismo nascosto nella cornice
L'intervista
3 gior

Giacomo Poretti, storia di un infermiere

Prima di Aldo e Giovanni, Giacomo ha lavorato all’Ospedale di Legnano, 11 anni in corsia finiti in ‘Chiedimi se sono di turno’, stasera e domani al Lac
Culture
4 gior

Covid cultura, più tempo per i progetti di ristrutturazione

77 le richieste giunte al Cantone per le riconversioni delle imprese culturali. Prorogato il termine per presentare le domande
Libri
4 gior

I finalisti del Premio Chiara in dialogo a Lugano

Aspettando il verdetto di domenica a Varese, sabato 16 ottobre alle 17.30 s’incontrano alla Biblioteca cantonale
Casa della Letteratura
4 gior

Per ‘Cari Vicini’ s’incontrano Ilma Rakusa e Anna Ruchat

A Lugano il 16 ottobre alle 18.30, moderate da Jacqueline Aerne, per l’incontro in collaborazione con la Literaturhaus di Zurigo
Disney+
4 gior

‘The Beatles: Get Back’, la tre giorni di Peter Jackson

Il 25, 26 e 27 novembre su Disney+ la docuserie originale realizzata dal regista del Signore degli Anelli con filmati inediti restaurati
Spettacoli
4 gior

Festival diritti umani, il cinema dell’assurdo di Sencov

Il regista ucraino ha diretto, dal campo di prigionia russo, un film distopico e surreale
Spettacoli
4 gior

Una Bowie Experience per celebrare i 75 anni

A partire da Londra e New York, dal 25 ottobre e per un anno intero, una serie di iniziative volute dalla famiglia dell’artista per ricordarlo
Culture
4 gior

Curzùt, le parole della poesia: ‘Mai così importanti come oggi’

Con Fabio Pusterla dentro l‘edizione 2021, venerdì 15 ottobre a Monte Carasso: ’L’arte ci aiuta a non rassegnarci’
Culture
5 gior

’Tutti i colori del giallo’ nel rinnovato Lux

Con la direzione artistica di Luca Crovi, la 17esima edizione dal 22 al 29 novembre a Massagno. Il tema è l’ossessione
Teatro
5 gior

Scelti i cinque giovani progetti di ‘kicks!’

Debutteranno durante la stagione 21/22 a Berna, Ginevra, Lugano e Zurigo e saranno presentati nella Capitale nell’omonimo festival, dal 19 al 23 maggio
Società
5 gior

Premio Möbius, dai Cd-Rom alla realtà immersiva

Al via la 25ª edizione del Premio Möbius multimedia Lugano: con il direttore Alessio Petralli facciamo il punto su venticinque anni di digitale
Musica
5 gior

Jazz Cat Club: da New Orleans, Leroy Jones

Venerdì 15 ottobre alle 20.30 ad Ascona, il grande trombettista e cantante torna con un sestetto: entrata gratuita per tutti gli appassionati
Spettacoli
5 gior

I Rolling Stones tolgono ‘Brown Sugar’ dalla scaletta dei live

Il brano inciso 50 anni fa descrive gli orrori della schiavitù e non sarà più suonato dal vivo
Spettacoli
5 gior

Squid Game è la serie Netflix più vista al debutto

La serie distopica sudcoreana ha raggiunto 111 milioni di fan in meno di quattro settimane
Libri
5 gior

Sally Rooney rifiuta la traduzione del suo romanzo in ebraico

Pone il veto su ‘Beautiful World, Where Are You’: la scrittrice irlandese è sostenitrice da tempo della causa palestinese
L'intervista
 
15.09.2021 - 05:250
Aggiornamento : 17.09.2021 - 15:59

Sua Maestà Tullio De Piscopo, tutto il jazz ‘Around Pino’

Al Teatro del Gatto di Ascona il 20 settembre con Dado Moroni e Aldo Zunino: ‘Pino era in perfetta simbiosi con la musica, le sue canzoni oggi sono standard’

È il più milanese di tutti i partenopei trasferitisi nella città da bere molto prima che Milano diventasse da bere. I cinquant’anni di carriera li ha già festeggiati da un po’, con un triplo album celebrativo che sta dentro a un cofanetto griffato da due bacchette incrociate. Cinquant’anni ora cinquantasei che sono il riassunto di una musica senza confini precisi, dove jazz, pop e fusion si fondono con la canzone e diventano idiomi, linguaggio, unici, indivisibili, interpretabili. ‘Sua maestà’ o ‘leggendario’ sono i termini dati a chi a un certo punto della vita viene messo, per meriti acquisiti sul campo, su di un piedistallo sopra il quale, Tullio De Piscopo, non si è mai seduto, preferendo gli studi di registrazione, i palchi del mondo e le aule dell’insegnamento.

La libertà artistica e innovativa del grande percussionista e batterista napoletano sposano in pieno la definizione ‘Tra jazz e nuove musiche’, 14esima rassegna di Rete Due, stavolta in collaborazione con il Jazz Cat Club. Lunedì 20 settembre alle 20.30, Teatro del Gatto (evento con certificato Covid, prenotazioni a info@jazzcatclub.ch o chiamando lo 078 733 66 12), De Piscopo colma il vuoto lasciato nel novembre del 2020 non per colpa sua (chiedere alla pandemia che ci ha infettato pure la musica) portando ad Ascona ‘Around Pino’, concerto che sta dalle parti dell’amico fraterno Pino Daniele, insieme al pianista Dado Moroni, tra i jazzisti più accreditati dentro e fuori la Penisola, e ad Aldo Zunino al contrabbasso, trio di musicisti e amici di lunga, lunghissima data.

‘Vogliamo parlare di Napoli?’

«Mamma mia, sì, il concerto era previsto a novembre dello scorso anno, ma stavano chiudendo dappertutto. Da Ascona non arrivavano segnali positivi e allora abbiamo preso la decisione di non muoverci, per evitare cose più spiacevoli. Ora che abbiamo ripreso, questo concerto che ci sta dando grandi soddisfazioni». È quanto ci dice Sua Maestà aspettando lunedì e lanciandosi, prima che glielo si chieda, nel più tecnico e al tempo stesso affettuoso ricordo di chi dà il titolo al concerto. «I suoi brani, anche senza la voce e il testo, sono brani meravigliosi che non hanno nulla da invidiare agli standard americani. Pino Daniele lo si può leggere in quanto poeta o suonare in quanto musicista. Da queste parti siamo tutti abituati ai jazzisti americani e dobbiamo per forza conoscere i loro standard, tutti grandi successi provenienti dalle grandi compagnie di musical. Ma anche noi in Italia abbiamo brani stupendi. Vogliamo parlare di Napoli? ‘’O sole mio’ non ha nulla da invidiare agli americani, e così ‘Reginella’, ma anche ‘Quando’, o ‘Quanno chiove’ di Pino Daniele. Con Dado e Aldo suoniamo una musica molto personale, rivolta al jazz ma non di soli standard. Di quelli, ne facciamo due o tre, non di più». Forse perché Pino Daniele è già standard, maestro? «Perché Pino Daniele è ‘na cosa immensa. Abbiamo lavorato insieme tanto tempo, stretti come fratelli, e posso dire che era in perfetta simbiosi con la musica. Nella mia vita non credo di avere mai visto una persona studiare così tanto il proprio strumento. Pino era sempre con la chitarra in mano, e sempre alla ricerca di stimoli».

Live@Rsi

C’è un live di rara bellezza che testimonia il passaggio di Pino Daniele in Svizzera nel momento di massimo splendore, e che include anche Rino Zurzolo e Joe Amoruso, nel nucleo di una band formidabile che non li annovera più esattamente come non annovera più il suo frontman, perché così ha voluto il destino o altra entità con identiche capacità decisionali. S’intitola semplicemente ‘Live@Rsi’, parte della ricca e rinominata collana di concerti ‘Live@Rtsi’. È documento fedele di tutto quanto accaduto tra ‘Vai mò’ (1981) e ‘Sciò live’ (1984), con in mezzo ‘Bella ‘mbriana’ (1982) e ‘Common Ground’, disco di Richie Havens prodotto da Pino e a tutt’oggi ancora in sola forma vinilica.

«Era il 1983», ricorda De Piscopo. «Quel dvd ha fatto un successo incredibile, perché ancora una volta la Svizzera ha dimostrato di essere più organizzata di noi. A nessuno sarebbe venuto in mente di farne un dvd, e voi l’avete fatto». Giriamo i complimenti a Comano e continuiamo. «Da ‘Vai mò’ sono passati esattamente quarant’anni, ma se ancora mettiamo quel disco sul piatto, o anche solo ‘Yes I know my way’, sentiamo quanto moderna resti quella musica». Ricordi: «Avevamo voglia di fare musica, di fare cose diverse, di studiare, facevamo sound check di due-tre ore; quando entrammo nella saletta per fare i provini, nessuno di noi immaginava che stavamo per fare qualcosa che sarebbe rimasto nella storia». La storia ma anche ‘Tutta n’ata storia’, traccia 2 da ‘Bella ‘mbriana’ che dà il titolo al live in Napoli che nel 2013 celebrava ‘Vai mò’: «Fu un bellissimo concerto, di quelli molto sentiti. Ma il momento incredibile resta quello di quarant’anni fa. Chiudemmo il tour a Napoli, il 19 settembre del 1981 in Piazza del Plebiscito con 220mila persone che avevano voglia di ascoltarci, di gridare e di cantare insieme a noi».

Tutto è musica (anche la risonanza magnetica)

Per dirla con il terrone Pino Aprile (terrone nel senso di autore del bestseller ‘Terroni’, lettura imprescindibile per capire tante cose del sud Italia), “I De Piscopo sono una stirpe numerosa: fanno casino da generazioni”. Aprile è l’autore della prefazione di ‘Tempo! La mia vita’, autobiografia di Tullio De Piscopo che, sette anni dopo, è la migliore sua esibizione insieme alla musica scritta e suonata. Il capitolo d’apertura s’intitola ‘’O miracolo’ ed è un sunto di quanto precede le dieci ore d’intervento, riuscito, per l’asportazione di un tumore maligno dalle parti del fegato. Anche in ospedale Sua Maestà trovò il modo di fare musica: «Sono entrato in questa macchina per la risonanza magnetica dove tutto era ritmico e assordante; stavo lì dentro sperando che il mio male non fosse grave, però intanto: “Stucutucutàcutu, tucutucuchacataca” (liberamente trascritto, ndr), sembrava una voce infernale, e l’infermiere che ci cantava assieme “Respiri, non respiri, fermo, respiri…”».

Nato nel 1946 nel quartiere di Porta Capuana, Tullio De Piscopo è batterista come furono papà Giuseppe e il fratello Romeo, apprezzato jazzista morto a soli vent’anni per cause misteriose. Da scugnizzo, il piccolo Tullio si era costruito una batteria con le lattine vuote, perché «come Gegè Di Giacomo insegna, non servono le pelli, bastano anche i bicchieri», dice oggi riferendosi a quando il batterista di Renato Carosone si presentò alle audizioni per l’omonimo Trio senza lo strumento, portato a cromare per colpa della salsedine. «Grande Gegé. Ci arrangiavamo, è l’arte dell’arrangiarsi dei napoletani. Sì, da piccolo stavo sempre per strada con le bacchette a suonare tutto e a dare fastidio a tutti. Rappeggiavo su tutto quello che i miei occhi vedevano». Per dirla col libro, “con un’inclinazione spiccatamente hip-hop ante litteram, i rumori per me erano suoni”.

‘Tempo!’, per chi è cresciuto nell’incanto della musica suonata, ha momenti di pura poesia: “Fu proprio al Teatro Apollo che vidi suonare mio padre dal vivo per la prima volta”, scrive De Piscopo; “Rimasi incantato a osservare lui e la batteria avvolti da una luce innaturale. Mi sembrava una piccola astronave, non capivo e mi chiedevo ‘ma cos’è?’. Poi scoprii che si trattava di lampadine poste nei tamburi che, con il loro calore, accordavano le pelli animali, perché a quei tempi i tamburi non avevano né tiranti, né pelli di plastica come oggi”. Al Teatro Apollo, “tempio della sceneggiata napoletana” nei pressi della stazione, l’aspirante batterista che la famiglia avrebbe preferito contrabbassista perché in giro ce n’erano di meno, portava ogni giorno il pranzo a papà. Teatro Apollo di Napoli ma anche Apollo Theatre di Harlem, New York, dove il Tullio adulto suonò in un tributo alla sua città con ospiti the King of Soul James Brown, The Temptations, Lester Bowie e altre stelle: «I sogni si sono avverati, meno male», commenta De Piscopo. Non solo all’Apollo Theatre: «Quando fantasticavo, da bambino, ascoltavo l’album di Max Roach e me lo baciavo. Avrei tanto voluto vederlo dal vivo, conoscerlo di persona. Ebbene, nell’89 suonai con lui e M’Boom Re Percussion, dodici tra i più grandi batteristi e percussionisti al mondo».

‘Santo Andamento lento’

Ventisette album da solista, le collaborazioni non si contano: Pino Daniele a parte, spiccano i nomi di Piazzolla, Jannacci, Mina, Gaber, Vecchioni, Celentano, New Trolls; la batteria in ‘Rimini’ di De André è la sua e così quella in ‘L’era del cinghiale bianco’ di Battiato. In ambiti jazz, Gerry Mulligan, Enrico Intra, Kai Winding, Dave Samuels, Renato Sellani, Gianni Basso, Franco Cerri, Claude Bolling, Aldemaro Romero, Don Costa, Quincy Jones, Renato Sellani, Larry Nocella e altri. E i dischi con Dado Moroni (in ‘Bluesology’, 1981, c’è anche Franco Ambrosetti). Ventisette album come solista, da ‘Suonando la batteria moderna’ (1974) fino a ’50 Trilogy, Musica senza padrone’ (2015), cofanetto in cui non poteva mancare ‘Libertango’, anch’essa musica senza padrone per chi come Piazzolla rivoluzionò il tango argentino smontando le accuse di mescolare il sacro col profano: «Piazzolla è stato per me un’esperienza straordinaria che mi ha lasciato un mondo di soluzioni armoniche, melodiche e ritmiche». E comunque, «sì, ‘Musica senza padrone’ è la mia vita, anche quando lavoravo per la Rai e prendevo pochi soldi perché non timbravo il cartellino…» (ride, ndr). Libertà che gli ha permesso di essere anche solista e hit maker: «Sono stato fortunato. Un giorno è arrivato ‘Andamento lento’, che oggi si chiama ‘Santo Andamento lento’ perché mi ha permesso di comperare in contanti la casa che la mia famiglia già da tempo si meritava. Sì, ero il batterista più richiesto anche prima di quella canzone, ma non giravano soldi. E mettendo le parole alla mia musica mi sono tolto soddisfazioni anche, finalmente, economiche, senza chiedere niente a nessuno, ma solo alla mia forza e alle mie mani».

‘Per carità! Questo è il sound!’

Quello che è probabilmente il capolavoro del Tullio De Piscopo solista, però, a noi pare ancora il concentrato di groove e lingua napoletana intitolato ‘Stop bajon’ (1984), voluto a tutti i costi dagli inglesi così come se n’era uscito dagli studi di registrazione: «È vero, quando ci chiamarono ci dissero che bastava il provino, ci intimarono di non toccare niente; insistemmo, dicendo che avremmo voluto fare qualcosa di più moderno, ma ci dissero: “Per carità! Questo è il sound!”». E le chart internazionali dissero che gli inglesi ci avevano visto giusto: «Quel sound piaceva e piace tutt’ora, quasi non riesco a spiegarmi come mai questa canzone giri ancora in tutto il mondo e mi porti ancora richieste di suonare. In molti l’hanno spacciata per loro proprietà, e la vendono ancora in tutto il mondo. Ma questo interesse si deve, una volta ancora, anche a Pino che mise le sue parole sopra questo groove che mi aveva insegnato mio padre, il bajon, un ballo di fine anni ’40-primi ’50, che io modificai. Quel groove è Napoli, e il brano è una miscela di Tullio e Pino nel mondo».

Gli aneddoti musicali hanno qui la stazione d’arrivo: «Che ‘Stop bajon’ fosse una cosa moderna – conclude De Piscopo – si trova conferma in un live ripreso da Rai Due alla Bussoladomani di Viareggio, condotto dal grande Gianni Minà. Dopo le prove sentii bussare alla porta del camerino: era Frankie dei Frankie Goes To Hollywood (all’anagrafe Holly Johnson, ndr), che voleva fare i complimenti per ‘Stop bajon’. In quegli anni loro avevano un pezzo fortissimo, ‘Relax’». Mi permetto, maestro De Piscopo: il suo non è che fosse da meno. «È vero», risponde Sua Maestà. «Secondo Frankie, il mio era più forte…».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved