laRegione
mai-piu-come-siamo-ora-led-zeppelin-il-giorno-dell-addio
Blues contemporaneo (Monaco di Baviera, 8 marzo 1970) - Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
7 ore

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
8 ore

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
10 ore

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
10 ore

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
1 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
1 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
1 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
1 gior

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
1 gior

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Video
Musica
2 gior

Wagner, revolver e muri del suono: è morto Phil Spector

In carcere per omicidio, inventò il 'Wall of Sound'. Dalle Crystals alle Ronettes, dai Beatles agli ex Beatles, da Cohen ai Ramones, influenzò Springsteen.
Scienze
2 gior

In Cina, boom dei servizi tramite droni nel 2020

Il Paese ha aumentato l'uso dei droni in vari campi come agricoltura e protezione dell'ambiente, anche per precipitazioni artificiali
Spettacoli
2 gior

I nuovi sguardi della critica cinematografica, oltre le stelline

Anita Hugi, direttrice delle Giornate cinematografiche di Soletta: “I critici non sono personal shopper”
Spettacoli
2 gior

Oscar, la short list per i film stranieri passa a 15

Record di candidature per il miglior film non in lingua inglese. Secondo Variety sono ben 93 e la lista che anticipa le candidatura passa da 10 a 15
Culture
3 gior

Sorellanza e Storia nel tempo di Silvia Ricci Lempen

Intervista con la vincitrice, con il romanzo in italiano e in francese ‘I sogni di Anna’/‘Les rêves d’Anna’, di uno dei Premi svizzeri di letteratura
Culture
3 gior

Giorgio Rosa e l'isola che non c'è... più

Nel marzo del 2016, prima della morte dell'ingegnere, prima che Elio Germano ne indossasse i panni per Netflix, laRegione lo aveva intervistato
Netflix
3 gior

Si chiama ‘SanPa’, ma poteva chiamarsi ‘VinCe’

È la storia di San Patrignano o solo quella del suo fondatore Vincenzo Muccioli? Tra sostenitori delle luci e scopritori di ombre, c'è un'Italia divisa
(Aspettando) Generi di conforto
4 gior

Tom Waits, canto primigenio del nostro essere uomini

Dall'archivio di un appassionato di musica: Tom Waits, 'Innocent When You Dream', 1995
Società
4 gior

La pandemia e la disparità tra luoghi di culto e luoghi di cultura

Con una lettera al consigliere federale Berset, i Liberi pensatori chiedono conto del trattamento differenziato di cui gode la chiesa, esentata dalle misure di protezione
Musica
04.12.2020 - 06:000

'Mai più come siamo ora': Led Zeppelin, il giorno dell'addio

Era il 4 dicembre 1980, e la morte di John Bonham a settembre fu il punto di non ritorno. Nemmeno un paio di discutibili ritorni ne ha mai scalfito il mito.

"Ma Paolo, facci i Led!", grida qualcuno degli Elio e le Storie Tese in 'Italyan, rum casusu çikti', album del 1992 con dentro un paio di devoti della band britannica (qualcun altro invita Paolo a cambiare genere e Paolo dice "Eh, vi sparo i Deep!"). A Milano i Led Zeppelin sono 'I Led', mentre a Brescia, per esempio, sono 'I Seppelin', con la esse dolce. A Cesenatico anche, ma con la zeta di Cesenatico. Tra le storpiature ci sono anche i Bitels, i Pergièm e I U (gli Who). Ma questo poco c’entra (era solo un modo come un altro per introdurre il tema di questo articolo).

Viviamo in un’epoca in cui i media celebrano qualsiasi ricorrenza: il 32esimo dalla nascita di Tizio, il 17esimo dalla morte di Caio, il 38esimo dalla resurrezione di Sempronio, perché la regola del lustro si è spenta. È tutto un “X anni di noi!”, dove X non è più multiplo di 5. Detto questo, evaso il quarantennale di ‘Back In Black’ degli AC/DC e aspettando quello della morte di Lennon, una delle ricorrenze esatte è proprio quella dei Led, dei Seppelin, dei Led Zeppelin, che il 4 dicembre del 1980 si scioglievano per sempre. Per tornare ancora, certo, ma in altra forma dalla band seminale che segnò la nascita dell’hard rock o dell’heavy metal, denominazioni di norma rigettate dai componenti. Jimmy Page in testa, che si sarebbe auspicato qualcosa come “blues contemporaneo”.

Indivisibile armonia

Il 4 dicembre 1980, giorno della fine dei Led Zeppelin, è forse più ricorrenza, più fulmine a ciel sereno di altre rock-separazioni. Certamente più dei Beatles ognun per sé ben prima del concerto sul tetto della Apple (Records). Anche se, in verità, la morte del batterista John Bonham, il 25 settembre dell’80, soffocato dal proprio vomito durante il sonno in un letto della villa di Page a Windsor, aveva minato la solidità di un gruppo già sufficientemente minato da altro precedente lutto: nell’estate del 1977, infatti, il cantante Robert Plant dovette seppellire il figlioletto Karac di soli 5 anni, morto improvvisamente per un virus intestinale.

Annus horribilis il ’77, che la band aveva cercato di esorcizzare con l’album ‘In Through the Out Door’ (1979, entrare dalla porta d’uscita, sintomatico). Ma l’ennesimo e fatale abuso di alcol di ‘Bonzo’, soprannome di Bonham, un mezzo scossone al ‘dirigibile’ l’aveva già dato. Riletto oggi, lo statement con il quale quarant’anni fa oggi i Led Zeppelin annunciavano la fine dei Led Zeppelin non lasciava adito a fraintendimenti: “Vogliamo rendere noto che la perdita del nostro caro amico, e il profondo senso d’indivisibile armonia regnante tra noi e il nostro manager, ci ha condotti alla decisione di non poter continuare così come siamo ora”.

Berlino, 7 luglio 1980

L’addio alle scene dei Led Zeppelin creerà una categoria di privilegiati, tutti di Berlino. O, almeno, tutti coloro che il 7 luglio del 1980 pagarono regolare biglietto per entrare all’Eissporthalle di una capitale ancora divisa dal muro per l’ultima data del Tour Europeo che sarebbe dovuto proseguire, come detto, negli Stati Uniti a partire da ottobre. La cronaca di quella sera riferisce del concerto improvvisamente minimalista di una band liberatasi dagli orpelli della commedia dell’arte del rock (solos, archetti, luci, lucine, lucette, capelli – Plant tagliato corto – varie ed eventuali), per sopravvivere all’urto del punk, del post punk, della new wave e post wave. Per parlare al post, ai post, ai posteri.

Il discorso interrotto quella notte riprenderà non prima del 1985 sulle prime note di ‘Rock and Roll’ dal John F. Kennedy Stadium di Philadelphia. È il 17 luglio e il Live Aid di Bob Geldof e Midge Ure è teatro della prima reunion dei Led Zeppelin, che non sarà certo ricordata come la cosa migliore di sempre: mentre i Queen, integri, accordati e intonati, dall’altra parte del mondo – nel Wembley Stadium che non c’è più – fanno la storia del rock, quelli che la storia del rock l’avevano fatta compiono “un tentato suicidio” per colpa di una performance “orribile”, come da rispettive definizioni date a quei 20 minuti di mondovisione da Page e Plant. Ascoltare quest’ultimo in ‘Whola Lotta Love’, in particolare, è (purtroppo) atto di puro masochismo.

Meglio così

I fan dei Led Zeppelin non si spelleranno le mani nemmeno al 40esimo della Atlantic, il 14 maggio del 1988, con Plant e Page, così pare, in contrasto su chi avrebbe dovuto suonare la batteria: il cantante vuole Chris Blackwell, il chitarrista l’erede di Bonham, per legame di sangue. E poi il presunto rifiuto di Plant di cantare ‘Stairway To Heaven’. Poi cantata. I fan si rifaranno nel dicembre del 2007 alla O2 Arena di Londra, col sangue del sangue, Jason Bonham, alla batteria. E rifiuto di Plant di trasformare il ritorno occasionale in permanente, visto quanto gli eccessi del rock fanno invecchiare male, forse è stato un bene.

P.S. Dati i messaggi subliminali contenuti nelle canzoni dei Led Zeppelin, anche questo articolo che dei Led Zeppelin parla potrebbe contenerne. Agli appassionati del lotto consigliamo di giocare i numeri citati all’inizio: 38, 32, 5, 17 e 11. Non si sa mai.

© Regiopress, All rights reserved