laRegione
ritorno-in-apnea-se-non-sei-stato-a-bergamo-non-puoi-capire
Oggi alle 17.45 al Cinema Iride, in replica domani alle 11 al Cinema Corso, alla presenza della regista (nella foto)
ULTIME NOTIZIE Culture
Figli delle stelle
3 ore

'Letter to you', Bruce Springsteen and the E-Street 'Brand'

Bruce Springsteen, 'Letter to you' (Columbia) - ★★★★★ - A noi pare una meraviglia. E col certificato sonoro del Boss che preferiamo.
Spettacoli
4 ore

Al Jazz Cat Club torna la musica. 'Anche in cinquanta'

Ad Ascona e pure a Bellinzona. Si comincia il 17 novembre con De Piscopo-Moroni-Zunino nel tributo a Pino Daniele. A colloquio con Nicolas Gilliet.
Spettacoli
4 ore

Kureishi ha inaugurato gli insoliti Eventi letterari 2020

Lo scrittore anglo-pakistano, in collegamento da Londra, ha parlato della pandemia e delle nuove prospettive che ci attendono
Cinema
12 ore

È morto Sean Connery

L'attore scozzese è scomparso all'età di 90 anni. Lo ha comunicato la sua famiglia
Culture
1 gior

Giacomo Jori, tra Telemaco e Pinocchio all'Usi

Prosegue il ciclo di letture collodiane. Il terzo appuntamento è fissato per mercoledì 4 novembre alle 18.30 all'Auditorium
Culture
1 gior

Addio allo scrittore svedese Jan Myrdal

Strenuo difensore delle ingiustizie, in Patria e nel mondo, il 'Rapporto da un villaggio cinese', libro del 1963, è la sua opera più nota.
Spettacoli
1 gior

Addio al maestro Alexander Vedernikov

Il direttore d’orchestra russo, più volte sul palco con l’Orchestra della Svizzera italiana, aveva 56 anni
Culture
1 gior

L’onnipotenza umana e il nuovo coronavirus

Intervista al filosofo Emanuele Coccia, ospite degli Eventi letterari Monte Verità per parlarci del ‘narcisismo negativo’ dell’umanità
Scienze
1 gior

Verena Keller, ornitologa svizzera, vince il 'Marsh Award'

Il prestigioso riconoscimento internazionale viene assegnato agli scienziati il cui lavoro ha grande impatto sull'ornitologia britannica.
Scienze
1 gior

Sostanza P, e il prurito non ha più segreti

Si deve tutto a un neuropeptide rilasciato da alcuni neuroni della pelle. La scoperta, avvenuta nel Massachusetts, amplia la comprensione del sistema immunitario.
Culture
1 gior

La Cernusco antifascista contro la libreria di Altaforte

Il 7 novembre, alle porte di Milano, apre un punto vendita dell'editore controverso. L'Anpi: 'Inneggiano al nazifascimo'.
Spettacoli
1 gior

Renato Zero d'accordo con Papa Francesco: 'Il mondo cambia'

Il cantante, icona gay, in sintonia con l'apertura del pontefice alle unioni civili fra persone omosessuali: 'C'è bisogno di grande rispetto'.
Scienze
1 gior

Uomini e cani sono amici dal Paleolitico

È quanto pubblica 'Science' dopo un'analisi del Dna antico del nostro migliore amico, condotto su 27 esemplari di tutta l'Eurasia
Culture
2 gior

Addio a Diane di Prima, poetessa della Beat Generation

Era nota soprattuto per l'opera 'Loba', indicata negli anni '70 come la controparte femminista di 'Howl' di Allen Ginsberg
L'intervista
2 gior

Stefania Auci, 'I leoni di Sicilia' per colazione

Sabato 31 ottobre alle 11, non al Lac ma in streaming sulla pagina facebook, la scrittrice siciliana dialoga con Maria Rosa Mancuso.
Spettacoli
2 gior

Il Volo omaggia il Maestro nella sua Roma

Il 'Tribute to Ennio Morricone' del trio del belcanto si terrà a giugno davanti alla basilica di San Pietro. E poi l'omonimo album.
Spettacoli
3 gior

A Chiasso il Cinema Teatro prepara il 'Piano D'

Il direttore Armando Calvia: 'Decisioni difficili da digerire, ma non possiamo certo stare con le mani in mano'
Arte
3 gior

Villa dei Cedri, natura e identità di un museo

Tra valorizzazione del territori e apertura all'internazionale, presentata la stagione espositiva 2021 del museo di Bellinzona
Spettacoli
3 gior

Paolo Rossi, si può ancora ridere in questi tempi grami

Standing ovation al Lac per il suo 'Pane o libertà. Su la testa', omaggio a Jannacci, Gaber, Fo, De André, che 'Paolino' considera i suoi maestri.
Teatro
3 gior

Crivellaro: 'Troveremo alternative, ma il teatro non è streaming'

'È incontro tra esseri umani. Approfitteremo per ragionare su cosa manca e su cosa è diventato', commenta il direttore artistico del Teatro di Locarno.
Spettacoli
17.10.2020 - 14:450

'Ritorno in apnea': se non sei stato a Bergamo non puoi capire

Film Festival Diritti Umani: il documentario di Anna Maria Selini sui giorni del coronavirus nella sua Bergamo, oggi e domani a Lugano. L'intervista

La prima immagine dei camion militari che lasciano Bergamo la notte del 18 marzo scorso è di un napoletano. Emanuele Di Terlizzi, assistente di volo, tornato a prendersi le sue cose, sente un gran baccano; si affaccia al balcone del salotto e vede la polizia che ferma i passanti affinché la lunga colonna di mezzi che caricano le bare scivoli via. Il giovane scatta una foto, la condivide con gli amici e la foto fa il giro del mondo. Forse apre gli occhi agli scettici. O almeno alla maggioranza. Andata via da Bergamo a diciott’anni, passata per Bologna, Madrid e poi per la Capitale, Anna Maria Selini apre così il suo documentario ‘Ritorno in apnea’, oggi alle 17.45 al Cinema Iride di Lugano nell’ambito del Film Festival Diritti Umani (in replica domenica 18 alle 11 al Cinema Corso, sempre alla presenza della regista). Lo apre andando a intervistare chi, a suo modo, le ha suggerito questo misurato, rispettoso racconto di quei giorni attraverso più occhi e più voci. «Quella notte – spiega a laRegione la giornalista e regista italiana – avevo già in testa l’idea di tornare a casa, per fare qualcosa, malgrado chi mi stava intorno cercasse di dissuadermi. Fu vedendo quelle immagini che dissi basta, piansi e non mi vergogno a dirlo. Nessuno mi avrebbe potuto fermare».

Gli occhi e le voci di ‘Ritorno in apnea’ sono quelli dei professionisti coinvolti nell’emergenza bergamasca, anche quelli mandati 'al fronte' con una mascherina medica "da usare sino alla lacerazione", quelli col posto fisso licenziatisi quando le Rsa, dapprima blindate, sono state riaperte ai convalescenti da Covid-19, quella sensazione di avere infettato gli anziani che non fa dormire la notte. Gli occhi dei sopravvissuti alle corsie d’ospedale, quelli dell’amico d’infanzia Simone e di Alessandra, entrambi a commemorare i rispettivi padri. Alessandra terrorizzata dall’idea di farsi intervistare, nella generale difficoltà, per la regista, di raccogliere testimonianze: «Arrivavo da Roma – racconta – dove avvertivo la voglia della gente di uscire di casa. Sono passata dai romani che fremevano, con la scusa della spesa o del cane, per scappare fuori ai bergamaschi terrorizzati che quasi non contemplavano più l’idea di uscire di casa. Quando a Bergamo chiedevo un’intervista, davano per scontato che sarebbe stata su Skype, soluzione che ho riservato ai soli ospedalizzati. Faticavo a comprendere la cosa perché non c’ero stata dentro».

Indole o trauma

“Non c’ero stata dentro”, che equivale a “Se non sei stato qui non puoi capire”, che è quanto ti senti dire in città e nelle valli. Selini ancora non sa se sia stata l’indole bergamasca a dare alle persone quella rabbia mai gridata o se invece sia altro. «Credo che l’indole c’entri molto di fronte a una tragedia così grande. Questo non impedisce ai bergamaschi di denunciare, cosa che non hanno smesso di fare. Però c’è anche l’aver dovuto saltare le tappe culturali che fanno parte dell’elaborazione del lutto, il vegliare il morto, il poterlo accompagnare fino all’ultimo, il funerale, tappe senza le quali non riesci a renderti conto dell’accaduto. E non riesci a ricominciare». Per dirla con le parole della psicologa Nicole Adami, tra le testimonianze più interessanti, «lo stesso lutto delle madri di Plaza de Mayo, le madri dei desaparecidos, che non si sono ancora rassegnate».

C’è un’altra psicologa in ‘Ritorno in apnea’ ed è colei che ci definisce tutti “la generazione della Milano da Bere”. «Si chiama Laura Tiraboschi, è lei che nelle conversazioni che ho inserito parla di “vivere in apnea”, ispirandomi il titolo. Riconosce che non siamo la generazione dei nostri nonni, che hanno fatto la guerra, che hanno ricostruito l’Italia, che sono poi quelli venuti a mancare. Noi, come dice lei, al massimo dobbiamo pensare a dove fare l’aperitivo. Non abbiamo questo ‘allenamento’». La scusante: «Le pandemie non sono cose frequenti, ancor meno nella Bergamo ricca e operosa».

Da Gaza alla Bergamasca

A Roma, in quella notte di marzo coi camion nelle strade, Anna Maria Selini tira via la polvere dalla telecamera usata nella striscia di Gaza e la mette in valigia. “Specializzata nelle aree di crisi – scrive nelle note introduttive al suo lavoro – mai avrei pensato che la mia terra lo sarebbe diventata”. «Le aree di crisi – ci dice di persona – non sono soltanto le guerre, sono anche quelle colpite da terremoti, alluvioni. Jessica Costanzo, giornalista di Valseriana News, che ho intervistato, mi ha proprio parlato di una situazione di terremoto quotidiano. I traumi. D’altra parte, sono molto simili. Non a caso sono intervenuti gli psicologi dell’emergenza, che agiscono dopo eventi ambientali particolarmente forti». Il racconto, giornalistico e senza nulla concedere al dolore tout court, dosa bene le sensazioni di chi sta dietro la telecamera: «È stato come se mi avessero cambiato il mondo senza prima farmi avere le istruzioni», spiega Selini. «Sono saltati i miei punti di riferimento fisici, spaziali. Ero abituata a entrare sull’A4 facendomi la croce per tutto il traffico che vi transita e la vedevo vuota, quell’autostrada che io chiamo ‘La geografia della mia infanzia’, essendoci nata vicino. E non ritrovavo più gli odori, i rumori». Rumori come quelli delle sirene delle ambulanze che, contro la regola vigente, il direttore del 118 di Bergamo a un certo punto ha dato ordine di zittire: «La gente era angosciata. Ne sentivo in continuazione. Ma prima che io arrivassi, mi dicevano, il suono era continuo, da far saltare i nervi».

’Qualcosa abbiamo imparato’

“Non sei davvero morto se non sei sull’Eco di Bergamo”, oggi, è un detto che non è più un luogo comune. Dal 12 al 29 marzo, l’’Eco’ stampava 13 pagine di necrologi. L’’Eco’ che nel film spiega l’analisi condotta in prima persona sul totale ufficiale dei morti, che è da moltiplicare per due. Non che la cosa convincerà mai i negazionisti: «Non li considero e non provo rabbia per loro», commenta la regista. «So solo che mancano di rispetto verso le persone che ho intervistato e verso chi se n’è andato via soffocando, stringendo, se fortunato, le mani di sconosciuti, per quanto infermieri amorevoli». Chiudiamo parlando di ‘Ritorno’, nelle ore in cui, non solo a Bergamo, tornano a crescere i numeri: «Bergamo ha pagato l’essere stata la provincia più colpita d’Italia, ha pagato l’essere stato, il ceppo bergamasco del virus, il più aggressivo, ha pagato gli errori della zona rossa mai istituita, e la mancata chiusura dell’ospedale di Alzano Lombardo. Mi auguro che qualsiasi debbano essere ora le condizioni, non si ripetano tutte insieme. Ricordiamoci però cos’è successo e quel che potrebbe succedere ancora. Qualcosa abbiamo imparato, ma ci è costato tanto».

© Regiopress, All rights reserved