Basilea
1
Apoel
0
fine
(1-0)
Lask Linz
2
Az Alkmaar
0
fine
(1-0)
FC Porto
1
Bayer Leverkusen
3
fine
(0-1)
Gent
1
Roma
1
fine
(1-1)
Malmo Ff
0
Vfl Wolfsburg
3
fine
(0-1)
Espanyol
3
Wolverhampton
2
fine
(1-1)
Istanbul Basaksehir
3
Sporting Cp
1
supplement
(2-0 : 1-1 : 0-0)
Sevilla
Cfr 1907 Cluj
21:00
 
Manchester Utd
Club Brugge
21:00
 
Celtic
FC Copenhagen
21:00
 
Ajax
Getafe
21:00
 
Inter
Ludogorets
21:00
 
Arsenal
Olympiakos Piraeus
21:00
 
Benfica
Shakhtar Donetsk
21:00
 
Basilea
EUROPA LEAGUE
1 - 0
fine
1-0
Apoel
1-0
 
 
22'
MATIC UROS
1-0 FREI FABIAN
38'
 
 
 
 
55'
JENSEN MIKE
 
 
63'
EFREM GIORGOS
 
 
76'
VOUROS PRAXITELIS
ISUFI ELIS
81'
 
 
 
 
86'
DE VINCENTI TOMAS
MATIC UROS 22'
38' 1-0 FREI FABIAN
JENSEN MIKE 55'
EFREM GIORGOS 63'
VOUROS PRAXITELIS 76'
81' ISUFI ELIS
DE VINCENTI TOMAS 86'
Missed Penalty for APOEL at 74th minute by DE VINCENTI TOMAS.
First leg (3-0), agg (4-0).
Venue: St.
Jakob Park.
Turf: Natural.
Capacity: 37,944.
Referee: Pavel Kralovec (CZE).
Assistant referees: Ivo Nadvornik (CZE), Tomas Mokrusch (CZE).
Fourth official: Miroslav Zelinka (CZE).
Video Assistant Referee: Pawel Gil (POL).
Assistant Video Assistant Referee: Bartosz Frankowski (POL).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Lask Linz
EUROPA LEAGUE
2 - 0
fine
1-0
Az Alkmaar
1-0
 
 
24'
WIJNDAL OWEN
WIESINGER PHILIPP
37'
 
 
1-0 RAGUZ MARKO
44'
 
 
2-0 RAGUZ MARKO
50'
 
 
FILIPOVIC PETAR
63'
 
 
WIESINGER PHILIPP
88'
 
 
WIJNDAL OWEN 24'
37' WIESINGER PHILIPP
44' 1-0 RAGUZ MARKO
50' 2-0 RAGUZ MARKO
63' FILIPOVIC PETAR
88' WIESINGER PHILIPP
First leg (1-1), agg (3-1).
Venue: TGW Arena.
Turf: Natural (Hybrid Pitch).
Capacity: 7,870.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
FC Porto
EUROPA LEAGUE
1 - 3
fine
0-1
Bayer Leverkusen
0-1
 
 
10'
0-1 ALARIO LUCAS
ZE LUIS ANDRADE
33'
 
 
OLIVEIRA SERGIO
36'
 
 
URIBE MATEUS
42'
 
 
 
 
43'
BENDER LARS
 
 
50'
0-2 DEMIRBAY KEREM
MARCANO IVAN
54'
 
 
 
 
57'
0-3 HAVERTZ KAI
1-3 MAREGA MOUSSA
65'
 
 
 
 
67'
DEMIRBAY KEREM
 
 
69'
WEISER MITCHELL
NAKAJIMA SHOYA
76'
 
 
PEPE KEPLER
82'
 
 
 
 
82'
AMIRI NADIEM
SOARES TIQUINHO
85'
 
 
ALARIO LUCAS 0-1 10'
33' ZE LUIS ANDRADE
36' OLIVEIRA SERGIO
42' URIBE MATEUS
BENDER LARS 43'
DEMIRBAY KEREM 0-2 50'
54' MARCANO IVAN
HAVERTZ KAI 0-3 57'
65' 1-3 MAREGA MOUSSA
DEMIRBAY KEREM 67'
WEISER MITCHELL 69'
76' NAKAJIMA SHOYA
82' PEPE KEPLER
AMIRI NADIEM 82'
85' SOARES TIQUINHO
First leg (1-2), agg (2-5).
Venue: Estadio Dragao.
Turf: Natural.
Capacity: 50,033.
Referee: Istvan Kovacs (ROU).
Assistant referees: Vasile Florin Marinescu (ROU), Ovidiu Artene (ROU).
Fourth official: Marius Avram (ROU).
Video Assistant Referee: Marco Di Bello (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Ovidiu Haţegan (ROU).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Gent
EUROPA LEAGUE
1 - 1
fine
1-1
Roma
1-1
1-0 DAVID JONATHAN
25'
 
 
BEZUS ROMAN
28'
 
 
 
 
29'
1-1 KLUIVERT JUSTIN
 
 
42'
VERETOUT JORDAN
DEPOITRE LAURENT
50'
 
 
 
 
62'
SPINAZZOLA LEONARDO
KUMS SVEN
83'
 
 
MOHAMMADI MILAD
90'
 
 
ODJIJA-OFOE VADIS
90'
 
 
25' 1-0 DAVID JONATHAN
28' BEZUS ROMAN
KLUIVERT JUSTIN 1-1 29'
VERETOUT JORDAN 42'
50' DEPOITRE LAURENT
SPINAZZOLA LEONARDO 62'
83' KUMS SVEN
90' MOHAMMADI MILAD
90' ODJIJA-OFOE VADIS
First leg (0-1), agg (1-2).
Venue: Ghelamco Arena.
Turf: Natural (Mixto Hybrid Grass Technology).
Capacity: 20,000.
Referee: Jose Maru00eda Sanchez (ESP).
Assistant referees: Raul Cabanero (ESP), Roberto Alonso (ESP).
Fourth official: Pablo Gonzalez Fuertes (ESP).
Video Assistant Referee: Carlos del Cerro Grande (ESP).
Assistant Video Assistant Referee: Xavier Estrada Fernandez (ESP).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Malmo Ff
EUROPA LEAGUE
0 - 3
fine
0-1
Vfl Wolfsburg
0-1
RIEKS SOREN
5'
 
 
 
 
41'
0-1 BREKALO JOSIP
 
 
65'
0-2 GERHARDT YANNICK
 
 
69'
0-3 VICTOR JOAO
 
 
84'
BROOKS JOHN
5' RIEKS SOREN
BREKALO JOSIP 0-1 41'
GERHARDT YANNICK 0-2 65'
VICTOR JOAO 0-3 69'
BROOKS JOHN 84'
First leg (1-2), agg (1-5).
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Espanyol
EUROPA LEAGUE
3 - 2
fine
1-1
Wolverhampton
1-1
 
 
6'
TRAORE ADAMA
1-0 CALLERI JONATHAN
16'
 
 
 
 
22'
1-1 TRAORE ADAMA
SANCHEZ VICTOR
40'
 
 
 
 
56'
KILMAN MAX
2-1 CALLERI JONATHAN
57'
 
 
 
 
63'
GIBBS-WHITE MORGAN
VARGAS MATIAS
66'
 
 
CALLERI JONATHAN
66'
 
 
 
 
79'
2-2 DOHERTY MATT
3-2 CALLERI JONATHAN
90'
 
 
TRAORE ADAMA 6'
16' 1-0 CALLERI JONATHAN
TRAORE ADAMA 1-1 22'
40' SANCHEZ VICTOR
KILMAN MAX 56'
57' 2-1 CALLERI JONATHAN
GIBBS-WHITE MORGAN 63'
66' VARGAS MATIAS
66' CALLERI JONATHAN
DOHERTY MATT 2-2 79'
90' 3-2 CALLERI JONATHAN
First leg (0-4), agg (3-6).
Venue: RCDE Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 40,500.
Referee: Marco Guida (ITA).
Assistant referees: Matteo Passeri (ITA), Giorgio Peretti (ITA).
Fourth official: Fabio Maresca (ITA).
Video Assistant Referee: Maurizio Mariani (ITA).
Assistant Video Assistant Referee: Ciro Carbone (ITA).
28/2: Europa League round of 16 draw.
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Istanbul Basaksehir
EUROPA LEAGUE
3 - 1
supplement
2-0
1-1
0-0
Sporting Cp
2-0
1-1
0-0
1-0 SKRTEL MARTIN
31'
 
 
 
 
34'
WENDEL MARCUS
ALEKSIC DANIJEL
37'
 
 
 
 
42'
VIETTO LUCIANO
2-0 ALEKSIC DANIJEL
45'
 
 
 
 
68'
2-1 VIETTO LUCIANO
CLICHY GAEL
71'
 
 
EPUREANU ALEXANDRU
74'
 
 
KAHVECI IRFAN
81'
 
 
3-1 VISCA EDIN
90'
 
 
31' 1-0 SKRTEL MARTIN
WENDEL MARCUS 34'
37' ALEKSIC DANIJEL
VIETTO LUCIANO 42'
45' 2-0 ALEKSIC DANIJEL
VIETTO LUCIANO 2-1 68'
71' CLICHY GAEL
74' EPUREANU ALEXANDRU
81' KAHVECI IRFAN
90' 3-1 VISCA EDIN
First leg (1-3).
Venue: Basaksehir Fatih Terim Stadium.
Turf: Natural.
Capacity: 17,300.
Referee: Antonio Mateu Lahoz (ESP).
Assistant referees: Pau Cebrian Devu00eds (ESP), Roberto del Palomar (ESP).
Fourth official: Josu00e9 Luis Munuera Montero (ESP).
Video Assistant Referee: Alejandro Hernandez (ESP).
Assistant Video Assistant Referee: Inigo Prieto (ESP).
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Sevilla
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Cfr 1907 Cluj
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Manchester Utd
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Club Brugge
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Celtic
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
FC Copenhagen
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Ajax
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Getafe
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Inter
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Ludogorets
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Arsenal
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Olympiakos Piraeus
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Benfica
EUROPA LEAGUE
0 - 0
21:00
Shakhtar Donetsk
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020 20:56
Una scena del film
Spettacoli
13.02.2020 - 21:410

'Laetitia Casta ha letto la sceneggiatura ed è nato qualcosa'

Intervista alla regista losannese Delphine Lehericey sulla coproduzione svizzero-belga 'Le milieu de l'horizon' presentato a Muralto

Tutto si secca, sotto il torrido sole dell’estate del 1976. I campi, in quella che è una delle peggiori siccità del secolo; l’infanzia di Gus, con i primi segni di un’adolescenza che ridefinisce tutto; i ruoli familiari, con la voglia di libertà e indipendenza che porta Nicole a lasciare il marito Jean e i figli.
Tutto cambia, in quella calda estate del 1976 che diventa specchio dei mutamenti – sociali e climatici – di oggi; a non cambiare, nel film 'Le milieu de l’horizon' di Delphine Lehericey, è paradossalmente il cinema: quello della regista losannese è un lavoro estremamente curato ma al contempo molto tradizionale. Forse un paradosso, pensando alla storia di rottura, ma il film scorre bene e conta su un buon cast, con Laetitia Casta nel ruolo della madre Nicole e il giovane Luc Bruchez nel ruolo di Gus.

La coproduzione svizzero-belga, in corsa per quattro premi del cinema svizzero (miglior film, miglior sceneggiatura, miglior attore protagonista per Luc Bruchez, miglior musica), dopo un’anteprima a Muralto per FestivalLibro – alla presenza di Roland Buti, autore dell’omonimo romanzo da cui è tratto il film – arriva adesso nelle sale ticinesi.

Delphine Lehericey, che cosa l’ha attratta nella storia di Nicole e Gus?

Quando, due anni prima di realizzare il film, ho letto la bozza di sceneggiatura che Joanne Giger aveva tratto dal film, sono stata colpita dai temi ma soprattutto dallo sguardo del bambino su sua madre, su quello che lei stava affrontando. Un aspetto che nella prima versione della sceneggiatura non era ancora così sviluppato e sul quale ho voluto lavorare perché credo sia la cosa davvero originale della storia: il resto è se vogliamo banale – e non lo dico come un giudizio negativo, semplicemente è una storia molto comune. Ma l’idea di raccontarla attraverso gli occhi di un bambino che guarda gli adulti che lo circondano mi è subito piaciuta.


A proposito dei temi del film: l’attualità è indubbia, ma avete deciso di mantenere l’ambientazione degli anni Settanta.

Fare un film “storico” comporta certamente dei limiti e ci siamo chiesti se provare ad ambientarlo ai giorni nostri. Ma non sarebbe stato possibile: è vero che il clima e l’emancipazione delle donne sono temi attuali, ma non avrebbe avuto lo stesso senso. Sono affascinata dall’atmosfera dei film di Louis Malle, o ancora da ‘Messaggero d’amore’ di Joseph Losey: avevo questa voglia di andare in un’epoca per raccontarne un’altra. E avevo voglia di raccontare la storia di un ragazzino che pare, appunto, nato in un’epoca che non è la sua.


Con tutti i problemi per procurarsi costumi e oggetti di scena del periodo. Non deve essere stato semplice, a livello di produzione.

È stato certamente un progetto ambizioso, per due Paesi piccoli come Svizzera e Belgio. Il produttore è lo stesso del mio film precedente, ‘Puppylove’, ed è come una famiglia: ci conosciamo, ci capiamo. Ma effettivamente i mezzi erano pochi e per realizzare il film siamo dovuti andare all’estero, in Macedonia, con i limiti del caso, ad esempio a livello di infrastrutture. Per realizzare questo film tutti – attori, l’équipe tecnica, la produzione – abbiamo dovuto aiutarci l’un l’altro, lavorare uniti.

Nicole, la madre di Gus, è interpre­tata da Laetitia Casta. Come è stata coinvolta?

Fin dall’inizio volevo un nome importante per la madre, qualcuno di famoso con cui il pubblico adulto potesse identificarsi – evitando quindi di condannarla. Qualcuno di conosciuto e amato dal pubblico, con un’immagine positiva.

Quando, alla radio, ho sentito Laetitia Casta che parlava di bambini – all’epoca era ambasciatrice dell’Unicef – mi sono detta che sarebbe stato perfetto averla. Le ho scritto tramite il suo agente, ha letto la sceneggiatura, ci siamo incontrate ed è nato qualcosa. Ha anche trasformato un po’ il personaggio, ha ampliato il ruolo della madre nel film, per rendere questa figura più forte che nel romanzo. Nel libro la relazione tra madre e figlio è un po’ fredda, mentre noi abbiamo voluto un legame più profondo.

Ampliato il ruolo della madre: ma c’è qualcosa che è stato ridotto o che si è pensato di ridurre? Lo chiedo perché nel film si toccano molti temi.

Il segreto del regista è scegliere, ma è vero che in questo film c’è molto: il fatto è che secondo me è difficile togliere un tema perché sono tutti intrecciati nella storia. Avremmo potuto non parlare delle difficoltà finanziarie della fattoria, quando danno l’idea dell’incertezza cui è confrontata la famiglia? La storia d’amore della madre, da cui inizia tutto? La siccità, che dà quel senso di apocalisse alla fine dell’infanzia di Gus? Ma devo dire che è stato molto complicato, soprattutto in fase di montaggio, per dare un senso a tutto.

C’è qualche scena alla quale è particolarmente legata? (attenzione: spoiler, ndr.)

Ho insistito molto per il finale, per questa riconciliazione conclusiva tra la madre e il figlio. È l’opposto di quello che ha scritto Roland Buti, ma non volevo, nel 2019, finire un film nel quale la madre non ha trasmesso nulla della sua liberazione al figlio. Sarebbe stata una condanna, per gli uomini e le donne, alla fatalità del patriarcato e del mondo: volevo un po’ di speranza, credere che l’amore possa produrre qualcosa di positivo. Mi piacciono i finali aperti, per cui non sappiamo come crescerà Gus, ma volevo dare l’idea che qualcosa gli fosse arrivato, dell’esperienza della madre.


Distanziandosi, quindi, dal finale del romanzo.

A non essere d’accordo era la sceneggiatrice: ne è nata una discussione molto interessante, ma adesso è d’accordo con questo finale. E Roland Buti, al quale il film è piaciuto molto, ha detto che la cosa importante è che venga mantenuta l’emozione del libro, non la storia.


Ultima domanda: progetti futuri?

Siamo al lavoro per una serie tratta da un fumetto. Anche questa storica: inizia nel 1973 e si conclude ai giorni nostri. È un progetto sulle utopie, su quello che rimane, a settant’anni, dei nostri sogni di ventenni, attraverso l’amicizia di tre giovani. Un altro progetto ambizioso, per il quale abbiamo il sostegno della Rts.

© Regiopress, All rights reserved