ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
2 ore

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
4 ore

’Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
5 ore

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
20 ore

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
20 ore

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
1 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
1 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
1 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
1 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
1 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
1 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
2 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
2 gior

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
2 gior

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
2 gior

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
2 gior

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
2 gior

Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola

Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
07.03.2022 - 11:28
Aggiornamento: 13:01

Il linguaggio inclusivo non è una neolingua orwelliana

Lo psicolinguista Pascal Gygax, ospite l’8 marzo della rassegna Generando, sul rapporto tra linguaggio e pensiero e la dimensione politica della lingua

di Ivo Silvestro
il-linguaggio-inclusivo-non-e-una-neolingua-orwelliana

Linguaggio inclusivo. Un semplice termine che quasi certamente susciterà, in chi lo legge, due reazioni opposte: l’approvazione per un necessario passo verso la parità oppure l’irritazione per un’inutile imposizione, aprendo la strada a una discussione anche accesa.

L’idea di linguaggio inclusivo – che si parli di schwa, la e rovesciata "ə" che alcuni propongono di usare per un gruppo misto di persone al posto del plurale sovraesteso e per le persone non binarie, o di mettere al femminile nomi di professioni come avvocata e architetta – tocca temi molto dibattuti, dalle trasformazioni della nostra società alle differenze di genere al rapporto tra linguaggio e pensiero. Proprio da quest’ultimo punto partirà Pascal Gygax, psicolinguista dell’Università di Friburgo che domani alle 18 al Centro professionale di Trevano terrà la conferenza "Che genere di linguaggio?" nell’ambito della rassegna Generando del Percento culturale Migros (www.generando.ch). La domanda è se parlando una lingua con al centro l’uomo e non la donna – come sono ad esempio il francese e l’italiano – il cervello pensi al maschile, domanda che per altro fa da titolo al libro che Gygax ha scritto con Sandrine Zufferey e Ute Gabriel (‘Le cerveau pense-t-il au masculin? Cerveau, langage et représentations sexistes’, pubblicato da Le Robert).

«Il rapporto tra linguaggio e pensiero è al centro del lavoro della nostra équipe qui a Friburgo, non solo relativamente al genere ma anche ad esempio alla percezione del futuro» ci spiega Gygax.

Il punto di partenza di queste ricerche è molto semplice: «Il linguaggio presenta un numero limitato di opzioni per parlare di un mondo che è invece illimitato. Il linguaggio va quindi ad attirare la nostra attenzione su alcune proprietà del mondo che non sono necessariamente pertinenti». Il linguaggio agisce quindi come una sorta di filtro su quello che percepiamo e pensiamo. All’inizio del Novecento, prosegue Gygax, alcuni antropologi sostenevano una posizione più netta: «Secondo Edward Sapir e Benjamin Lee Whorf il linguaggio determina il nostro pensiero e ad esempio per Sapir se una popolazione ha solo due parole per i colori, allora quella popolazione vedrà solo due colori». Questa tesi è stata oggetto di molti dibattiti e benché ci siano delle ricerche molto interessanti sull’influenza del linguaggio sulla percezione dei colori, l’idea di un determinismo diretto è oggi superata. «A Friburgo partiamo dall’idea che il linguaggio sia un filtro attenzionale, in grado di attirare la nostra attenzione su certe proprietà e non altre». E per mostrarci come agisce questo filtro Gygax ci ha anticipato uno degli esperimenti di cui parlerà domani: un regalo in denaro. A metà dei soggetti il dono è stato descritto come "una piccola moneta", all’altra metà solo come "una moneta" e la felicità tra i primi era inferiore di quella tra i secondi. «La stessa realtà, la stessa moneta uguale per tutti, è stata percepita diversamente perché la parola "piccola" ha attirato l’attenzione su una certa proprietà di quella moneta, il suo essere piccola». Dalle monete al genere, un linguaggio in cui il maschile è la norma «non cancella le donne dal mondo, ma ci fa pensare a un mondo con una maggiore presenza maschile» perché rende l’interpretazione maschile «più facile, più rapida, mentre pensare a una donna richiede un certo sforzo».

George Orwell e l’Académie Française

Torniamo per un momento al determinismo sostenuto da Sapir e Whorf: quelle idee, ci spiega Gygax, hanno profondamente influenzato George Orwell e la neolingua di ‘1984’ è spesso citata dai critici del linguaggio inclusivo. «L’idea era che se togliamo la parola "libertà" allora non si potrà più pensare alla libertà: non è vero, potremmo ancora pensare alla libertà anche se, probabilmente, saremmo meno esposti a questa idea, la noteremmo meno».

Il riferimento a Orwell evoca poi l’uso politico del linguaggio ma, avverte subito Gygax, non si tratta certo di una novità. «Storicamente a un certo punto parole come "autrice" e "professoressa" sono scomparse dal dizionario dell’Académie Française e questo per un motivo politico: si voleva segnalare alle donne che quelli non erano professioni per loro, mentre altre sì e infatti "panettiera" è rimasta nel dizionario. Le autrici e le professoresse non sono ovviamente scomparse, ma per loro è stato più difficile».

Che cosa significa in concreto adottare un linguaggio inclusivo? «Ci sono vari strumenti a disposizione, ma lo scopo rimane sempre lo stesso: demascolinizzare la lingua. Questo possiamo farlo mettendo in evidenza le donne, oppure cercando di rendere neutro il linguaggio togliendo riferimenti al genere». È ad esempio possibile dire "le cittadine e i cittadini" invece di utilizzare il maschile per le une e gli altri. Per rendere neutro il linguaggio, abbiamo termini (come "persona") che si riferiscono a entrambi i generi, o usare espressioni come "voi che leggete" invece di "i lettori". E introdurre nuovi pronomi neutri? «È possibile, tutto dipende se le persone lo useranno, come successo ad esempio in Svezia con il pronome ‘hen’ che nel 2012 è stato utilizzato in un libro per l’infanzia, è diventato popolare e pochi anni dopo è stato inserito del dizionario dell’Accademia svedese».

Utilizzare un linguaggio inclusivo è quindi possibile. E anche utile: «Alcuni studi su struttura grammaticale e livello di inclusione mostrano che c’è un legame», spiega Gygax, anche se non dobbiamo pensare che il linguaggio sia l’unico fattore in gioco. «Nessuno ha mai detto che il linguaggio possa da solo eliminare tutte le ineguaglianze. Del resto neanche la parità salariale eliminerà tutte le ineguaglianze, ma questo non la rende meno importante».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved