S.Gallo
Lucerna
14:15
 
Vaduz
Xamax
14:15
 
atg-alle-autorita-organi-di-stampa-sopportati-piu-che-aiutati
'La politica non può semplicemente trincerarsi dietro le procedure' (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 ore

Anziani abili e soddisfatti di utilizzare le tecnologie

sottotitolo
Figli delle stelle
18 ore

'Downhill From Everywhere', le umane storie di Jackson Browne

Jackson Browne, ‘Downhill From Everywhere’ (Inside Recordings) - ★★★★✩ - Il quindicesimo album d'inediti dal 1972. Pochi ma buoni (buonissimi)
Arte
18 ore

Michelangelo Pistoletto e il filo di una mostra

Dal museo allo spazio aperto e viceversa: sguardi sulla mostra antologica la Museo d’Arte Moderna di Ascona
Babel
19 ore

Le torri di Babele (2001-2021)

Dal 10 al 12 settembre la 16esima edizione del Festival di Letteratura a Traduzione di Bellinzona. A colloquio con Vanni Bianconi, direttore artistico
Cinema
22 ore

'Old', invecchiare e non accorgersene

È arrivato nelle sale ticinesi il nuovo film di M. Night Shyamalan, thriller alla luce del sole che lascia il pubblico con il fiato sospeso
Società
1 gior

Un viaggio tra le donne che hanno rifatto Zurigo

Dal movimento di liberazione femminile ai processi per stregoneria, una serie di visite guidate per scoprire la presenza femminile in città
Culture
1 gior

Festival di narrazione, di Arzo 'e d'altrove'

Dal 19 al 22 agosto, la 21esima edizione si svolge anche a Meride e Tremona. Sul sito ufficiale della manifestazione l'intera proposta
Libri
1 gior

Minimalismo ticinese di Andina e Custer

‘Tessiner Horizonte – Momenti Ticinesi’ (Rotpunktverlag), fusione bilingue tra racconti e schizzi del paesaggio montano in uscita il 3 agosto
Arte
1 gior

L’Arco di Trionfo come immaginato da Christo e Jeanne-Claude

Iniziati i lavori di impacchettamento secondo le indicazioni lasciate dalla coppia di artisti. L’opera sarà visibile dal 18 settembre al 3 ottobre
Spettacoli
1 gior

Shakira rischia il processo per frode fiscale

La somma contestata alla cantante sarebbe stata evasa tra il 2012 e il 2014 quando secondo le autorità l'artista aveva già fissato la residenza fiscale in Spagna
Culture
2 gior

Roberto Calasso, l'editoria come passione

Le sue narrazioni concepite come un ciclo, le scelte editoriali esclusive e grandi: un ricordo dell'editore di Adelphi, scomparso a Milano all'età di 80 anni.
Musica
2 gior

Gli ZZ Top perdono il bassista Dusty Hill, morto a 72 anni

L'ultimo saluto della band sui social: 'Saremo per sempre legati a quel Blues Shuffle in C. Ci mancherai moltissimo, amigo'
Giornalismo
13.06.2021 - 15:490
Aggiornamento : 19:26

Atg alle autorità: 'Organi di stampa sopportati più che aiutati'

'Accusare la stampa di alimentare sospetti, come fatto venerdì da Norman Gobbi - scrive l'Atg - significa non riconoscere ai media il loro ruolo: porre domande'

“Più sopportati che non aiutati a svolgere il loro lavoro”. È il ritratto degli organi di stampa dall’Associazione ticinese dei giornalisti (Atg), nel rimarcare lo sguardo critico da sempre adottato nei confronti della comunicazione delle autorità in Ticino. Una sopportazione che  si evidenza “proprio quando lo spirito, se non la lettera, della recente Legge sulla trasparenza – scrive l'Atg nella nota – dovrebbe spingere ulteriormente le autorità di ogni livello a una trasparenza completa e a nuove forme di comunicazione piu ampie ed efficaci collaborando così con i media per la realizzazione del mandato costituzionale della libertà di stampa e opinione”.

Nel constatare alcune problematiche che “si concretizzano in un atteggiamento e in modalità che abbiamo ripetutamente criticato, pubblicamente o con contatti diretti, ottenendo solo “parziali miglioramenti”, l'Atg rivendica l'aver criticato la Polizia “per gli ostacoli posti al lavoro dei fotografi in occasione di eventi programmati o eccezionali”; altrettanto il Dipartimento delle Istituzioni “per la conferenza stampa surreale e inconcludente dopo i presunti fatti di terrorismo alla Manor”; segnalato, in occasione della prima ondata della pandemia, come la comunicazione del Consiglio di Stato “fosse stata affidata alla polizia, quando il governo in questo ambito dispone di un proprio servizio, con tutta l’ambiguità di ruoli tra le due istituzioni“; segnalato al Consiglio di Stato come “le modalità con cui venivano tenute le conferenze stampa durante l’emergenza pandemica non rispettassero il lavoro e il ruolo dei giornalisti, in particolare per i limiti posti alla libertà di porre domande, poi ripristinata dopo il nostro intervento”, problema postosi anche per i fotografi. E infine, portato all’attenzione delle istituzioni – recentemente durante la presentazione della ricerca sulla Menzione dei nomi in cronaca – “le norme anacronistriche e castranti che oggi limitano il lavoro dei giornalisti e l’incapacità della Polizia e della Magistratura a comunicare come oggi si richiederebbe”.

Venendo ai fatti di cronaca più recenti, “di fronte a una frattura sociale come quella prodotta dalla questione del Molino – scrive l'Atg – la politica non può semplicemente trincerarsi dietro le procedure, altrimenti il politico non fa il suo lavoro ma fa semplicemente l'‘amministratore’, e in questo momento, per di più, lo sta facendo con comunicazioni cacofoniche e confuse. Un modo di comunicare che rende davvero difficile il lavoro dei giornalisti. Benché ci sia di mezzo una inchiesta della magistratura che deve stabilire le responsabilità precise di tutti gli attori coinvolti e ci siano quindi limiti e procedure da rispettare”. L'invito rivolto alle autorità è quello di “trasmettere alla città e al Paese un messaggio ‘politico’ capace di far capire che le istituzioni si stanno prendendo cura di questa frattura sociale, perché in piazza il 5 giugno è andato anche – e forse soprattutto – chi è preoccupato per la capacità dello Stato di essere al servizio dei suoi cittadini, tutti, e non contro di loro, o una parte di loro”. L'Atg auspica “coesione”, cosa che “solo la politica e i politici” possono dare.

“Attaccare la stampa, accusata di alimentare sospetti, come fatto venerdì scorso da Norman Gobbi – conclude l'Atg – significa non riconoscere ai media il loro ruolo, che è quello di porre domande, di chiedersi cosa è successo e cosa sta succedendo, usando pure la leva della critica – documentata e approfondita – perché è anche attraverso questo strumento che si costruisce il dibattito pubblico e democratico”. Da cui la necessità di coesione per la quale il contributo della stampa “è essenziale e va rispettato”. Questo perché “il giornalista non è un procuratore, non è un giudice, ma semplicemente un professionista che vuole aiutare la società a essere trasparente e a fare chiarezza, anche su vicende incandescenti come questa”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved