tutorie-la-maggioranza-approva-questa-riforma
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
4 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
8 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
10 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
12 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
12 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
21 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
23 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
laR
 
14.07.2021 - 05:20
Aggiornamento: 18:31

‘Tutorie, la maggioranza approva questa riforma’

Il Dipartimento istituzioni scrive agli enti interpellati e stila un bilancio della consultazione. 'Entro fine anno il progetto di messaggio in governo'

L’obiettivo del Dipartimento istituzioni “è di sottoporre il progetto di messaggio governativo aggiornato all’attenzione del Consiglio di Stato entro la fine del corrente anno”. Vale a dire il progetto di messaggio sull’attesa riforma del settore tutele e curatele in Ticino. È quanto indica la Divisione giustizia in una lettera inviata qualche giorno fa agli enti (soggetti pubblici, associazioni, partiti) chiamati nei mesi scorsi a esprimersi sulla riorganizzazione delle autorità di protezione prospettata dal Dipartimento. Un paio gli elementi principali della riforma: il passaggio dai Comuni al Cantone delle autorità di protezione e pertanto della competenza di stabilire e applicare le misure per adulti e minori previste dal Codice civile; l’abbandono del vigente modello amministrativo e l’adozione di quello giudiziario, con l’introduzione di Preture specifiche, le Preture di protezione (e la conseguente uscita di scena delle odierne sedici Arp, le Autorità regionali di protezione).

La bozza di messaggio concernente la riorganizzazione è stata posta in consultazione dal Dipartimento istituzioni tra il 1° febbraio e il 30 aprile. “Oltre a riscontrare un’ottima partecipazione – su circa 200 interessati, 130 hanno presentato, anche in modo congiunto, le loro osservazioni –, la consultazione ha consentito di approfondire e verificare i contenuti della riforma con un’ampia cerchia di attori coinvolti”, scrive la Divisione. “In generale – si afferma nella recente missiva – si evidenzia l’approvazione, da parte della maggioranza dei consultati, della ‘cantonalizzazione’ delle attuali Autorità regionali di protezione di competenza comunale, con la ‘giudiziarizzazione’ del sistema mediante l’istituzione di una nuova autorità giudiziaria specializzata nel diritto di protezione”. Le Preture di protezione, appunto.

Il finanziamento

“L’approvazione generale dei contenuti della riforma – annota ancora la Divisione giustizia nella lettera in cui riassume l’esito della procedura di consultazione – è correlata in particolare a due tematiche”. Due tematiche emerse “in modo significativo” dalla consultazione. E cioè “il finanziamento della riorganizzazione, con le discussioni politiche in atto tra Cantone e Comuni nella riforma denominata ‘Ticino 2020’ (la ridefinizione dei flussi finanziari e delle competenze fra il primo e i secondi, ndr), e il ruolo futuro dei Comuni nel settore della protezione del minore e dell’adulto”.

Riguardo dunque al finanziamento, “la maggior parte dei Comuni, anche per il tramite dell’Associazione dei comuni ticinesi e dell’Ente regionale per lo sviluppo del Luganese, ritiene che la compensazione degli oneri finanziari a carico del Cantone riferiti alle nuove Preture di protezione dovrà essere approvata politicamente nella riforma ‘Ticino 2020’, contemplando pure la funzione futura del Comune” nel settore della protezione di adulti e minori. In questo contesto “la consultazione ha rimarcato da più parti l’importanza del ruolo assunto dai prestatori di servizio delle Autorità di protezione (a titolo esemplificativo uffici e servizi cantonali, servizi e curatori comunali, curatori privati professionisti/volontari ecc.), che assicurano un compito essenziale nell’ambito dei provvedimenti di protezione dei minori e degli adulti”. Un’importanza “colta dal Consiglio di Stato, che in marzo ha istituito un apposito gruppo di lavoro con il compito di effettuare un’accurata analisi in questo peculiare campo”, gruppo che “ha già intrapreso la propria attività”.

La prossimità

Ma dalla consultazione sono scaturiti anche altri dati. Come “una particolare attenzione al tema della ‘prossimità’ nel settore del diritto della protezione dei minori e degli adulti, intesa con visioni differenti dai vari attori, da un lato quale capacità di rispondere in modo adeguato e tempestivo ai bisogni dei cittadini, dall’altro quale vicinanza territoriale e conoscenza diretta delle persone”. Sono stati poi segnalati alcuni aspetti giuridici che, fa sapere dal Dipartimento la Divisione giustizia, richiedono “un esame con riferimento segnatamente alla modifica della Costituzione cantonale, della Legge sull’organizzazione giudiziaria e della Legge sull’assistenza sociopsichiatrica”.

Preso atto di quanto emerso dalla procedura di consultazione, la Divisione giustizia ha avviato “gli approfondimenti necessari per affinare la proposta di riforma”, che terranno conto anche delle “risultanze preliminari dell’analisi inerente ai prestatori di servizio delle Autorità di protezione compiuta dal predetto gruppo di lavoro”. Questi approfondimenti, prosegue la lettera, “saranno accompagnati da incontri puntuali con i principali attori interessati dalla riorganizzazione, a iniziare dai Comuni e dalle Autorità regionali di protezione stesse, che verranno promossi dalla Divisione della giustizia”. Il Dipartimento istituzioni intende portare in governo “il progetto di messaggio aggiornato” entro fine anno. Se il Consiglio di Stato darà luce verde, la parola passerà al parlamento. «La materia è complessa e delicata – ricorda alla ‘Regione’ la direttrice della Divisione Frida Andreotti –. Le misure di protezione toccano i diritti e le libertà fondamentali della persona: parliamo infatti e ad esempio di curatele, di tutele, di privazione dell’autorità parentale, di collocamenti, di ricoveri a scopo di assistenza».

Nell’attesa della riforma, si sostiene nella missiva firmata, oltre che da Andreotti, dal capoprogetto Cristoforo Piattini, “la Divisione della giustizia, d’intesa con la Camera di protezione del Tribunale d’appello e coinvolgendo le Arp e i Comuni sede delle medesime, verificherà nuovamente l’introduzione dell’applicativo informatico Agiti/Juris presso le autorità, come da richiesta giunta dalla consultazione, proseguendo quindi con ulteriori misure tese a rafforzare il funzionamento delle Autorità regionali di protezione”.

Leggi anche:

Tutele, le competenze a Preture ad hoc

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved