soluzioni-per-la-parita-di-genere-in-politica
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
10 ore

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
10 ore

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
13 ore

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
13 ore

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
18 ore

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
22 ore

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
23 ore

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
23 ore

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
23 ore

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
1 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Spettacoli
1 gior

Uma Thurman: ‘Ho abortito a 15 anni, il Texas sbaglia’

L‘attrice attacca la legge che vieta l’aborto anche in caso d’incesto o stupro: ’La mia scelta di allora mi ha permesso di diventare la madre che dovevo essere’
Società
 
23.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13:56

Soluzioni per la parità di genere in politica

Ce ne parla la ricercatrice Giulia Savio, tra i giovani che presenterà il proprio lavoro durante Facciamo conoScienza per i 25 anni dell'Usi

Parità di genere in politica, il che – data l’attuale sottorappresentanza femminile – vuol dire più donne: di questo si è occupata Giulia Savio, una delle giovani ricercatrici dell’Usi, adesso alla Bocconi di Milano (Axa Lab), che sabato 24 aprile dalle 10.45 alle 12.30 presenterà il proprio lavoro durante l’evento Facciamo conoScienza (info su www.usi.ch/facciamo-cono-scienza). Il tema della sua ricerca è come aumentare la presenza femminile, quali siano le strategie migliori; tuttavia ci si potrebbe chiedere perché è importante aumentare la quota femminile. «Innanzitutto per motivi di equità: le cittadine hanno diritto ad un equa rappresenzanza degli organi politici. Inoltre, ci sono numerose ricerche che mostrano come avere più donne ha effetti importanti sulle politiche adottate, cambiando la distribuzione della spesa pubblica a favore di chi non è politicamente rappresentato adeguatamente, come i bambini e le stesse donne, riducendo le disparità che ancora persistono a livello economico e sociale» ci spiega Savio. Le ricerche riguardano soprattutto i Paesi in via di sviluppo, «ma alcune ricerche mostrano effetti simili anche nelle economia più sviluppate». Differenze che vanno oltre partiti e ideologie: «Questi studi tengono conto di altre variabili come l’estrazione sociale, il livello di istruzione, il partito politico di appartenenza e analizzano proprio quella che è la differenza di genere».

Una maggiore presenza femminile, infine, può avere effetti sui cosiddetti modelli di ruolo: «Ci sono ricerche che mostrano come avere più donne elette porta a una maggiore partecipazione femminile alle votazioni, inoltre le ragazze studiano di più e cercano lavori che vanno oltre quelli tradizionalmente femminili».

Avere più donne in politica, candidate e soprattutto elette, è quindi un vantaggio per l’intera società. Qual è la migliore strategia per arrivarci? «Ci sono diversi fattori di cui tenere conto: è complesso capire perché vediamo poche donne elette e tra i vari motivi troviamo ad esempio le dinamiche interne ai partiti politici, spesso a guida maschile; un altro fattore è la minor propensione al rischio delle donne rispetto agli uomini, senza dimenticare che le donne dedicano più tempo degli uomini al lavoro di cura». E poi ci sono le preferenze degli elettori, dovuto anche a pregiudizi profondi: «Nella testa degli elettori l’immagine del politico è spesso quella di un politico uomo». Come possiamo cambiare questa “scorciatoia mentale”? Giulia Savio ha analizzato una delle possibili misure, la doppia preferenza introdotta da alcuni anni nelle elezioni comunali italiane. In pratica, l’elettore può esprimere una preferenza per due candidati anziché uno, se sono di sesso differente. «Questo meccanismo non solo accresce le possibilità di votare una candidata, ma attira l’attenzione dell’elettore sul fatto che la lista è formata sia da uomini che da donne». Una spinta a prendere in considerazione la composizione di genere della lista, a uscire dallo schema mentale del politico uomo, «è secondo noi la vera forza della doppia preferenza». Lo si vede confrontando i risultati nei comuni con meno di 5mila abitanti, nei quali non è previsto questo meccanismo, con quelli tra 5 e 15mila: la doppia preferenza ha aumentato le elette del 18 per cento e gli effetti non riguardano solo le elezioni comunali, ma anche quelle regionali dove c’è una preferenza sola, «segno che questo meccanismo ha avuto un effetto di ‘habit formation’, ha portato a un cambiamento nel comportamento di voto degli elettori».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved