soluzioni-per-la-parita-di-genere-in-politica
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
3 ore

Pro Helvetia: sostenuti oltre 4mila progetti in 105 paesi nel 2020

Nonostante la pandemia, la fondazione svizzera per la cultura ha sostenuto numerosi progetti investendo oltre l'80% del budget
Società
12 ore

Il re degli Ottomila si sposa per la terza volta

L'alpinista italiano Reinhold Messner, 77 anni, convola a nozze a maggio con la compagna di 35 anni più giovane
Video
Culture
14 ore

Ruba un'opera d'arte armato di motosega elettrica

Nessun furto spettacolare, ma una performance di Aldo Giannotti avvenuta al Museo di arte moderna di Bologna
Spettacoli
1 gior

La Nbc non trasmetterà più i Golden Globe nel 2022

La decisione è stata presa alla luce delle polemiche che hanno investito la Hollywood Foreign Press Association che ogni anno assegna le statuette
Spettacoli
1 gior

Le storie che curano di Finzi Pasca e Pablo Gershanik

Dalla città ideale di La Plata alla dittatura argentina, abbiamo assistito alle prove del nuovo spettacolo della Compagnia Finzi Pasca
Culture
1 gior

Giornata internazionale dei musei, in Svizzera è #museumkick

Appendice online tutta svizzera all'interno dell'evento mondiale: cittadini e musei sono invitati a usare l'hashtag per dare vita al 'movimento museale'
Archeologia
1 gior

I neanderthaliani, ottant'anni dopo

Tanti ne sono passati dal primo cranio scoperto nel '39. E mentre al Circeo (Latina) spuntano altri nove nostri antenati, a Ercolano si scoprono nuove identità...
Jazz in Bess
2 gior

La 'Foresta' di Ivano Torre in solo, un'anteprima

Mercoledì 12 maggio alle 21, set unico per il suo concerto per batteria, lamofono, campane, e voce
Spettacoli
2 gior

‘Totò, Napoli e dintorni’, un viaggio tra poesia e musica

Ad Arbedo, domenica 16 maggio alle 17, con l'attore partenopeo Jano Di Gennaro e il quintetto Bonomi-Urbani-Bottelli-Cavinato-Cantoni
Cinema
2 gior

Toronto premia 'Ostrov - Lost Island', documentario svizzero

Svetlana Rodina e Laurent Stoop raccontano l'ambiente di una comunità di pescatori sul Mar Caspio. Con questa vittoria sono in gara per gli Oscar 2022.
Arte
2 gior

Christie's batte all'asta 'Testa di orso' di Leonardo

È uno dei rari disegni in mani private. È stimato fra 9 e oltre 13 milioni di euro. Quadrata, 7 centimetri per lato, reca la firma del genio rinascimentale
Società
23.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13:56

Soluzioni per la parità di genere in politica

Ce ne parla la ricercatrice Giulia Savio, tra i giovani che presenterà il proprio lavoro durante Facciamo conoScienza per i 25 anni dell'Usi

Parità di genere in politica, il che – data l’attuale sottorappresentanza femminile – vuol dire più donne: di questo si è occupata Giulia Savio, una delle giovani ricercatrici dell’Usi, adesso alla Bocconi di Milano (Axa Lab), che sabato 24 aprile dalle 10.45 alle 12.30 presenterà il proprio lavoro durante l’evento Facciamo conoScienza (info su www.usi.ch/facciamo-cono-scienza). Il tema della sua ricerca è come aumentare la presenza femminile, quali siano le strategie migliori; tuttavia ci si potrebbe chiedere perché è importante aumentare la quota femminile. «Innanzitutto per motivi di equità: le cittadine hanno diritto ad un equa rappresenzanza degli organi politici. Inoltre, ci sono numerose ricerche che mostrano come avere più donne ha effetti importanti sulle politiche adottate, cambiando la distribuzione della spesa pubblica a favore di chi non è politicamente rappresentato adeguatamente, come i bambini e le stesse donne, riducendo le disparità che ancora persistono a livello economico e sociale» ci spiega Savio. Le ricerche riguardano soprattutto i Paesi in via di sviluppo, «ma alcune ricerche mostrano effetti simili anche nelle economia più sviluppate». Differenze che vanno oltre partiti e ideologie: «Questi studi tengono conto di altre variabili come l’estrazione sociale, il livello di istruzione, il partito politico di appartenenza e analizzano proprio quella che è la differenza di genere».

Una maggiore presenza femminile, infine, può avere effetti sui cosiddetti modelli di ruolo: «Ci sono ricerche che mostrano come avere più donne elette porta a una maggiore partecipazione femminile alle votazioni, inoltre le ragazze studiano di più e cercano lavori che vanno oltre quelli tradizionalmente femminili».

Avere più donne in politica, candidate e soprattutto elette, è quindi un vantaggio per l’intera società. Qual è la migliore strategia per arrivarci? «Ci sono diversi fattori di cui tenere conto: è complesso capire perché vediamo poche donne elette e tra i vari motivi troviamo ad esempio le dinamiche interne ai partiti politici, spesso a guida maschile; un altro fattore è la minor propensione al rischio delle donne rispetto agli uomini, senza dimenticare che le donne dedicano più tempo degli uomini al lavoro di cura». E poi ci sono le preferenze degli elettori, dovuto anche a pregiudizi profondi: «Nella testa degli elettori l’immagine del politico è spesso quella di un politico uomo». Come possiamo cambiare questa “scorciatoia mentale”? Giulia Savio ha analizzato una delle possibili misure, la doppia preferenza introdotta da alcuni anni nelle elezioni comunali italiane. In pratica, l’elettore può esprimere una preferenza per due candidati anziché uno, se sono di sesso differente. «Questo meccanismo non solo accresce le possibilità di votare una candidata, ma attira l’attenzione dell’elettore sul fatto che la lista è formata sia da uomini che da donne». Una spinta a prendere in considerazione la composizione di genere della lista, a uscire dallo schema mentale del politico uomo, «è secondo noi la vera forza della doppia preferenza». Lo si vede confrontando i risultati nei comuni con meno di 5mila abitanti, nei quali non è previsto questo meccanismo, con quelli tra 5 e 15mila: la doppia preferenza ha aumentato le elette del 18 per cento e gli effetti non riguardano solo le elezioni comunali, ma anche quelle regionali dove c’è una preferenza sola, «segno che questo meccanismo ha avuto un effetto di ‘habit formation’, ha portato a un cambiamento nel comportamento di voto degli elettori».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved