Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
soluzioni-per-la-parita-di-genere-in-politica
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
17 ore

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
18 ore

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
18 ore

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
19 ore

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
22 ore

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
23 ore

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
1 gior

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
1 gior

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
Cinema
1 gior

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio
Spettacoli
1 gior

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni
 
23.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 13:56

Soluzioni per la parità di genere in politica

Ce ne parla la ricercatrice Giulia Savio, tra i giovani che presenterà il proprio lavoro durante Facciamo conoScienza per i 25 anni dell'Usi

Parità di genere in politica, il che – data l’attuale sottorappresentanza femminile – vuol dire più donne: di questo si è occupata Giulia Savio, una delle giovani ricercatrici dell’Usi, adesso alla Bocconi di Milano (Axa Lab), che sabato 24 aprile dalle 10.45 alle 12.30 presenterà il proprio lavoro durante l’evento Facciamo conoScienza (info su www.usi.ch/facciamo-cono-scienza). Il tema della sua ricerca è come aumentare la presenza femminile, quali siano le strategie migliori; tuttavia ci si potrebbe chiedere perché è importante aumentare la quota femminile. «Innanzitutto per motivi di equità: le cittadine hanno diritto ad un equa rappresenzanza degli organi politici. Inoltre, ci sono numerose ricerche che mostrano come avere più donne ha effetti importanti sulle politiche adottate, cambiando la distribuzione della spesa pubblica a favore di chi non è politicamente rappresentato adeguatamente, come i bambini e le stesse donne, riducendo le disparità che ancora persistono a livello economico e sociale» ci spiega Savio. Le ricerche riguardano soprattutto i Paesi in via di sviluppo, «ma alcune ricerche mostrano effetti simili anche nelle economia più sviluppate». Differenze che vanno oltre partiti e ideologie: «Questi studi tengono conto di altre variabili come l’estrazione sociale, il livello di istruzione, il partito politico di appartenenza e analizzano proprio quella che è la differenza di genere».

Una maggiore presenza femminile, infine, può avere effetti sui cosiddetti modelli di ruolo: «Ci sono ricerche che mostrano come avere più donne elette porta a una maggiore partecipazione femminile alle votazioni, inoltre le ragazze studiano di più e cercano lavori che vanno oltre quelli tradizionalmente femminili».

Avere più donne in politica, candidate e soprattutto elette, è quindi un vantaggio per l’intera società. Qual è la migliore strategia per arrivarci? «Ci sono diversi fattori di cui tenere conto: è complesso capire perché vediamo poche donne elette e tra i vari motivi troviamo ad esempio le dinamiche interne ai partiti politici, spesso a guida maschile; un altro fattore è la minor propensione al rischio delle donne rispetto agli uomini, senza dimenticare che le donne dedicano più tempo degli uomini al lavoro di cura». E poi ci sono le preferenze degli elettori, dovuto anche a pregiudizi profondi: «Nella testa degli elettori l’immagine del politico è spesso quella di un politico uomo». Come possiamo cambiare questa “scorciatoia mentale”? Giulia Savio ha analizzato una delle possibili misure, la doppia preferenza introdotta da alcuni anni nelle elezioni comunali italiane. In pratica, l’elettore può esprimere una preferenza per due candidati anziché uno, se sono di sesso differente. «Questo meccanismo non solo accresce le possibilità di votare una candidata, ma attira l’attenzione dell’elettore sul fatto che la lista è formata sia da uomini che da donne». Una spinta a prendere in considerazione la composizione di genere della lista, a uscire dallo schema mentale del politico uomo, «è secondo noi la vera forza della doppia preferenza». Lo si vede confrontando i risultati nei comuni con meno di 5mila abitanti, nei quali non è previsto questo meccanismo, con quelli tra 5 e 15mila: la doppia preferenza ha aumentato le elette del 18 per cento e gli effetti non riguardano solo le elezioni comunali, ma anche quelle regionali dove c’è una preferenza sola, «segno che questo meccanismo ha avuto un effetto di ‘habit formation’, ha portato a un cambiamento nel comportamento di voto degli elettori».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved