laRegione
Nuovo abbonamento
Pau Donés, Jarabe de Palo (1966-2020)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore
Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi
Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico
Culture
17 ore
Il doppio Strega di Sandro Veronesi
Dopo ‘Caos calmo’ nel 2006, ‘Il colibrì’: lo scrittore toscano ha conquistato per la seconda volta il premio in una cerimonia con gaffe sessista
Arte
18 ore
I premi svizzeri d'arte e di design 2020
Il Prix Meret Oppenheim è andato a Marc Bauer, Koyo Kouch e la coppia Barbara Buser e Eric Honegger
Scienze
21 ore
L'eccezione diventa la regola
Le estati ritenute 'estreme' sino a trent'anni fa sono ormai la norma
Scienze
21 ore
Un buco nero insaziabile
Il 'cannibale cosmico' scoperto nel 2018 al centro della galassia J2157 è più grande e vorace del previsto
Culture
1 gior
Secondo 'Strega' per Sandro Veronesi
Già dato per superfavorito, come nel 2006 lo scrittore toscano sbanca il Premio con 'Il colibrì'
Spettacoli
1 gior
Due produzioni del Lac alla Biennale
‘Bye Bye…’ di Alessio Maria Romano e ‘I Cenci’ di Giorgio Battistelli in scena a Venezia a settembre
Spettacoli
1 gior
Amanda Sandrelli a Chiasso sabato anziché venerdì
Rinviato di un giorno a causa del maltempo ‘Alfonsina y el mar: storia di tango e passioni’, a Chiasso per la rassegna Voci e Not(t)e
Spettacoli
1 gior
Festival, una Locarno 2020 non solo virtuale
Edizione ibrida: oltre all'online vi saranno proiezioni in tre sale, con tanto di "appuntamento al buio" con la direttrice Lili Hinstin
Culture
1 gior
Rsi dopo-Canetta, abbiamo un concorso
Pubblicato il bando per il nuovo direttore della Rsi. Pedrazzini: cerchiamo una persona in grado di guidare l'azienda in tempi difficili
Spettacoli
2 gior
Ascona, tre serate di Jammin’ for New Orleans
Una cinquantina di concerti organizzati da JazzAscona con band ticinesi, svizzere e italiane da giovedì 2 a sabato 4 luglio
Culture
2 gior
Covid-19, da Suisa un aiuto da 1,5 milioni
La società di diritti d'autore ha istituito un fondo per compositori, autori ed editori musicali per compensare le perdite dell'annullamento di eventi
Arte
2 gior
I sei artisti vincitori del Premio culturale Manor 2020
Il riconoscimento a sostegno dei giovani artisti svizzeri è andato anche alla ticinese Marta Margnetti che a novembre esporrà al Masi di Lugano
Spettacoli
2 gior
Da Piazza Grande alla Ssr, il Pardo a casa
Il Locarno film festival porta dodici film, passati negli ultimi anni in Piazza Grande, alla Rsi
Scienze
2 gior
Cern, osservata una nuova particella esotica fatta da 4 quark
La scoperta, che potrebbe aiutare a comprendere la forza che tiene assieme i nuclei degli atomi, effettuata nell'ambito dell'esperimento LHCb
Società
28.06.2020 - 16:000

Che la morte ci sia lieve (Pau come Nadia)

Donés, leader di Jarabe de Palo, che come la Iena Toffa ha raccontato in pubblico, fino in fondo, l’urgenza (e la bellezza) del vivere

“Senti, me la fai ‘La flaca’?”. Nessuna cover band di metà anni Novanta poteva esimersi dall’avere in repertorio il singolo di un gruppo spagnolo consegnato al successo planetario ventuno anni fa da una cosa così elegantemente latin che era un attimo dire “è Santana”. Ma che Santana non era. O almeno non del tutto. ‘La flaca’ – presa alla lettera, lettere iberiche, ‘La magra’ – è il lento, sensuale, sudato, dichiarato, strappamutande resoconto di un colpo di fulmine caduto in una notte cubana del 1995; fu “por un beso de la flaca”, per il bacio di una “dea”, come la chiama l’autore della canzone nell’autobiografia ‘50 Palos… e continuo a sognare’, che quella donna “di una bellezza impressionante, con un abito in chiffon rosso semitrasparente e due occhi così lucenti che parlavano da soli”, segnerà le sorti delle cover band di quei giorni – che con ‘La flaca’ di solito ci aprivano e a volte ci chiudevano pure – e in primis degli Jarabe de Palo e del leader Pau Donés, che se n’è andato lo scorso 9 giugno per l'atto conclusivo del vieni-e-vai di un cancro al colon.

Scriviamo a una settimana e più dalla sua morte, lontani dal giornalistico coccodrillo imponibile (e comunque evaso) da una morte annunciata, a cinque anni da quel “Dicono che devo morire” dal cantante pubblicamente condiviso. Scriviamo, in un certo senso, ancora impreparati così come impreparati arrivammo, un anno fa, al “Vi bacio tutti” di Nadia Toffa, Iena bresciana della tv che come Donés aveva scelto di condividere la malattia pubblicamente, vuoi per terapia del dolore che tanti medici della mente caldeggiano, vuoi perché “dal primo momento in cui ho capito il dolore che la malattia provoca nella gente che ne soffre e in chi le sta intorno, ho cercato di donare la mia esperienza di malato”. Che sono parole di Pau Donés a laRegione del 6 luglio 2017, ma sono più o meno le stesse che scriverà Nadia Toffa più tardi, sui social e in due libri, uno postumo. Parole che avrebbero potuto accompagnare il suo ‘Vi bacio tutti’. Che è di questi giorni, un anno fa.

'Vivere è urgente'

'La vida es hoy' (la vita è oggi) campeggia in copertina sulla pagina facebok degli Jarabe de Palo. Una soleggiata variante di 'Vivir es urgente' dei tempi di Castelgrande e di quell'intervista concessaci prima di un piovoso ma intimo Castle On Air, quando Donés ci aveva ricordato che “mentre arriva la morte, viviamo la vita. Che ne sai, la morte magari arriverà in un altro modo, in un altro momento…». Donés che fino all’8 giugno ha cantato ‘Eso que tú me das’ dall’omonimo album, uscito in piena pandemia anziché in settembre perché il tempo rimastogli era troppo poco; cantata col viso scavato che è stato anche del Bowie di ‘Lazarus’ e del Freddie Mercury di ‘These are the day of our lives’, ma con l'entusiasmo di un ulteriore, ultimo e definitivo inno alla vita permessogli dall'avere già affidato a ‘Humo’, singolo dal greatest hits '50 Palos' portato a Castelgrande – “E ora che il cielo mi chiama, sii forte, non ho paura” – il suo testamento anticipato. Una presa di coscienza, 'Humo', per lasciare il gran finale alla festa. Quella che è anche e soprattutto in ‘Eso que tú me das’ è, una festa alla quale partecipa, danzando, la figlia Sara e aperta a tutti, ogni volta che sul Tubo venga voglia di premere il tasto 'Play'.

Il rocker e la Iena

L’incognita di quando se ne va uno famoso, per i titolisti, è sempre la stessa: come titoliamo stavolta? “Si è spento”? “È morto”? Oppure “Addio a”, che fa molto Hemingway? Peccato, per i grandi, non poter titolare sui giornali in anticipo “è nato”, cosa che si fa per i figli dei reali d’Inghilterra o più in generale per i figli di quelli famosi, senza sapere se un giorno saranno famosi perché grandi, o se saranno famosi solo perché sono famosi (“Eh, se me lo dicevi prima…”, cantava l’Enzino).

Parafrasando l’idea che per un bacio “de la flaca”, anche uno soltanto, uno farebbe qualsiasi cosa (“Por un beso de ella, aunque sólo uno fuera”), lo scorso 25 di aprile, nel mezzo di una pandemia trascorsa a donare mascherine, Donés postava un ultimo, tirato suo primo piano: “Ho la faccia di chi per un concerto, anche uno soltanto, farebbe qualsiasi cosa”. Il concerto, l’urgenza di un musicista; in un vivere che resta urgente, ancor più oggi. Ecco: una volta deciso come annunciare la dipartita di qualcuno c’è anche da pensare a come salutarlo. Oggi va di moda ‘Che la terra ti sia lieve’, locuzione latina che per una volta è da leggersi al contrario: sono il rocker, e anche la Iena, ad averci reso lieve la morte.

© Regiopress, All rights reserved