giornata-della-ricerca-nasce-il-fondo-eoc-usi
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
14 ore

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
14 ore

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
15 ore

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
16 ore

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
16 ore

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
16 ore

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
16 ore

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
20 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
23 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
1 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
1 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
1 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
1 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
2 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
2 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
2 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
2 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
2 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
2 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
Scienze
26.06.2021 - 10:060

Giornata della ricerca, nasce il fondo Eoc-Usi

Intervista a Giovanni Pedrazzini, decano della Facoltà di scienze biomediche, sull’importanza della ricerca per garantire cure di qualità

Una fondazione indipendente per promuovere in maniera più efficace e coordinata la ricerca clinica dell’Ente ospedaliero cantonale e dell’Università della Svizzera italiana: il nuovo strumento è stato presentato ieri in conferenza stampa durante la Giornata della ricerca in medicina umana (vedi intervista a Giovanni Pedrazzini, decano della Facoltà di scienze biomediche).

Il fondo fa parte della strategia per la ricerca 2021-2024 di Eoc e Usi e avrà lo scopo di sostenere in maniera maggiormente sistematica i progetti di ricerca clinica, nei quali l’ente ospedaliero è molto attivo. Perché, ha spiegato il direttore medico e scientifico del neurocentro Alain Kaelin, la ricerca clinica è indispensabile per una medicina di qualità, però in Svizzera non riceve finanziamenti all’interno del sistema sanitario e non esistono neanche strutture nazionali.

Da qui la necessità di un ente indipendente che non solo raccolga risorse, ma valorizzi i progetti in corso e faccia da garante con i donatori. I dettagli sul fondo, che ha già all’attivo alcuni progetti di ricerca, sono stati illustrati da Chiara Pedrazzini: un comitato avrà la responsabilità di sostenere e promuovere il fondo, mentre della valutazione scientifica si occuperà una Commissione di valutazione composta da rappresentanti delle due istituzioni.

Giornata della ricerca in medicina umana

Un futuro aperto e condiviso

Giovanni Pedrazzini, siamo alla decima edizione della giornata.

Questa iniziativa è nata dieci anni fa come un esperimento, un tentativo di riunire per un giorno i ricercatori attivi nei diversi ambiti della ricerca medica. Questi dieci anni combaciano con l’inizio del master in medicina umana e quindi la giornata è diventata un evento importante al quale parteciperanno oltre trecento persone, una parte in presenza e gli altri collegati online, sempre con l’obiettivo di conoscersi e confrontarsi. Uno spirito a 360 gradi che tocca la ricerca di base, prodotta da istituti come l’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb), l’Istituto oncologico di ricerca (Ior) o l’Istituto Eulero dell’Usi e anche i gruppi di ricerca traslazionale e di ricerca clinica operativi all’interno dell’Eoc. La ricerca medica rappresenta una priorità per l’Eoc, per la facoltà di scienze biomediche dell’università e indirettamente per tutto il Ticino: si sta creando l’humus per costruire un futuro di ricerca importante.

La ricerca è una delle missioni dell’università. Per l’Eoc?

È una riflessione che è stata fatta all’interno dell’ente ospedaliero un paio di anni fa. Si sa che un ospedale che ambisce ad avere un buon livello di trattamento e a fare della formazione deve anche condurre della ricerca: la ricerca tiene il medico, il reparto in cui il medico lavora, l’ospedale in cui si opera, al fronte delle conoscenze, rappresenta un’opportunità di crescita globale. C’è quindi un aspetto sicuramente culturale ed educativo. Inoltre facendo ricerca si possono portare in Ticino ricercatori importanti, persone che credono in un futuro universitario del Ticino. L’ambizione, perché penso sia importante essere ambiziosi, è puntare nel medio termine al ‘label’ di ospedale universitario. Essere un ospedale universitario vuol dire essere attivi su tre ambiti: quello clinico, quindi la cura complessa, con la medicina altamente specializzata e multidisciplinare che il Ticino sta sviluppando in più ambiti; la formazione pre-graduata con il master, per formare i medici che andranno a lavorare negli ospedali, e la formazione post-graduata, con la possibilità anche di una specializzazione in medicina di famiglia; e la ricerca. Questi tre ambiti vanno perseguiti con la stessa determinazione, se vogliamo puntare a questo obiettivo.

In Ticino operano diverse aziende farmaceutiche. Quale spazio ha la ricerca privata?

Progressivamente si sta creando una collaborazione. È chiaro che una collaborazione non bisogna definirla solo sulla base di una volontà ma anche di una opportunità: il settore farmaceutico ha determinate aspettative; se queste corrispondono agli ambiti di interesse della ricerca la collaborazione funzionerà molto bene. È un terreno sul quale si sta costruendo una rete: è un discorso ancora in divenire, ma siamo coscienti che in Ticino c’è un’industria farmaceutica sempre più importante e c’è margine di collaborazione.

Siamo un piccolo cantone: immagino sia una priorità fare rete a livello nazionale e internazionale.

La ricerca per definizione è internazionale: tutti i ricercatori sono in contatto con la rete mondiale delle persone che lavorano in quel determinato ambito. Oltretutto oggi, e questo la pandemia lo ha mostrato bene, si lavora in modalità di “open access”: ognuno mette a disposizione i risultati raggiunti. Lo scopo della ricerca in Ticino è creare le condizioni affinché i ricercatori possano entrare in contatto con la rete internazionale. E ne abbiamo già un numero importante, di ricercatori che sono punti di riferimento, figure che parlano dal Ticino e che il resto del mondo conosce.

La pandemia come ha influito a livello di ricerca?

Ci troviamo ancora in una fase “fresca” della post-pandemia, per valutare i risultati occorrerà ancora del tempo ma di fatto quello che è successo a livello di ricerca è che le comunità scientifiche hanno deciso di collaborare, di condividere i risultati e lo hanno fatto senza limiti e a una velocità molto alta. Questo significa che tutta la comunità ha capito che si trattava di un’emergenza mondiale che ha permesso di produrre un numero immenso di dati, come forse non era mai capitato.

Questa accelerazione non ha portato a confusione?

Non credo: è chiaro che, in situazioni come queste, la confusione c’è sempre, ma è cambiato il metodo di lavoro: si fa ricerca e la si condivide. È chiaro che sta al ricercatore e al gruppo di ricerca fare in modo che i risultati abbiano un senso, ma se prendiamo in considerazione il semplice fatto che in un anno si è prodotto un vaccino – un progresso mai visto nella storia della medicina – ci rendiamo conto che i risultati ci sono.

Gli sforzi si sono concentrati sul coronavirus: ci saranno conseguenze per gli altri ambiti di ricerca?

Penso che adesso ognuno ritornerà a lavorare sui suoi temi ma quello che è importante sottolineare è che fare ricerca in un determinato ambito apre porte anche in altri settori. I ricercatori che si sono dedicati temporaneamente al Covid hanno appreso nuove competenze. Credo che queste trasversalità diventeranno la regola: il futuro della ricerca sarà sempre più basato sull’integrazione di diverse discipline e la ricerca biomedica lavorerà con informatica, robotica, intelligenza artificiale. E questo lo si potrà fare molto bene anche in Ticino, pur non avendo un numero di pazienti paragonabile a quello di grandi città o ospedali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved