laRegione
Nuovo abbonamento
sanremo-non-e-bello-cio-che-e-bello-le-pagelle-della-regione
Santo subito (Areafoto Si)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
7 ore

Falsi Modigliani, processo rinviato a gennaio

Iniziato, e subito rinviato, il processo per i 20 dipinti sequestrati mentre era in corso una mostra, curata da Rudy Chiappini, a Palazzo Ducale a Genova
Arte
8 ore

Immersi nella Vienna di Gustav Klimt

Apre al Palacinema di Locarno Klimt Experience, mostra multimediale e immersiva dedicata all'artista viennese. Ma con qualche limite
Scienze
9 ore

I ghiacci dell'Artico ridotti ai minimi termini

Nell'estate 2020 registrata la seconda estensione minima dall'inizio delle misurazioni, nel 1979
Scienze
10 ore

Un nuovo fascio di luce potrebbe uccidere il Sars-Cov-2

A individuarlo è stato uno studio dei ricercatori dell'Università di Hiroshima sull'uso della luce ultravioletta C (Uvc)
Arte
10 ore

Oscar Andrea Braendli, singolarità di un artista

Alla Biblioteca cantonale di Bellinzona, il 24 settembre, una selezione di acquerelli dell'artista di origini elvetiche vissuto tra Milano, Zurigo e il Luganese
Fotografia
14 ore

Chiocciola Slow Food 2020 al fotografo Ely Riva

Per l'atteggiamento 'lontano anni luce dalle seduzioni della fretta e del facile risultato' e le molte altre qualità contenute nella motivazione.
Musica classica
15 ore

'Settimane Musicali' chiude con successo (e la formula tornerà)

Premiate da pubblico e critica. Il fine settimana con musica da camera e la partecipazione di un gruppo di rinomati solisti potrebbe riproporsi nel 2021.
Scienze
16 ore

Ghiaccio marino artico sotto i 4 milioni di chilometri quadrati

È la seconda volta dall'inizio delle registrazioni satellitari nel 1979. 'Andiamo verso un Oceano Artico stagionalmente senza ghiacci. Un chiodo nella bara'.
Cinema
17 ore

'Nomadland', dopo Venezia anche Toronto

La pllicola di Chloé Zhao, con Frances McDormand nel ruolo della nomade Fern, conquista la 45esima edizione del Festival canadese
Libri
17 ore

'Scritture di lago', Fazioli e Bernasconi finalisti

Il concorso letterario premierà i suoi vincitori sabato 28 novembre nella Sala Bianca del Teatro Sociale di Como
Società
18 ore

Twitter non è (ancora) un social per donne

Un rapporto di Amnesty denuncia i pochi sforzi fatti dal social network per gestire la violenza di genere
Teatro
18 ore

'Se la va la gh'a i röd': se ne riparla a primavera 2021

L'annuncio della Compagnia Flavio Sala. Nando, Federer, Sac a Poche 'e tutta la combriccola del garage Pistoni' danno appuntamento al prossimo anno.
Culture
1 gior

'Luna Park' Finzi Pasca, giri di giostra per 7'600 spettatori

'Ci auguriamo che questo sia un inizio di una nuova avventura', commentano i fondatori della Compagnia al termine di dodici giorni di spettacolo immersivo.
Cinema
1 gior

Addio a Michael Lonsdale, nemico di 007 in 'Moonraker'

Recitò per Steven Spielberg, Orson Welles, François Truffaut, Louis Malle, Luis Buñuel ed Ermanno Olmi. Aveva 89 anni.
Culture
1 gior

Il Lac da 'en plein air' diventa 'edu'

Dal ciclo d'incontri 'Arti liberali' alle letture nel parco, dagli atelier con nuove tecnologie alla pratica yoga che precede la visita al museo
Sanremo
05.02.2020 - 11:140
Aggiornamento : 19:34

Sanremo, non è bello ciò che è bello: le pagelle della Regione

Prima serata: non sono solo canzonette, anzi. Col beneficio d'inventario, in ordine non di bellezza ma alfabetico, ecco come sono suonate alle nostre orecchie

Big

Achille Lauro – ‘Me ne frego’
“No, non è trap è rock and roll”. L’Achille che ha il dono di Vasco, che se leggi il testo da solo non significa niente, ma per qualcuno è Philip Roth. Il testo formato ‘lista della spesa’, gli “Oh mio Dio” e la chitarra tamarra vengono da ‘Rolls Royce’; il resto è un mash-up costruito su ‘Fiori rosa fiori di pesco’. La tutina alla Renatino del Piper (che sarebbe San Francesco) è un dito medio alle prime file del mondo. Arte. Giudizio: santo subito

Anastasio – ‘Rosso di rabbia’
“No, non è rap è rock and roll”, sempre parafrasando l’Achille. Il suo è uno sciaffolone (da 'shuffle') con riff ipnotico – “Panico panico, sto dando di matto” – che ha la qualità di un tatuaggio che non va più via. Giudizio: rabbia against the machine
 
Bugo e Morgan – ‘Sincero’
Splendido, stralunato viaggio Sanremo-Londra di sola andata, autoritratto di due fuori come un balcone, qui solidi come una terrazza. Basti il verso “Volevo fare il cantante delle canzoni inglesi così nessuno capiva che dicevo”. Giudizio: Sanremo calling
 
Diodato – ‘Fai rumore’
Vinto il sospetto della peristalsi – “E non voglio fare a meno oramai di quel bellissimo rumore che fai” – nel 2018 baglioniano, per eleganza, Diodato fu un figurino. Nel 2020, fa un figurone. Giudizio: cuore, batticuore (mi è sembrato di sentire un rumore rumore)
 
Elodie – ‘Andromeda’
Con una bellezza che arriva dalle Guadalupe, e un fidanzato che arriva da Marracash, si fa scrivere la canzone da Mahmood, che le ha disegnato anche le catene che la legano alla roccia. Brava ma, per cantare cose del Mahmood, meglio sarebbe il timbro del Mahmood. Giudizio: melodie
 
Irene Grandi – ‘Finalmente io’
Canta Curreri-Vasco (e aprirà i suoi concerti) vendicando ‘Finalmente tu’ degli 883 per Fiorello a Sanremo 1995, di rara bruttezza. "Se vuoi fare sesso, facciamolo adesso, qui”, oggi come oggi, forse è più soap che rock, ma basta la nota fissa alla ‘Heroes’ e il muro che chiude. Giudizio: Irene Grande, Grandissima
 
Marco Masini – ‘Il confronto’
L’autobiografico-anche-autoanalitico Masini incute sempre un certo timore. Con l’espressione un po’ così, sempre un po’ ‘Vaffanculo’ che abbiamo noi (lui) che non siamo nati a Genova ma che comunque siamo (lui) molto bravi, è un Masini meno sanremese del solito, ma perfetto, come al solito. Giudizio: che barba (ma solo riferito alla barba).
 
Rita Pavone – ‘Niente (Resilienza 74)’
Prima le donne e i bambini. È l'uragano che spazza le coste liguri, è il naufragar che ci è dolce, e il ritornar che ci mette i brividi. Giudizio: Tutto (‘Magnificenza ’20)

Raphael Gualazzi – ‘Carioca’
Non gareggia nei Big, ma negli Impeccabili. In epoca di sintesi, Sanremo registra addirittura un suo solo (strepitoso) di pianoforte e la marching band degli Ottolini che è New Orleans in vacanza a Rio de Janeiro. Giudizio: Disco Samba (trenino, è festa, davvero)
 
Riki – ‘Lo sappiamo entrambi’
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Giudizio: il nulla
 
Le Vibrazioni – ‘Dov’è’
Giudizio: dirige il maestro Peppe Vessicchio. Può bastare.

---

Nuove proposte

Tecla – ‘8 marzo’
Sedici anni compiuti da un mese, ranuncolo in un giardino di ortiche (Sanremo, è finissima satira politica), la giovane promessa regge senza alcuna sudditanza psicologica e di età questo inno dai risvolti femministico-mannoiani. Giudizio: è nata una stellina

Eugenio in Via di Gioia – ‘Tsunami’
Penalizzato dallo scontro fra titani (Tecla), il frontman non ha la simpatia di Lodo Guenzi, ammesso che Lodo Guenzi abbia la simpatia, e soprattutto si muove come Pippo Franco in ‘Chi chi chi co co co’, che con l'impostazione intelletualoide cozza (nel senso di mitile). Il risultato è un inno da vacanze (però intelligenti). Giudizio: Lo Stato un po' Asociale
 
Fadi – ‘Due noi’
Chi perde a Sanremo con un brano che non è la cosa più bella ascoltata da 'Grazie dei fior' sino ad oggi e saluta tutti con un "Evviva la Romagna, evviva il Sangiovese" ha già vinto. Giudizio: eroe

Leo Gassmann – ‘Vai bene così’
Con la lentezza di un diesel, anzi, di un'apecar, il brano accelera sul finale etnico e al decimo ascolto comincia a piacere. Non è un mattatore, ma si difende. Giudizio: a tutto Gass (ma a pedali)

© Regiopress, All rights reserved