laRegione
sanremo-squalificati-bugo-e-morgan-giovani-vince-gassmann
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
18 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
19 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
2 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
3 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
3 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
3 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
4 gior

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Sanremo
08.02.2020 - 03:380
Aggiornamento : 12:06

Sanremo, squalificati Bugo e Morgan. Giovani, vince Gassmann

Il Castoldi canta un testo al vetriolo, diverso dall'originale, diretto al collega che lascia il palco. La sala stampa sceglie Diodato. Stasera la finale

Bugo abbandona il palco, non prima di essersi portato via uno dei due fogli sui quali – entrambi, presumibilmente – c’è una nuova versione di ‘Sincero’, riveduta e corretta da Morgan per dissidi che vengono dal pomeriggio di ieri, giornata di duetti che ha visto Morgan disertare le prove. I due non tornano sul palco e sono squalificati dal Sanremo 2020. «Poco male, abbiamo un pezzo in meno», commenta Fiorello, una di una lunga serie di battute. È il colpo di scena della serata di venerdì, e si deve a questi versi, riscritti da Castoldi per l’occasione:
 
Le brutte intenzioni la maleducazione
La tua brutta figura di ieri sera
La tua ingratitudine la tua arroganza
Fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa
Certo il disordine è una forma d’arte
Ma tu sai solo coltivare invidia
Ringrazia il cielo sei su questo palco
Rispetta chi ti ci ha portato dentro
E questo sono io

Era cominciata così

Di promessa in promessa, a patto di andare di record in record (di share), aveva promesso di vestirsi da Cantante Mascherato e così è stato, tranne che sotto la maschera da «Coniglio tattico nucleare» c’era la parrucca di Maria De Filippi. Nel Sanremo 2020 che per seguirlo «c’è gente che sotto la poltrona ha il pappagallo», nel Settantesimo di ‘Montagne verdi’ cantata su musica di ‘Generale’ di FDegregori (cit. Elio), e dopo il bacio a Tiziano Ferro, che il Dio dello spettacolo ci preservi Fiorello.
 
È questo il prologo di una serata interminabile nella quale Amadeus conduce da Paolo Jannacci (‘Voglio parlarti adesso’) fino alle 02.21. A ridosso della mezzanotte, quando sul palco dell’Ariston va in scena l’ennesimo ritorno di Mister Quandoquando Tony Renis, su ventiquattro cantanti se ne sono esibiti nove ed è certo che Masini si confronterà con se stesso (‘Il confronto’) davanti a un paio di brioche appena sfornate.
 
L’addio di Mollica
 
Lo salutano Vasco, Benigni e Sandrelli. Sarà l’ultimo balconcino per Vincenzo Mollica che va in pensione, ma prima passa dal Roof a dare l’arrivederci: «E adesso leviamoci di torno (edulcorato), che qui hanno da fare». L’extra-gara, più che per Dua Lipa, ha un senso per Ghali, che per la teoria “nascono trap e muoiono pop” presenta una gran bella cosa chiamata ‘Good times’, sempre meno trap, sempre più pop.


Vince Leo Gassmann e non ‘Va bene così’
 
È stata anche la serata di Gianna Nannini e di Tiziano Ferro nell’ultimo tributo a Sanremo (‘Portami a ballare’ di Luca Barbarossa). È stata la sera della finale delle Nuove proposte. Prima il dovere di cronaca e poi il commento, che del dovere di cronaca farà un sol boccone. La gara delle Nuove proposte è vinta, in orari da Carosello, da Leo Gassmann, artista di nota dinastia artistica, con ‘Vai bene così’. Ma non c’è molto altro da dire, se non registrare che il titolo dice il contrario di quanto ascoltato da dicembre a oggi, e prendere atto delle misteriose strade che portano al consenso popolare in quei meccanismi assurdi che sono propri delle cosiddette ‘gare canore’. La sedicenne Tecla, con ‘8 marzo’, resta un passo indietro (esattamente come la fidanzata di Valentino Rossi), malgrado Sanremo le abbia dato ulteriore consacrazione.
 
Si apre l’ennesima riflessione di gruppo che per tutta la settimana è ruotata attorno a una categoria dalla quale dipende il futuro del buon gusto musicale italiano; riflessione che parte dalla scelta di affidare a una giuria demoscopica di sole trecento persone la ‘sfoltitura’ che ha portato ai quattro finalisti. Vince Leo Gassmann, si è detto, con tutti i molti suoi problemi di metronomo (inizia il pezzo un quarto fuori, lo chiude battendo le mani dove non deve, si perde e si ritrova, e poi si riperde di nuovo, ritmicamente).

La musica, comunque, ringrazia Gassmann per quello 0,1 per cento in più – e già la parità è preoccupante – che in semifinale ci salva dall’ascoltare ancora una volta ‘Per sentirmi vivo’ del giovane Fasma, una melodia che poco si discosta dalla tromba bitonale dei clacson. L’orrore sonoro giunto sino a ieri la dice lunga sul concetto che oggi fare musica è più facile e che “se una volta a scuola, in una classe, c’erano al massimo due o tre musicisti, oggi potrebbero esserci anche venti trapper”, che non sono parole del giornalista, ma del direttore d’orchestra Peppe Vessicchio. Tecla, perfetta, preparata, talento naturale, se ne va col Premio Enzo Jannacci consegnatole dal Nuovo Imaie e col premio della Sala Stampa Lucio Dalla. E con la certezza che per lei, sì, va bene così.


Il voto della sala stampa

1. Diodato
2. Francesco Gabbani
3. Pinguini Tattici Nucleari
4. Le Vibrazioni
5. Piero Pelù
6. Tosca
7. Rancore
8. Elodie
9. Achille Lauro
10. Irene Grandi
11. Anastasio
12. Raphael Gualazzi
13. Paolo Jannacci
14. Rita Pavone
15. Levante
16. Marco Masini
17. Junior Cally
18. Elettra Lamborghini
19. Giordana Angi
20. Michele Zarrillo
21. Enrico Nigiotti
22. Riki
23. Alberto Urso
Eliminati: Bugo e Morgan

© Regiopress, All rights reserved