laRegione
massimo-recalcati-e-la-parola-che-illumina
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 min

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
15 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
16 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
2 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
3 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
3 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Libri
3 gior

'Mein Kampf' esce in Polonia, l'editore: 'Omaggio alle vittime'

La critica insorge. Per Zbigniew Czerwinski, invece, è 'un monito a quanto sia facile smantellare la democrazia e costruire una dittatura in modo invisibile'.
Culture
3 gior

Demo dei Radiohead all'asta a Londra

Con etichetta scritta a mano dal frontman Thom Yorke, conterrebbe tre inediti, risalenti ai tempi in cui la band si faceva chiamare On A Friday
Scienze
3 gior

Virgin Orbit, l'aereo che manda in orbita il razzo

Per la prima volta nella storia, il lancio avviene dall'ala di un velivolo, un Boeing 747, aprendo all'invio nello spazio 'low cost' dei satelliti
Pensiero
06.07.2019 - 14:450

Massimo Recalcati e la parola che illumina

Ieri a Lugano 'Lectio magistralis' dello psicoanalista italiano sulla conoscenza, che può essere trasmessa solo da maestri appassionati


È l’opposto a definire. Niente descrive, dà nome, forma e sostanza a qualcosa come il suo opposto, come la sua negazione. Posso essere io perché non sono altro, può esserci luce perché esiste il buio. Insomma, esiste la parola perché esiste il silenzio. Quella parola che è stata al centro, ieri sera al Wor(l)ds Festival al LongLake di Lugano, di una ‘lectio magistralis’ dello psicoanalista italiano Massimo Recalcati. Che, retoricamente, si è chiesto appunto cosa potesse c’entrare mai la parola con la sua professione, fatta di silenzio e ascolto. Retoricamente, perché «solo nella custodia del silenzio la parola acquista valore». Solo attraverso la sua negazione, quindi, la parola acquisisce quel significato che la allontana «dall’essere strumento di una semplice e pragmatica comunicazione, perché non ne è al servizio». Eleva. Aiuta e auto-aiuta.

Emblematico di ciò è uno degli ultimi casi affrontati da Sigmund Freud, e raccontato da Recalcati per meglio definire il concetto. Un caso dove nel suo studio a Londra, l’ormai anziano psicoanalista viennese si è trovato dinanzi una madre e una figlia. Con quest’ultima ad avere problemi da risolvere. Alla domanda che è alla base di ogni colloquio clinico, chiaramente rivolta alla paziente, vale a dire “cosa c’è che non va?”, ha iniziato a rispondere la madre. Dopo il ripetersi dell’episodio, continua a spiegare Recalcati, Freud ha fatto uscire dallo studio la signora ed è rimasto solo con la giovane. La quale, alla fine della prima analisi, racconterà di essersi sentita guarita. Guarita dopo una sola analisi? – le chiesero negli anni. “Sì, perché per la prima volta nella mia vita mi sono sentita ascoltata”, ha sempre risposto. Ascoltata dal silenzio, dove la parola echeggia e riecheggia, dove si forma, dove spiega noi e il nostro opposto. Dove, quale posto migliore del lettino o del divano di uno psicoanalista, si è confrontati con il silenzio.

Perché come la più lucente delle stelle ha bisogno della notte per brillare, la parola ha bisogno del silenzio per illuminare.

Quel dialogo tra Agatone e Socrate

La parola rende chiaro. E quando il maestro mette chiarezza con la parola su concetti oscuri, è qui che per Recalcati si compie «il passaggio dal buio alla conoscenza». Alla luce: «In ogni esperienza didattica nel fitto del bosco buio, facciamo esperienza della luce quando incontriamo una radura». Non a caso, continua lo psicoanalista italiano, «Heidegger il concetto di verità lo definì con il termine tedesco ‘Lichtung’». Un passaggio che non si può fare da soli. Un passaggio per il quale è necessario un maestro che però non è da interpretare come depositario della verità, fonte inestinguibile di sapere alla quale abbeverarsi ad ampi sorsi. Quello della conoscenza non è un travaso.

Scena esemplificativa è quanto viene descritto nel ‘Simposio’ di Platone. Dove, come illustrato da Recalcati, Agatone, padrone di casa, accoglie un Socrate arrivato trafelato e di corsa. Lo accoglie «pensandolo pieno di verità, l’immagine che ogni allievo ha del maestro». Agatone lo invita a sedersi di fianco a lui perché se è pieno di verità, «io sarò una coppa vuota e tu verserai in me, nella coppa vuota che io sono, tutto il tuo sapere sulla verità». Un’offerta che per lo psicoanalista è «un’illusione», poiché non si tratta appunto di un travaso «dove il concetto di apprendimento sarebbe il versamento del sapere pieno nel contenitore vuoto». Non è così. Difatti cosa risponde Socrate? «Socrate dice ad Agatone che sbaglia, perché ‘Io non ho il sapere, io desidero sapere’. Il maestro si offre non come colui che può riempire il vuoto dell’allievo, ma come colui che è mosso dal desiderio di sapere. E quando insegna, insegna non solo il sapere verso cui è trasportato, ma l’essere trasportati dal desiderio di sapere». È questa per Recalcati la trasmissione della parola, l’illuminazione. Non un rapporto da superiore a inferiore, non un mero scambio freddo, asettico. Ma «insegnare all’allievo ad essere trasportato dal desiderio di sapere. Infatti Agatone inizia una metamorfosi: da coppa vuota si trasforma esso stesso in amante del sapere». Questo perché il maestro trasforma il sapere in «un corpo erotico». Gli dà una forma con la parola. In ogni libro, la parola prende le sembianze «di un corpo erotico da conoscere, da annusare, su cui appassionarsi». Un libro da leggere ancora, ancora e... ancora.

‘Ancora’

«Se un allievo diventa un amante, se un allievo sente che non vorrebbe essere da nessun’altra parte la parola del maestro illumina». Ma questo desiderio nasce dal maestro, che deve appassionare. E può appassionare solo se egli stesso è appassionato, solo se egli stesso ha l’obiettivo primario di trasmettere quella conoscenza. Di accompagnare nella formazione. Di far dire all’allievo ‘ancora’. Di far dire all’allievo ‘voglio leggere ancora, voglio conoscere ancora’. In quel caso «il libro diventa un corpo erotico che non stanca mai, che non annoia. Che vuoi ancora». ‘Ancora’ per lo psicoanalista francese Jacques Lacan, maestro di Recalcati, è la parola dell’amore, che è vivo appunto finché ne domanda ancora.

La delinea nel suo seminario XX, mostrando l’oscillazione tra ‘un corps, un coeur, encore’: un corpo, un cuore, ancora. Perché è l’amore a non bastare, così come la conoscenza «quando sorge la parola ‘ancora’», la permanenza del desiderio. Il leggere quando si è stanchi, il comprendere un testo che inizialmente pareva un muro invalicabile. «Far sorgere l’‘ancora’ nella ripetizione della didattica, come in una vera relazione di coppia, quando leggiamo e rileggiamo lo stesso libro più volte». Quando la parola illumina. Quando la parola va a riempire il vuoto iniziale con il desiderio di colmarlo, quel vuoto. Quando, detta altrimenti, il vuoto non si basta più. E ha bisogno del suo opposto: il sapere. E il sapere, una volta conosciuto, non basta mai. Lo si chiede ancora. E ancora.

© Regiopress, All rights reserved