ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
15 min

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
1 ora

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
musica
1 ora

Una Tantum Trio apre i concerti ‘apérijazz’ 2023

Il concerto proposto da Jazz in Bess si svolgerà mercoledì 8 febbraio, alle 18
Spettacoli
2 ore

La forza dei pregiudizi in ‘Andorra’ di Max Frisch

Il Theater Kanton Zürich mette in scena al Teatro Sociale di Bellinzona la storia del giovane Andri, martedì 7 febbraio alle 20.30 (introduzione alle 20)
Arte
2 ore

I ‘Nuovi orizzonti’ di Joan Miró in mostra a Berna

Il Centro Paul Klee ospita fino al prossimo 7 maggio un’esposizione che mette in luce le opere tardive dell’artista spagnolo
Musica
4 ore

‘Non ho certezze, ho da darvi solo qualche piccola emozione’

Venticinque anni fa, l’ultimo – meraviglioso – concerto di Fabrizio de André in Ticino, al Palabasket di Bellinzona
Spettacoli
6 ore

L’album dell’anno è di Harry Styles. Maneskin a bocca asciutta

Grammy Awards, Beyoncé inizia bene e diventa la più titolata da sempre della cerimonia, ma ancora una volta per lei niente premi più prestigiosi
Spettacoli
7 ore

Grammy Awards, Beyoncé regina di tutti i tempi

Tre riconoscimenti ancora prima della serata di gala e altri due al suo inizio la consacrano come la più grande in assoluto
recensione
20 ore

La mafia? Va spiegata ai più giovani

Ottavia Piccolo è Elda Pucci sul palco del Teatro di Locarno dove, nel fine settimana, è andato in scena lo spettacolo ‘Cosa Nostra spiegata ai bambini’
Scienze
21 ore

È la notte della Miniluna, la più piccola dell’anno

In questo caso la Luna piena è vicina al punto della sua orbita più distante dalla Terra (apogeo) e appare leggermente più piccola rispetto al solito
classica
21 ore

Incontro con il compositore Francesco Hoch

In occasione dei suoi ottant’anni, l’associazione Ricerche musicali nella Svizzera italiana propone l’appuntamento martedì 7 febbraio, al Conservatorio
Scienze
23 ore

Nello spazio, come uno scoiattolo ibernato

I segreti circa le funzioni vitali durante il letargo potrebbero aiutare gli astronauti nelle missioni spaziali di lunga durata
Società
1 gior

Da Catania al Ticino, oggi è il giorno di Sant’Agata

Ricorre oggi la festa della giovanissima martire catanese, morta nel 252 d.C. e venerata, fra l’altro, come protettrice delle donne con patologie al seno
recensione
1 gior

L’Osi in Auditorio per una splendida ‘Ramifications’

Il concerto dell’Orchestra della Svizzera italiana diretta per l’occasione dal violoncellista Jean-Guihen Queyras ha registrato il sold out
Scienze
1 gior

Giove fa il record di lune: altre 12 scoperte, ora sono 92

Il grande pianeta strappa il primato a Saturno che ne ha 83. I nuovi satelliti hanno un diametro compreso fra 1 e 3 chilometri
Culture
1 gior

A Bologna come a Pompei, anzi meglio

Una grande mostra al Museo di archeologia dedicata alla pittura romana, dalla ‘più grande pinacoteca dell’antichità al mondo’
Società
2 gior

Diabolik, Eva Kant compie 60 anni

L’esordio dell’affascinante compagna del protagonista nel terzo numero del fumetto nel ’63. La Zecca italiana emetterà una moneta da collezione
Microcosmi/Microcinema
2 gior

Cinelario. Esserci, è la parola.

A Menaggio, la sala animata da ‘cineD’AUTORE’ è un valore per una comunità piuttosto povera di iniziative culturali, uno spazio per creare relazioni
La recensione
2 gior

Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio

Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
2 gior

La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner

A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Microcosmi/Microcinema
laR
 
03.12.2022 - 11:21

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki

di Massimo Daviddi
il-cinema-la-valle-la-finlandia
Cartolina

Percorrendo la soleggiata Valle di Blenio gli occhi seguono la linea dell’orizzonte per il suo durare, lasciando spazio a vette che si rincorrono. Ci avviciniamo passo dopo passo verso una struttura unica, originale, quella disegnata dall’architetto Giampiero Mina che ha lavorato nello studio di uno dei più importanti architetti del ‘900, Alvar Aalto. La struttura del Cine-Teatro Blenio segue un progetto organico capace di entrare nel territorio, di espandere le sue linee in un movimento fluido, ondulato. All’interno, spazialità, luce, funzionalità. Ne avevo parlato anni prima con Fernando Ferrari, punto di riferimento per le stagioni e la crescita di questo polo culturale che nel 2021 ha passato l’incarico ad Ariano Belli, formatosi con lui. Incontro Belli a Biasca, in un bar. Ci sediamo su un tavolino all’aperto.

Un valore per la Valle

Il ‘Cine-Teatro Blenio’, cosa rappresenta per la Valle? «È un polo culturale legato alla polivalenza della sala. Oltre alle proiezioni cinematografiche, spettacoli teatrali, concerti, eventi che interessano anche le zone limitrofe e le altre valli». Da un anno ne coordini le attività. «Come presidente dell’Associazione Cinema Blenio che ha mandato dal comune di Acquarossa, proprietario dello stabile, di gestire i contenuti della sala, mi occupo della programmazione mensile, cercando di diversificare al meglio le proposte. Per me, una sfida». L’Associazione? «Si è costituita nel 2006 quando la sala è stata riaperta dopo le necessarie ristrutturazioni. Il comune di Acquarossa, da sempre vicino alla struttura, nel 2011 ha sostenuto il passaggio al digitale insieme ai contributi di Confederazione e Cantone. Aggiungo che i comuni della Valle versano la somma di un franco e cinquanta per abitante che riceviamo annualmente e che mette in evidenza come la collettività sia vicina al progetto».

I tuoi primi passi? «Nel 2009, collaborando da subito con l’ex presidente Fernando Ferrari, figura centrale per la storia del Cine-Teatro. Lavoravamo sulla programmazione mensile, confrontandoci, portando avanti i contratti con i distributori, mettendo a punto il cartellone. Cosa che adesso mi compete». Un’esperienza decisiva. «Non potrei pensare di gestire, oggi, una sala cinematografica se non avessi fatto un percorso costruttivo con Fernando». Gli anni della pandemia? Le chiusure? «È vero che la pandemia non ha certo giovato alle presenze in sala, comunque, quando si poteva, rispettando le norme, l’abbiamo tenuta aperta per rispetto del nostro pubblico». Il cinema, occasione di incontri. «Sì. Ci si ferma nell’atrio a parlare, nel bar a discutere, questa è la forza della nostra sala. Per chi viene il mercoledì al cinema mi piacerebbe trasmettere il messaggio che se anche non conosci la pellicola, il regista, questo è un momento interessante. Diverse persone lo dicono ed è una restituzione che gratifica. Il mercoledì passano film più di nicchia, magari legati a festival, con registi e ospiti invitati per cui nasce una discussione stimolante».

Le scelte? "Da quelle legate come dicevo a un cinema autoriale, a quelle del fine settimana con film più commerciali. La domenica è un giorno rivolto alle famiglie con inizio alle 17.00; cartoni animati, film dedicati a un pubblico affezionato a cui teniamo molto». Passione, impegno. «Un investimento di energia al di fuori del proprio lavoro. Il comitato è composto da volontari, nove persone con diverse competenze. Ci riuniamo una volta al mese, ognuno è responsabile del suo ambito che però condivide con gli altri. Responsabilità dei singoli, lavoro di gruppo». Una spinta che nasce dalla fiducia che sentite intorno a voi. «La sensazione bella è la fiducia che le persone ripongono rispetto alla programmazione. Un mercoledì abbiamo proposto un documentario sulle levatrici, coinvolgendo alcune persone della zona. La partecipazione, un successo».

La struttura, il suo fascino. «Chi viene per la prima volta ad Acquarossa la trova molto accogliente. È opera dell’architetto Giampiero Mina che ha lavorato nello studio di Alvar Aalto; lo stile nordico, l’utilizzo del legno, vengono da quella stagione. Tornando in Valle è stato uno dei primi progetti che Mina ha realizzato, creando scalpore. La sala sviluppa un concetto che ti fa sentire a casa». Un rapporto sensibile tra forma e contenuto. «I contenuti sviluppati sono e sono stati affini alla struttura stessa, lo si sente. Il materiale in legno deriva da un antico ponte che attraversava il Brenno, un riutilizzo che voleva dire già allora pensare all’ambiente». Parlavi di polivalenza. «Basarsi solo sulla parte cinematografica è complicato, anche se è il nostro mandato principale, quindi affittiamo la sala anche per spettacoli teatrali, conferenze, concerti, cercando di impegnarci per scelte di qualità. Da poco è stato qui il ‘Duo Kirsch’, giovani di talento». Il pubblico cambia secondo le proposte? «C’è un pubblico che segue un po’ tutti gli spettacoli, che siano cinematografici, musicali, teatrali, ma c’è chi viene per seguire proposte specifiche, anche da Lugano e dal Mendrisiotto. E dai turisti che sono in Valle». Tornando alla tua, vostra, sfida? «Uno dei punti più importanti è diversificare la programmazione, cercando di ampliare il pubblico. A volte si tratta di serate miste, proiezioni abbinate a spettacoli o a una conferenza, andando anche sugli altri giorni disponibili».

Kaurismaki

L’opera di Alvar Alto che ha spaziato dall’architettura alla progettazione di mobili e oggetti, si muove rispetto al contesto in cui è chiamata a intervenire, una forma razionale di ambienti condotti a una essenzialità rigorosa legata a un’idea organica del rapporto tra uomo e ambiente. La prova architettonica di Giampiero Cima rivela l’idea di un volume leggero pienamente introdotto nella configurazione della Valle, visibilità capace di illuminare chi osserva la struttura portandola in una cornice nordica essenziale quanto vibrante, come i venti che solcano le montagne intorno. Bello se, entrando al Cine-Teatro Blenio, uno spettatore sedesse a fianco di Aki Kaurismaki che se guardiamo bene possiede quell’essenzialità interiore che Alvar Aalto ha mostrato nei suoi lavori.

Kaurismaki è uno dei più importanti registi degli ultimi decenni, i suoi personaggi si presentano allo spettatore nella loro spogliazione, soli in mezzo all’insensatezza delle cose e degli accadimenti. Basterebbe citare ‘L’uomo senza passato’, ‘La fiammiferaia’, ‘Nuvole in viaggio ’, dove realtà e un margine incontaminato di follia (e ironia) parlano di minimi gesti quotidiani, incontri, dolore. E di un cielo scuro, sopra di noi.


Keystone
Aki Kaurismaki

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved