ULTIME NOTIZIE Culture
Società
9 ore

A New York la palma di città più cara al mondo

La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
11 ore

A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok

Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
17 ore

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
19 ore

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
1 gior

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
1 gior

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
1 gior

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
1 gior

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
1 gior

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
1 gior

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
1 gior

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
1 gior

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
1 gior

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L’intervista
1 gior

Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle

Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Ticino7
2 gior

Michael Jackson, il ‘Thriller’ dei record a ‘Di tutto un pop’

Il 30 novembre di 40 anni fa usciva l’album più venduto di sempre. Sabato 3 dicembre, Sergio Mancinelli lo racconta (a parole e nel podcast)
Libri
2 gior

La letteratura per ragazzi interpretata da Olimpia De Girolamo

L’appuntamento di chiusura della stagione ’22 della Casa della letteratura di Lugano è in calendario sabato 3 dicembre, alle 16.30 a Villa Saroli
teatro
2 gior

Carmelo Rifici fra i finalisti del Premio Ivo Chiesa

Il regista e direttore artistico del Lac è stato nominato nella categoria Premio La Scuola. Il riconoscimento è promosso dal Teatro Nazionale di Genova
Culture
2 gior

Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi

Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
2 gior

Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage

Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Podcast
2 gior

The deep NEsT, Marco Coppola nel nido di Bandecchi e La Rosa

Ospite, in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids, il responsabile di Gayticino a Zonaprotetta. Su YouTube, Spotify e www.deepnest.com
Libri
22.09.2022 - 12:11
Aggiornamento: 15:38

Dalla malattia della figlia nasce un libro. ‘Una promessa a lei’

Intervista a Michela Maiocchi, autrice di ‘Storia di Pino’: una fiaba a metà, uscita dal cassetto grazie ad allievi della Scuola speciale di Biasca

dalla-malattia-della-figlia-nasce-un-libro-una-promessa-a-lei
‘Storia di Pino e del prodigio della voce dell’acqua’ di Michela Maiocchi è edito da Giampiero Casagrande

«Io ho scritto una storiella, che mi aveva preso forse un paio di giorni, poi l’avevo messa nel cassetto. Ma il testo l’hanno fatto vivere loro, dandogli un senso». Loro sono gli allievi della scuola speciale di Biasca, cui Michela Maiocchi tiene a rendere merito, perché «hanno fatto il grosso del lavoro». È nato così ‘Storia di Pino’ (sottotitolo ‘e del prodigio della voce dell’acqua’, Giampiero Casagrande editore, con un testo del pediatra Valdo Pezzoli), racconto in parte fiabesco che prende spunto da una vicenda dolorosa: la nascita di una figlia affetta da una grave cardiopatia.

Dal cassetto la storiella è uscita quasi per caso. «Anni dopo l’accaduto, tramite un’amica il testo è stato proposto come lettura ai ragazzi della scuola speciale di Biasca, ai quali Pino è piaciuto fin da subito. Forse perché contiene tre vicende: quella di mia figlia e del suo alter ego, Pino appunto; la mia, con il desiderio di trovare la voce migliore per raccontare la storia; e quella dei ragazzi stessi, che tramite la lettura del testo hanno potuto esprimere il loro vissuto a volte simile a quello di mia figlia, e che hanno poi accettato la sfida di realizzare le illustrazioni. Per me – ci dice Michela Maiocchi – tutto ciò che sarebbe uscito dal lavoro di e con i ragazzi, sarebbe andato bene. Una volta che il mio racconto è uscito di casa, l’ho lasciato partire. Che è un po’ – sorride – come si fa con gli adolescenti».

Sua figlia è nata nel 2002. Come mai ha deciso di scrivere un libro a diversi anni di distanza da un’esperienza così difficile, come è la malattia grave di un figlio?

Perché subito non ce la facevo. C’è stato bisogno di mettere del tempo tra me e ciò che avevo vissuto. Ho atteso dodici anni per rimettere mano a una storia, che comunque avevo promesso a mia figlia di raccontare un giorno. Ne avevo avuto il desiderio fin da subito e quando stavo all’ospedale di Zurigo con la bimba, gli stessi medici mi avevano invitata a prendere un quaderno e ad annotare le mie sensazioni e il mio vissuto. Poi però il materiale era rimasto in forma disordinata in un cassetto. L’ho ripreso in mano nel 2014, quando a causa di un tumore al seno ho dovuto interrompere il mio lavoro. In quel frangente ho avviato la stesura di due testi diversi. Uno era una sorta di diario dei giorni della mia malattia, pubblicato sullo slancio l’anno seguente (‘Dopo di questo mi manca solo il bungee jumping’).

Specialmente all’inizio, avevo tanto avuto la percezione che la malattia non mi togliesse la salute, quanto che mi facesse diventare da un giorno all’altro invisibile agli occhi di tutti: non potevo lavorare, non potevo vedere persone, non potevo uscire e se lo facevo, mi ‘camuffavo’ indossando ad esempio una parrucca, per evitare sguardi imbarazzati. Il solo modo, per me, di affermare un po’ il mio posto nel mondo era fare la sola cosa che so fare, oltre a insegnare: ossia prendere carta e penna e scrivere. La storia del mio tumore è raccontata con una voce decisa, che non ha mezze misure; una voce che rivendica un ruolo e un diritto.

Parallelamente sempre nel 2014 ho iniziato il racconto poi diventato ‘Storia di Pino’, scritto però con una voce totalmente diversa. Mi sembrava infatti che solamente in quel modo, avrei potuto raccontare la storia legata alla malattia di mia figlia; un’esperienza paradossalmente più dolorosa rispetto a ciò che stavo vivendo in prima persona.

‘Storia di Pino’ è scritta con un linguaggio che lei definisce lieve. Lo ha fatto anche pensando a un certo tipo di pubblico, ad esempio i bambini?

Di solito, quando mi metto a scrivere, in un certo senso dentro di me sento il tipo di voce con la quale mi voglio esprimere. Non so da che cosa derivi questo; se dal pubblico, dal contesto o da ciò che scrivo. Per ‘Storia di Pino’ la scelta del linguaggio è stata invece più complicata, ci ho dovuto pensare un po’. Mi sono chiesta quale fosse il modo migliore per restituire quel vissuto, in modo tale che a me non facesse troppo male nel ricordarlo e nello scriverlo, e che ai lettori non provocasse troppa sofferenza. Perché di famiglie con bambini con un’esperienza come la mia, probabilmente ce ne sono tante e non volevo che il testo facesse riaffiorare troppo dolore. La soluzione per la quale ho optato è una sorta di fiaba a metà con animali che parlano, in cui la quotidianità di oggi (ci sono telefono e telecomando ad esempio), irrompe in un mondo esotico volutamente distante. Anche la lontananza mi ha permesso di parlare dell’accaduto in maniera più libera.

Non è dunque stata una scelta legata a una tipologia di lettori; anche perché spero che il libro venga sì letto da bambini, ma pure da adulti. Due pubblici che vi possono trovare sfumature diverse. Ne ho avuto la prova, facendo leggere il racconto ai ragazzi della scuola speciale di Biasca, che ci hanno visto cose diverse rispetto a quelle che magari io avevo immaginato. E che, anche grazie al loro sguardo, mi hanno aiutato a completare il testo. Proprio da loro, ad esempio, è venuto lo spunto per il sottotitolo del libro, in quanto l’elemento dell’acqua che ha ridato voce a Pino li aveva colpiti parecchio.

Cosa ha rappresentato per lei la scrittura, in relazione alla malattia di un figlio?

Durante la mia malattia, che ha sì coinvolto me e indirettamente il mio entourage, avevo cercato di trovare qualcosa che potesse ancora rendermi utile all’interno della famiglia e che al contempo fosse per me una sorta di ancora di salvezza. La scrittura mi era sembrata la cosa più consona. Perché si affida alla carta ciò che si è vissuto e, come spiego anche ai miei studenti, è come se ci si liberasse di un fardello.

Mentre durante il periodo della malattia di mia figlia – esperienza molto forte, inaspettata e sconvolgente sia per me, sia per mio marito – io non avevo messo in campo nulla per poter ‘sopravvivere’. Noi eravamo giovani e ancora inesperti genitori, che non si aspettavano certo una situazione del genere. Quando nostra figlia era all’ospedale, mio marito e io ci siamo lasciati travolgere. Sapevamo che l’unica cosa da fare era stare vicino alla bimba e per alcuni mesi è stato tutto ciò che abbiamo fatto.

Perché ha scelto un protagonista maschile?

Anche questo è stato un modo per avere quella lontananza di cui ho parlato prima; per ricavarne maggiormente un senso di benessere mentre scrivevo e per prendere le distanze rispetto a ciò che avevo vissuto.

Sua figlia cosa pensa del libro?

Non sembra essere molto coinvolta – ride –. Oppure la sua distanza è una maschera che indossa. Ha una specie di distacco, che anche nel suo caso dev’essere qualcosa che le serve e le è sempre servita per andare avanti senza farsi troppo sommergere dalle emozioni.

Come sta oggi sua figlia?

Sta bene. Ha frequentato le scuole normalmente e ora è al secondo anno di Medicina all’università.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved