ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
41 min

Il Covid resta un’emergenza internazionale

Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
Spettacoli
2 ore

La febbre del calcio con Stefano Accorsi al Lac è ‘Azul’

Lo spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca arriva a Lugano con quattro rappresentazioni, da giovedì 2 a domenica 5 febbraio
fumetto
3 ore

Il fumettista svizzero Panchaud vincitore ad Angoulême

Grazie a ‘La Couleur des choses’, l’artista è stato premiato lo scorso fine settimana al 50esimo Festival international de la bande dessinée
concerto
4 ore

La mostra dedicata a Marcel Dupertuis chiude in musica

In occasione del finissage al Museo Vela di Ligornetto, domenica 12 febbraio, si esibirà il duo composto dall’arpista Ziveri e dal sassofonista Creola
L’intervista
9 ore

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale.
Culture
19 ore

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
20 ore

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
21 ore

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
21 ore

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
1 gior

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
1 gior

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
1 gior

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
1 gior

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
2 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
2 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
2 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
2 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
2 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
2 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
3 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
3 gior

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
3 gior

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
3 gior

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
3 gior

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
3 gior

Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola

Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Culture
3 gior

A Milano una serata per celebrare la Cramps Records

Etichetta fondata nel 1972 da Gianni Sassi, pubblicò ‘Arbeit Macht Frei’, primo album degli Area. Appuntamento al Lirico Giorgio Gaber giovedì 6 aprile
Musica
3 gior

LuganoMusica, Francesco Piemontesi tra Debussy e Schubert

Martedì 31 gennaio alle 20.30 al Lac. Poco prima, alle 19.30 nella Hall, in dialogo con Etienne Reymond, il pianista presenta il programma al pubblico
Scienze
4 gior

Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima

Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
4 gior

Maestro, che ne pensa dei Måneskin?

Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
4 gior

‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)

Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
4 gior

Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare

Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
Giornate del cinema
4 gior

‘Until Branches Bend’, c’è un po’ di Ticino nel Prix de Soleure

Prodotto dalla luganese Cinédokké, al film della regista svizzero-canadese Sophie Jarvis è andato il premio più importante di Soletta
Culture
4 gior

Con le ‘Locarno Short Weeks’ un mese di cortometraggi

Dal 1º al 28 febbraio quinta edizione online di uno degli spin-off del Locarno Film Festival più amati dal pubblico, con più proposte e offerta on demand
La recensione
4 gior

Gabriele Lavia e i sonagli pirandelliani

Nato a Milano con profonde radici sicule, l’80enne Lavia è il Ciampa sornione del ‘Berretto a sonagli’ visto al Lac (tra alcuni ‘ooh’ di meraviglia)
Cinema
5 gior

Shirin Neshat dalla terra dei sogni

Fra critica sociale ed esperienza personale arriva nelle sale ticinesi ‘Land of Dreams’ dell’artista iraniana. Dal 26 gennaio all’Iride e all’Otello
Società
5 gior

‘Esserci’. L’impronta di Mario Timbal alla Rsi

Il bilancio del direttore su cosa è cambiato e cosa ancora potrebbe cambiare, tra nuovi programmi, successi, critiche e grattacapi politici
Cinema
5 gior

Oscar, 11 nomination per ‘Everything Everywhere All at Once’

In testa gli universi alternativi della coppia Kwan-Scheinert. Segue ‘Gli spiriti dell’isola’. Spielberg vede la terza statuetta; John Williams la sesta
Musica
5 gior

Focus György Ligeti, l’omaggio congiunto di Lugano

Dal 1° febbraio al 24 novembre 2023, LuganoMusica, l’Osi, 900presente e I Vesperali uniti nel tributo al grande compositore ungherese
Arte
6 gior

Crollo nell’Arena di Verona: ‘Danno irreversibile’

I danni causati dal cedimento del basamento della stella cometa, all’interno della struttura, sono stimati in centinaia di migliaia di euro
L’intervista
laR
 
19.09.2022 - 09:51
Aggiornamento: 14:59

Mario Martone, ‘Nostalgia’ e altre storie

Di Napoli e dintorni, di Godard e Rossellini, di ostinazioni e ignoranza creativa: ieri il regista napoletano è stato ospite di Babel

mario-martone-nostalgia-e-altre-storie
© Marta Panzeri per Babel
Mario Martone davanti al Teatro Sociale

"Il cineasta italiano più importante degli ultimi decenni, una delle cinque personalità di maggiore spicco della cultura europea". Un regista "impuro", perché "nessuno può essere puro, come rivendica chi vive nella bolla del cinema"; e l’impurità è "offrire sempre un’immagine non definitiva, punto provvisorio per ulteriori esplorazioni", in quel "reticolo di rimandi" che è il suo essere regista cinematografico, teatrale e televisivo, documentarista e sceneggiatore non di meno. È Mario Martone per Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival, sul palco del Teatro Sociale di domenica pomeriggio per Babel che incontra le altre arti. Il Cinema, in questo caso. Martone – napoletano, un Leone d’Argento all’esordio, tanti David di Donatello e Nastri d’Argento – si è ritagliato qualche ora di pausa dalla costruzione della sua Fedora, presto in scena alla Scala, per parlare di sé e delle proprie opere, che per Nazzaro sono "un’opera sola, in cui i film sono la parte più accessibile". Perché "tanti lavorano ai film, pochi a un’opera completa. Forse solo Fassbinder".

Il cinema ‘camminante’

Martone il suo cinema lo chiama "arcipelago", e tra le isole c’è ‘Nostalgia’, pellicola presentata quest’anno a Cannes, con Napoli al centro e il non napoletano Pierfrancesco Favino – non napoletano nemmeno nel film, in quanto emigrante che torna dall’Egitto dopo quarant’anni – ad aggiungere significato al film, tratto dall’omonimo romanzo di Ermanno Rea. "Mi propongono spesso libri belli, o che si pensano giusti per me. Ma deve scattare qualcosa in me, come in questo caso. ‘Nostalgia’ non è ambientato a Napoli, ma nel rione Sanità, che sebbene io sia napoletano non conoscevo in quanto sorta di enclave che guarda il mare dall’alto. E se dagli altri quartieri arrivare al mare è facile, dalla Sanità no". E se per Martone, che viene dalla Chiaia, c’è un viaggio da fare, se vi è l’occasione di un cinema "camminante", come lo chiama lui, "se ci si può mettere in cammino, allora ha senso". Al di là del suo Felice Lasco, il protagonista, e della manciata di grandi attori al suo fianco, "la chiave del film è stata quella di dare coro alle persone della Sanità, che non avevano mai recitato ma che rappresentavano la verità di quel posto, persone vere come le strade, come i palazzi".


© Marta Panzeri per Babel
Sul palco con Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival

Da ‘Nostalgia’, film senza fronzoli né manierismi, il dialogo tra Nazzaro e Martone si dipana per un’ora e mezza buona. Nel ricordare l’opera omnia del regista, Nazzaro ‘pretende’ che si parli di ‘Noi credevamo’ e del coraggioso ‘Il giovane favoloso’, incentrato sulla vita di Giacomo Leopardi. E lo spazio è tutto per ‘Noi credevamo’ – sette David di Donatello, fotografia del bellinzonese Renato Berta – dalla ricostruzione storica ‘rosselliniana’ e dalla libertà stilistica ‘godardiana’: "Nei miei film tutti i cantieri sono aperti, tutte le porte sono aperte, anche quelle della mia ignoranza. Se avessi conosciuto bene il rione Sanità, non mi sarebbe venuta la voglia di girarci un film". Se non avesse voluto capire il Risorgimento, o meglio "le semplificazioni su cos’è stato il Risorgimento" (Nazzaro), nemmeno sarebbe esistito ‘Noi credevamo’.

Nella suddetta ora e mezza si transita prima dalle parti di Godard: "La sua idea di montaggio ha ribaltato tutto; montava con libertà e ampiezza, come se facesse musica con la realtà"; e ancora: "Senza la sua lezione forse avrei ugualmente fatto cinema, ma non sarei la stessa persona". Poi transita dalle parti di Rossellini: "L’ho interiorizzato, non ci penso in senso diretto. Amo il suo aver rischiato sconsideratamente. Dopo ‘Roma città aperta’ ha girato film che non capitalizzavano quanto aveva conquistato, il tutto per andare altrove, atto che me lo rende maestro totale".

In direzione ostinata

Per concludere, in nome del fermento teatrale degli esordi a Napoli, Nazzaro fa spazio all’esordio del Martone regista in ‘Morte di un matematico napoletano’, l’ultima settimana di Renato Caccioppoli, docente universitario di matematica pura toltosi la vita nel maggio del 1959, ultima settimana che doveva essere l’ultimo giorno: "Fu la co-sceneggiatrice Fabrizia Ramondino a spingere affinché fosse raccontata la settimana – ricorda il regista – e fu una mossa giusta. Ma i produttori volevano che aprissi ancor più la storia, e io ribattevo sostenendo che il film avrebbe perso di senso. L’unico modo sarebbe stato farlo da indipendenti, utilizzando le sovvenzioni pubbliche, coinvolgendo amici". Così fu. "Certe ostinazioni – conclude Martone – non sono spiegabili razionalmente". Sono spiegabili, eventualmente, con l’aneddoto: "Bertolucci, suo devoto, chiese a Godard i diritti per citare ‘À bout de souffle’ in ‘The Dreamers’; Godard glieli concesse, inviandogli la conferma tramite un fax che riportava queste parole: ‘Non esistono diritti d’autore, ma solo doveri’. Ecco, io parlo di dovere rispetto a me stesso. Quando ho ceduto alle pressioni altrui, mi è sempre rimasto il rimpianto".

L’intervista

‘Si può provare nostalgia anche restando’

Di Napoli, oltre alle voci, in ‘Nostalgia’ ci sono anche i silenzi. «Il suono di Napoli è senz’altro qualcosa d’interessante. Si tratta comunque delle mie orecchie. Ogni città ha un suono che sento io, anche Bellinzona ha un suono. Il lavoro sul suono per me è molto importante, ovunque mi trovi a fare cinema. A Napoli non di meno».

Incontriamo Mario Martone nel gazebo del book shop di Babel, un’ora prima che l’attenzione su di lui si sposti dentro il teatro. Suono e teatro ci portano alla musica e a Milano, dove la suddetta Fedora andrà in scena dal 15 ottobre al 3 novembre. «È la terza opera di Umberto Giordano che la Scala mi ha chiesto – ci dice – e ogni volta ho cercato soluzioni diverse. Nel caso di Fedora ho cercato di raffreddare la mia partita col naturalismo. Dal punto di vista visivo mi aiuterò con la pittura. In generale, cercherò di staccare dal Rigoletto di Verdi», l’opera precedente. Detto di Milano, nel dubbio che non se ne parli abbastanza in seguito, ci giochiamo tutto sulla ruota di Napoli…

Mario Martone. Ora tra le lingue di Babel c’è anche quella napoletana…

Il napoletano concede un ampio spettro di possibilità, anche se sarebbe giusto dire ‘i napoletani’, perché a Napoli esistono tante lingue diverse. Napoli e Venezia sono le sole città in cui si parla ancora il dialetto per davvero, quello che cammini per strada e dalla parlata sei avvolto. Non sorprende che poi Napoli e Venezia siano le due grandi città della tradizione teatrale, Goldoni da un lato, Eduardo, Scarpetta e il resto dall’altro, in un rapporto profondo tra lingua e teatro. La lingua italiana vive invece una sorta di grande mediazione tra tutti noi, voi compresi, che negoziamo un italiano che non è certo quello di Dante.

Diceva ‘napoletani’…

Napoli ha più dialetti, che offrono tutti un ampio spettro di possibilità: uno puro, la parlata elegante di Sergio Bruni o di Roberto Murolo per intenderci, che va sino al napoletano rabbioso, gutturale, quasi animalesco che si ascolta in ‘Gomorra’, caratteristiche che a Napoli esistono e non sono invenzioni cinematografiche o musicali. Anche nei miei film c’è napoletano e napoletano: c’è quello del ‘Sindaco del Rione Sanità’, altro è quello di ‘Qui rido io’, diversi come pasta. Ne ‘L’amore molesto’ il dialetto è addirittura uno dei temi portanti del libro di Elena Ferrante, per questa donna che viene fisicamente inondata da una parlata dalla quale si era voluta staccare.

La Delia de ‘L’amore molesto’ e il Felice Lasco di ‘Nostalgia’ fanno un percorso comune, quello del ritorno a Napoli. Mi paiono, in generale, più frequenti i ritorni a Napoli che non le partenze da quella città…

Se intende il mio caso specifico, la partenza da Napoli è in me sin dall’inizio. A 17 anni ho iniziato a fare un teatro che guardava altrove, alla sperimentazione americana, europea, nonostante la forte tradizione teatrale dietro di me, sopra di me. Posso dire di essermene sempre andato da Napoli…

Mi riferivo alle soluzioni narrative date dal ritorno in una città come la sua...

Ritengo si possa avere nostalgia anche di un posto dal quale non te ne sei mai andato. Certo, il ritorno è il meccanismo adatto per provocare tensione. Nel caso de ‘L’amore molesto’ ho voluto restare fedele al libro di Ferrante, scritto come un giallo; ‘Nostalgia’, al contrario, con Ippolita Di Majo l’abbiamo riorganizzato per ottenere questo tipo di tensione, laddove nel libro di Ermanno Rea tutto è chiaro sin dall’inizio.

‘Non v’è necessità di ritrarre Napoli diversamente da ciò che è’, ha detto lei in un’intervista. E Felice mette l’orologio in cassaforte prima di uscire, cosa che anche i napoletani ti dicono di fare...

Ho sempre raccontato tante Napoli, da quella degli intellettuali in ‘Morte di un matematico napoletano’ a quella degli artisti impegnati in ‘Teatro di guerra’. Di volta in volta racconto ciò che Napoli è. Non ho alcun interesse ‘turistico’ né forzatamente edificante. È la condizione umana che m’interessa, e a Napoli può essere sofferta, dolorosa, anche violenta.

È più facile raccontare Napoli per un napoletano o il non esserlo ‘alleggerisce’?

Ci sono bellissimi film girati da autori non napoletani a Napoli, benché quelli non troppo belli siano più di quelli belli. Vorrei dire che la Napoli più bella vista al cinema è quella del primo episodio del ‘Decameron’ di Pasolini, quella di Andreuccio da Perugia che entra in una città evocata pittoricamente con pochi tratti, che comunque fanno emergere il sentimento profondo verso la città. ‘Viaggio in Italia’ è forse il film più bello che sia mai stato fatto a Napoli, e Rossellini di certo non era napoletano.

A Cannes, ‘Nostalgia’ è stato sommerso dagli applausi. Pierfrancesco Favino era una Palma d’Oro annunciata ma è andata diversamente. D’altra parte, dice lei, i premi non sono altro che una lotteria…

Lo sono per forza. Venti film e sette persone che li devono giudicare, è chiaramente un gioco combinatorio. È il bello dei premi. Ve ne sono alcuni che ricevi e nemmeno sei convinto di meritare, e altri che non ricevi e pensi che avresti potuto meritare.

Nostalgia’, a Cannes, meritava di più?

No, a Cannes siamo stati contenti per il solo fatto di esserci e per l’accoglienza. A novembre ‘Nostalgia’ esce in Francia, poi in Germania, avrà una vita internazionale importante. Il Festival è un bellissimo gioco che uno poi si dimentica. Dopo, resta solo il film.

Le piattaforme la spaventano? E il suo cinema contemplerebbe il formato ‘serie’?

Non mi è ancora capitato di girare una serie, ma è una cosa che mi piacerebbe fare. Il fatto è che lavoro tanto, ho progetti cinematografici sul campo. La serie è qualcosa di molto potente che non è esattamente il cinema, pur avendo elementi in comune con esso. Un film è come un romanzo, ha un inizio e una fine, una sua struttura interna, anche lunghissima. La serie può anche essere destinata a non chiudere mai.

Durante l’ultimo Locarno Film Festival, anch’egli incuriosito e al lavoro sulla sua prima serie, Costa-Gavras malediceva un meccanismo che, a suo parere, creerebbe dipendenza e per il quale la puntata precedente viene dimenticata in un attimo…

Dipende. Sono state prodotte serie stupende il cui insieme non si può dimenticare. Credo si tratti di sapere distinguere. Ci sono registi che lavorano sulla prima stagione e poi lasciano, dunque la non chiusura non è una regola fissa. Il film, così come un quadro, ha una sua cornice che delimita lo spazio di chi lo fa e di chi lo guarda. Con la serie possiamo essere più liberi, e credo che questa libertà possa essere un valore.

E le sale?

Se chiudono le sale non avremo più pareti sulle quali attaccare i quadri. Penso al film comico per il quale, è presto detto, ridere in mezzo alla gente è una cosa, ridere da soli un’altra. Ma è anche una questione tecnica: per il cinema io concepisco inquadrature destinate a uno schermo grande, perché piene di dettagli; se facessi una serie penserei in tutt’altro modo. Sale e piattaforme sono forme che devono coesistere.

Il lavoro futuro di Mario Martone contempla altri grandi napoletani?

Sto realizzando un documentario su Massimo Troisi che uscirà a febbraio, e insieme a Ippolita Di Majo sto scrivendo il nuovo film, che avrà a che fare con Goliarda Sapienza, la scrittrice della quale due anni fa mettemmo in scena ‘Il filo di mezzogiorno’.


© Marta Panzeri per Babel
Da sinistra, Matteo Campagnoli, Mario Martone, Giona A. Nazzaro

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved