ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
48 min

Addio all’attrice Annie Wershing, star di ‘24’

Recitò anche in ‘Bosch’ e fu la regina dei Borg in ‘Star Trek’. È morta a soli 45 anni dopo due anni di battaglia contro il cancro
Spettacoli
55 min

Sanremo 2023, ora i duetti sono ufficiali

Di venerdì a duettare con gli artisti in gara, tra gli altri, Eros Ramazzotti, Edoardo Bennato, Salmo, Arisa, Carla Bruni. L’elenco completo
Spettacoli
55 min

È morta Lisa Loring, fu la prima Mercoledì della Famiglia Addams

L’attrice aveva 64 anni ed è deceduta in seguito ad un ictus. Suo il ruolo della figlia di Gomez e Morticia nella serie originale degli anni Sessanta
Musica
1 ora

Il violoncello di Jean-Guihen Queyras in Auditorio con l’Osi

Il programma del terzo appuntamento della stagione allo Stelio Molo di Lugano, giovedì 2 febbraio, propone brani da Bach a Haydn e Ligeti
Scienze
2 ore

Il Covid resta un’emergenza internazionale

Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
Spettacoli
4 ore

La febbre del calcio con Stefano Accorsi al Lac è ‘Azul’

Lo spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca arriva a Lugano con quattro rappresentazioni, da giovedì 2 a domenica 5 febbraio
fumetto
5 ore

Il fumettista svizzero Panchaud vincitore ad Angoulême

Grazie a ‘La Couleur des choses’, l’artista è stato premiato lo scorso fine settimana al 50esimo Festival international de la bande dessinée
concerto
6 ore

La mostra dedicata a Marcel Dupertuis chiude in musica

In occasione del finissage al Museo Vela di Ligornetto, domenica 12 febbraio, si esibirà il duo composto dall’arpista Ziveri e dal sassofonista Creola
L’intervista
11 ore

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Culture
21 ore

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
22 ore

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
22 ore

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
23 ore

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
1 gior

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
1 gior

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
1 gior

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
1 gior

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
2 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
2 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
2 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
2 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Osi in Auditorio
laR
 
16.09.2022 - 08:00
Aggiornamento: 15:31

Heinz Holliger, Schubert e dintorni

L’83enne oboista e direttore d’orchestra stasera allo Stelio Molo alla guida dell’Osi nella Terza e nell’Incompiuta del compositore austriaco

heinz-holliger-schubert-e-dintorni
Priska Ketterer
‘Fare musica fa parte della vita, è la vita’

«Di cosa parliamo?». Parliamo, se le fa piacere, del programma di venerdì 16 settembre, del suo strumento principale, l’oboe, della direzione d’orchestra, della composizione… «Non c’è un tema specifico di cui dobbiamo parlare. Io sono musicista e non ci sono dipartimenti specifici. Tutte quelle cose vanno sotto un solo nome».

Incontriamo Heinz Holliger alla vigilia del primo appuntamento del nuovo ciclo di Osi in Auditorio che cade oggi nella Giornata nazionale Srg della musica svizzera per poi estendersi sino a Brugg, per la replica argoviese di domani, sabato. Allo Stelio Molo alle 20.30 (diretta su Rsi Rete Due, Rts Espace 2 e in videostreaming su www.rsi.ch/musica), l’83enne maestro bernese – oboista che di quello strumento ha riscritto le regole – dirigerà l’Orchestra della Svizzera italiana in due delle più note sinfonie di Franz Schubert, la Terza e l’Ottava, detta Incompiuta, affiancandovi l’Andante in si minore, orchestrato da Roland Moser sulla base di frammenti originali del compositore austriaco. Nel mezzo, l’argoviese Sebastian Bohren, col suo Stradivari ‘King Slomo’, si farà interprete del Concerto per violino e orchestra n.1 di Béla Bartók.

Maestro, partiamo dal programma? Partiamo da Schubert?

Di Schubert, per la Sony, ho appena terminato la registrazione dell’integrale delle sinfonie, con l’Orchestra da camera di Basilea. Quanto alla Terza sinfonia, Schubert la scrisse a 17 anni ed è un miracolo, è musica perfetta. Quanto all’Incompiuta, quel suo iniziare pianissimo la rende non immediatamente accessibile a un pubblico che abbia appena lasciato i rumori della strada. Io la faccio precedere dall’Andante in si minore, musica ‘sonnambulante’, assai depressiva in quanto scritta da Schubert tre settimane prima di morire. L’Andante termina con un brano per solo quartetto d’archi che non dirigo, e soltanto dopo inizia l’Incompiuta, quando lo stato d’animo della sala lo consente. Passando a Bartók, il Concerto per violino e orchestra n.1 fu scritto nel pieno dell’innamoramento per Stefi Geyer, violinista ungherese 19enne al tempo, ex bambina prodigio. Un libro molto interessante dell’Università di Zurigo raccoglie il carteggio tra i due, impossibilitati a stare insieme per il dichiarato ateismo di lui, che avrebbe spinto la madre di lei a proibire la relazione. Geyer custodì la partitura per cinquant’anni; la consegnò a Paul Sacher, il mecenate di tutta la musica moderna, dicendogli che si sarebbe dovuta suonare solo dopo che ella fosse morta. Nell’occasione di quella prima mondiale il violino fu suonato dal grande Hans-Heinz Schneeberger. Esiste una registrazione su cd, più o meno privata.

Quando arriva nella sua vita la direzione musicale?

Non sono mai passato dallo strumento alla direzione musicale, è sempre stata, anche in questo caso, parte integrante di ciò che ho fatto. Dirigere per me non è mai stato così interessante, la mia necessità è sempre stata quella di scrivere e fare musica. Poi, a ventidue anni, mi chiesero di dirigere ad Amsterdam la mia prima opera ‘Erde und Himmel’ (‘Erde und Himmel’. Kleine Kantate nach Texten von Alexander Xaver Gwerder’, 1961, ndr). Pensai che avrei potuto imparare molte cose e diressi saltuariamente fino al 1976, quando Paul Sacher mi chiese di guidare la sua orchestra da camera di Basilea. Poco a poco la direzione d’orchestra s’è presa più spazio, ma non ho mai sentito nemmeno questa come una cosa diversa. Tutta la musica è un’unità, un’entità, un cosmos.

Cosa ha aggiunto, se lo ha fatto, la direzione musicale al suo personale cosmo?

Quello che posso dire oggi è di avere molta più esperienza nei rapporti con i musicisti. Un direttore d’orchestra deve ‘sentirne’ il carattere, deve sapere come farli suonare al 100% delle loro possibilità e del loro entusiasmo. Si tratta anche di psicologia. Credo che la musica esista sempre nel momento in cui viene suonata ed è sempre diversa, non è il cd. Dopo due minuti l’anima è già diversa perché ha esperienza di questi due minuti. Anche un ritornello non sarà mai il medesimo se si è già ascoltato una prima volta. La musica è sempre nuova. Fare musica fa parte della vita, è la vita.

Anche scriverla?

Sì, anche la scrittura è vita.

Anche scrivere per il suo strumento è vita?

Per quello ho scritto poco. Solo ora, a 83 anni ho cominciato a scrivere di più per il mio strumento, perché per me l’oboe non ha più segreti. Come compositore, l’esperienza è entrare dentro lo strumento senza fargli ‘male’, come ho fatto per i concerti per violino, viola, flauto. È l’atto di un bimbo che vuole conoscere, e per conoscerlo è portato a smontarlo...

In passato, parlando del suo strumento, l’oboe, lei ha usato il termine ‘corpo biologico’: può spiegarci il concetto?

Ritengo che uno strumento faccia sempre parte del corpo, perché il corpo produce musica di suo. E tutto, in musica, è riconducibile al ritmo del cuore, a quello del respiro. Anche quando suoniamo Schubert è sempre un ritmo biologico a condurci e mai quello di un orologio, che non esiste in natura, che non è una regolarità naturale. Quello che regge il rock, per esempio, è un ritmo completamente anti-umano. In ogni caso, parlando del tempo, si potrebbe chiamare in causa Einstein… (ride, ndr).

Ci perdonerà la domanda inflazionata: perché in gioventù scelse proprio l’oboe?

Ascoltai un oboe per la prima volta da bambino alla radio, poi in un teatro. Cantavo in un coro e quando la mia voce è cambiata, verso i 12-13 anni, sentii l’affinità col suono di quello strumento. Anche se preferisco dire che è l’oboe ad aver ripreso la mia voce (ride, ndr). Visto che abbiamo parlato di prolungamento del corpo umano, l’oboe è il prolungamento della mia voce. Rispetto alla mia infanzia, oggi è più semplice scoprire uno strumento: vengono esposti, i ragazzi possono vederli, toccarli, provarli e scegliere, ed è una bella cosa. Io ho scelto l’oboe nel mio villaggio a Langenthal, dove non esisteva un solo professore di oboe, e nemmeno di clarinetto. Solo dopo un anno ho avuto la possibilità di andare ogni settimana a Berna per studiare con Émile Castagnaud.

Il fatto che non fosse uno strumento così ‘protagonista’ non è mai stato un problema?

No. Quello che non sapevo, piuttosto, era che il repertorio fosse così povero se comparato a quello del pianoforte o del violino. A 15 anni scrissi a Sacher per informarlo che mi piaceva molto suonare l’oboe ma ero depresso per l’esiguità dei pezzi. Gli chiesi che ne fossero commissionati a Frank Martin, a Benjamin Britten e ricevetti da lui una risposta molto cordiale. Dopo il concorso di Ginevra, avevo vent’anni, Sacher inviò qualcuno della sua orchestra a prendermi; mi aspettava nel suo ufficio, ma quasi non lo vidi: all’estremità di un tavolo lunghissimo, vuoto, solo una lettera, la mia di cinque anni prima. Dopo quel giorno vennero il doppio concerto di Witold Lutoslawski per oboe e arpa, suonato con mia moglie Ursula, vennero partiture di Frank Martin, di Hans Werner Henze, di Takemitsu, Elliott Carter…

È una bellissima storia, maestro…

Sì, ed è una storia vera.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved