con-ian-anderson-negli-anni-del-prog
WIll Ireland
Ian Anderson, il 27 novembre al Palacongressi (biglietti su www.biglietteria.ch e presso i rivenditori autorizzati
ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi
2 ore

Transiti, nove e dieci

Da Ponte Chiasso terra di mezzo verso Monte Olimpino, poi il lago di Como. Fuggire per tornare a se stessi, così come fugge Travis...
Fotografia
3 ore

Il Monte Generoso di Catania

Istantanee da ‘My Generoso. Una Montagna per Amico’ al Fiore di Pietra, mostra del fotografo italiano Yuri Catania, che dal 2018 vive a Rovio
Letteratura
7 ore

Harry Potter, i venticinque anni di un maghetto bestseller

Oggi è il compleanno della saga di J. K. Rowling che ha cambiato l’universo del fantasy per ragazzi, incantando il mondo intero
Culture
18 ore

La scienza su libreo.ch, piattaforma dell’editoria svizzera

Raggruppa editori che pubblicano lavori nel campo delle scienze umane. Incluse le Edizioni Casagrande, da luglio
Spettacoli
18 ore

Multa da 23,5 milioni di euro a Viagogo

Maximulta in Italia per la rivendita di biglietti per numerosi concerti a prezzi fino a sette volte più alti del normale
Spettacoli
19 ore

Musical: ‘Chicago’ celebra i 10mila show

È secondo soltanto a ‘Il fantasma dell’Opera’. Dopo il debutto a Broadway nel 1996, in oltre 25 anni è stato rappresentato in 36 paesi
Società
20 ore

Stone su Haggis: ‘Se incontri una donna meglio essere in tre’

Sulle più recenti accuse al collega di violenza sessuale, Oliver Stone contro il #MeToo: ‘Non vogliamo un altro caso alla Amanda Knox’
Spettacoli
22 ore

Caparezza si arrende all’acufene: stop ai live dopo l’estate

Il rapper pugliese sospenderà l’attività dal vivo alla fine del tour estivo per l’ultimo album ‘Exuvia’ per i problemi all’udito di cui soffre da tempo
Spettacoli
22 ore

Eminem torna a sorpresa con un singolo insieme a Snoop Dogg

Si intitola ‘From the D 2 The LBC’ l’ultima collaborazione fra le due superstar del rap a stelle e strisce
Spettacoli
1 gior

Omaggio ad Aretha e Messa gospel, il weekend di JazzAscona

Il programma di sabato e domenica, dal tributo alla regina del soul con Gabrielle Cavassa, Erica Falls e Nayo Jones fino a Michael Watson & The Alchemy
Arte
1 gior

Come filo di Arianna, l’opera di Marcel Dupertuis

Il Museo Vincenzo Vela di Ligornetto propone una mostra monografica e retrospettiva dedicata al poliedrico artista. Inaugurazione: 26 giugno alle 11.
L'intervista
1 gior

JazzAscona incorona Nolan Quinn, Swiss Jazz Award 2022

Il trombettista si esibisce sabato 25 giugno: “Se la mia musica può essere un piacere per chi l’ascolta, questo è ragione sufficiente per suonarla”
Scienze
1 gior

Le tartarughe possono frenare e spegnere l’invecchiamento

Lo dimostrano due studi indipendenti, danese e statunitense, pubblicati su Science
Scienze
1 gior

Scoperto un batterio gigante: è visibile a occhio nudo

Si chiama Thiomargarita magnifica, ed è stato individuato nell’arcipelago di Guadalupa: è lungo un centimetro e sfida le leggi della biologia
Scienze
1 gior

Animali domestici non tradizionali, rischio aumentato di zoonosi

Virus e batteri sono più facilitati a spostarsi dagli animali alle persone. Vari focolai negli Usa sono riconducibili a roditori, rettili, furetti e altri
Scienze
1 gior

Sensore biodegradabile sottopelle rileverà efficacia farmaci

Più sottile di un francobollo, biocompatibile e bioriassorbibile. Aprirà la strada a nuove procedure cliniche e diagnostiche
Musica
1 gior

Johnny Depp in Europa con gli Hollywood Vampires

Lo scorso marzo la band era stata costretta a cancellare le date già programmate a causa della pandemia da Covid-19
Culture
1 gior

Oliviero Toscani in mostra a Milano per i suoi 80 anni

Esposti a Palazzo Reale 800 scatti del maestro, che incorona Chiara Ferragni: ‘Usa la fotografia nel modo più moderno, non sa fotografare ma non importa’
Musica
1 gior

Domenica ‘tambureggiante’ con Le Percussioni di Strasburgo

Con ritmo nella Hall del Lac per il 60esimo dell’ensemble, per LuganoMusica domenica 3 luglio alle 11
Spettacoli
1 gior

È morto James Rado, fra gli autori dello storico musical ‘Hair’

Aveva 90 anni. Lo show manifesto della generazione hippie spianò anche la strada a Broadway ad altri musical rock come ‘Jesus Christ Superstar’
Musica
1 gior

‘Suoni d’acqua’ nella valle di Muggio, cominciando da Morricone

Al via venerdì primo luglio il ciclo di concerti estivi organizzati da Musica nel Mendrisiotto, ambientati in alcuni luoghi suggestivi della valle
Culture
1 gior

JazzAscona omaggia Allen Toussaint, maestro di New Orleans

Domani, venerdì 24 giugno dalle 16, una trentina di appuntamenti. Fra quelli principali, la New Orleans Jazz Orchestra nel tributo a un grande dell’R&B
Culture
1 gior

Dovuto a Meneghello (un omaggio)

Figura di riferimento morale oltre che letterario, ha insegnato che la vita di tutti è una materia. Tributo al grande scrittore a cent’anni dalla nascita
Musica
2 gior

La Via Lattea, concerto-picnic con Samuel Stoll ed Els Biesemans

Sabato 2 luglio al Mulino di Bruzella il cornista argoviese e la pianista belga nelle Six Mélodies favorites de François Schubert di Gallay
Locarno Film Festival
2 gior

Nuovi linguaggi della contemporaneità a Locarno75

Talk, realtà virtuale, i lavori del ‘Festival professor’ Kevin B. Lee all’Usi, per un Locarno Film Festival ‘incubatore’ dell’innovazione
Libri
2 gior

Le ragioni del dubbio pandemico di Gianluca Grossi

‘La libertà è una parola’ (Redea), scritto non con gli occhi del sociologo o del filosofo ma con quelli del cronista, aprendo spazio al dibattito pubblico
Musica
2 gior

Dal ‘Mexico’ ad Arzo: Mighty Oaks al Càvea Festival

Prima assoluta ticinese per il trio di Ian Hooper, Craig Saunders e Claudio Donzelli, sabato 2 luglio in un contesto che ‘pare il Colorado’
Pagine scelte
2 gior

‘Nessuno veda nessuno’, il lascito di Biancamaria Frabotta

Scomparsa a inizio maggio, non è riuscita ad avere tra le mani il suo ultimo libro, opera straordinaria
Culture
2 gior

Teatro Sociale, forum pubblico sul ruolo dell’arte

Giovedì 23 giugno alle ore 18.30, con Javier Galitó-Cava, interverranno Marí Alessandrini, Erik Bernasconi e Ledwina Costantini
Cinema
2 gior

Il bacio tra due donne ferma ‘Lightyear’ in Tunisia

È quello tra la space ranger Alisha e la sua partner. Stessa decisione in altri 14 Paesi.
Cinema
2 gior

Oscar, ora il Board dei Governatori è formato al 54% da donne

Il 28% è di membri appartenenti a gruppi etnici o razziali sottorappresentati. Entra Marlee Matlin. Premio onorario a Diane Warren e a Michael J. Fox.
Spettacoli
2 gior

Sandra Bullock si prende una pausa da Hollywood

Da New York, l’attrice di ‘The Lost City’ comunica la sua scelta e si allontana temporaneamente dal set
Culture
2 gior

‘L’estate di Achille’, Davide Buzzi alla Darsena

È il nuovo romanzo dello scrittore e cantautore ticinese, che verrà presentato al Parco Ciani venerdì 24 giugno alle 18 
L’intervista
laR
 
15.02.2022 - 09:25
Aggiornamento : 15:19

Con Ian Anderson negli anni del Prog

Un nuovo album, ‘The Zealot Gene’, nel 50esimo di ‘Thick as a Brick’: i Jethro Tull a Lugano domenica 27 novembre con ‘The Prog Years’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Io credo che i punk fossero convinti di essere la tripla vaccinazione che li avrebbe liberati per sempre dall’orribile virus del prog rock. Sfortunatamente, come accade nella realtà delle cose, il virus arretra e poi torna, in un’altra forma”. Stando allo scozzese Ian Anderson al Telegraph di qualche settimana fa, è anche per questioni ‘scientifiche’ che ci sarà consentito di assistere a ‘Jethro Tull - The Prog Years’, un pezzo di storia della musica moderna in concerto a Lugano domenica 27 novembre alle 21 al Palazzo dei Congressi, per gentile concessione di Horang Music (biglietti su www.biglietteria.ch e presso i rivenditori autorizzati).

Nati nel 1967 a Blackpool, Inghilterra, i Jethro Tull sono una band da sessanta milioni di dischi venduti nel mondo a partire da ‘This Was’, esordio rock-blues del 1968. Un paio di pietre miliari del progressive come ‘Aqualung’ (1971), ‘Thick as a Brick’ (1972) e ‘A Passion Play’ (1973), poi la svolta folk rock aperta da ‘Songs from the Wood’ (1977) e quella elettronica inaugurata da ‘A’ (1980), pensato come debutto solista di Anderson ma imposto ‘Tull’ dall’etichetta. Un unico Grammy, per l’album ‘Crest of a Knave’ (1987), premio alla miglior performance rock/heavy metal di quell’anno, migliore di Metallica e AC/DC (non senza qualche ilarità dei fan della prima ora).

Dati per defunti dopo qualche migliaia di concerti dal suo stesso fondatore nel 2014, tornati nel 2017 per festeggiare il Cinquantennale, i Jethro Tull hanno da poco pubblicato ‘The Zealot Gene’, 19 anni dopo ‘The Jethro Tull Christmas Album’, ma con l’Anderson solista a occupare l’arco di tempo prima del ritorno in una generale negazione del ‘less is more’ (meno è meglio). «Riconosco che non c’è troppa differenza tra un album solista e uno dei Jethro Tull», spiega Anderson. «Forse gli album più permeati da quell’acustica tipicamente cantautorale stanno meglio sotto un’egida solistica. E al contrario, pensando alla scrittura di un album d’insieme, meglio la firma Jethro Tull». Un ‘per me pari sono’ che non necessita di aggiunte e che rimarca l’identificazione tra band e band leader che dura sin dall’inizio, al netto di nomi come Martin Barre, per esempio, al suo fianco dal 1968 al 2012, più a lungo di chiunque altri.

Mr. Anderson, lei non è una persona da clamorosi addii e improvvisi ritorni…

È vero, soprattutto durante il periodo pandemico. In questi ultimi anni con la mia etichetta abbiamo lavorato a diversi box set, al biografico ‘The Ballad of Jethro Tull’; in novembre è uscito ‘Silent Singing’ (tutte le liriche, con band e come solista, in un unico libro fotografico in cui anche le foto sono le sue, ndr). C’è sempre stato un nuovo album più o meno ogni 2 o 3 anni. Certo, fisicamente, non ho più l’energia per essere coinvolto 24 ore su 24, 365 giorni l’anno come accadeva negli anni settanta. Rispetto ad allora, oggi posso ritagliarmi del tempo per una vita privata, per guardarmi intorno, per fare le cose che fanno tutti, come andare in vacanza, per esempio, o avere un hobby al di fuori della musica, che mi ha sempre preso tutto il tempo.

Per hobby intende la fotografia?

Sì, la fotografia è uno di quelli. Non posso considerarmi un esperto, ma ne faccio uso in modo professionale, con la stessa attenzione che dedico al mio flauto. Considero la fotografia qualcosa di più di un hobby.

È per questo che ‘The Zealot Gene’ si è preso cinque anni di tempo?

L’album è stato scritto nel 2017, per intero, in quell’anno abbiamo registrato sette tracce, di cui quattro completate. Gli impegni dal vivo ci hanno portati sino alla pandemia, che ha dilatato ulteriormente i tempi. L’ho completato durante l’isolamento nei primi mesi del 2021, aggiungendo parti ricevute in remoto dagli altri componenti della band. Posso dire che il tempo che si è preso quest’album non supera comunque la media dei precedenti.

I riferimenti biblici in ‘The Zealot Gene’ sono evidenti, ma lei considera “semplicistico’ definirlo un album sulla Bibbia. Perché?

Perché il contenuto del disco è un insieme di canzoni basate sulle emozioni umane, quelle più dirompenti, rabbia, gelosia, vendetta e avidità da una parte, e le più alte forme d’amore dall’altra, amore inteso come lealtà e compassione, concetti che ho incontrato leggendo la Bibbia. A fianco dei testi ve ne sono riportati dei brevi estratti.

Così come invita a non mangiare carne senza dirsi vegano, lei scrive di religione pur non definendosi una persona religiosa…

Il mio può forse definirsi un tentativo di esserlo in entrambi i modi. Mi ritengo un moderato, non amo mangiare carne ma spesso vi è una sorta di obbligo sociale, e dunque non voglio sedermi al tavolo di qualcuno e rifiutarmi di mangiare il cibo che mi offre. Quanto alla religione, mi considero una persona sempre più spirituale, che già a scuola aveva iniziato a interessarsi del confronto tra religioni di popoli differenti, tra credo e riti differenti, e non ha mai smesso di cercare. Ho speso ore e ore leggendo libri complessi su materie filosofiche e spirituali senza sentire il bisogno di seguire alcun rituale pratico di fede, perché credo nella probabilità dell’esistenza di un Gesù di Nazareth che fece più o meno quanto descritto nella Bibbia, ma il resto sono possibilità.

Non ho certezze su aspetti come creazione, religione, fede e credo religiosi. Vado nella direzione di quel che è tradizionalmente chiamato panteismo, non credo in un dio interventista che ci guarda costantemente dall’altro e risponde alle nostre preghiere oppure le disattende, e nemmeno alla sua personificazione, un tentativo che in modo un po’ ridicolo ci accompagna sin dall’inizio dei tempi, meno credibile di chi alla divinità non attribuisce alcuna forma, come l’islamismo o l’induismo. Per motivi che non conosco, la gente continua invece a chiedere qualcosa di visibilmente tangibile, da poter guardare alzando la testa. Trovo più interessante chiedermi a che punto siamo come specie umana. Sarebbe difficile per me essere cristiano, cattolico cristiano in particolare, non essendo etichettabile come tale nel senso convenzionale, pur restando un forte sostenitore della cristianità.


‘The Zealot Gene’, il nuovo album


‘In edicola’ nel marzo del 1972

‘Thick as a Brick’

Un pitonesco concept album

Quinto album in studio dei Jethro Tull, ‘Thick as a Brick’ uscì il 3 marzo di cinquant’anni fa nella sua forma musicale di traccia unica suddivisa tra i due lati del vinile, e in quella grafica di vero e proprio quotidiano cartaceo, l’ipotetico St. Cleve Chronicle sulla cui prima pagina appare il piccolo Gerald Bostock, anch’egli ipotetico, premiato per un altrettanto ipotetico poema epico del quale l’album sarebbe l’adattamento musicale. I testi sono invece opera di Anderson, in parte basati sulle proprie esperienze d’infanzia, farciti d’ironia tagliente in mezzo alla varietà ritmica e di temi musicali propria del progressive rock. Classico del genere, dal seguito datato 2012 con Bostock diventato adulto, torniamo dall’autore…

‘Thick As A Brick’ è una specie di ‘adesso vi faccio vedere io cos’è un concept”…

‘Thick as a Brick’, anche se qualcuno non lo considerò così ovvio, era una piccola parodia di quello che oggi intendiamo per concept album. Dietro il gioco c’era comunque un messaggio abbastanza serio, ovvero la complessità del diventare adulti nel dopoguerra, con determinati valori, principi e riferimenti a rischio confusione. C’è un messaggio su come i media del tempo, fumetti e romanzi, ritraevano il mondo di un bambino nella sua fase di crescita, qualcosa che ritroviamo oggi in una certa distorsione prodotta dai social media nel riflettere attitudini politiche, sessuali, da cui il bullismo dilagante e il farsi male reciprocamente postando violenza. Portato al presente, ‘Thick as a Brick’ non tratta d’infanzia ma di crescere un’infanzia, con gente intorno come Donald Trump, che tra leader nazionali e nazionalisti non è l’unico furfante, gente potente che usa i social media per controllare i media tradizionali, tattica unitaria per dividere anziché unire.

Possiamo chiamare quel disco una sorta di cavallo di Troia?

Sì, è un passaggio segreto verso la parte più seria e nascosta del vivere. Tramite l’umorismo, spesso la gente riesce a entrare nel tuo mondo a cuor leggero per uscirsene con un’occasione di riflessione. Penso a ‘Dr. Strangelove’ di Stanley Kubrick (‘Il dottor Stranamore’, 1964, ndr), costruito per ridere ma all’interno di una realtà agghiacciante. Dal cinema si esce con pensieri di una certa pesantezza a proposito di come i personaggi del film non siano tanto distanti dalla Guerra Fredda e nemmeno dal nostro quotidiano, con tutte le fastidiose eco della stessa assurda, pazza realtà con cui ci confrontiamo ogni giorno.

Cosa scriverebbe oggi il piccolo Gerald? Di cosa parlerebbe il suo poema?

Non mi sono mai considerato un poeta ma un autore di testi legati alle canzoni. La poesia è pensata per essere letta o declamata e io ho sempre scritto nell’ottica dell’avere una melodia da cantarsi con l’aiuto di un gruppo di musicisti. In ‘Thick as a Brick’, Gerald era un mero pretesto per avere canzoni affidate a un giovane ragazzo immaginario. Ho scritto poesie ma privatamente e non finalizzate alla pubblicazione, per mio puro divertimento, forse un paio di volte. Ma potrebbe essere il mio progetto per il 2023.

Thick As A Brick’ ha un dichiarato approccio pitonesco, o pythoniano…

I Monty Python sono stati una delle grandi influenze sul mio lavoro. Molti dei musicisti con i quali mi sono ritrovato a suonare sono cresciuti con essi e ‘Thick as a Brick’ porta dentro quell’essenza, l’umorismo inglese surreale dei primi Settanta. I Monty Python furono il veicolo che portò quell’idea.

E noi le dobbiamo, indirettamente, l’esistenza dei Monty Python al cinema…

È corretto, fui uno degli investitori di ‘Monty Python and the Holy Grail’ (‘Monty Python e il Sacro Graal’, 1975, ndr). Ho un solo piccolo dolore: il non aver potuto investire denaro in ‘Monty Python’s Life of Brian’ (‘Brian di Nazareth’ nella versione italiana, ndr), che a mio parere resta un’opera molto più omogenea e significante, ma a quella produzione non ebbi mai nemmeno la possibilità di avvicinarmi. In quei giorni John Cleese mi disse che i Monty Python erano venuti a sapere che gli investitori di ‘Holy Grail’ non avrebbero investito ulteriormente e che George Harrison si era offerto di coprire tutte le spese del nuovo film. Io chiesi chi mai avesse detto loro che i vecchi investitori non avrebbero investito nel film nuovo. E John rispose: “George Harrison…”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ian anderson musica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved