alten-musik-barocchisti-e-coro-rsi-insieme-a-innsbruck
Barocchisti (estratto)
ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi, Microcinema
31 min

‘Sette, sono i magnifici’

Dai boschi del Malcantone alle sale milanesi, da Kurosawa a Sturges, da Venezia al cinema Eden di Carpi, storie di film che portano altri film
Cinema
5 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
5 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
5 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
6 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
6 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
7 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
8 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
9 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
11 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
1 gior

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Musica
laR
 
21.08.2021 - 14:24

'Alten Musik': Barocchisti e Coro Rsi insieme a Innsbruck

Il 28 agosto per chiudere uno degli eventi più importanti di musica sacra al mondo. Due giorni prima, anteprima asconese. Ce ne parla Diego Fasolis

«È importante per chiunque faccia musica antica nel mondo. Ci siamo stati tante volte, ma siamo ben contenti di tornare e per il concerto di chiusura, che ha sempre un suo perché». Contestualizzando: il prossimo 28 agosto, il Coro della Radiotelevisione svizzera e i Barocchisti diretti dal maestro Diego Fasolis tornano a Innsbruck per il rinomato Festival di Musica antica, occasione in cui le due compagini ticinesi tornano, dopo il silenzio degli ultimi tempi, a incontrare il pubblico. A Innsbruck ma anche ad Ascona, dove il 26 agosto è fissata una sorta di anteprima di quanto si ascolterà in Austria. Col morale risollevato da quel novembre 2020 in cui tuonò contro gli indimenticabili ‘5 posti in sala’, Fasolis guarda anche più in là di Innsbruck.

«Se la situazione non peggiora, e se non dobbiamo chiudere di nuovo tutto – dice alla ‘Regione’ – si dovrebbe poter ricominciare ad avere un po’ di pubblico in sala. Vedo che si sono riaccesi i contratti internazionali, siamo nella piena speranza che la vita artistica possa ricominciare. Con qualche limitazione, ma senza il disastro vissuto per più di un anno».

‘Sag beim Abschied...’

In Austria, Coro e Barocchisti si cimenteranno con una Messa da Requiem di Francesco Durante (1684-1755), uno dei compositori di musica sacra più acclamati della sua epoca. E sul sito ufficiale della manifestazione, di fianco a un bianco e nero di Fasolis, campeggia la scritta “Sag beim Abschied...”. Addio così spiegato, non senza una buona dose d’ironia: «L’intera stagione che seguirà Innsbruck sarà dedicata esclusivamente all’esecuzione di requiem. Il prossimo anno, l’unione tra Associazione Barocchisti e Rsi eseguirà solo musica funebre, anche perché l’idea all’orizzonte era che la Rsi non avrebbe continuato la collaborazione con noi, e noi eravamo già morti (ride, ndr). La mia sarebbe stata una piccola provocazione, e il fatto che il nuovo direttore ci voglia incontrare ai primi di settembre è forse la dimostrazione che la cosa ha sortito un effetto. Sulla prosecuzione della collaborazione potrò pronunciarmi soltanto dopo che ci saremo incontrati. Ma il fatto che Timbal non voglia la nostra fine fa onore a lui e ci resuscita». Perché «il mio sogno è quello di morire io, ma senza che muoiano i miei figli. Il Coro della Rsi e i Barocchisti sono un po’ i miei figli artistici e spirituali e vorrei tanto che potessero continuare anche dopo il mio pensionamento. E ci sarebbero tutte le ragioni perché questo avvenga».

Nelle intenzioni di Fasolis dovrebbe accadere anche altro: «Il mio sogno, che ritengo anche una cosa logica e giusta da fare, sarebbe quello di riunire le forze professionali che producono musica in Ticino e metterle tutte sotto lo stesso cappello, la Fondazione per l’orchestra della Svizzera italiana (Fosi), alla quale noi portiamo in dotazione quattro secoli di musica e la parte vocale, con il coro che non può mancare nel capolavoro di ogni compositore».


Coro della Radiotelevisione svizzera

Documento unico

Venendo a Durante, “le plus grand harmoniste d’Italie, c’est-à-dire du monde” per Jean Jacques Rousseau, e venendo al Requiem, i Barocchisti ringraziano il musicologo romano Francesco Luisi: «A metà anni Novanta, quando iniziai a dirigere – spiega Fasolis –, registrammo un disco dedicato a Durante. Già lavoravamo con il professore, un’autorità specialmente nel repertorio antico dal Duecento fino al Rinascimento. Durante è un autore che lui ama molto e del quale aveva trovato questa Messa da Requiem in sol minore, copiata tante volte nei decenni. I documenti sono tanti, ma ve n’è uno unico che solo lui aveva, scovato nella Chiesa di San Giacomo degli Spagnoli (ora Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore, ndr) e che attesta dell’esecuzione, forse la prima, in una versione ‘romana’, cioè a quattro voci con ripieni e organo. Questo ci permette di fare un unicum: esiste già un disco di quest’opera, ma in una versione molto più tarda, con archi, che butta un occhio non più verso il passato ma verso il futuro. Ma qui la scrittura è di tipo polifonico, più seicentesca che settecentesca e siamo contenti di fare noi questa operazione. Tra l’altro, oltre alle voci di ripieno, per ingrandire ancor più il suono ho chiamato un cornetto e tre tromboni per un raddoppio, e ho voluto con me Lorenzo Ghirlanda, musicista ticinese che sta facendo una grande carriera sia come trombonista che come direttore musicale. È l’occasione per unire le forze».

Fasolis, insignito dieci anni fa del dottorato Honoris Causa Papale per la Musica sacra, chiude con l’anteprima asconese: «Siamo stati ospiti per tanti anni delle Settimane Musicali, fino all’interruzione del rapporto avvenuto sulla mia offerta di portare ad Ascona la Sinfonia n.9 di Beethoven in memoria di mia moglie. Nonostante questo, noi continuiamo ad amare il pubblico del Locarnese e quando siamo stati chiamati per Innsbruck ci siamo detti che sarebbe stato bello replicare ad Ascona. Non ostacoliamo le Settimane Musicali, che iniziano in settembre. E poi, un coro della Radiotelevisione svizzera deve essere presente ben oltre il Luganese».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alten musik ascona austria barocchisti coro rsi innsbruck requiem
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved