cinquanta-femminili-fonti-d-ispirazione
Klaudia Schifferle, artista zurighese, ritratta da Sabine Rock
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
4 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
5 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
5 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
5 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
5 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
7 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
7 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
8 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
10 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
1 gior

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
2 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
2 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
2 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
3 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
3 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
3 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
3 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
3 gior

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
3 gior

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
3 gior

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Spettacoli
3 gior

Cinquant’anni dopo, l’Academy chiede scusa a ‘Piccola piuma’

Sacheen Littlefeather ritirò l’Oscar al posto di Marlon Brando. Fece un discorso in difesa dei Nativi americani e fu fischiata
La recensione
3 gior

Lucerne Festival, ‘in quell’aura sanza tempo tinta’

Luzerner Saal al completo per le ‘prime’ assolute (e assai lunghe) di Liza Lim e Tyshawn Sorey
Scienze
3 gior

Una start-up biotech per far rinascere la tigre della Tasmania

Colossal Bioscience intende ricreare geneticamente il tilacino, estinto dal 1930, per riequilibrare l’ecosistema australiano
L'intervista
3 gior

Locarno75 e il futuro, also sprach Rapahël Brunschwig

La governance futura non è di competenza del managing director’, che sul nuovo presidente rimanda al Cda. E sui numeri del 75esimo...
Sostiene Morace
3 gior

Lunga vita al Festival (quanto ai premi, ‘de gustibus’)

‘Regra 34’, confuso e ripetitivo. Meglio ‘Gigi la legge’. Solari lascia o fa come al 70esimo? L’augurio è quello di trovare una figura all’altezza.
Arte
3 gior

Morto Dmitri Vrubel: dipinse il bacio fra Breznev e Honecker

L’artista russo è morto a 62 anni per complicazioni da Covid-19. Suo il celebre graffito sul Muro di Berlino
Locarno 75
3 gior

Pardi per tre, una condanna alla selezione

Sokurov e Fahdel non erano nelle corde: la Giuria, evidentemente figlia del suo tempo, ha premiato la libertà espressiva più che regole e grammatica
Fotografia
laR
 
21.07.2021 - 05:25
Aggiornamento: 17:52

Cinquanta femminili fonti d'ispirazione

Nel 50esimo anniversario del diritto di voto alle donne in Svizzera, Monte Carasso ospita da oggi ‘50|50|50’, progetto nato dallo sciopero femminista del 2019

“Quando mi hai chiesto se avessi voluto posare come Guglielmo Tell – dice la regista bernese Meret Matter rivolgendosi a Yoshiko Kusano, che la sta fotografando – subito mi sono chiesta se si potesse mai renderlo donna. La risposta è chiara: di sicuro, una donna che spara al suo stesso bambino non sarebbe mai acclamata come un’eroina”. Quanto scritto è la prima didascalia della prima fotografia (vedi in fondo alla pagina) esposta all’interno di ‘50|50|50’, mostra fotografica dedicata al 50esimo anniversario del diritto di voto alle donne in Svizzera in cui espongono 50 fotografe di tutta la Confederazione che (ultimo dei tre ‘50’) sono state chiamate a immortalare 50 cittadine altrettanto confederate. ‘50|50|50’ si apre oggi a SpazioReale, Monte Carasso, per restare visitabile sino al 22 agosto. L’Antico convento delle Agostiniane è una delle tappe dell’esposizione, che durante l’estate in corso toccherà tutte le maggiori città elvetiche. «Ma solo a Monte Carasso – spiega in fase di presentazione Valentina Fontana, promotrice culturale della Città di Bellinzona – la mostra può godere di uno spazio espositivo vero e proprio, per un’occasione che non è soltanto esposizione e fotografia, ma anche riflessioni, frammenti del dialogo di chi le ha fotografate». A partire da quel parallelo uomo-donna con protagonista Tell di cui sopra, e tutto il resto delle sensazioni concesse dalle fotografate alle fotografanti in fase di photo shooting.

In principio fu il libro

È Francesca Palazzi, fotografa professionista losannese specializzata nel ritratto e co-autrice del progetto insieme ad altre quattro omologhe dell’obiettivo, a portarci nei dettagli di ‘50|50|50’, in un videomessaggio dapprima (motivi di salute non le permettono di essere a Monte Carasso) e telefonicamente a laRegione a margine dell’incontro (segue). Palazzi fa parte delle Frauenstreikfotografinnen, un collettivo di fotografe professioniste operanti in Svizzera con all’attivo un libro, ‘Wir – Fotografinnen am Frauen*streik’, il più fedele resoconto dello sciopero femminista del 2019. Fedele perché ritratto in prima persona: «Pensavamo che in quei giorni i giornali avrebbero aperto le proprie pagine al nostro lavoro – spiega Palazzi – e invece le immagini da noi realizzate sono circolate pochissimo, gli articoli si sono accompagnati soltanto a foto realizzate da uomini. Il libro è nato per rendere visibile le qualità delle donne fotogiornaliste, che sono una minoranza». Il passo dal libro alla mostra sarebbe stato automatico, «ma eravamo stanche delle foto già viste e riviste, e la storia ci ha fatto un regalo: i cinquant’anni del diritto di voto alle donne in Svizzera».

Così nasce ‘50|50|50’, cinquanta testimonianze della vita condotta da artiste, musiciste, imprenditrici, ricercatrici, registe, femministe, donne, fotografate da nomi di spicco come Sara Carp (Swiss Press Photo Award 2021), le ticinesi Aline D’Auria, Katja Snozzi (fotografa accreditata a Palazzo federale dal 1990), Sabine Cattaneo (Sony World Photography Award 2017) e molte altre. Denominatore comune del progetto è anche ‘smontare’ il tradizionale posizionamento dell’uomo dietro la macchina fotografica e le donne di fronte: «Teniamo molto alla documentazione della donna vista dalla donna – aggiunge Palazzi –, pensiamo non ci sia per forza una differenza se a scattare sia un uomo oppure una donna, né nell’estetismo e quanto meno negli interessi. Se è una donna a fotografare un’altra donna, anzi, parla anche di sé stessa». Perché «nel caso del ritratto, il posizionamento di fronte a una donna fotografata da un uomo o da un’altra donna è diverso. Donne abituate a farsi ritrarre da uomini mi riferiscono di un diverso vissuto, di un’esperienza diversa. La combinazione di un soggetto donna con fotografo donna può portare a sensibilità e reazioni diverse e noi siamo fiere di poter far mostrare la professionalità delle donne fotografe in Svizzera oggi».


Anna Rosenwasser, giornalista e attivista LGBTIQ, Zurigo, ritratta da Lea Reutimann

L’intervista

Francesca Palazzi: ‘Adesso gli facciamo vedere noi!’

È innegabile. Quando si parla di fotogiornalismo, la mente va subito all’impavido reporter che schiva proiettili sul fronte di guerra. «Sì, quello con la giacchetta tecnica e l’obiettivo lungo tre chilometri», commenta con un sorriso Francesca Palazzi, tornando telefonicamente – a laRegione, poco dopo il suo intervento a distanza – sulla scintilla che ha portato al libro e alla mostra.

Fermo restando il problema, l’avere ignorato i vostri scatti in quell’occasione può essere stato qualcosa di diverso da un atto ‘maschilista’?

Certamente, io stessa lo vedo come un atto dettato dalla consuetudine. Ogni giornale ha un’agenzia alla quale è legato e in quell’occasione l’immediatezza potrebbe aver prevalso. Abbiamo diffuso attraverso Fresh Focus, al quale forse meno testate sono abbonate, ma avevamo già fatto un lavoro d’informazione ai singoli giornali per i quali ognuna di noi lavorava. Forse, in redazione, quel giorno hanno fatto come d’abitudine.

Anche mediaticamente, è stata un’occasione persa, fosse anche soltanto il dare spazio al reportage di una protesta femminile ritratta da fotografe donne…

Sì, lo è stata. E aggiungo che Yoshiko Kusano, ora fotografa indipendente, si è ritrovata a ritrarre i preparativi dello sciopero in una sala di 300 donne in fase di organizzazione di fronte agli unici uomini presenti, due fotoreporter e un cameraman. In questo ambito completamente femminile è parsa quasi un’intrusione. Ma alla fine, il discorso importante è che ci siamo trovate, noi come professioniste con tutti i problemi che questa professione porta con sé, uniti a volte anche alla gestione di una famiglia. Fotografare è un mestiere già difficile di suo, che prende molto tempo, e a queste condizioni diventa ancora più complesso.

La mostra e il libro vi risarciscono di tutto il lavoro fatto?

È stata una cosa organica. Una volta viste le fotografie, il materiale, e dopo esserci incontrate a Berna tutte e 32 le protagoniste dell’iniziativa principale, ci siamo dette: “Adesso gli facciamo vedere noi!” (ride, ndr). C’era un po’ di quello spirito di rivalsa, ma soprattutto, e mi riferisco a quando ci siamo incontrate a Berna, qualche giorno dopo lo sciopero femminista, ognuna ha portato con sé la propria foto preferita e si è presa il tempo di raccontare il vissuto della giornata, e della singola immagine. Quell’incontro è stato un momento affascinante: non avevo mai vissuto una riunione dove regnasse un tale rispetto per la parola delle altre. Affascinante anche per il materiale, veramente forte.

Frauenstreikfotografinnen ha pronte iniziative future?

Penso che per adesso ci riposeremo. Il collettivo è in forma di associazione. È già gran cosa poterci essere connesse in tutta la Svizzera. Per il futuro potrebbero esserci iniziative più piccole, organizzate da nuclei più ristretti di persone. Per esempio, esiste una problematica anche nel mondo dello spettacolo in cui le musiciste non sono rappresentate e ad alcune di noi hanno proposto un’azione incentrata sui ritratti di musiciste. Ma si tratta di cose più piccole, perché un libro e una mostra in un due anni ci hanno provate a sufficienza.

Cinquant’anni sono un tempo molto lungo, che riferito al diritto di voto alle donne, il 1971, è terribilmente breve. Come si spiega questo gap svizzero?

È una domanda che ci siamo poste tutte, tutti. Io sono di origini italiane, in famiglia ho vissuto una libertà maggiore rispetto alle donne cresciute in Svizzera. Posso pensare che il fatto che qui non ci sia stata la guerra, ho sentito molto parlare delle donne italiane attive tra le file della Resistenza durante la guerra, mentre qui, invece, la donna a casa è rimasta tale. Anche in Francia e Spagna, in tutti i Paesi limitrofi sono sempre stati un passo avanti a noi. Posso portare il mio esempio: già crescere bambini nella città di Losanna era difficile, ora che abito fuori città lo è ancora di più. Pare cosa quasi inaudita che nel 2021 una donna voglia lavorare.

Malumori che sanno di preistorico…

Più che di malumori si tratta di mancanza d’infrastrutture, e poi di accoglienza del quotidiano. Un esempio banale: la vendita delle torte a scuola, fatte dalle mamme, o i costumini per la sfilata, fatti dalle mamme. Questa tradizione è molto radicata. Il mio, ripeto, è un punto di vista particolare: nella mia famiglia ci sono sempre state donne che hanno lavorato o studiato. Poi, quando ventenne mi sono confrontata con le mie coetanee, mi sono accorta che la libertà che potevo avere io non era la stessa per una giovane svizzera. Soltanto dieci anni fa, a una ragazza che voleva studiare fisica fu caldamente raccomandato di fare, al massimo, psicologia. E più osserviamo queste cose, più lavoriamo su questi progetti, più quello che ascoltiamo ci sconvolge…

Collaterali: Dal talk a Vivian Maier

Nella tradizione degli eventi collaterali delle mostre di SpazioReale, vedi la più recente World Press Photo Exhibition, il 29 luglio alle 21, nella corte dell’Antico convento (nell’adiacente Casa delle Società in caso di pioggia), si tiene ‘Vogliamo tutto! – Ritratti di donne* nella Svizzera di oggi, un approccio fotografico al femminile’, talk con Aline D’auria, Sabine Cattaneo, Katja Snozzi, Yoshiko Kusano, Caroline Minjolle, Francesca Palazzi e Monica Flückiger, membri del collettivo (il talk sarà accompagnato dalla performance musicale dell’artista e produttrice svizzero-australiana Jessiquoi).

Il 20 agosto alle 21, infine, ‘Gli occhi di Vivian Maier (I am a camera)’, spettacolo dedicato alla fotografa franco-americana che lasciò ai posteri 150mila fotografie, la maggior parte delle quali nemmeno sviluppate, un tesoro oggetto di uno dei più sorprendenti casi di rivalutazione postuma. La storia di una delle prime grandi fotografe di sempre (forse la prima, a sua insaputa) è materiale per Roberto Carlone, già fondatore della Banda Osiris, qui in veste di unico attore-musicista, co-regista con Caterina Cavallari e produttore di questo racconto sul binomio fotografia-vita (orari della mostra e ogni altra informazione su www.spaziooreale.ch).


Meret Matter, regista bernese, ritratta da Yoshiko Kusano

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
femminista fotografia frauenstreikfotografinnen monte carasso spazioreale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved