NY Rangers
1
PHI Flyers
0
1. tempo
(1-0)
Detroit Red Wings
Seattle Kraken
01:30
 
TOR Leafs
COL Avalanche
01:30
 
OTT Senators
VAN Canucks
01:30
 
cinquanta-femminili-fonti-d-ispirazione
Klaudia Schifferle, artista zurighese, ritratta da Sabine Rock
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
2 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
5 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
6 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
9 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
9 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
12 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
12 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
1 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
2 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
2 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
2 gior

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
2 gior

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
2 gior

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
3 gior

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
3 gior

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
3 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
3 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
3 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
3 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
3 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
3 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
3 gior

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
3 gior

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Fotografia
 
21.07.2021 - 05:250
Aggiornamento : 17:52

Cinquanta femminili fonti d'ispirazione

Nel 50esimo anniversario del diritto di voto alle donne in Svizzera, Monte Carasso ospita da oggi ‘50|50|50’, progetto nato dallo sciopero femminista del 2019

“Quando mi hai chiesto se avessi voluto posare come Guglielmo Tell – dice la regista bernese Meret Matter rivolgendosi a Yoshiko Kusano, che la sta fotografando – subito mi sono chiesta se si potesse mai renderlo donna. La risposta è chiara: di sicuro, una donna che spara al suo stesso bambino non sarebbe mai acclamata come un’eroina”. Quanto scritto è la prima didascalia della prima fotografia (vedi in fondo alla pagina) esposta all’interno di ‘50|50|50’, mostra fotografica dedicata al 50esimo anniversario del diritto di voto alle donne in Svizzera in cui espongono 50 fotografe di tutta la Confederazione che (ultimo dei tre ‘50’) sono state chiamate a immortalare 50 cittadine altrettanto confederate. ‘50|50|50’ si apre oggi a SpazioReale, Monte Carasso, per restare visitabile sino al 22 agosto. L’Antico convento delle Agostiniane è una delle tappe dell’esposizione, che durante l’estate in corso toccherà tutte le maggiori città elvetiche. «Ma solo a Monte Carasso – spiega in fase di presentazione Valentina Fontana, promotrice culturale della Città di Bellinzona – la mostra può godere di uno spazio espositivo vero e proprio, per un’occasione che non è soltanto esposizione e fotografia, ma anche riflessioni, frammenti del dialogo di chi le ha fotografate». A partire da quel parallelo uomo-donna con protagonista Tell di cui sopra, e tutto il resto delle sensazioni concesse dalle fotografate alle fotografanti in fase di photo shooting.

In principio fu il libro

È Francesca Palazzi, fotografa professionista losannese specializzata nel ritratto e co-autrice del progetto insieme ad altre quattro omologhe dell’obiettivo, a portarci nei dettagli di ‘50|50|50’, in un videomessaggio dapprima (motivi di salute non le permettono di essere a Monte Carasso) e telefonicamente a laRegione a margine dell’incontro (segue). Palazzi fa parte delle Frauenstreikfotografinnen, un collettivo di fotografe professioniste operanti in Svizzera con all’attivo un libro, ‘Wir – Fotografinnen am Frauen*streik’, il più fedele resoconto dello sciopero femminista del 2019. Fedele perché ritratto in prima persona: «Pensavamo che in quei giorni i giornali avrebbero aperto le proprie pagine al nostro lavoro – spiega Palazzi – e invece le immagini da noi realizzate sono circolate pochissimo, gli articoli si sono accompagnati soltanto a foto realizzate da uomini. Il libro è nato per rendere visibile le qualità delle donne fotogiornaliste, che sono una minoranza». Il passo dal libro alla mostra sarebbe stato automatico, «ma eravamo stanche delle foto già viste e riviste, e la storia ci ha fatto un regalo: i cinquant’anni del diritto di voto alle donne in Svizzera».

Così nasce ‘50|50|50’, cinquanta testimonianze della vita condotta da artiste, musiciste, imprenditrici, ricercatrici, registe, femministe, donne, fotografate da nomi di spicco come Sara Carp (Swiss Press Photo Award 2021), le ticinesi Aline D’Auria, Katja Snozzi (fotografa accreditata a Palazzo federale dal 1990), Sabine Cattaneo (Sony World Photography Award 2017) e molte altre. Denominatore comune del progetto è anche ‘smontare’ il tradizionale posizionamento dell’uomo dietro la macchina fotografica e le donne di fronte: «Teniamo molto alla documentazione della donna vista dalla donna – aggiunge Palazzi –, pensiamo non ci sia per forza una differenza se a scattare sia un uomo oppure una donna, né nell’estetismo e quanto meno negli interessi. Se è una donna a fotografare un’altra donna, anzi, parla anche di sé stessa». Perché «nel caso del ritratto, il posizionamento di fronte a una donna fotografata da un uomo o da un’altra donna è diverso. Donne abituate a farsi ritrarre da uomini mi riferiscono di un diverso vissuto, di un’esperienza diversa. La combinazione di un soggetto donna con fotografo donna può portare a sensibilità e reazioni diverse e noi siamo fiere di poter far mostrare la professionalità delle donne fotografe in Svizzera oggi».


Anna Rosenwasser, giornalista e attivista LGBTIQ, Zurigo, ritratta da Lea Reutimann

L’intervista

Francesca Palazzi: ‘Adesso gli facciamo vedere noi!’

È innegabile. Quando si parla di fotogiornalismo, la mente va subito all’impavido reporter che schiva proiettili sul fronte di guerra. «Sì, quello con la giacchetta tecnica e l’obiettivo lungo tre chilometri», commenta con un sorriso Francesca Palazzi, tornando telefonicamente – a laRegione, poco dopo il suo intervento a distanza – sulla scintilla che ha portato al libro e alla mostra.

Fermo restando il problema, l’avere ignorato i vostri scatti in quell’occasione può essere stato qualcosa di diverso da un atto ‘maschilista’?

Certamente, io stessa lo vedo come un atto dettato dalla consuetudine. Ogni giornale ha un’agenzia alla quale è legato e in quell’occasione l’immediatezza potrebbe aver prevalso. Abbiamo diffuso attraverso Fresh Focus, al quale forse meno testate sono abbonate, ma avevamo già fatto un lavoro d’informazione ai singoli giornali per i quali ognuna di noi lavorava. Forse, in redazione, quel giorno hanno fatto come d’abitudine.

Anche mediaticamente, è stata un’occasione persa, fosse anche soltanto il dare spazio al reportage di una protesta femminile ritratta da fotografe donne…

Sì, lo è stata. E aggiungo che Yoshiko Kusano, ora fotografa indipendente, si è ritrovata a ritrarre i preparativi dello sciopero in una sala di 300 donne in fase di organizzazione di fronte agli unici uomini presenti, due fotoreporter e un cameraman. In questo ambito completamente femminile è parsa quasi un’intrusione. Ma alla fine, il discorso importante è che ci siamo trovate, noi come professioniste con tutti i problemi che questa professione porta con sé, uniti a volte anche alla gestione di una famiglia. Fotografare è un mestiere già difficile di suo, che prende molto tempo, e a queste condizioni diventa ancora più complesso.

La mostra e il libro vi risarciscono di tutto il lavoro fatto?

È stata una cosa organica. Una volta viste le fotografie, il materiale, e dopo esserci incontrate a Berna tutte e 32 le protagoniste dell’iniziativa principale, ci siamo dette: “Adesso gli facciamo vedere noi!” (ride, ndr). C’era un po’ di quello spirito di rivalsa, ma soprattutto, e mi riferisco a quando ci siamo incontrate a Berna, qualche giorno dopo lo sciopero femminista, ognuna ha portato con sé la propria foto preferita e si è presa il tempo di raccontare il vissuto della giornata, e della singola immagine. Quell’incontro è stato un momento affascinante: non avevo mai vissuto una riunione dove regnasse un tale rispetto per la parola delle altre. Affascinante anche per il materiale, veramente forte.

Frauenstreikfotografinnen ha pronte iniziative future?

Penso che per adesso ci riposeremo. Il collettivo è in forma di associazione. È già gran cosa poterci essere connesse in tutta la Svizzera. Per il futuro potrebbero esserci iniziative più piccole, organizzate da nuclei più ristretti di persone. Per esempio, esiste una problematica anche nel mondo dello spettacolo in cui le musiciste non sono rappresentate e ad alcune di noi hanno proposto un’azione incentrata sui ritratti di musiciste. Ma si tratta di cose più piccole, perché un libro e una mostra in un due anni ci hanno provate a sufficienza.

Cinquant’anni sono un tempo molto lungo, che riferito al diritto di voto alle donne, il 1971, è terribilmente breve. Come si spiega questo gap svizzero?

È una domanda che ci siamo poste tutte, tutti. Io sono di origini italiane, in famiglia ho vissuto una libertà maggiore rispetto alle donne cresciute in Svizzera. Posso pensare che il fatto che qui non ci sia stata la guerra, ho sentito molto parlare delle donne italiane attive tra le file della Resistenza durante la guerra, mentre qui, invece, la donna a casa è rimasta tale. Anche in Francia e Spagna, in tutti i Paesi limitrofi sono sempre stati un passo avanti a noi. Posso portare il mio esempio: già crescere bambini nella città di Losanna era difficile, ora che abito fuori città lo è ancora di più. Pare cosa quasi inaudita che nel 2021 una donna voglia lavorare.

Malumori che sanno di preistorico…

Più che di malumori si tratta di mancanza d’infrastrutture, e poi di accoglienza del quotidiano. Un esempio banale: la vendita delle torte a scuola, fatte dalle mamme, o i costumini per la sfilata, fatti dalle mamme. Questa tradizione è molto radicata. Il mio, ripeto, è un punto di vista particolare: nella mia famiglia ci sono sempre state donne che hanno lavorato o studiato. Poi, quando ventenne mi sono confrontata con le mie coetanee, mi sono accorta che la libertà che potevo avere io non era la stessa per una giovane svizzera. Soltanto dieci anni fa, a una ragazza che voleva studiare fisica fu caldamente raccomandato di fare, al massimo, psicologia. E più osserviamo queste cose, più lavoriamo su questi progetti, più quello che ascoltiamo ci sconvolge…

Collaterali: Dal talk a Vivian Maier

Nella tradizione degli eventi collaterali delle mostre di SpazioReale, vedi la più recente World Press Photo Exhibition, il 29 luglio alle 21, nella corte dell’Antico convento (nell’adiacente Casa delle Società in caso di pioggia), si tiene ‘Vogliamo tutto! – Ritratti di donne* nella Svizzera di oggi, un approccio fotografico al femminile’, talk con Aline D’auria, Sabine Cattaneo, Katja Snozzi, Yoshiko Kusano, Caroline Minjolle, Francesca Palazzi e Monica Flückiger, membri del collettivo (il talk sarà accompagnato dalla performance musicale dell’artista e produttrice svizzero-australiana Jessiquoi).

Il 20 agosto alle 21, infine, ‘Gli occhi di Vivian Maier (I am a camera)’, spettacolo dedicato alla fotografa franco-americana che lasciò ai posteri 150mila fotografie, la maggior parte delle quali nemmeno sviluppate, un tesoro oggetto di uno dei più sorprendenti casi di rivalutazione postuma. La storia di una delle prime grandi fotografe di sempre (forse la prima, a sua insaputa) è materiale per Roberto Carlone, già fondatore della Banda Osiris, qui in veste di unico attore-musicista, co-regista con Caterina Cavallari e produttore di questo racconto sul binomio fotografia-vita (orari della mostra e ogni altra informazione su www.spaziooreale.ch).


Meret Matter, regista bernese, ritratta da Yoshiko Kusano

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved