riflettori-su-lugano-terra-di-cineasti
Ciak a Villa Ciani (foto: Marco Soldati / Ticino Film Commission)
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
4 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
4 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
4 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
5 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
5 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
6 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
7 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
8 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
10 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
23 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
2 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
2 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
2 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Ticino Film Commission
15.07.2021 - 12:36
Aggiornamento: 19:01

Riflettori su Lugano, terra di cineasti

Leonardo Pieraccioni e Chiara Bellosi girano in città: occasione ghiotta per parlare di attrattiva e indotto

Sfilano ‘Atlas’, ‘Love me tender’, ‘Drive me crazy 2’ e tanti altri. Cristiano Ronaldo incluso. È il tralier che riassume le produzioni cinematografiche transitate da questo Cantone. Quelle transitanti, invece, sono i due film in fieri che dallo scorso 12 luglio e fino a questo sabato si tanno girando, meteo permettendo, a Lugano e dintorni. Anche davanti a Villa Ciani, dove la Ticino Film Commission ha voluto celebrare la ripresa a pieno regime di serie tv, videoclip, spot pubblicitari e lungometraggi, snocciolando – per voce di Niccolò Castelli, regista luganese e, non di meno, direttore della ‘Commission’ – le motivazioni dell’attrattiva e i numeri dell’indotto economico, 300mila franchi (100 professionisti coinvolti, una trentina ticinesi, collaborazioni con la Central Productions di Lugano, il casting di Cinédokké, 765 pernottamenti nel Luganese, figuranti della regione, catering).

«La creazione cinematografica – spiega Castelli – è attività sociale, economica, trasversale, ben radicata nella società al di là del racconto in sé». E nel fare cinema, che è «costruire sogni, storie che vadano oltre l'artificio per far sì che chi guarda un film vi possa entrare, la location è importante non soltanto in quanto sfondo, ma proprio perché per realizzarlo, il film, si necessita di molti servizi, di tanti elementi perfettamente oliati affinché il trucco risulti invisibile». E in tutto questo, «un luogo svolge un’importanza fondamentale». Castelli cita lo spot di Roger Federer, con Carona – un concentrato di «privacy, prossimità, rapidità di disbrigo pratiche», condizioni ideali per il grande e tecnicamente ‘ingombrante‘ campione – trasformata (in nome dell'artificio riuscito e impercettibile) in un borgo dell’entroterra siciliano. Ma oltre al luogo c’è altro: «Perché questo accada è importante che siano scritte storie, e il nostro lavoro parte molto prima: si tratta di parlare con gli sceneggiatori, con le produzioni, si tratta d'invitarli, stimolarli», chiude Castelli. Al quale, a nome della cultura in Città, fa eco Roberto Badaracco: «Spesso si fanno campagne di promozione turistica costosissime, e ci si dimentica di come un film possa andare di là di ogni investimento». 


Chiara Bellosi (Tempesta 2021)

Adolescenza

A Villa Ciani c’è anche Carlo Cresto-Dina di tempesta, che con Rai Cinema, in coproduzione con tellfilm e Rsi, produce ‘Calcinculo’, opera seconda di Chiara Bellosi, apprezzata a Castellinaria con il suo esordio, ‘Palazzo di giustizia’ (giunto a Bellinzona nel novembre del 2020 via Berlinale e, più recentemente, forte di due candidature ai Nastri d'Argento). Il film di Bellosi – storia di Benedetta, 15enne sovrappeso che viene trascinata nel mondo randagio e sregolato di Armando, in arte Amanda – è una delle due produzioni che il Luganese ospita in questi giorni, all'interno di un set nel quale tempesta adotta EcoMuvi, disciplinare europeo di sostenibilità ambientale.

Una volta ricordata Tiziana Soudani, che sostenne fortemente ‘Palazzo di giustizia’ («All'inizio, per il nostro primo film, fu la nostra compagna di strada, l’aiuto»), Cresto-Dina parla di «carovana» di «gente che si sposta e pianta le sue tende». È la carovana del cinema: «Andiamo dove ci accolgono, siamo un po’ meretrici – dice con autoironia – ma non sono sempre e solo i soldi a farci decidere per un posto invece che per un altro. Entrano in campo l’accoglienza, ma anche il crescere negli anni di competenze tecniche. Se fate investimenti – conclude – fateli con pazienza, e che durino nel tempo. È una gran cosa per noi il poter contare su elettricisti, macchinisti, competenze presenti sul territorio. La formazione tecnica, e non soltanto quella puramente creativa, è un incentivo».

Don Simone

A Lugano, negli esterni di Villa Ciani, si gira anche ‘Il sesso degli angeli’, 14esimo film di Leonardo Pieraccioni: «È il momento di fare dei film, e questo è il mio 14esimo», dice l'attore e regista fiorentino palesatosi a sorpresa. «È un film, per contenuti, che forse qualche anno fa non mi sarei permesso. Sarà l’età: prima incontravo sempre bellissime ragazze, ora a 56 anni faccio il prete, chissà cosa mi capiterà in futuro». ‘Il sesso degli angeli’, prodotto da Levante con Rai Cinema, in uscita il prossimo anno {distribuito da 01 Production), vede Pieraccioni nei panni di Don Simone, prete di frontiera con una chiesa pressoché ignorata dai giovani del posto che le preferiscono i social. L'eredità di un ricco zio di Don Simone potrebbe rappresentare un rilancio economico per la chiesetta. Fino a che, giunto a Lugano, il religioso scopre di avere ereditato un postribolo. «Lugano – dice il regista – è la perfetta contrapposizione a questa piccola chiesa fiorentina che i ragazzi non frequentano più, perdendo il senso della parrocchia, del refettorio, dell’oratorio, e questo vostro meraviglioso posto, di fronte a tale contrasto, si noterà ancora di più». Leggi l'intervista integrale a Leonardo Pieraccioni


Nella foto, Sabrina Ferilli, Leonardo Pieraccioni, e Marcello Fonte durante la lettura del copione de 'Il Sesso degli Angeli' © Levante / Rai Cinema 2021

Leggi anche:

Luce, Domenica e le piccole cose di un 'Palazzo di giustizia'

Pieraccioni: 'Lugano è un posto che gli manca solo la moquette'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiara bellosi leonardo pieraccioni ticino film commission
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved