riflettori-su-lugano-terra-di-cineasti
Ciak a Villa Ciani (foto: Marco Soldati / Ticino Film Commission)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
6 ore

Dove va l’informazione della rinnovata Rete Uno

Dopo le critiche, Reto Ceschi espone le sue priorità: qualità e approfondimento “ ma l’informazione deve stare su una rete che ha un pubblico forte”
Spettacoli
13 ore

Altroquando, un tranquillo week end di paura

All’insegna dell’horror di qualità, si è tenuta la prima edizione del festival dedicata al cinema di genere
Spettacoli
14 ore

Tutto in una notte. Ma che emozione con ‘Diplomazia’ al Lac

Elio De Capitani e Ferdinando Bruni hanno portato a Lugano lo scontro per salvare Parigi tra il generale nazista e il console svedese
Spettacoli
16 ore

Gardi è morta, viva la Gaia!

Al Cinema Teatro di Chiasso Hanna, l’alter ego della celebre clown, è morta: applausi del pubblico tra resurrezioni, vendette e gran senso per la scena
Spettacoli
20 ore

Happy Days, Fonzie mette all’asta memorabilia serie tv

L’appuntamento è per mercoledì 8 dicembre nelle sale della casa d’aste Bonhams di Los Angeles
Spettacoli
22 ore

È morto Toni Santagata

A renderlo noto la moglie del cantante, Giovanna, tramite l’agenzia stampa italiana Ansa. Santagata, all’anagrafe Antonio Morese, aveva 85 anni
Spettacoli
1 gior

Morandi, Ranieri, Zanicchi: ok, Sanremo è giusto (più o meno)

Non si può dire che non ve ne sia per tutti i gusti: Elisa, Emma, Noemi, trapper quanto basta, ex vincitori quanto basta. E Achille Lauro, ovviamente
Musica
2 gior

Il Duo Kirsch sul ponte del tempo

Martedì 7 dicembre al Teatro Foce, Stefano Moccetti (chitarra) e Anton Jablokov (violino), progetto nato tra il Csi e il lockdown
Spettacoli
2 gior

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta
Arte
2 gior

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
2 gior

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
2 gior

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
2 gior

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
2 gior

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Spettacoli
3 gior

Alle radici della musica con ‘Gospel & Spirituals 2021’

I sei concerti di Free Green Music dall’8 al 30 dicembre tra Losone, Bellinzona, Locarno, Airolo e San Bernardino. Il programma.
Galleria foto
Arte
3 gior

Alla Stazione Centrale di Milano, immersi nel mondo di Banksy

Una performance artistica immersiva riproduce le opere dell’ignoto artista britannico che sono state rubate, distrutte o vendute
Spettacoli
3 gior

Saliamo in Paradiso con ‘Il cosmonauta Dante’

Conferenza-spettacolo di Anna Pegoretti e Laura Anzani, scritta in collaborazione con Leonardo Ricci. Il 13 dicembre alla Scuola cantonale di commercio
Ticino Film Commission
15.07.2021 - 12:360
Aggiornamento : 19:01

Riflettori su Lugano, terra di cineasti

Leonardo Pieraccioni e Chiara Bellosi girano in città: occasione ghiotta per parlare di attrattiva e indotto

Sfilano ‘Atlas’, ‘Love me tender’, ‘Drive me crazy 2’ e tanti altri. Cristiano Ronaldo incluso. È il tralier che riassume le produzioni cinematografiche transitate da questo Cantone. Quelle transitanti, invece, sono i due film in fieri che dallo scorso 12 luglio e fino a questo sabato si tanno girando, meteo permettendo, a Lugano e dintorni. Anche davanti a Villa Ciani, dove la Ticino Film Commission ha voluto celebrare la ripresa a pieno regime di serie tv, videoclip, spot pubblicitari e lungometraggi, snocciolando – per voce di Niccolò Castelli, regista luganese e, non di meno, direttore della ‘Commission’ – le motivazioni dell’attrattiva e i numeri dell’indotto economico, 300mila franchi (100 professionisti coinvolti, una trentina ticinesi, collaborazioni con la Central Productions di Lugano, il casting di Cinédokké, 765 pernottamenti nel Luganese, figuranti della regione, catering).

«La creazione cinematografica – spiega Castelli – è attività sociale, economica, trasversale, ben radicata nella società al di là del racconto in sé». E nel fare cinema, che è «costruire sogni, storie che vadano oltre l'artificio per far sì che chi guarda un film vi possa entrare, la location è importante non soltanto in quanto sfondo, ma proprio perché per realizzarlo, il film, si necessita di molti servizi, di tanti elementi perfettamente oliati affinché il trucco risulti invisibile». E in tutto questo, «un luogo svolge un’importanza fondamentale». Castelli cita lo spot di Roger Federer, con Carona – un concentrato di «privacy, prossimità, rapidità di disbrigo pratiche», condizioni ideali per il grande e tecnicamente ‘ingombrante‘ campione – trasformata (in nome dell'artificio riuscito e impercettibile) in un borgo dell’entroterra siciliano. Ma oltre al luogo c’è altro: «Perché questo accada è importante che siano scritte storie, e il nostro lavoro parte molto prima: si tratta di parlare con gli sceneggiatori, con le produzioni, si tratta d'invitarli, stimolarli», chiude Castelli. Al quale, a nome della cultura in Città, fa eco Roberto Badaracco: «Spesso si fanno campagne di promozione turistica costosissime, e ci si dimentica di come un film possa andare di là di ogni investimento». 


Chiara Bellosi (Tempesta 2021)

Adolescenza

A Villa Ciani c’è anche Carlo Cresto-Dina di tempesta, che con Rai Cinema, in coproduzione con tellfilm e Rsi, produce ‘Calcinculo’, opera seconda di Chiara Bellosi, apprezzata a Castellinaria con il suo esordio, ‘Palazzo di giustizia’ (giunto a Bellinzona nel novembre del 2020 via Berlinale e, più recentemente, forte di due candidature ai Nastri d'Argento). Il film di Bellosi – storia di Benedetta, 15enne sovrappeso che viene trascinata nel mondo randagio e sregolato di Armando, in arte Amanda – è una delle due produzioni che il Luganese ospita in questi giorni, all'interno di un set nel quale tempesta adotta EcoMuvi, disciplinare europeo di sostenibilità ambientale.

Una volta ricordata Tiziana Soudani, che sostenne fortemente ‘Palazzo di giustizia’ («All'inizio, per il nostro primo film, fu la nostra compagna di strada, l’aiuto»), Cresto-Dina parla di «carovana» di «gente che si sposta e pianta le sue tende». È la carovana del cinema: «Andiamo dove ci accolgono, siamo un po’ meretrici – dice con autoironia – ma non sono sempre e solo i soldi a farci decidere per un posto invece che per un altro. Entrano in campo l’accoglienza, ma anche il crescere negli anni di competenze tecniche. Se fate investimenti – conclude – fateli con pazienza, e che durino nel tempo. È una gran cosa per noi il poter contare su elettricisti, macchinisti, competenze presenti sul territorio. La formazione tecnica, e non soltanto quella puramente creativa, è un incentivo».

Don Simone

A Lugano, negli esterni di Villa Ciani, si gira anche ‘Il sesso degli angeli’, 14esimo film di Leonardo Pieraccioni: «È il momento di fare dei film, e questo è il mio 14esimo», dice l'attore e regista fiorentino palesatosi a sorpresa. «È un film, per contenuti, che forse qualche anno fa non mi sarei permesso. Sarà l’età: prima incontravo sempre bellissime ragazze, ora a 56 anni faccio il prete, chissà cosa mi capiterà in futuro». ‘Il sesso degli angeli’, prodotto da Levante con Rai Cinema, in uscita il prossimo anno {distribuito da 01 Production), vede Pieraccioni nei panni di Don Simone, prete di frontiera con una chiesa pressoché ignorata dai giovani del posto che le preferiscono i social. L'eredità di un ricco zio di Don Simone potrebbe rappresentare un rilancio economico per la chiesetta. Fino a che, giunto a Lugano, il religioso scopre di avere ereditato un postribolo. «Lugano – dice il regista – è la perfetta contrapposizione a questa piccola chiesa fiorentina che i ragazzi non frequentano più, perdendo il senso della parrocchia, del refettorio, dell’oratorio, e questo vostro meraviglioso posto, di fronte a tale contrasto, si noterà ancora di più». Leggi l'intervista integrale a Leonardo Pieraccioni


Nella foto, Sabrina Ferilli, Leonardo Pieraccioni, e Marcello Fonte durante la lettura del copione de 'Il Sesso degli Angeli' © Levante / Rai Cinema 2021

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved