monte-carasso-abbraccia-la-world-press-photo-exhibition
The First Embrace © Mads Nissen, Danimarca, Politiken/Panos Pictures
+2
ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi, Microcinema
58 min

‘Sette, sono i magnifici’

Dai boschi del Malcantone alle sale milanesi, da Kurosawa a Sturges, da Venezia al cinema Eden di Carpi, storie di film che portano altri film
Cinema
5 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
6 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
6 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
6 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
6 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
8 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
8 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
9 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
11 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
1 gior

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
2 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
2 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
2 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
3 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
3 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Fotografia
28.05.2021 - 17:50
Aggiornamento: 18:48

Monte Carasso abbraccia la World Press Photo Exhibition

Presentata la mostra itinerante che da sabato 29 maggio al 20 giugno 2021 ospiterà a Monte Carssso, SpazioReale, tutto il meglio della fotografia mondiale.

Si chiama World Press Photo Exhibition e la relativa fondazione ha come proposito, testualmente, “connettere il mondo a storie che abbiano significato”. Una connessione riuscita per la prima volta nel 1955, data di fondazione di un contest per fotografi nato per volere di un gruppo di omologhi olandesi. Una connessione che da sei decadi gira il mondo e che da tempo fa regolare tappa nel Bellinzonese, unica destinazione per la Svizzera italiana. Lo farà anche quest’anno, inaugurando la decima stagione espositiva di SpazioReale a Monte Carasso, dal 29 maggio a 20 giugno nei sotterranei dell’Antico Concento delle Agostiniane. La mostra, ospitata in 120 città di 50 paesi del mondo, grandi capitali in primis, viaggia con il suo bagaglio di 142 fotografie finaliste del concorso fotografico più ambito dalla categoria, e che premia ogni anno i migliori fotografi professionisti della stampa, i fotogiornalisti e i fotografi documentaristi che siano riusciti a mettere in immagini un accadimento particolarmente rilevante dal punto di vista giornalistico. 

‘The First Embrace’

Negli spazi ancora distanziati della conferenza stampa, sono tre entità a introdurre l’edizione 2021. Prima entità: la città di Bellinzona, rappresentata dal suo sindaco Mario Branda e da Rossana Martini, direttrice settore Cultura ed eventi. «Queste opere fotografiche – spiega il primo – ci ricordano il mondo che sta poco fuori da casa nostra, e ci ricordano che dietro l’immagine c’è l’evento reale, ci sono persone reali, e quasi sempre sentimenti reali». Quale posto migliore di SpazioReale, verrebbe da dire, ma è la verità: non c’è nulla di più reale che Beirut spazzata via dall’esplosione dell’agosto 2020, un «olocausto» che al sindaco ricorda il Libano vissuto in loco anni fa e a noi lascia negli occhi uno dei momenti visivamente potenti dell’esposizione, il reportage di Lorenzo Tugnoli per il Washington Post negli attimi successivi alla deflagrazione (Primo premio ‘Spot News’).

Le seconda entità. A Monte Carasso c’è anche quest’anno Samira Damato, impedita nel guidarci tra la storia del concorso e relativi scatti esposti come in passato, perché presente nella sola forma di collegamento video, a riassumere come il World Press Photo rifletta “l’attuale stato del fotogiornalismo e aspiri quest’anno a rappresentare la transazione verso l’inclusione», a dire del privilegio (il loro) di essere circondati da una collezione di 74mila proposte riferite al 2020 e di come ogni mostra sia «un invito all’osservazione, un confrontarsi con circostanze reali ma anche con noi stessi». E forse mai come quest’anno siamo noi stessi la ‘World Press Photo of the year’, la foto dell’anno che si chiama ‘The First Embrace’, lo scatto del danese Mads Nissen che ritrae l’85enne Rosa Luzia Lunardi, di spalle, abbracciata da Adriana Silva da Costa Souza, infermiera della casa di cura Viva Bem di San Paolo del Brasile. ‘The First Embrace’ è, tradotto, il primo abbraccio ricevuto dall’anziana in cinque mesi d’isolamento, dinamiche che ben conosciamo. E la cosiddetta ‘Tenda dell’abbraccio’ pare un virus positivo e vendicatore, le ali di una farfalla, un campo energetico, o qualsiasi altro concetto che porti a pensare a un tutt’uno, o alla fine di un incubo.


‘The Transition: Ignat’ - © Oleg Ponomarev, Russia

Molte ‘Foto dell'anno’

A Monte Carasso sono esposti vincitori e finalisti, tra i quali è abbastanza semplice trovare una manciata di altre potenziali Foto dell’anno. Come una sorta di dipinto intitolato ‘The Transition: Ignat’, dal nome del transgender di San Pietroburgo ritratto insieme alla sua ragazza Maria. Nel suo sguardo c’è il risultato dell’avversione, anche di legge, alla sessualità non tradizionale in Russia. Anche i campi estivi militari per giovanissimi polacchi ritratti dalla conterranea Natalia Kepesz sono piccoli incubi a occhi aperti, e l’invasione di locuste in Africa orientale raccontata dallo spagnolo Luis Tato, la bara in ascensore nella foto del francese Laurence Geai o la ‘mummia’ indonesiana ritratta da Joshua Irwandi, intitolata ‘Il costo umano del Covid-19’, che fa il pari con la foto dell’anno e con una delle molte infermiere al fronte coi segni della battaglia sul viso (è quella fotografata dal messicano Iván Macías). Se la foto dell'anno è la fine di un incubo, altri incubi visivi sono ancora in mostra: la montagna del Myanmar dimezzata per estrarre giada e dall’altra parte un tempio buddista; la pet therapy nello scatto del francese Jérémy Lempin, difficilmente spiegabile; il suddetto Libano, George Floyd e dintorni, come il significativo e quasi grottesco ‘Emancipation Memorial Debate’, tutto mimica facciale. O la Storia dell'anno, ‘Habibi’, le storie d'amore e contrabbando (di sperma) degli oltre 4mila palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Ma ci sono anche vicende più lievi come ‘Piccioni e lockdown: una storia d’amore’, Primo premio Natura all’olandese Jasper Doest, che riconcilia con il genere umano (tutto o quasi).


Emancipation Memorial Debate © Evelyn Hockstein, Stati Uniti, For The Washington Post

Da Dacca a Berna

La terza entità affiancata al World Press Photo 2021 è il Locarno Film Festival nella forma delle sue Open Doors – la sezione del festival che fa luce e incentiva il cinema d'autore o indipendente del Sud e dell'Est del mondo – e nella persona di Giada Peter, responsabile ufficio stampa e comunicazione della kermesse locarnese, a introdurre l’evento Porte Aperte sul cinema dal mondo, in programma il 2 giugno alle 21.15 presso l’Antico Convento. E cioè – introdotta dal direttore artistico del Locarno Film Festival, Giona A. Nazzaro – la proiezione di ‘Made in Bangladesh’, film della regista Rubaiyat Hossain, storia di una della tante sottopagate lavoratrici in una delle tante industrie tessili di Dacca che, dopo l'incendio della fabbrica, si fa promotrice della nascita di un sindacato che protegga i loro diritti, andandosi inevitabilmente a scontrare col pensiero dominante, quello dei mariti incluso. Nulla è più adeguato di ‘Made in Bangladesh’ per integrarsi con la mostra ‘50/50/50’ in programma a luglio e agosto, realizzata dal collettivo di fotografe Frauenstreikfotografinnen nel 50esimo del diritto al voto alle donne in Svizzera. Completano la stagione gli ottanta scatti di ‘Dormire, forse sognare’ di Ferdinando Scianna, maestro del fotogiornalismo internazionale e altri EventiReali reperibili, come orari, costi, modalità, opzioni, e tutti i dettagli di quanto appena scritto, su www.spazioreale.ch.

Leggi anche:

World Press Photo, a Monte Carasso una fotografia del mondo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
monte carasso spazio reali world press photo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved