Spagna
1
Polonia
0
1. tempo
(1-0)
i-cinquemila-di-barcellona-giusto-una-dolce-illusione
Sabato 27 marzo 2021, Palau Sant Jordi. Tutto (quasi) come prima (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Piano City Milano, il grande abbraccio collettivo della Decima

Cento concerti in tre giorni, tremila in 10 anni, e una sola regola 'rigidissima': il pianoforte. A colloquio con Ricciarda Belgioioso, co-direttrice artistica
Arte
3 ore

Riscoprire le opere di Antonio Ciseri

In occasione del bicentenario della nascita del pittore, è stato realizzato un itinerario che attraversa diverse località ticinesi
Musica
4 ore

Final Step, per riconnetterci è uscito ‘Disconnections’

Con Matteo Finali tra le storie musicali (anche di famiglia) di un album che è un invito a riprenderci i suoni delle nostre vite (reali).
Culture
6 ore

A Leontica tutte le strade portano alla pozza

Per tutti coloro che arrivano in paese seguendo le tracce lasciate dal romanzo di Fabio Andina, domenica 27 giugno s'inaugura Il Sentiero del Felice (siamo tutti invitati)
Società
9 ore

Addio Lugano bella, la storia dell’anarchico Pietro Gori

Gli ideali politici di un uomo che rifiutava la violenza e la scienza della devianza di Lombroso: intervista allo storico Massimo Bucciantini
Società
16 ore

34 donne accusano Pornhub di sfruttamento e pornografia minorile

Secondo lo studio legale si tratta di "una causa storica contro il traffico di esseri umani e la pornografia minorile nell'industria del porno online"
Spettacoli
1 gior

Golden Globes, si spacca la Foreign Press Association

Dimessi due membri dell'ente che organizza i premi, denunciando ancora una volta un ambiente tossico e resistenza al cambiamento.
Culture
1 gior

Il Locarno Film Festival punta sui giovani

Il Locarno Film Festival punta sui giovani. Con programmi a loro dedicati si vuole formatore dei futuri professionisti del mondo del cinema.
Spettacoli
1 gior

Ceresio Estate, omaggio ‘celestiale’ a Luciano Sgrizzi

Intervista a Davide Macaluso, la cui celesta sarà protagonista del concerto di lunedì 21 giugno a Carabbia
Scienze
1 gior

Il drone Ingenuity regala indizi sui 'diavoli di sabbia'

La sabbia sollevata dalle sue pale viene trasportata dall'aria più facilmente di quanto si pensasse: siamo vicini a capire come nascono le trombe d'aria marziane?
Medicina
1 gior

Farmaco contro l'Alzheimer: un 70enne statunitense per primo

Via libera negli Usa all'anticorpo monoclonale, il primo approvato per la malattia in vent'anni, nonostante il no di una commissione indipendente,
Società
1 gior

Rivoluzione da Victoria's Secret: donne, non più angeli

'Dobbiamo smetterla di essere quello che vogliono gli uomini', afferma il colosso della lingerie: ecco Megan Rapinoe, Eileen Gu e altre testimonial
Culture
2 gior

Alice Ceresa, femminista d’oggi

Riscopriamo con la professoressa Tatiana Crivelli la figura della scrittrice svizzera, al centro di un incontro alla Casa della Letteratura
Culture
2 gior

Al musicologo Lorenzo Bianconi il Premio Guido Adler

L'importante riconoscimento è conferito al più importante musicologo ticinese dalla Società Internazionale di Musicologia
Musica
2 gior

Il grande festival in miniatura: Blues to Bop 2021 è 'Bonsai'

Non per questo, tra Piazza Manzoni e il Boschetto Parco Ciani, mancheranno i grandi nomi: si apre il 24 giugno con Bat Battiston.
Cinema
2 gior

Spike Lee tra le palme è il poster di Cannes

Sulla Croisette, in bianco e nero, il regista comunica l'impazienza di tornare a guardare i film.
Scienze
2 gior

I pipistrelli svizzeri non sono portatori di virus pericolosi

Scoperti dai virologi dell'Università di Zurigo 16 famiglie di virus in grado d'infettare i vertebrati, che però non rappresentano alcun pericolo per l'uomo
Culture
2 gior

Festival di narrazione di Arzo, da Mario Perrotta in poi

Al via il 19 agosto con ‘In nome del padre’, spettacolo scritto e interpretato da Perrotta, nato da un confronto dell’artista con lo psicanalista Massimo Recalcati
Arte
2 gior

Giovanni Segantini maestro del ritratto in mostra a St. Moritz

Dal primo giugno al 20 ottobre 2021, nel Museo che porta il suo nome, 16 dipinti e 6 disegni dell'autore di paesaggi e scene di vita contadine, anche ritrattista
Spettacoli
3 gior

L’Osi in presenza già a giugno

A fine mese il concerto dei diplomi del conservatorio diventa evento pilota: al Lac per seicento spettator
Scienze
3 gior

Il mistero di Betelgeuse non è più un mistero

L'oscuramento avvenuto tra il 2019 e il 2020 è stato causato dall'espulsione di una grande massa di gas che, una volta raffreddata, ha oscurato la vista della stella
Pensiero
3 gior

“Se parli ti soffoco”: Nicola Emery e le forme della repressione

Intervista al filosofo che domani presenterà alla Biblioteca cantonale di Lugano il libro ‘Potere e pregiudizio. Filosofia versus Xenofobia’
Musica
3 gior

‘Donna’, Dell'Agnola e le 'attrici e voci femminili coraggiose'

Realizzato con Marco Santilli e Urs Wiesendanger, il brano è tratto da ‘Visioni di una battaglia in corso’, andato in scena al Castello di Serravalle
Spettacoli
3 gior

A Castelgrande arriva Ernia, quarto nome di Castle On Air

Nel suo Gemelli Summer Tour’ porterà a Bellinzona i recenti tormentoni ‘Ferma a Guardare’ (coi Pinguini), ‘Superclassico’ (cinque volte platino) e altri successi.
Classica
3 gior

Festival Ticino Doc, al via la settima edizione

Una collaborazione tra Associazione musica nel Mendrisiotto, Osi e Rete Due che si apre sabato 19 giugno per chiudersi domenica 27.
Culture
3 gior

Dopo mille anni, il Duomo di Ratisbona apre il coro alle donne

Ammesse le voci femminili per la prima volta nella storia, per un coro di ragazze. 'Ma quello maschile resterà inalterato', la precisazione
LongLake Festival
3 gior

Alves-Amuri-Fusaro per la Quairmesse, e in mezzo Frank Salis

È il ricco programma musicale tra Piazza Manzoni e Piazzetta San Carlo, tra jazz, urban, r'n'b, blues e soul
Teatro San Materno
3 gior

Erika Stucky + Tuba, un Grand Prix de la Musique ad Ascona

Nel 2020 ha ricevuto il più alto premio musicale svizzero. Accompagnata dallo scozzese Ian Gordon-Lennox, suona domenica 20 giugno alle 17
Musica e Covid
 
01.04.2021 - 05:300
Aggiornamento : 14:45

I cinquemila di Barcellona? Giusto una dolce illusione

Mascherine, test antigenico e altre attenzioni, poi tutti al concerto rock: è la soluzione? Non per Jacky Marti, patron, e nemmeno per Adolfo Galli, promoter

La notizia è di pochi giorni fa. Cinquemila persone per un concerto della band catalana Love of Lesbian, sestetto pop-rock/indie spagnolo: prima di un anno fa, un evento a malapena degno di nota; oggi, un esperimento al quale tutti (o quasi, i nostri intervistati usano almeno un paio di pinze) guardano come possibile ripartenza per la musica dal vivo. Il concerto si è tenuto al Palau Sant Jordi, un’arena polivalente in grado di ospitare fino a ventimila persone ma, per quanto chiaramente al di sotto della capienza massima, il pubblico che ha assistito al concerto non doveva mantenere il distanziamento sociale. Libertà di assembramento resa possibile da un dispositivo di sicurezza tutt’altro che banale: non solo obbligo di mascherine ffp2, più filtranti sia di quelle chirurgiche che di quelle di stoffa, fornite dagli organizzatori all’entrata, ma anche obbligo di test antigenico in giornata. Altre misure prese: sistema di ventilazione al massimo della potenza, pubblico diviso in tre settori con bar e servizi igienici separati. Il concerto è parte di un’iniziativa delle istituzioni catalane per valutare come svolgere in sicurezza eventi dal vivo con migliaia di persone. Sui profili ufficiali, a evento concluso, la band catalana twitta un comprensibile “Bona nit Barcelona! Es difícil contener la emoción hoy!”. Su facebook il tono è: “Abbiamo fatto la storia. È un piccolo passo per LoL (Love of Lesbian, ndr), ma uno grande per la cultura”.

Una “emoción” simile devono averla provata anche alla Johan Cruijff Arena di Amsterdam: cinquemila persone – di nuovo, molto al disotto della capienza massima dello stadio – hanno potuto assistere all’incontro tra Paesi Bassi e Lettonia dopo essere risultati negativi al coronavirus. Pubblico diviso in settori, niente distanza sociale e, almeno per una parte degli spettatori, niente mascherina. Due esperimenti di “ritorno alla normalità” grazie a test, mascherine e tracciamento dei contatti apparentemente riusciti, per quanto ci vorranno due settimane per valutare se vi sono effettivamente stati contagi. Il nodo rimane quello della logistica, mobilitando importanti risorse per test e tracciamento e sfruttando comunque solo una parte della capienza delle strutture. I costi aggiuntivi, per il concerto di Barcellona, sono intorno ai 50mila euro: non altissimi – circa 10 euro a spettatore – ma certo sufficienti per scoraggiare gli organizzatori di eventi. Quante, però, sarebbero le istituzioni pubbliche disponibili a testare soluzioni simili? E davvero i promoter s'infilerebbero in cotanta scientifica pianificazione?


Sabato 27 marzo 2021, Palau Sant Jordi (Keystone)

Jacky Marti

'Non più di una luce in fondo al tunnel'

«Non so giudicare se si tratti di speranza o illusione. Penso però che sia giusto tentare tutto il possibile perché, onestamente, non se ne può più». Questo per quanto riguarda Barcellona. Per quel che riguarda l’Efg Lugano Estival Jazz, Jacky Marti trascorrerà la Pasqua serenamente prima di sedersi a un tavolo (rispettando le distanze) con la Città di Lugano «per capire se vale la pena tentare. Un Festival con pochi spettatori, un eventuale transennamento e tutto quanto richiesto dalle regole anti-Covid, stanti i problemi finanziari su cui non si può sorvolare, non è cosa da poco».

Tornando alla Spagna: «Non posso che rallegrarmi per le migliaia di persone che sono potute tornare a vivere una simile esperienza e anche per il personale coinvolto. Ma si tratta di esperimenti difficilmente ripetibili, costosissimi e complicatissimi». Nello specifico: «Fosse anche possibile agire così, gli organizzatori non sono specialisti anti-Covid. Se una valenza si può trovare in quello che è stato fatto a Barcellona, è quella di avere creato anche solo un po’ di luce in fondo al tunnel». Speranza o illusione, quindi? «Temo si tratti più di un’illusione che di una speranza. L’unica risposta, a mio parere, è stringere i denti e avere pazienza. Prima o dopo finirà e ne usciremo con più gioia e consapevolezza di quanto siamo fortunati a poter avere così tanti eventi, che ogni tanto diamo per scontati».


Jacky Marti, Mister Estival (Ti-Press)

Adolfo Galli

‘Se ne parla nel 2022: il vaccino è l'unica soluzione’

Chi nella vita è stato ai concerti dei grandi del rock transitati in Italia (ma non solo) e ha l’abitudine un po’ da matusa di conservare i biglietti, di fianco a Clapton, Bowie, McCartney, Stones, Dylan, Neil Young, James Taylor, Elton John, Iron Maiden, Nick Cave e un'altra mezza Enciclopedia ci troverà scritto con altissima probabilità D’Alessandro e Galli (DeG). Dai tre sold out di Joe Cocker feat. Zucchero, anno 1987, l’azienda di Adolfo Galli e Mimmo D’Alessandro, divisa tra Brescia e Viareggio, è diventata leader nel settore del music business. È ad Adolfo Galli che chiediamo se Barcellona sia un modello. E se, ammesso che di modello si possa parlare, sia replicabile. «Personalmente, lo trovo un proclama più di disperazione che di sostanza», risponde. «Hanno fatto un test per dimostrare che, anche senza essere vaccinati, mantenendo tutti i rigidi protocolli previsti, quelli che ben conosciamo, si potrebbe fare un concerto per poi tirare le somme, sanitarie, alla fine. Ma, sono sincero, mi è sembrato più un modo per dire: "Signori, noi ci siamo e vogliamo lavorare”, perché anche in Spagna si stanno già cancellando i grandi eventi dell’estate». Come in Italia. Anzi, «in Italia siamo messi anche peggio, perché Assomusica – l’associazione degli organizzatori e dei produttori di spettacoli di musica dal vivo, ovvero l'80% delle imprese che organizzano i concerti dal vivo in Italia, ndr – ha cercato di aprire un tavolo con il Ministero del turismo e dello spettacolo, dovendosi purtroppo fermare ai proclami. Perché quando ti presenti con un progetto, il massimo che ti possono dire è “lo sottoponiamo al Comitato tecnico scientifico». Con il quale «nessuno può parlare direttamente e dal quale, dunque, nessuno può ottenere risposte sostanziali».

Anche per DeG, come per Mister Estival, se anche si adottasse lo schema-Barcellona, «fermo restando che se l’organizzazione che si occupa dell’evento si attiene alle disposizioni di legge emanate dal ministero gli eventi si possono fare – spiega Galli – in Italia resta il problema dei colori». Ovvero: «Il governo fissa regole sulle quali, a livello regionale, i governatori possono imporre deroghe. Con capienze diverse di città in città, organizzare un tour diventa difficile perché una produzione da mille persone, faccio un esempio, richiede mille di watt di fonica, e una situazione da tremila spettatori ne chiama di più. In questo mestiere devi programmare e per ammortizzare i costi devi poter fare una produzione unica che permetta di suonare ovunque». Allo stato attuale, dunque, «quello che possiamo fare è solo sperare che il vaccino funzioni e che quest’estate ci venga concesso qualcosa di più che mille persone».

Il vaccino, ultima (unica) ratio: «Quando finalmente avremo il 70-80% della popolazione vaccinata – conclude Galli – la tanto attesa immunità di gregge consentirà a ognuno di noi di andare ai concerti, a teatro, al cinema, dove gli pare». In Europa si dice che accadrà a luglio: «No, non ci credo che sarà a luglio. Credo che prima della fine di settembre non succederà nulla. E solo a fine settembre, se verranno rispettati i tempi promessi per le vaccinazioni, allora potremo rimetterci a pensare alla musica. I miei eventi grandi, per inciso, sono già tutti posticipati al 2022».


Adolfo Galli, D'Alessandro & Galli

Chi vede e chi lascia

Ecco il mini-Montreux, jazz controtendenza

Che nessuno se la senta d’imbarcarsi nell'impresa sanitaria spagnola di sabato scorso è chiaro. In Svizzera è tutto un “Abbandono, abbandono!”: Paléo dà appuntamento al 2022 (“È come vedere la cima di una montagna e poi dover scendere perché il tempo è troppo brutto”); a Berna si dicono “un po’ esausti” e il Gurten Festival 2021 è già archiviato senza che sia stata suonata una sola nota; a San Gallo, invece, ancora si spera in un open air in miniatura. Mini come quello pensato a Montreux, festival che nello sconforto generale annuncia, dal 2 al 17 luglio, un molto, molto distanziato Montreux Jazz Festival: un palco a ridosso del lago, a 25 metri dalla riva, e altri tre palchi ‘intimi’ all’interno del Montreux Palace. Mettendola più sul fascino turistico del luogo che altro, gli organizzatori non fanno ancora nomi (attesi non prima di maggio), ma già dicono di due artisti a sera in riva al lago davanti a 600 spettatori paganti ‘terrazzati’, e di un secondo palco, sempre lacustre, per 300 appassionati altrettanto paganti; tutt’intorno, ulteriori palchetti per jam session e Dj set (gratuiti). Mathieu Jaton, direttore di ‘Montreux’, sostiene che questa sia “la musica del futuro”. E noi glielo auguriamo di cuore. Lo auguriamo a lui, a Mister Estival e a tutti festival che opteranno per essere mini. Come dice di solito? Non sono le dimensioni che contano...

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved