spessore-e-curiosita-ketty-fusco-per-ballerio-e-stroppini
Ketty Fusco (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
22 min

L'asteroide caduto in Germania ha lasciato tracce a San Gallo

Un chiaro strato di polvere di quarzo scoperto nel 1945 dal geologo Franz Hofmann. È particolarmente visibile lungo le rive del Sitter, un affluente della Thur.
Spettacoli
55 min

Jacky Marti: 'Niente Estival, appuntamento al 2022'

'Pur senza farci alcuna illusione, abbiamo voluto aspettare la conferenza stampa di oggi per capire. Ora le indicazioni parlano chiaro', dice Mister Estival
Scienze
5 ore

Ibsa Foundation Fellowship 2020: ecco i cinque vincitori

Ospite d'onore della consegna delle borse di studio, Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas.
Libri
5 ore

'Rosagarda', trittico inedito di Giorgio Orelli

Lo pubblica Edizioni Casagrande per il centenario della nascita del poeta. Il libro, curato da Pietro De Marchi e Matteo Terzaghi, sarà disponibile dal 15 aprile.
Streaming
6 ore

Osi al Lac: Markus Poschner tra Rossini, Sibelius e Britten

A cavallo fra due secoli di storia della musica per l'ultimo appuntamento della stagione: giovedì 15 aprile alle 20.30 in videostreaming Rsi e live su Rete Due
Scienze
6 ore

A Berna le misure igieniche proteggono i bebè dalla meningite

Lo afferma un gruppo di ricercatori dell'Inselspital, l'ospedale universitario. Indagini più vaste potranno estendere il dato oltre la città federale.
Culture
7 ore

Omaggio a Dante, Colazioni letterarie con Giulio Ferroni

Per la terza edizione dedicata al Sommo Poeta a 700 anni dalla morte, 'Dante e i confini d'Italia' è l'incontro in programma sabato 17 aprile alle 11 su Zoom
Video
Musica
8 ore

‘Eazy Sleazy’, metti insieme Mick Jagger con Dave Grohl

Sguardo ottimista verso il mondo al di là dell'isolamento e al 'giardino delle delizie terrene' che si trova oltre.
Scienze
13 ore

Alberto Mantovani e la scienza tra rispetto e responsabilità

Dalla distribuzione dei vaccini al dovere di comunicare in modo chiaro, intervista al direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas, ospite della Fondazione Ibsa per la consegna delle cinque fellowship
Scienze
1 gior

Nel giorno di Gagarin, un asteroide saluta la Terra

Transita a una distanza di 20mila chilometri dalla superficie terrestre, una distanza inferiore a quella dei satelliti geostazionari (36mila).
Culture
1 gior

L’esempio di Mario Timbal e la cultura aziendale della Rsi

Confrontato con la partenza improvvisa della responsabile Programmazione, il neodirettore della Rsi ha illustrato le sue linee editoriali, tra creatività e trasparenza
Lac
2 gior

'Sguardo sul teatro borghese' con Carmelo Rifici in streaming

Riprendono domani, martedì 13 aprile, le incursioni nel mondo del teatro con il direttore artistico del Lac
LocarnoFolk
2 gior

Nadia Gabi & Le Due nel Cappello con Raissa Avilés

Prossimo appuntamento il 17 aprile in streaming con le canzoni dall'album ‘Erba matta’ e, ospite, la cantante e attrice di origini messicane.
Culture
2 gior

Quattro studenti e l'informazione: una 'sfida epocale'

Giovedì 15 aprile alle 20.30 dialogheranno con Roberto Porta, presidente dell’Associazione ticinese dei giornalisti e Reto Ceschi, direttore Informazione Rsi.
Culture
2 gior

'Incontra uno scrittore', al via la quarta edizione

Partecipano alla quarta edizione 27 istituti. Allievi e agli ospiti delle strutture interessate possono incontrare un autore di lingua italiana in teleconferenza.
Scienze
2 gior

Il faggio complice della moltiplicazione delle zecche

Studio dell'Uni di Neuchâtel: più l'albero produce frutti, più i roditori ne mangiano, più aumenta la densità dei parassiti infettati da borreliosi di Lyme
Letteratura
2 gior

È morto Marcio Veloz Maggiolo, scrittore dominicano

Considerato il più importante nella storia letteraria del suo Paese, è morto ieri in un ospedale di Santo Domingo dopo essere risultato positivo al coronavirus
Spettacoli
3 gior

Due grafic designer svizzere 'aprono' i Simpson

Katrin von Niederhäusern e Janine Wiget hanno disegnato la sequenza di apertura della celebre serie tv, nota come 'gag del divano', in onda stasera negli Usa
Culture
19.02.2021 - 21:300

Spessore e curiosità: Ketty Fusco per Ballerio e Stroppini

Il compagno di mille repliche: ‘In scena portava spessore, grandezza’. Il regista di prosa ’alle prime armi': 'La prosa radiofonica esiste grazie a lei'

Il debutto avvenne all’età di dieci anni, così dice la storia. Cinque anni dopo essere fuggita dal fascismo e da Napoli, dov’era nata nel 1926. Il programma radiofonico s’intitolava ‘La lucciola’, e un quarto di secolo più tardi, di quei programmi per la famiglia e per i bambini cui aveva prestato la sua giovanissima voce, sarebbe diventata responsabile. Più in là ancora, per la Rsi, produttrice del teatro radiofonico, responsabile dei radiodrammi e degli sceneggiati, incarichi che si sommano all’attrice e scrittrice. Ketty Fusco si è spenta all’età di 94 anni. Lascia in terra il suo ruolo chiave nella scena teatrale ticinese e in quella culturale in genere (fu presidente dell’Associazione scrittori della Svizzera italiana). Lascia, o porta con sé, i premi ricevuti, l’anello Hans Reinhart nel 1994, la Maschera d’argento della Sipario alla carriera a Milano nel 1989 e la parte in ‘Il sogno della farfalla’ di Marco Bellocchio. Molto del percorso terreno di Ketty Fusco, in ambiti professionali, denso dei nomi dei grandi autori della drammaturgia, sta nel ricordo di Renato Reichlin, su queste pagine online. Altro ancora, altrettanto prezioso, viene dal compagno di scena e di regie Antonio Ballerio e da un ‘esordiente’ alla prosa radiofonica di nome Flavio Stroppini.

Antonio Ballerio

'Compagna di lavoro inesauribile e instancabile'

«Ketty è stata la prima persona che io ho conosciuto arrivando in Ticino. Al tempo abitavo a Milano, dov’ero tornato da Roma, facevo doppiaggio. I colleghi mi dissero: “Ma perché non vai a Lugano, che lì si fa ancora parecchia prosa”, un genere un po’ in calo in Italia. Presi l’appuntamento, arrivai, e lei subito mi accolse da grande signora qual’era, con estrema dolcezza e disponibilità». Così Antonio Ballerio, attore, regista, doppiatore, con Fusco in molti dei momenti salienti della carriera di entrambi. «Quel giorno – ricorda Ballerio – mi presentò subito ad Alberto Canetta. Al tempo, la prosa era separata in due settori: Ketty Fusco si occupava degli originali radiofonici, quindi degli sceneggiati, e Alberto del teatro, delle commedie portate in radio. Fu Alberto a propormi di lavorare alla ‘Maschera’», un piccolo locale scoperto da Canetta nei sotterranei del Palazzo dei Congressi di Lugano, spazio circolare di sperimentazione e classici nel quale il sodalizio Fusco-Ballerio durerà una decina di anni, per confluire poi nel Luganoteatro da entrambi fondato con Silli Togni e Gianmario Arringa.

«Ho lavorato con Ketty sia come attore che come regista e c’è un episodio cui tengo molto: feci con lei ‘Senza copione’, un testo di Gina Lagorio, moglie dell’editore Livio Garzanti. Entrambi vennero a vedere lo spettacolo insieme a Odoardo Bertani, critico teatrale dell’Avvenire, una delle firme più prestigiose della scena teatrale di allora. Bertani mi disse: “Io questa Ketty Fusco non la conoscevo. Ma questa sta alla pari di Anna Proclemer, di Sarah Ferrati!”, le più grandi attrici italiane. Cosa che per Ballerio corrispondeva, e sempre corrisponde, a verità assoluta: «Aveva questo spessore, questa grandezza in scena, soprattutto nel teatro di parola. E poi, essendo lei di origine napoletana, si fece insieme ‘Regina Madre’ dell’autore napoletano Manlio Santanelli con la regia dei gemelli Buscaglia, dove io ero suo figlio, ruolo che ho ricoperto per lei molte volte». ‘Regina Madre’, spettacolo decisivo per uno dei riconoscimenti più importanti andati a Ketty Fusco: «‘Regina Madre’ diede probabilmente modo a Renato Reichlin di convincere la giuria del massimo riconoscimento del teatro svizzero, il Reinhart Ring», l’anello Hans Reinhart conferitole nel 1994, da aggiungersi alla Maschera d’argento della Sipario alla carriera (Milano, anno 1989). «Ketty mi volle relatore di questa sua laudatio, insieme a Renato».

Chiude così Ballerio: «Compagna di lavoro inesauribile e instancabile, sempre disponibile. Mai un lamento, si è sempre spesa a tantissimo senza mai far pesare il suo potere. Con autorevolezza e grande tecnica».


Antonio Ballerio (Ti-Press)

Flavio Stroppini

'Studia, studia, l’importante è che studi'

Il Flavio Stroppini narratore, poeta, regista e sceneggiatore, autodefinitosi «alle prime armi nella prosa radiofonica», ha in Ketty Fusco «una delle persone che più mi hanno ispirato per il lavoro che faccio. Da aiuto regista giovincello che faceva le prime esperienze con lei in registrazione, ricordo che una volta mi disse: “Studia, studia, l’importante è che studi”. E studiare significava «ascoltare ore e ore di radiodrammi da lei prodotti con la sua visione limpida, con le sue scelte azzardate, e con questo punto fermo di pensare al racconto radiofonico all’interno del servizio pubblico come occasione per formare le persone».

Della figura «sfaccettata, così fondamentale per il Ticino ma anche per la lingua italiana», un cenno alla Fusco teatrale: «Con Antonio Ballerio e altri grandissimi nomi di cui la Svizzera italiana può vantarsi, Ketty è colei che ha portato avanti la tradizione, che ha permesso, in un certo senso, di non chiudere i teatri, ma di tenerci sempre sull’onda del racconto, dell’avanguardia, del portare in scena determinate cose con l’intento di apportare del nuovo, di arricchire, la cultura vista come porre domande».

Incrociata nei corridoi della radio, «sempre lucida, limpida in ogni cosa che diceva», fino all’ultimo incontro nella sua ultima residenza, Stroppini sceglie come elemento distintivo «la sua curiosità, che è sempre restata tale, supportata da una cultura altissima. Ti spingeva a ricercarlo, il tuo lavoro, a fare uscire la parte sommersa dello studio, a ricercare la profondità. Il lavoro buttato via, il lavoro veloce, era qualcosa che le dava fastidio».


Flavio Stroppini (Ti-Press)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved