arti-sceniche-il-consiglio-di-stato-risponde-al-comitato
Attesa (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Sogno o son Festival
20 min

Sanremo: Fulminacci, l'amore a Roma, città di mare

In gara con ‘Santa Marinella’, canzone d'amore via terzi. Dal Tenco all'Ariston in palco quello è. ‘Ma qui la scenografia ti travolge’. Intervista esclusiva
Spettacoli
11 ore

È morto Bunny Wailer, con Marley e Tosh fondò i Wailers

Aveva 73 anni la leggenda giamaicana del reggae. Con lui, dopo Bob Marley e Peter Tosh, scompare l'ultimo della band che portò il reggae sotto i riflettori
Società
11 ore

Philip Johnson razzista espulso dal MoMA

Un’opera collettiva di artisti afroamericani coprirà il nome dell’architetto di cui si sono scoperte le simpatie per le teorie del Terzo Reich
Spettacoli
11 ore

Locarno riflette sulla cultura online con Nicola Lagioia

Lo scrittore, e direttore del Salone del libro di Torino, sarà ospite il 27 marzo di L'immagine e la parola
Spettacoli
12 ore

Berlinale, quando il cinema sa emozionare

Fuori concorso, la storia di un padre e una figlia di Jacqueline Lentzou e 54 anni di occupazione Israeliana nel j’accuse di Avi Mograbi
Sanremo
12 ore

Collaboratore positivo al Covid: Irama stasera non canta

Sottoposto a tampone molecolare di verifica. In attesa del risultato, l'esibizione slitta (forse) a domani sera. Al suo posto Noemi.
Sogno o son Festival
16 ore

Sanremo al via: Ibrahimović, Matilda De Angelis e le canzoni

Al via questa sera. Amadeus: 'Si farà tardi’. L'attrice di ‘The Undoing’: 'Sull'isola deserta porto Dalla, Bon Iver e Belafonte'. Il ricordo di Claudio Coccoluto
Musica e solidarietà
17 ore

Ghost Festival, raccolti 1,2 milioni di franchi

Il Festival che non si terrà ma per il quale si potevano acquistare biglietti e merchandising in favore del settore musica comunica i dati del successo.
Covid e Cultura
22.01.2021 - 17:250

Arti sceniche, il Consiglio di Stato risponde al Comitato

E la Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Consiglio nazionale scrive al Consiglio federale: ‘Sostegno immediato e poco burocratico'

“La rappresentazione delle scuole delle arti sceniche ticinesi è da noi salutata positivamente, anche se il contesto delle ’scuole di arti sceniche’, termine al momento non definito giuridicamente, dovrà poter essere circoscritto attorno a parametri precisi”. Si apre così la risposta del Consiglio di Stato (Cds) alla lettera aperta del neocostituito Comitato Sat, quaranta realtà facenti parte delle Scuole delle Arti sceniche Ticinesi in cerca di riconoscimento e, nell’immediato, di aiuto in tempi di Covid-19. Nel salutare “con favore la volontà di lavorare a future sinergie”, il Cds riassume “le uniche regole oggi applicabili alle scuole di arti sceniche”. Le restrizioni concernon “le attività di persone dai 16 anni di età, salvo se individuali e salvo se in gruppi fino a 5 persone che portano una mascherina facciale e che mantengono la distanza obbligatoria (in locali grandi si può rinunciare all’uso della mascherina facciale se vigono prescrizioni supplementari sul distanziamento e limitazioni della capienza)”. In base all’ordinanza, le scuole di arti sceniche “non rientrano in quelle (realtà, ndr) che devono chiudere alle ore 19. Per quanto riguarda il canto – sempre con riferimento all’ordinanza – sono vietati sia il canto in comune, sia le prove e le esibizioni di cori o con cantanti”. Pur conscio dei “problemi di adattamento” causati da prescrizioni federali “mutate più e più volte”, il Cds non vede alternative possibili. Un incontro, invece, relativo al riconoscimento auspicato sarà fissato nei prossimi giorni.

“Le persone che lavorano nel settore della cultura, sovente con uno statuto ibrido indipendenti/dipendenti, e ora in grave difficoltà a causa della pandemia, dovrebbero beneficiare di un sostegno finanziario immediato e poco burocratico. Molti di loro attendono ancora un indennizzo“. È l’esortazione formulata in una lettera inviata al Consiglio federale dalla Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Consiglio nazionale. Nei casi di rigore dovrebbero rientrare i lavoratori indipendenti che, a causa delle misure decise dal Cantone o dalla Confederazione, nel 2020 sono stati impossibilitati a lavorare, direttamente o indirettamente, per più di 40 giorni e per i quali il calcolo del diritto a degli aiuti è complicato a causa della natura del loro lavoro, sottolinea una nota dei servizi parlamentari. Questo suggerimento poggia sul riconoscimento del fatto che, a causa della complessità delle situazioni (come lo stato misto di lavoratore indipendente e dipendente) e delle procedure amministrative, molti lavoratori indipendenti che hanno diritto agli aiuti non hanno ancora ricevuto un indennizzo. RED/ATS

© Regiopress, All rights reserved