ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
32 min

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
2 ore

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
2 ore

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
5 ore

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
8 ore

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L’intervista
11 ore

Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle

Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Ticino7
21 ore

Michael Jackson, il ‘Thriller’ dei record a ‘Di tutto un pop’

Il 30 novembre di 40 anni fa usciva l’album più venduto di sempre. Sabato 3 dicembre, Sergio Mancinelli lo racconta (a parole e nel podcast)
Libri
23 ore

La letteratura per ragazzi interpretata da Olimpia De Girolamo

L’appuntamento di chiusura della stagione ’22 della Casa della letteratura di Lugano è in calendario sabato 3 dicembre, alle 16.30 a Villa Saroli
teatro
23 ore

Carmelo Rifici fra i finalisti del Premio Ivo Chiesa

Il regista e direttore artistico del Lac è stato nominato nella categoria Premio La Scuola. Il riconoscimento è promosso dal Teatro Nazionale di Genova
Culture
1 gior

Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi

Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
1 gior

Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage

Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Podcast
1 gior

The deep NEsT, Marco Coppola nel nido di Bandecchi e La Rosa

Ospite, in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids, il responsabile di Gayticino a Zonaprotetta. Su YouTube, Spotify e www.deepnest.com
Distopie
1 gior

‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse

Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Spettacoli
1 gior

Compagnia Finzi Pasca, un Sociale per ‘52’

Sabato 3 dicembre al Teatro Sociale di Bellinzona, ispirato a ‘Ochentas Balas sobre el Ala’ di Pablo Gershanik
Culture
1 gior

Osi di nuovo alle Officine per il Concerto di Natale 2022

Guidata dal direttore d’orchestra italiano Enrico Calesso, il 10 dicembre tra Dvořák e Brahms
05.12.2020 - 14:35

Sighanda tra gli alberi, l'arte val bene un click

‘La Reinaissance des Arbres’ è la mostra online di Dominique Fidanza, cantautrice anche pittrice. Da oggi al 10 dicembre sulla sua pagina Facebook.

sighanda-tra-gli-alberi-l-arte-val-bene-un-click
'Al centro la saggezza degli alberi e l'uomo che ne viene assorbito' (una delle opere esposte dal 5 al 10 dicembre) © Sighanda

Un anno fa, quando ancora ci si poteva accalcare gli uni contro gli altri, avevamo incontrato Sighanda – al secolo Dominique Fidanza – nelle vesti d’interprete della lingua dei segni. Erano i giorni del Festival di Sanremo, per conto del quale l’artista siculo-ticinese trasferiva in tempo reale i testi delle italiche canzoni al mondo dei sordi. Lo aveva già fatto, Sighanda, nel 2017 a Bellinzona, quando per essi aveva suonato e cantato in Lis (Lingua dei segni italiana) il suo bel ‘Mitofonie’, album che le era valso un invito al Premio Tenco 2018. Oggi che non ci si può più accalcare, la Sighanda cantautrice non può suonare dal vivo e la Dominique Fidanza pittrice non può esporre le sue opere. E mentre della prima, in questi giorni, ci dobbiamo accontentare di ‘Ba’al Hamôn’ dal Teatro Ariston più colto (e proprio da ‘Mitofonie’), della pittrice possiamo comunque unirci al Virtualissage (parole sue) della sua imminente mostra online intitolata ‘La Renaissance des Arbres’, ispirata alla Giornata nazionale degli alberi dello scorso 21 novembre. Da oggi al 10 dicembre, infatti, sulla pagina Facebook dell’artista saranno in mostra 15 opere su carta. Ovviamente acquistabili.

Dominique Fidanza, quoto per intero una tua considerazione: ‘Con un click ci arriva a casa qualsiasi cosa. Perché non un’opera d’arte?’.

Perché oggi più che mai l’acquisto online ha raggiunto livelli compulsivi, forse per colmare i vuoti? Intanto i mercati più disparati colpiscono e vanno a segno, mentre il settore artistico cala a picco. Ecco la ragione per la quale ho deciso di mettere in vendita le mie opere su internet nell’attesa che tutto possa ripartire nuovamente. Intanto, oggi con un semplice click potrete ricevere a casa sushi e arte!

L’intento di queste opere è mettere al centro la saggezza degli alberi e l’uomo che ne viene assorbito, in quella che chiami ‘una vera e propria metamorfosi globale’…

Vivendo una parte del tempo nei boschi, gli alberi con il passar del tempo sono diventati amici e confidenti. Ti ascoltano, ti guardando, ti cullano e ogni tanto dalle loro fronde lasciano cadere una foglia per una carezza. Durante il primo lockdown e non solo, le montagne del Ticino sono state e continuano a essere le mie migliori amiche, mentre nella seconda ondata il mare calmo della Sicilia ha colmato il vuoto delle cime. Questa lontananza ha dato vita a ‘La Renaissance des Arbres’. In queste mie opere vi è un legame stretto che tiene unita la vita umana sulla Terra agli alberi e alla loro esistenza antica. L’albero assorbe l’uomo fino alle radici profonde diventando un tutt’uno; e l’uomo consapevole della saggezza dell’albero si lascia travolgere. Un piccolo clin d’oeil alle ‘Metamorfosi’ di Ovidio e ‘Il canto degli alberi” di Hermann Hesse: “Gli alberi sono santuari. Chi sa parlare con loro, chi li sa ascoltare, conosce la verità”.

‘La cultura all’Accademia delle Belle Arti Michelangelo di Agrigento non si ferma!’, scrivi sulla tua pagina Facebook con mascherina in aula. Come stai vivendo l’insegnamento?

Nella prima ondata, l’anno accademico si è concluso a distanza per tutto il secondo quadrimestre. All’inizio mi sembrava infattibile insegnare materie pratiche online, ma dalla seconda lezione in poi mi sono dovuta ricredere. Non è tanto la distanza ma la passione che un insegnante riesce a trasmettere anche dietro uno schermo. Ciò non toglie il valore importante della didattica in presenza. Il Dpcm del 3 novembre ha consentito le attività di laboratorio mantenendo distanziamento e mascherine, una scelta che mi ha permesso di avvicinarmi nuovamente ai ragazzi dell’Accademia.

La cultura è uno dei settori più colpiti. I teatri sono chiusi, mentre i centri commerciali sono aperti. Anche tu credi che gli operatori culturali, e gli artisti non di meno, siano considerati categorie professionali di serie B?

Decisamente la cultura è uno dei settori più colpiti, avevo diversi progetti legati all’arte in Svizzera, Marocco e Francia, alcune cose sono state rinviate altre cancellate. A chi dare la colpa? Forse in questo periodo abbiamo più l’esigenza di acquistare un paio di calze al centro commerciale che andare al museo o a vedere una pièce teatrale. Voglio essere fiduciosa e pensare che presto la cultura rifiorirà di nuovo.

E la musica? La pandemia ha cambiato la tua scrittura?

Faccio molta fatica a scrivere canzoni in questo periodo, ho preferito invece avvicinarmi allo straordinario repertorio dell’artista siciliana Rosa Balistreri, cosa che mi ero prefissata da tempo. Sto lavorando alla rivisitazione di alcuni suoi brani in chiave Folk elettronico. Spero di farvi sentire presto il progetto.

Leggi anche:

Silenzio, si canta: Sanremo con Sighanda nella lingua dei sordi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved