due-tavoli-per-discutere-dei-problemi-della-cultura
Poltrone vuote ancora a lungo (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Ritratti
11 ore

Stefano Raimondi. La città, il mare

Anni di quartieri popolari, giochi, sfide. Poi le scelte. A Milano, partendo dall’inizio, con il poeta, critico letterario e autore di saggi.
Pagine scelte
11 ore

Mariella Cerutti Marocco, storia di un ‘dono inatteso’

Personalità multiforme, capace di passare nella sua scrittura dal verso al romanzo e da questo al racconto
Sulla Croisette
1 gior

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
1 gior

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
1 gior

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
1 gior

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
1 gior

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
1 gior

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
1 gior

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
16.11.2020 - 17:47
Aggiornamento : 18:34

Due tavoli per discutere dei problemi della cultura

A Berna il Consiglio federale incontra una delegazione dei diversi ambiti culturali. In Ticino il Ps apre un ‘tavolo virtuale’

Il mondo della cultura elvetico è in una situazione precaria e nel pieno della seconda ondata non è prevedibile un miglioramento a breve termine. È quanto emerso in un incontro fra il consigliere federale Alain Berset e una delegazione di rappresentanti di diversi ambiti culturali.

A infliggere un nuovo duro colpo ai diversi attori culturali elvetici sono stati i provvedimenti imposti dal Consiglio federale, d'intesa con i Cantoni, lo scorso 28 ottobre. L'incontro odierno a uno scambio di opinioni sulle difficoltà e sulle prospettive della politica culturale nel contesto della pandemia.

A pesare sono soprattutto la limitazione a 50 persone per le manifestazioni pubbliche, indica in una nota odierna il Dipartimento federale dell'interno. Inoltre, alcuni Cantoni – tra cui il Ticino – hanno adottato restrizioni ancora più severe, mentre altri hanno disposto direttamente la chiusura di istituzioni culturali.

Aiuti da Berna

Lo scorso marzo, ricorda il Dipartimento dell'Interno, il Consiglio federale ha adottato un pacchetto di provvedimenti per attenuare l'impatto economico della pandemia sul settore della cultura, stanziando mezzi per complessivi 280 milioni di franchi.

Le domande di aiuto finanziario presentate per il settore – nella prima fase della pandemia – sono state nel frattempo completamente evase. Si attesta invece attorno al 70% l'esame delle domande di indennità di perdita di guadagno per imprese culturali e operatori culturali da parte dei Cantoni competenti. Questi ultimi hanno poi intrapreso alcune misure, tra le quali gli aiuti sotto forma di indennità di perdita di guadagno e quelli per progetti di ristrutturazione delle imprese culturali.

Lo scorso 25 settembre il Parlamento ha inoltre approvato una proroga dei provvedimenti nel quadro della legge Covid-19 e stanziato 130 milioni di franchi per il 2021. Tuttavia, secondo quanto indica il comunicato, Berset oggi ha detto che "è tutto da vedere se basteranno al settore culturale per superare le difficoltà economiche".

Dal PS ticinese un ‘Tavolo virtuale della cultura‘

Delle difficoltà del mondo culturale si è discusso anche in Ticino: è il Partito socialista ad aver convocato un “tavolo virtuale“, un incontro online con alcuni esponenti del mondo culturale ticinese.

A conclusione di quell’incontro, il Ps invita il Consiglio di Stato a un maggiore coinvolgimento di tutte le parti. Per quanto riguarda le misure di aiuto, è necessario garantirne la continuità e, a lungo termine, il potenziamento. Questo deve essere esteso anche alle autorità federali con l’allargamento del riconoscimento del lavoro ridotto ai dipendenti con contratti temporanei, molto diffusi nel settore culturale.

Dalla crisi si dovranno poi trarre insegnamenti per garantire alla cultura l’adeguato sostegno finanziario e le condizioni quadro per poter svolgere al meglio il suo importante ruolo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved