coronavirus-sul-piatto-un-miliardo-e-mezzo-in-piu
Keystone
Ueli Maurer
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
10 ore

Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini

Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
11 ore

Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento

Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
12 ore

Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos

A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
12 ore

Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera

Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
Svizzera
12 ore

Covid, ecco la quarta dose di vaccino per persone a rischio

Secondo richiamo raccomandato per le persone con un sistema immunitario fortemente indebolito, ma solo dopo la valutazione di uno specialista
Svizzera
13 ore

Gli svizzeri tornano a viaggiare all’estero, anche più di prima

Il dato emerge dalla rilevazione delle spese senza contanti fatte al di fuori della Confederazione. Il flusso è maggiore anche del periodo pre-pandemia
Svizzera
14 ore

La pandemia ha acuito le diseguaglianze di genere

Le misure per contrastare il Covid-19, adottate in un contesto di squilibri già esistenti, hanno amplificato il problema. Lo indica uno studio
Svizzera
15 ore

Tocca la linea elettrica con la canna: pescatore folgorato

Tragica fatalità per un 55enne impegnato con amo e lenza in compagnia del figlio sul torrente della Val Pednal
11.12.2020 - 19:57

Coronavirus, sul piatto un miliardo e mezzo in più

Il Consiglio federale amplia le possibilità di sostegno alle imprese colpite dalle misure restrittive. Aiuti in vista anche per gli operatori culturali.

Berna – A causa della situazione epidemiologica tesa e delle ulteriori restrizioni imposte oggi alle attività economiche, il Consiglio federale ha deciso di chiedere al Parlamento altri mezzi per aiutare le aziende in difficoltà. La dotazione dell'attuale programma di sostegno sarà portata da 1 miliardo di franchi a 2,5 miliardi.

Come ricordato davanti ai media dal consigliere federale Ueli Maurer al termine della seduta odierna del governo, tale intervento supplementare s'inserisce nel dibattito in corso in Parlamento sulla legge Covid-19, norma che prevede un sostegno ai casi di rigore, concetto che include in particolare quelle imprese attive nel turismo e nel settore della cultura che stanno soffrendo più di altre l'attuale situazione. La settimana prossima, ultima della sessione invernale, il Consiglio federale presenterà quindi le sue ultime proposte alle commissioni competenti delle Camere, proposte che dovranno essere discusse ed eventualmente integrate nella legge entro la fine della settimana. Ieri, gli Stati hanno rinviato il dibattito, a livello di divergenze, sulla Legge Covid-19 proprio nell'attesa delle ultime decisioni del Governo.

Riserva federale di 750 milioni

Tali decisioni prevedono, ha spiegato il ministro delle finanze, un'iniezione supplementare di 1,5 miliardi da parte della Confederazione, di cui 750 milioni verrebbero assunti assieme ai Cantoni, responsabili per il 33% della somma (250 milioni). Per questa parte degli aiuti valgono i criteri fissati nella Legge Covid-19, ossia una perdita di fatturato del 40%.

In caso di necessità, ha aggiunto il ministro democentrista, la Confederazione potrà erogare 750 milioni supplementari a favore dei provvedimenti cantonali concernenti i casi di rigore, senza ulteriori contributi dei Cantoni. In tal modo, l'esecutivo avrà la possibilità di sostenere in maniera mirata e flessibile i Cantoni particolarmente colpiti dai provvedimenti volti a contenere l'epidemia di Covid-19, ha sottolineato Maurer.

Un'altra richiesta del Consiglio federale riguarda il settore della cultura. Il Governo non vuole solo sostenere le società attive in questo settore, ma anche i singoli operatori culturali. Questi potranno richiedere indennità per perdita di guadagno.

Debito da 15-20 miliardi

Sollecitato dai giornalisti, Maurer si è soffermato poi sul debito della Confederazione. Alla fine di quest'anno dovrebbe raggiungere i 15-20 miliardi di franchi, un risultato negativo dovuto principalmente alla crisi pandemica, ha indicato il ministro delle finanze. L'obiettivo resta lo stesso: si tratta di ridurre tale aggravio senza ricorrere ad un aumento delle imposte. Tuttavia, ha messo in guardia il consigliere federale, al momento è troppo presto fare previsioni. A suo avviso, i conti della Confederazione dovrebbero tornare in equilibrio non prima del 2024.

Leggi anche:

Bar e ristoranti chiusi alle 19. Negozi, no aperture domenicali

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
confederazione consiglio federale coronavirus covid-19 ueli maurer
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved