sei-tu-ticino-e-lui-andina
Fabio Andina
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
3 ore

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
6 ore

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Società
7 ore

‘La Rsi che vorrei’, incontro pubblico con Mario Timbal

Trascorsi i primi 100 giorni, il direttore Rsi parlerà dei cambiamenti organizzativi, del ruolo del comitato direttivo e delle sfide per il futuro
Spettacoli
8 ore

Gemellaggio tra Ascona e New Orleans celebrato dal pubblico

‘Capiti quel che capiti, l’anno prossimo JazzAscona tornerà alla grande’ è stata la promessa del presidente Guido Casparis
Società
8 ore

Narcisi nella rete, conferenza di Antonio Nizzoli

Durante l’incontro verrà affrontata la complessa determinazione dell’immagine di sé come relazione sociale, tra conformismo e difformismo
Culture
10 ore

Incontro con Jacques Aumont, Premio Balzan per la filmologia

Il professore emerito dell’Università Sorbonne Nouvelle, insignito del riconoscimento nel 2019, indagherà il rapporto tra cinema e corpo umano
Arte
14 ore

Tutti i ‘Personnages’ della Fondazione Braglia

Dal 30 settembre al 18 dicembre 2021, la rappresentazione dell’essere umano ‘da Werefkin a Miró e da Warhol a Paladino’ (a Picasso, Nolde, Paul Klee...)
Spettacoli
1 gior

‘Space Jam: new legends’, divertente nonostante tutto

Storia scontata e scarse doti attoriali di LeBron James, ma il film tra animazione e live-action ha buon ritmo e la giusta ironia per non annoiarsi
Spettacoli
2 gior

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
2 gior

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
2 gior

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
2 gior

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
2 gior

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
2 gior

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
2 gior

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
2 gior

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
2 gior

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
3 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Spettacoli
3 gior

Uma Thurman: ‘Ho abortito a 15 anni, il Texas sbaglia’

L‘attrice attacca la legge che vieta l’aborto anche in caso d’incesto o stupro: ’La mia scelta di allora mi ha permesso di diventare la madre che dovevo essere’
Spettacoli
3 gior

Addio a Melvin Van Peebles, icona nuovo cinema afroamericano

‘Uomo rinascimentale’, come definito dal New York Times, il pioniere dei film indipendenti americani è morto a 89 anni nella sua casa di Manhattan
Scienze
3 gior

Perchè i bambini odiano i broccoli? Nuovi indizi da uno studio

Secondo un team australiano, a rendere antipatici i vegetali sarebbe una reazione chimica con la saliva che libera composti sulfurei dall’odore sgradevole
La recensione
3 gior

‘Tre piani’, ben venga il Moretti snaturato

Algido, doloroso, perfetto per chi al cinema vuole farsi del male. Tratto dall’omonimo romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, in sala dal 23 settembre
Teatro Sociale
4 gior

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista
Libri
05.09.2020 - 17:300

'Sei tu, Ticino?': è lui, Andina

Dal romanzo al racconto. Il 17 settembre, con 'La pozza del Felice' ancora nella Top 20 dei bestseller svizzeri, esce il suo nuovo libro

Per dirla coi runner, perché lui runner lo è, «scrivere un romanzo è una maratona, mentre il racconto è uno sprint secco di tre chilometri su una salita di montagna». Sono trascorsi quasi due anni dall’uscita de ‘La pozza del Felice’, la maratona, e Fabio Andina dà alla luce ‘Sei tu, Ticino?’, lo sprint. È una raccolta di racconti il nuovo libro del malcantonese, in uscita – come fu per il Felice – per Rubbettino, il 17 settembre. Il nuovo libro esce nel momento in cui il racconto breve è la forma letteraria della nostra epoca, stando al Guardian che fa i conti col tempo massimo d’attenzione del lettore medio sceso, grazie alla (per colpa della) rivoluzione digitale, a otto secondi. Otto come i protagonisti di ‘Sei tu, Ticino?’, spalmati su sette racconti: ‘Il Seba’ che ascoltava i Dire Straits, l’autostoppista senza una destinazione precisa (‘Autostop’), ‘Il poro Michi’ che te lo raccomando, ‘Il Fede’ “che lo farei vedere da uno bravo”, il Teo e l’Eros dalle parti del Felice (‘Il piz del Teo’), ‘L’Andrea’ che è un bel mistero e ‘Shrek’ che si depila, calati in un Ticino che a tratti è un altrove e raccontati nello stile dell’Andina a noi è tanto caro: poche menate, dritti al sodo.

‘Sei tu, Ticino?’ – in questi giorni ‘dal vivo’ insieme agli altri scritti, con Sandro Schneebeli in un equo scambio tra musica e letteratura – si palesa nei giorni in cui ‘La pozza del Felice’ è nel pieno delle sue ristampe: vincitore di uno ‘Schiller’ e di un Gambrinus ‘Giuseppe Mazzotti’ (dato anche a Terzani e Sepúlveda), il romanzo è nella top 20 dei bestseller di Svizzera da 14 settimane, forte delle finora 16mila copie vendute come ‘Tage mit Felice’, versione per germanofoni edita da Rotpunktverlag. In attesa di quella per francofoni annunciata per la primavera 2021 dalla Edizions Zoé, che ha affidato l’originale ad Anita Rochedy, traduttrice dell’opera omnia di Paolo Cognetti. Editore e autore, inutile dirlo, confidano in un effetto-valanga, cosa che per uno che trascorre gran parte del suo tempo tra le nevi non sarebbe una sorpresa…

Fabio Andina: dove e come è nato ‘Sei tu, Ticino?’

È nato tra Madonna del Piano e Leontica. Alcuni racconti sono nati prima de ‘La pozza del Felice’, alcuni durante, altri dopo. Sono arrivati tra un romanzo e l’altro, quando si è stanchi di stare chinati ore e ore sullo stesso pezzo a rivedere la solite trecento pagine, e si ha voglia di cambiare ritmo. Il racconto è qualcosa di più immediato, concede la piacevolezza di vedere il risultato in meno tempo. Sono nati quasi per gioco: l’editore li ha voluti leggere, sono piaciuti. È stata della Rubbettino l’idea di pubblicarli in questo momento in cui il racconto è un genere che va molto, malgrado qualcuno pensi che stia sempre uno scalino sotto il romanzo e invece ci sono esempi illustri come Flaubert, Rigoni Stern, Hemingway, Poe…

In confidenza: se ‘L’Andrea’ fosse durato altre duecento pagine, le avrei lette tutte…

‘L’Andrea’ era nato dall'idea del serial killer, e sullo slancio pensavo potesse diventare un romanzo. Poi, dopo quaranta pagine, mi sono accorto che stava in piedi da solo così. È il bello dell’iniziare a scrivere senza sapere dove andare, quali temi toccare, lasciandoli affiorare durante la scrittura, fino a mettere il punto in quello che si crede sia il momento esatto. È il mio approccio alla scrittura: non ho una scaletta, non programmo le parti, non seleziono gli attori principali, l’antagonista. Parto dall’aneddoto e da lì mi muovo. Se dopo venti pagine la storia va bene così com’è, mi fermo. Ed è un sollievo scoprire che non c’è nulla da aggiungere. Nella maggior parte dei casi, forzare significa snaturare. Meglio lasciare che sia la storia a portarti per mano.

Chi ha amato ‘La pozza del Felice’ ritroverà qualcosa nel ‘Piz del Teo’…

Sì, è la storia nella quale mi sono immerso più a lungo, forse perché più vicina al Felice, al mio modo di vivere la montagna, forse perché è il racconto più recente ed è quello che sta tracciando la strada stilistica che vorrei seguire in futuro. Ma tutti i racconti mi hanno preso tempo. In alcuni l’implicazione personale è forte, c’è la morte di qualcuno e quel qualcuno l’ho conosciuto davvero, anche se sono sempre attento a che non sia riconoscibile. Se scrivi un romanzo e lo ambienti a Robasacco e il protagonista è un postino, è chiaro che il postino di Robasacco si senta chiamato in causa.

Nel libro si legge soprattutto di uomini, le donne sono sullo sfondo…

Quando scrivo, non parto con uno schema preciso, non decido di parlare di donne o di uomini. È vero, le idee di partenza sono incentrate su figure maschili, le donne rientrano nel discorso ma sono di sottofondo. La madre dell’Andrea, la barista nel ‘Piz del Teo’. In ‘Autostop’ sono anche più d’una. Mi vengono in mente scrittori come Cormac McCarty, per esempio, in cui la figura femminile non è certo al centro della narrazione.

Parlando di aspettative. C’è quella legge per la quale se nulla accade, sei sempre bravissimo. Ma il Felice ha fatto il botto: ora viene il difficile?

Arrivare nel frattempo, o subito dopo un romanzo che sta facendo così bene fa di certo salire le aspettative. Ma è giusto che sia così. Non nascondo che mi attendo di sentirmi dire che il Felice era meglio, o di essere accusato di cavalcare l’onda ‘buttando fuori’ una cosa veloce. Posso dire che Rubbettino l’ha programmato subito, tre anni fa, quando insieme alla bozza del Felice mi chiesero cosa avessi nel cassetto. E scrivendo da venticinque anni, il mio cassetto ha sempre qualcosa di pronto. Cinque di questi racconti furono spediti in quell’occasione. L’idea dell’editore era quella che non sarebbero trascorsi più di due anni tra una pubblicazione e l’altra. Sono comunque pronto a ricevere le bastonate. La risposta la daranno i lettori, e magari gli editori per la versione francese e tedesca.

Parlando di pandemia: quanto ha influito sulla tua scrittura?

Ti rispondo partendo dalla domanda che mi fanno spesso, e cioè da dove traggo la mia ispirazione. Di certo non da quel che succede in quel preciso momento storico. L’ispirazione arriva da aneddoti personali, dai dettagli del mio vissuto. Sono estraneo e non voglio scrivere di quel che sta succedendo, non m’interessa allacciarmi alla società di oggi e farne una dissertazione filosofica o economica. Cerco di creare una storia a sé, che può anche avere un legame con la società come nel caso del Felice, ma che invece, è il caso di questi racconti, è ancor più chiusa in sé stessa.

Come i registi, mentre esce l’ultimo sicuramente sarà già pronto quello nuovo…

In tanti si attendevano il prequel o il sequel del Felice, ma sarebbe stato rischioso. Ci avevo pensato e la Rubbettino mi ha stoppato, risparmiandomi l’essere etichettato per tutta la vita come lo scrittore di montagna. Mi piace l’idea di non farmi incastrare nello schema di scrivere un romanzo, scoprire che vende e non essere più capaci a uscire dalla trappola…

Magari verso l’età pensionabile potresti farci un pensiero…

Non saprei. Magari più in là mi permetterò un filotto di storie di montagna. Può anche essere che da qui alla pensione non vorrò più sentirne parlare, di montagna. Ma non credo esista il rischio (sito ufficiale: www.fabioandina.com).


'Sei tu, Ticino?' (Rubbettino)

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved