laRegione
sei-tu-ticino-e-lui-andina
Fabio Andina
ULTIME NOTIZIE Culture
Figli delle stelle
4 ore

'Letter to you', Bruce Springsteen and the E-Street 'Brand'

Bruce Springsteen, 'Letter to you' (Columbia) - ★★★★★ - A noi pare una meraviglia. E col certificato sonoro del Boss che preferiamo.
Spettacoli
4 ore

Al Jazz Cat Club torna la musica. 'Anche in cinquanta'

Ad Ascona e pure a Bellinzona. Si comincia il 17 novembre con De Piscopo-Moroni-Zunino nel tributo a Pino Daniele. A colloquio con Nicolas Gilliet.
Spettacoli
5 ore

Kureishi ha inaugurato gli insoliti Eventi letterari 2020

Lo scrittore anglo-pakistano, in collegamento da Londra, ha parlato della pandemia e delle nuove prospettive che ci attendono
Cinema
12 ore

È morto Sean Connery

L'attore scozzese è scomparso all'età di 90 anni. Lo ha comunicato la sua famiglia
Culture
1 gior

Giacomo Jori, tra Telemaco e Pinocchio all'Usi

Prosegue il ciclo di letture collodiane. Il terzo appuntamento è fissato per mercoledì 4 novembre alle 18.30 all'Auditorium
Culture
1 gior

Addio allo scrittore svedese Jan Myrdal

Strenuo difensore delle ingiustizie, in Patria e nel mondo, il 'Rapporto da un villaggio cinese', libro del 1963, è la sua opera più nota.
Spettacoli
1 gior

Addio al maestro Alexander Vedernikov

Il direttore d’orchestra russo, più volte sul palco con l’Orchestra della Svizzera italiana, aveva 56 anni
Culture
1 gior

L’onnipotenza umana e il nuovo coronavirus

Intervista al filosofo Emanuele Coccia, ospite degli Eventi letterari Monte Verità per parlarci del ‘narcisismo negativo’ dell’umanità
Scienze
1 gior

Verena Keller, ornitologa svizzera, vince il 'Marsh Award'

Il prestigioso riconoscimento internazionale viene assegnato agli scienziati il cui lavoro ha grande impatto sull'ornitologia britannica.
Scienze
1 gior

Sostanza P, e il prurito non ha più segreti

Si deve tutto a un neuropeptide rilasciato da alcuni neuroni della pelle. La scoperta, avvenuta nel Massachusetts, amplia la comprensione del sistema immunitario.
Culture
1 gior

La Cernusco antifascista contro la libreria di Altaforte

Il 7 novembre, alle porte di Milano, apre un punto vendita dell'editore controverso. L'Anpi: 'Inneggiano al nazifascimo'.
Spettacoli
1 gior

Renato Zero d'accordo con Papa Francesco: 'Il mondo cambia'

Il cantante, icona gay, in sintonia con l'apertura del pontefice alle unioni civili fra persone omosessuali: 'C'è bisogno di grande rispetto'.
Scienze
1 gior

Uomini e cani sono amici dal Paleolitico

È quanto pubblica 'Science' dopo un'analisi del Dna antico del nostro migliore amico, condotto su 27 esemplari di tutta l'Eurasia
Culture
2 gior

Addio a Diane di Prima, poetessa della Beat Generation

Era nota soprattuto per l'opera 'Loba', indicata negli anni '70 come la controparte femminista di 'Howl' di Allen Ginsberg
L'intervista
2 gior

Stefania Auci, 'I leoni di Sicilia' per colazione

Sabato 31 ottobre alle 11, non al Lac ma in streaming sulla pagina facebook, la scrittrice siciliana dialoga con Maria Rosa Mancuso.
Spettacoli
2 gior

Il Volo omaggia il Maestro nella sua Roma

Il 'Tribute to Ennio Morricone' del trio del belcanto si terrà a giugno davanti alla basilica di San Pietro. E poi l'omonimo album.
Spettacoli
3 gior

A Chiasso il Cinema Teatro prepara il 'Piano D'

Il direttore Armando Calvia: 'Decisioni difficili da digerire, ma non possiamo certo stare con le mani in mano'
Arte
3 gior

Villa dei Cedri, natura e identità di un museo

Tra valorizzazione del territori e apertura all'internazionale, presentata la stagione espositiva 2021 del museo di Bellinzona
Spettacoli
3 gior

Paolo Rossi, si può ancora ridere in questi tempi grami

Standing ovation al Lac per il suo 'Pane o libertà. Su la testa', omaggio a Jannacci, Gaber, Fo, De André, che 'Paolino' considera i suoi maestri.
Teatro
3 gior

Crivellaro: 'Troveremo alternative, ma il teatro non è streaming'

'È incontro tra esseri umani. Approfitteremo per ragionare su cosa manca e su cosa è diventato', commenta il direttore artistico del Teatro di Locarno.
Teatro
3 gior

Cinquanta in sala, non di più. Helbling, Sociale: 'Una mazzata'

'Decisione presa per la salute pubblica – commenta il direttore del teatro bellinzonese – ma credo si sia sottovalutata l’efficacia dei piani di protezione'.
Musica
3 gior

Fabrizio De André: 'La buona novella' diventa un fumetto

La Fondazione ha acconsentito a far pubblicare in un libro a fumetti i testi originali dell'album, accostati ai disegni del visual artist Paolo Castaldi.
Osa!
3 gior

'In-canta l'attimo', due giorni di musica a chilometro zero

Rossana Taddei, Vent Negru, Raissa Avilés, il Duo Orifici-Boldre e tanti altri nella nuova rassegna all'interno di 'Voci audaci' di Osa!
Libri
05.09.2020 - 17:300

'Sei tu, Ticino?': è lui, Andina

Dal romanzo al racconto. Il 17 settembre, con 'La pozza del Felice' ancora nella Top 20 dei bestseller svizzeri, esce il suo nuovo libro

Per dirla coi runner, perché lui runner lo è, «scrivere un romanzo è una maratona, mentre il racconto è uno sprint secco di tre chilometri su una salita di montagna». Sono trascorsi quasi due anni dall’uscita de ‘La pozza del Felice’, la maratona, e Fabio Andina dà alla luce ‘Sei tu, Ticino?’, lo sprint. È una raccolta di racconti il nuovo libro del malcantonese, in uscita – come fu per il Felice – per Rubbettino, il 17 settembre. Il nuovo libro esce nel momento in cui il racconto breve è la forma letteraria della nostra epoca, stando al Guardian che fa i conti col tempo massimo d’attenzione del lettore medio sceso, grazie alla (per colpa della) rivoluzione digitale, a otto secondi. Otto come i protagonisti di ‘Sei tu, Ticino?’, spalmati su sette racconti: ‘Il Seba’ che ascoltava i Dire Straits, l’autostoppista senza una destinazione precisa (‘Autostop’), ‘Il poro Michi’ che te lo raccomando, ‘Il Fede’ “che lo farei vedere da uno bravo”, il Teo e l’Eros dalle parti del Felice (‘Il piz del Teo’), ‘L’Andrea’ che è un bel mistero e ‘Shrek’ che si depila, calati in un Ticino che a tratti è un altrove e raccontati nello stile dell’Andina a noi è tanto caro: poche menate, dritti al sodo.

‘Sei tu, Ticino?’ – in questi giorni ‘dal vivo’ insieme agli altri scritti, con Sandro Schneebeli in un equo scambio tra musica e letteratura – si palesa nei giorni in cui ‘La pozza del Felice’ è nel pieno delle sue ristampe: vincitore di uno ‘Schiller’ e di un Gambrinus ‘Giuseppe Mazzotti’ (dato anche a Terzani e Sepúlveda), il romanzo è nella top 20 dei bestseller di Svizzera da 14 settimane, forte delle finora 16mila copie vendute come ‘Tage mit Felice’, versione per germanofoni edita da Rotpunktverlag. In attesa di quella per francofoni annunciata per la primavera 2021 dalla Edizions Zoé, che ha affidato l’originale ad Anita Rochedy, traduttrice dell’opera omnia di Paolo Cognetti. Editore e autore, inutile dirlo, confidano in un effetto-valanga, cosa che per uno che trascorre gran parte del suo tempo tra le nevi non sarebbe una sorpresa…

Fabio Andina: dove e come è nato ‘Sei tu, Ticino?’

È nato tra Madonna del Piano e Leontica. Alcuni racconti sono nati prima de ‘La pozza del Felice’, alcuni durante, altri dopo. Sono arrivati tra un romanzo e l’altro, quando si è stanchi di stare chinati ore e ore sullo stesso pezzo a rivedere la solite trecento pagine, e si ha voglia di cambiare ritmo. Il racconto è qualcosa di più immediato, concede la piacevolezza di vedere il risultato in meno tempo. Sono nati quasi per gioco: l’editore li ha voluti leggere, sono piaciuti. È stata della Rubbettino l’idea di pubblicarli in questo momento in cui il racconto è un genere che va molto, malgrado qualcuno pensi che stia sempre uno scalino sotto il romanzo e invece ci sono esempi illustri come Flaubert, Rigoni Stern, Hemingway, Poe…

In confidenza: se ‘L’Andrea’ fosse durato altre duecento pagine, le avrei lette tutte…

‘L’Andrea’ era nato dall'idea del serial killer, e sullo slancio pensavo potesse diventare un romanzo. Poi, dopo quaranta pagine, mi sono accorto che stava in piedi da solo così. È il bello dell’iniziare a scrivere senza sapere dove andare, quali temi toccare, lasciandoli affiorare durante la scrittura, fino a mettere il punto in quello che si crede sia il momento esatto. È il mio approccio alla scrittura: non ho una scaletta, non programmo le parti, non seleziono gli attori principali, l’antagonista. Parto dall’aneddoto e da lì mi muovo. Se dopo venti pagine la storia va bene così com’è, mi fermo. Ed è un sollievo scoprire che non c’è nulla da aggiungere. Nella maggior parte dei casi, forzare significa snaturare. Meglio lasciare che sia la storia a portarti per mano.

Chi ha amato ‘La pozza del Felice’ ritroverà qualcosa nel ‘Piz del Teo’…

Sì, è la storia nella quale mi sono immerso più a lungo, forse perché più vicina al Felice, al mio modo di vivere la montagna, forse perché è il racconto più recente ed è quello che sta tracciando la strada stilistica che vorrei seguire in futuro. Ma tutti i racconti mi hanno preso tempo. In alcuni l’implicazione personale è forte, c’è la morte di qualcuno e quel qualcuno l’ho conosciuto davvero, anche se sono sempre attento a che non sia riconoscibile. Se scrivi un romanzo e lo ambienti a Robasacco e il protagonista è un postino, è chiaro che il postino di Robasacco si senta chiamato in causa.

Nel libro si legge soprattutto di uomini, le donne sono sullo sfondo…

Quando scrivo, non parto con uno schema preciso, non decido di parlare di donne o di uomini. È vero, le idee di partenza sono incentrate su figure maschili, le donne rientrano nel discorso ma sono di sottofondo. La madre dell’Andrea, la barista nel ‘Piz del Teo’. In ‘Autostop’ sono anche più d’una. Mi vengono in mente scrittori come Cormac McCarty, per esempio, in cui la figura femminile non è certo al centro della narrazione.

Parlando di aspettative. C’è quella legge per la quale se nulla accade, sei sempre bravissimo. Ma il Felice ha fatto il botto: ora viene il difficile?

Arrivare nel frattempo, o subito dopo un romanzo che sta facendo così bene fa di certo salire le aspettative. Ma è giusto che sia così. Non nascondo che mi attendo di sentirmi dire che il Felice era meglio, o di essere accusato di cavalcare l’onda ‘buttando fuori’ una cosa veloce. Posso dire che Rubbettino l’ha programmato subito, tre anni fa, quando insieme alla bozza del Felice mi chiesero cosa avessi nel cassetto. E scrivendo da venticinque anni, il mio cassetto ha sempre qualcosa di pronto. Cinque di questi racconti furono spediti in quell’occasione. L’idea dell’editore era quella che non sarebbero trascorsi più di due anni tra una pubblicazione e l’altra. Sono comunque pronto a ricevere le bastonate. La risposta la daranno i lettori, e magari gli editori per la versione francese e tedesca.

Parlando di pandemia: quanto ha influito sulla tua scrittura?

Ti rispondo partendo dalla domanda che mi fanno spesso, e cioè da dove traggo la mia ispirazione. Di certo non da quel che succede in quel preciso momento storico. L’ispirazione arriva da aneddoti personali, dai dettagli del mio vissuto. Sono estraneo e non voglio scrivere di quel che sta succedendo, non m’interessa allacciarmi alla società di oggi e farne una dissertazione filosofica o economica. Cerco di creare una storia a sé, che può anche avere un legame con la società come nel caso del Felice, ma che invece, è il caso di questi racconti, è ancor più chiusa in sé stessa.

Come i registi, mentre esce l’ultimo sicuramente sarà già pronto quello nuovo…

In tanti si attendevano il prequel o il sequel del Felice, ma sarebbe stato rischioso. Ci avevo pensato e la Rubbettino mi ha stoppato, risparmiandomi l’essere etichettato per tutta la vita come lo scrittore di montagna. Mi piace l’idea di non farmi incastrare nello schema di scrivere un romanzo, scoprire che vende e non essere più capaci a uscire dalla trappola…

Magari verso l’età pensionabile potresti farci un pensiero…

Non saprei. Magari più in là mi permetterò un filotto di storie di montagna. Può anche essere che da qui alla pensione non vorrò più sentirne parlare, di montagna. Ma non credo esista il rischio (sito ufficiale: www.fabioandina.com).


'Sei tu, Ticino?' (Rubbettino)

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved