sei-tu-ticino-e-lui-andina
Fabio Andina
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

A Castelgrande arriva Ernia, quarto nome di Castle On Air

Nel suo Gemelli Summer Tour’ porterà a Bellinzona i recenti tormentoni ‘Ferma a Guardare’ (coi Pinguini), ‘Superclassico’ (cinque volte platino) e altri successi.
Classica
2 ore

Festival Ticino Doc, al via la settima edizione

Una collaborazione tra Associazione musica nel Mendrisiotto, Osi e Rete Due che si apre sabato 19 giugno per chiudersi domenica 27.
Culture
3 ore

Dopo mille anni, il Duomo Ratisbona apre il coro alle donne

Ammesse le voci femminili per la prima volta nella storia, per un coro di ragazze. 'Ma quello maschile resterà inalterato', la precisazione
LongLake Festival
4 ore

Alves-Amuri-Fusaro per la Quairmesse, e in mezzo Frank Salis

È il ricco programma musicale tra Piazza Manzoni e Piazzetta San Carlo, tra jazz, urban, r'n'b, blues e soul
Teatro San Materno
4 ore

Erika Stucky + Tuba, un Grand Prix de la Musique ad Ascona

Nel 2020 ha ricevuto il più alto premio musicale svizzero. Accompagnata dallo scozzese Ian Gordon-Lennox, suona domenica 20 giugno alle 17
Scienze
6 ore

Topolini spaziali per preservare gli spermatozoi umani

I ricercatori giapponesi hanno voluto analizzare i pericoli delle radiazioni per la fertilità su roditori conservati per anni sulla Stazione spaziale internazionale
Culture
18 ore

Kill Venus!, Lina Bertola e il femminile tradito

La filosofa e scrittrice presenterà il suo libro giovedì al Lac, ospite del Circolo Liberale di Cultura Carlo Battaglini
Televisione
19 ore

La serie si chiama ‘Impeachment’ e la produce Monica Lewinsky

L'ex stagista, oggi collaboratrice di Vanity Fair, produrrà una nuova serie televisiva per la Disney, ispirata allo scandalo del quale fu protagonista nel 1998.
Culture
19 ore

Grandi eventi, scudo di protezione verso il sì

La Commissione della gestione ha approvato il credito di 8 milioni in caso di annullamento di manifestazioni sovracantonali. Il Gran Consiglio si esprimerà al più presto
Culture
20 ore

Lac en plein air, dall'emergenza alla consuetudine

Potrebbe divenire appuntamento estivo fisso: nel frattempo, dal 6 luglio al 10 settembre, l'Agorà torna a essere punto di riferimento culturale all'aperto
L'intervista
23 ore

Jonas Marti, tutto quello che avreste voluto sapere su Lugano...

...e che sta nel libro 'Lugano la bella sconosciuta'. Dice il suo autore: 'È una piccola Europa messa dentro una città'
Musica
1 gior

Il duo Mauri-Braga per un conviviale Jazz in Bess

Giovedì 17 giugno alle 18 riprende l'Apérijazz con Simone Mauri, clarinetto basso, e Flaviano Braga, fisarmonica, in un impasto sonoro chiamato ‘Speck and zola’
Arte
1 gior

Gran Premio svizzero di design a Born, Knapp e Owens

Il riconoscimento è stato assegnato alla designer grafica Julia Born, al fotografo e direttore artistico Peter Knapp e alla docente e ricercatrice Sarah Owens
Ceresio Estate
1 gior

Davide Macaluso, suoni di celesta a Carabbia

Lunedì 21 giugno alle 20.30, da solo o con il Quartetto Indaco nella Chiesa parrocchiale
Bellinzona
1 gior

In Biblioteca, 'La panne' di Friedrich Dürrenmatt e dintorni

Triplice appuntamento: il recital di Emanuele Santoro il 17 giugno; l'analisi giuridico-filosofico-letteraria del 24 giugno; il ‘Salon Dürrenmatt’ dell'8 luglio
LongLake Festival
1 gior

Di poesia con Tescari e Pusterla al ‘Caffè della conoscenza’

Mercoledì 16 giugno alle 18 al Boschetto Parco Ciani, per il ciclo d'incontri su temi attuali cari all’Usi e alle sue cinque facoltà
Archeologia
1 gior

Verona, dagli scavi di un ex cinema spunta una piccola Pompei

Soffitti crollati, un mobile di legno carbonizzato e pareti affrescate: l'incendio, per gli archeologici, sembra aver messo fine alla frequentazione del complesso
Culture
1 gior

Addio a Tuono Pettinato, geniale fumettista

Un nome d'arte pescato da Borges, un tratto semplice e quasi caricaturale, lascia tra i lavori più interessanti degli ultimi anni come 'Enigma' e 'Corpicino'
Musica
2 gior

Ginevra Di Marco dà voce alla musica del popolo

Di terra in terra, da Sud a Nord, di secolo in secolo: a San Pietro di Stabio è stato un viaggio nelle radici della musica del mondo
Giornalismo
2 gior

Atg alle autorità: 'Organi di stampa sopportati più che aiutati'

'Accusare la stampa di alimentare sospetti, come fatto venerdì da Norman Gobbi - scrive l'Atg - significa non riconoscere ai media il loro ruolo: porre domande'
Scienze
3 gior

È morto Eiichi Negishi, Nobel per la Chimica nel 2010

Lo scienziato giapponese fu premiato per i suoi studi sul palladio, da cui una tecnica ancora oggi utilizzata in ambiti farmaceutici, agricoli ed elettronici.
Video
Musica
3 gior

L'inno degli europei è un plagio dei Pinguini Tattici Nucleari?

I fan dei bergamaschi segnalano che molto di 'Ringo Starr' starebbe in 'We Are The People' di Bono e The Edge degli U2 con Martin Garrix
L'intervista
Arte
3 gior

La creatività della tradizione, dall’antichità al design

Il m.a.x. museo di Chiasso ospita Fabio Novembre, autore delle poltrone Nemo che completano la mostra ‘La reinterpretazione del classico’
Libri
05.09.2020 - 17:300

'Sei tu, Ticino?': è lui, Andina

Dal romanzo al racconto. Il 17 settembre, con 'La pozza del Felice' ancora nella Top 20 dei bestseller svizzeri, esce il suo nuovo libro

Per dirla coi runner, perché lui runner lo è, «scrivere un romanzo è una maratona, mentre il racconto è uno sprint secco di tre chilometri su una salita di montagna». Sono trascorsi quasi due anni dall’uscita de ‘La pozza del Felice’, la maratona, e Fabio Andina dà alla luce ‘Sei tu, Ticino?’, lo sprint. È una raccolta di racconti il nuovo libro del malcantonese, in uscita – come fu per il Felice – per Rubbettino, il 17 settembre. Il nuovo libro esce nel momento in cui il racconto breve è la forma letteraria della nostra epoca, stando al Guardian che fa i conti col tempo massimo d’attenzione del lettore medio sceso, grazie alla (per colpa della) rivoluzione digitale, a otto secondi. Otto come i protagonisti di ‘Sei tu, Ticino?’, spalmati su sette racconti: ‘Il Seba’ che ascoltava i Dire Straits, l’autostoppista senza una destinazione precisa (‘Autostop’), ‘Il poro Michi’ che te lo raccomando, ‘Il Fede’ “che lo farei vedere da uno bravo”, il Teo e l’Eros dalle parti del Felice (‘Il piz del Teo’), ‘L’Andrea’ che è un bel mistero e ‘Shrek’ che si depila, calati in un Ticino che a tratti è un altrove e raccontati nello stile dell’Andina a noi è tanto caro: poche menate, dritti al sodo.

‘Sei tu, Ticino?’ – in questi giorni ‘dal vivo’ insieme agli altri scritti, con Sandro Schneebeli in un equo scambio tra musica e letteratura – si palesa nei giorni in cui ‘La pozza del Felice’ è nel pieno delle sue ristampe: vincitore di uno ‘Schiller’ e di un Gambrinus ‘Giuseppe Mazzotti’ (dato anche a Terzani e Sepúlveda), il romanzo è nella top 20 dei bestseller di Svizzera da 14 settimane, forte delle finora 16mila copie vendute come ‘Tage mit Felice’, versione per germanofoni edita da Rotpunktverlag. In attesa di quella per francofoni annunciata per la primavera 2021 dalla Edizions Zoé, che ha affidato l’originale ad Anita Rochedy, traduttrice dell’opera omnia di Paolo Cognetti. Editore e autore, inutile dirlo, confidano in un effetto-valanga, cosa che per uno che trascorre gran parte del suo tempo tra le nevi non sarebbe una sorpresa…

Fabio Andina: dove e come è nato ‘Sei tu, Ticino?’

È nato tra Madonna del Piano e Leontica. Alcuni racconti sono nati prima de ‘La pozza del Felice’, alcuni durante, altri dopo. Sono arrivati tra un romanzo e l’altro, quando si è stanchi di stare chinati ore e ore sullo stesso pezzo a rivedere la solite trecento pagine, e si ha voglia di cambiare ritmo. Il racconto è qualcosa di più immediato, concede la piacevolezza di vedere il risultato in meno tempo. Sono nati quasi per gioco: l’editore li ha voluti leggere, sono piaciuti. È stata della Rubbettino l’idea di pubblicarli in questo momento in cui il racconto è un genere che va molto, malgrado qualcuno pensi che stia sempre uno scalino sotto il romanzo e invece ci sono esempi illustri come Flaubert, Rigoni Stern, Hemingway, Poe…

In confidenza: se ‘L’Andrea’ fosse durato altre duecento pagine, le avrei lette tutte…

‘L’Andrea’ era nato dall'idea del serial killer, e sullo slancio pensavo potesse diventare un romanzo. Poi, dopo quaranta pagine, mi sono accorto che stava in piedi da solo così. È il bello dell’iniziare a scrivere senza sapere dove andare, quali temi toccare, lasciandoli affiorare durante la scrittura, fino a mettere il punto in quello che si crede sia il momento esatto. È il mio approccio alla scrittura: non ho una scaletta, non programmo le parti, non seleziono gli attori principali, l’antagonista. Parto dall’aneddoto e da lì mi muovo. Se dopo venti pagine la storia va bene così com’è, mi fermo. Ed è un sollievo scoprire che non c’è nulla da aggiungere. Nella maggior parte dei casi, forzare significa snaturare. Meglio lasciare che sia la storia a portarti per mano.

Chi ha amato ‘La pozza del Felice’ ritroverà qualcosa nel ‘Piz del Teo’…

Sì, è la storia nella quale mi sono immerso più a lungo, forse perché più vicina al Felice, al mio modo di vivere la montagna, forse perché è il racconto più recente ed è quello che sta tracciando la strada stilistica che vorrei seguire in futuro. Ma tutti i racconti mi hanno preso tempo. In alcuni l’implicazione personale è forte, c’è la morte di qualcuno e quel qualcuno l’ho conosciuto davvero, anche se sono sempre attento a che non sia riconoscibile. Se scrivi un romanzo e lo ambienti a Robasacco e il protagonista è un postino, è chiaro che il postino di Robasacco si senta chiamato in causa.

Nel libro si legge soprattutto di uomini, le donne sono sullo sfondo…

Quando scrivo, non parto con uno schema preciso, non decido di parlare di donne o di uomini. È vero, le idee di partenza sono incentrate su figure maschili, le donne rientrano nel discorso ma sono di sottofondo. La madre dell’Andrea, la barista nel ‘Piz del Teo’. In ‘Autostop’ sono anche più d’una. Mi vengono in mente scrittori come Cormac McCarty, per esempio, in cui la figura femminile non è certo al centro della narrazione.

Parlando di aspettative. C’è quella legge per la quale se nulla accade, sei sempre bravissimo. Ma il Felice ha fatto il botto: ora viene il difficile?

Arrivare nel frattempo, o subito dopo un romanzo che sta facendo così bene fa di certo salire le aspettative. Ma è giusto che sia così. Non nascondo che mi attendo di sentirmi dire che il Felice era meglio, o di essere accusato di cavalcare l’onda ‘buttando fuori’ una cosa veloce. Posso dire che Rubbettino l’ha programmato subito, tre anni fa, quando insieme alla bozza del Felice mi chiesero cosa avessi nel cassetto. E scrivendo da venticinque anni, il mio cassetto ha sempre qualcosa di pronto. Cinque di questi racconti furono spediti in quell’occasione. L’idea dell’editore era quella che non sarebbero trascorsi più di due anni tra una pubblicazione e l’altra. Sono comunque pronto a ricevere le bastonate. La risposta la daranno i lettori, e magari gli editori per la versione francese e tedesca.

Parlando di pandemia: quanto ha influito sulla tua scrittura?

Ti rispondo partendo dalla domanda che mi fanno spesso, e cioè da dove traggo la mia ispirazione. Di certo non da quel che succede in quel preciso momento storico. L’ispirazione arriva da aneddoti personali, dai dettagli del mio vissuto. Sono estraneo e non voglio scrivere di quel che sta succedendo, non m’interessa allacciarmi alla società di oggi e farne una dissertazione filosofica o economica. Cerco di creare una storia a sé, che può anche avere un legame con la società come nel caso del Felice, ma che invece, è il caso di questi racconti, è ancor più chiusa in sé stessa.

Come i registi, mentre esce l’ultimo sicuramente sarà già pronto quello nuovo…

In tanti si attendevano il prequel o il sequel del Felice, ma sarebbe stato rischioso. Ci avevo pensato e la Rubbettino mi ha stoppato, risparmiandomi l’essere etichettato per tutta la vita come lo scrittore di montagna. Mi piace l’idea di non farmi incastrare nello schema di scrivere un romanzo, scoprire che vende e non essere più capaci a uscire dalla trappola…

Magari verso l’età pensionabile potresti farci un pensiero…

Non saprei. Magari più in là mi permetterò un filotto di storie di montagna. Può anche essere che da qui alla pensione non vorrò più sentirne parlare, di montagna. Ma non credo esista il rischio (sito ufficiale: www.fabioandina.com).


'Sei tu, Ticino?' (Rubbettino)

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved