laRegione
Nuovo abbonamento
canetta-giudicate-l-offerta-musicale-non-gli-organigrammi
Canetta (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
14 ore

Addio a Konrad Steffen, l’uomo dei ghiacci e della scienza

Il glaciologist svizzero, direttore del Wsl, è morto nei giorni scorsi in Groenlandia, a lungo oggetto delle sue ricerche sul riscaldamento globale
Culture
14 ore

#SolidarityForMusic dal Lucerna Festival sulle note di Beethoven

Un 'Inno alla gioia' aperto a ogni interpretazione per una campagna di solidarietà in favore dei musicisti svizzeri, con grandi ambasciatori.
Culture
15 ore

Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano

Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Spettacoli
1 gior

Locarno 2020, la perfezione del cinema a Open Doors

Al Festival due film suberbi: ‘Kairat’ di Omirbaev e ‘Engkwentro’ (Scontro) di Pepe Diokno
Spettacoli
1 gior

Locarno2020 e la follia del nostro ignorare il mondo

Ai Pardi di domani, vera rivelazione di questo festival anomalo, scopriamo l'interessante “Icemeltland Park” di Liliana Colombo
Musica
1 gior

Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'

Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.
Teatro Sociale
1 gior

'Chi è di scena', dal 'Macbettu' a 'La menzogna'

Prosa in abbonamento, due le produzioni ticinesi: 'La bottega del caffè' e 'Olocene', Max Frisch per la prima volta in italiano
Società
1 gior

Lili Hinstin: 'Nei bar di Locarno la peggior musica del mondo'

Malumori tra i musicisti ticinesi dopo le affermazioni della direttrice artistica del Locarno Film Festival. 'Era una battuta, dispiace se qualcuno si è offeso'.
Spettacoli
1 gior

‘Condividere un'esperienza è ciò per cui val la pena vivere’

Denny Ilett, chitarrista e cantante, ospite del Jazz Cat club da mercoledì a sabato per quattro serate jazz nel giardino del Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, incontro ravvicinato con Thomas Imbach

“Tutto è iniziato con la decisione di testimoniare la trasformazione della vecchia stazione ferroviaria in carcere” ci spiega il regista zurighese
Musica e politica
2 gior

Menomale che Neil Young c'è

Il musicista porta in tribunale Trump per abuso propagandistico delle sue canzoni. Perché anche i cantautori, nel loro piccolo, s’incazzano...
Spettacoli
2 gior

Locarno2020, ‘Nemesis’, un documentario lungo 7 anni

Thomas Imbach ha presentato il suo ‶documentario alla finestra″: una stazione ferroviaria distrutta per far posto a un carcere, dagli scambi alla prigionia
Spettacoli
2 gior

Locarno2020, sotto il segno dei Pardi di domani

Convincono il personale ‘Bethlehem 2001’ di Ibrahim Handal e, nel concorso nazionale, Grigio. ‘Terra Bruciata’ di Ben Donateo
Spettacoli
2 gior

Il castello incantato: dal 15 agosto il teatro torna in piazza

La tradizionale rassegna torna con burattini, marionette, ombre, oggetti animati, attori e musici in sei località del Locarnese
Musica
2 gior

Metti il 'Gatto' in giardino e fagli ascoltare il jazz

Da mercoledì 12 a sabato 15 agosto, da Londra ad Ascona, quattro serate all'esterno del Teatro del Gatto per tornare a respirare musica.
Spettacoli
3 gior

'Maestra e donna franca'

Un ritratto di Franca Valeri, spentasi oggi all'età di cent'anni. E il ricordo di Ippolita Baldini, che è anche un po' figlia sua.
Spettacoli
3 gior

Buon viaggio a due Grandi della scena

Renato Reichlin, ex direttore del Teatro Sociale di Bellinzona, ricorda Franca Valeri e Gianrico Tedeschi
Culture
04.07.2020 - 06:000

Canetta: giudicate l’offerta musicale, non gli organigrammi

Il direttore della Rsi risponde alle critiche del musicologo Carlo Piccardi sulla marginalizzazione della musica all'interno del servizio pubblico

No, la musica non è condannata all’irrilevanza: è netto Maurizio Canetta, direttore della Rsi, nel rispondere alle critiche avanzate da Carlo Piccardi nell’intervista pubblicata mercoledì. Certo, le cose sono cambiate e nell’organigramma del Dipartimento cultura e società – nato, lo ricordiamo dalla fusione dei dipartimenti cultura e intrattenimento e guidato da Cathy Flaviano – il settore musica ha adesso il cappello “Eventi e musica” ed è affidato a Gian-Andrea Costa, sulla cui competenza musicale Piccardi ha espresso dubbi, ma il direttore della Rsi invita a giudicare «la realtà dell’offerta, non gli organigrammi aziendali».

Preoccupazioni eccessive, quelle di Piccardi?

La prima cosa da dire è la grande gratitudine che c’è in Rsi per Carlo Piccardi: ha lavorato per tanti anni con noi e ha fatto cose importanti, è stato colonna del settore musicale, operatore culturale e un musicologo di grande qualità. È un grande del nostro passato.

Che ha espresso delle critiche sul presente.

Partirei forse da alcuni dettagli – aspetti secondari ma comunque importanti. Non è vero che Gian-Andrea Costa, nuovo responsabile del settore Eventi e musica, non era presente alla conferenza stampa dell’Orchestra della Svizzera italiana: c’era, semplicemente ha lasciato parlare Christian Gilardi (responsabile dell’Offerta classica, jazz, world, ndr). Oltretutto Costa un master l’ha fatto, anche se non in musicologia come forse piacerebbe a Piccardi. Nell’intervista ha detto che è “un redattore di Rete Tre”, come se fosse una cosa negativa: durante il concorso Costa ha presentato tutta una serie di garanzie, di visioni, di approcci che ci hanno fatto scegliere una strada giovane. Se questa è una colpa, me la assumo.

Altro dettaglio: Piccardi afferma che abbiamo soppresso la collaborazione con l’Istituto di Studi italiani dell’Usi, ma non è così. Semplicemente per rivedere il formato e valutare l’impatto radiofonico quest’anno il progetto non ha avuto luogo, ma la collaborazione è ancora attiva. Nessuna cancellazione, quindi.

Sono comunque aspetti secondari delle critiche di Piccardi: il problema non sono i titoli di studio o la singola iniziativa, ma l’importanza della musica all’interno della Rsi.

Sono dettagli che hanno comunque un peso, dal momento che vengono considerati segnali preoccupanti – e una correzione era quindi dovuta.

Dal punto di vista della produzione musicale, noi continuiamo a investire circa 3 milioni di franchi all’anno nell’Osi e nei Barocchisti, proponiamo concerti, proponiamo registrazioni – a beneficio sia dei programmi sia del pubblico.

Rispetto al passato però la situazione è mutata.

È vero che sono cambiate le modalità di collaborazione – cosa su cui c’è stato ampio dibattito. Siamo passati da organizzatori a un contratto di prestazione, anche per allinearci ai parametri nazionali e con il concetto Ssr per il quale non ci sostituiamo agli operatori culturali ma li sosteniamo.
E, ma anche di questo si è ampiamente discusso, il nuovo accordo ha comportato una riduzione del nostro contributo all’Osi: siamo in fase di contenimento dei costi e questo vale per tutti. Similmente, abbiamo un accordo quinquennale con i Barocchisti.

La lista delle cose che abbiamo fatto e che faremo dimostra il nostro impegno: il ‘Barbiere di Siviglia’ con i Barocchisti al Lac, la ‘Cavalleria rusticana’ coprodotta con Arte e Rai… Ogni settimana in televisione c’è ‘Paganini’, una trasmissione di due ore dedicata alla musica e non credo che siano molte, le tv generaliste con un’offerta simile.
Nulla è pensato in chiave riduttiva. Nelle scorse settimane è partito il progetto MusicaViva, iniziativa del tanto criticato settore Eventi e musica: un ritorno alla musica dal vivo che ha nel suo ampio ventaglio una forte presenza di musica classica.

La risposta è quindi che l’offerta musicale c’è.

E in nuove forme: l’offerta Rsi è anche su web – al quale evidentemente Piccardi non pensa. Lo splendido esempio, prodotto dal settore Eventi e musica di Gian-Andrea Costa e dall’Osi, è il video sulle note rossiniane realizzato durante il Lockdown dall’Orchestra della Svizzera italiana.

Affermare che ci sia la volontà di marginalizzare la musica è profondamente errato.

Però conferma una delle tesi sostenute da Piccardi: la Rsi ha cambiato ruolo, da grande protagonista della vita culturale a sostenitore esterno.

Noi continuiamo a esserci, produciamo e promuoviamo concerti sia pubblici sia registrati. Semplicemente – ma questo è stato spiegato quando è stato concluso l’accordo con l’Osi – noi oggi acquistiamo e produciamo concerti secondo un concetto che è uguale al resto della Svizzera. Con un investimento come detto importante, maggiore di quello delle altre regioni, e al quale non viene tolto un franco con la creazione del nuovo dipartimento Cultura e società.

Rimane il fatto che nell’organizzazione di quel dipartimento la musica è ‘annacquata’.

No. Una cosa che Piccardi dimentica è che da Christian Gilardi in giù ci sono persone molto brave, che lavorano come prima e che hanno lo stesso margine d’azione di prima.

Abbiamo voluto mettere tutta la musica che esiste nel nostro mondo sotto uno stesso tetto per avere una visione d’insieme: il settore della musica classica continua a esistere e continua a lavorare nella direzione di sempre.

Insomma, la struttura è cambiata, ma la sostanza no.

Anzi: credo che da un accorpamento ci si possa solo guadagnare, per esempio con degli impulsi, prima meno evidenti, su un settore importante che è quello della diffusione online. Cosa che, ribadisco, si aggiunge all’offerta tradizionale fatta di concerti – che conta su Gilardi e su tutto il gruppo della musica classica.

© Regiopress, All rights reserved