Basilea
0
Losanna
0
1. tempo
(0-0)
Bologna
2
Fiorentina
3
fine
(1-1)
Spezia
Sassuolo
15:00
 
Venezia
Verona
15:00
 
rete-due-resti-uno-spazio-di-cultura
Tutto un equivoco? (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
1 gior

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
2 gior

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
3 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
4 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
4 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
5 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
6 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
6 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
6 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
 
10.12.2020 - 06:100
Aggiornamento : 17:17

Rete Due resti uno spazio di cultura

Il direttore della Rsi Maurizio Canetta ha rassicurato: la cultura avrà ancora la sua importanza. Ma in dubbio, con la riorganizzazione della radio, è la specificità

Non c’è nessun progetto di smantellamento dell’offerta culturale della Rsi: come non accogliere positivamente le parole del direttore Maurizio Canetta? Parole, oltretutto, pronunciate ieri in diretta su Rete Due, in difesa della quale in molti si sono mossi, nei giorni scorsi, contro il progetto di forte riduzione del parlato. Appelli e interventi, ha spiegato appunto Canetta, che sarebbero sostanzialmente il frutto di un equivoco dovuto – riassumiamo – a uno sguardo troppo ravvicinato alle trasformazioni su cui la Rsi sta ragionando da qualche mese.

Accogliamo quindi l’invito del direttore Canetta e ampliamo lo sguardo: non è tanto Rete Due, ma tutto l’audio della Rsi che va ripensato. Per i motivi che conosciamo: una parte sempre più consistente del pubblico ascolta sempre meno la radio lineare, preferendo i servizi di streaming musicale, i podcast, gli audiolibri. C’è anche un discorso di risorse, con i ricavi pubblicitari in calo non solo per la pandemia, ma è un aspetto che Canetta ha minimizzato e quindi per il momento lasciamolo da parte. Come ripensare quindi l’offerta audio della Rsi, in modo da poter raggiungere tutti i segmenti di pubblico come un servizio pubblico deve fare? Una Rete Due, come detto, prevalentemente musicale: il rapporto 90-10 tra musica e parlato non è stato smentito, per quanto si sia lasciata intendere la possibilità di un margine di discussione; poi una Rete Tre incentrata sull’intrattenimento, una Rete Uno che avrà come parole chiave “cultura, informazione e sport” e una ricca offerta sulle piattaforme digitali, anche qui con particolare attenzione alla cultura. La cultura, sempre parole di Canetta, non è quindi in discussione e anzi, con il passaggio a Rete Uno le si darebbe addirittura un peso maggiore.

Di nuovo, come non accogliere positivamente le parole di Canetta, dal momento che finalmente presentano, seppur a grandi linee, un importante ripensamento dell’offerta radiofonica su cui crediamo sia bene che vi sia un dibattito pubblico? Certo mancano alcuni dettagli; ad esempio quale sarà il rapporto tra musica e parlato sulla rinnovata Rete Uno, per capire grosso modo quanto spazio ci sarà per trattare “cultura, informazione e sport”. Ma le perplessità maggiori non riguardano minuti e secondi da dedicare a un certo tema. Nella rassicurazione di Canetta (quel che si toglierà a Rete Due sarà su Rete Uno o online) traspare l’idea che contenuto e contenitore siano completamente indipendenti, che l’intervista a uno scrittore, l’incontro con un ricercatore o la recensione di una mostra d’arte possano essere proposti indifferentemente su una radio generalista, su una culturale oppure online (e anche qui occorrerebbe distinguere tra le varie piattaforme). Le differenze, nella modalità di fruizione, nel pubblico che si va a incontrare, sono tante e importanti.

A preoccupare per il futuro della cultura in Rsi non è tanto lo spazio che troverà, ma le caratteristiche di questo spazio. Il timore è che un ridimensionamento di Rete Due come canale culturale metta a rischio la specificità, la sensibilità e le competenze necessarie per costruire un’offerta culturale solida. Offerta che potrà e dovrà ovviamente manifestarsi nel lineare tanto quanto nel digitale: su questo – soprattutto se le riflessioni in corso non sono dettate da mere esigenze di risparmio – bisognerà investire.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved