mario-timbal-un-manager-culturale-alla-guida-della-rsi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

L'Sos di Zingaretti, l'uomo invisibile

Il segretario del Pd annuncia le dimissioni attaccando il partito, che ‘pensa solo alle poltrone’. La strategia dello struzzo non ha funzionato
Commento
1 gior

La Svizzera non è un paese per inquilini (moderati)

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni
Commento
2 gior

L'obiettivo resta l'autoimmunità (sanitaria e sociale)

Nei mesi a venire si conteranno le vittime economiche del coronavirus. Toccherà alla società civile insegnare alla politica a proteggersi da sé stessa
Commento
3 gior

I vaccini dovrebbero essere un affare di Stato

La pandemia di coronavirus sta facendo emergere contraddizioni nella gestione e distribuzione dei preparati anti-Covid. Eppure sono la chiave strategica della ripresa
Commento
4 gior

La selva oscura dei sottosegretari

In Italia abbondano: quello all'Istruzione ha citato Topolino pensando fosse Dante, quella alla Cultura dice di non aver mai letto un libro in tre anni
L'analisi
4 gior

Nessun vaccino israeliano per i palestinesi

Netanyahu ha promesso a paesi amici d’Africa e America latina di donar loro le prevedibili dosi in eccesso. Nulla invece per Gaza e Cisgiordania
Sogno o son Festival
4 gior

Sanremo e il Ministero del Divertimento

Lo chiede De Gregori, per la musica e i musicisti. Intanto il Festival parte, perché 'il servizio pubblico non è solo informare, ma anche quote di leggerezza'.
Commento
5 gior

Videogiochi ‘diabolici’ che plasmano le menti dei ragazzini

Il mondo virtuale sa nutrire l'autostima di milioni di adolescenti, alcuni poi nella vita reale faticano ad adattarsi
Commento
1 sett

Quel pacco sulla porta e il futuro del lavoro

Dal mondo dei trasporti e delle consegne arriva un assaggio di quello che potrebbe essere l’avvenire di tutti, se non ci diamo una mossa
Commento
12.12.2020 - 06:050

Mario Timbal, un manager culturale alla guida della Rsi

Una via di mezzo tra la persona di cultura e il businessman, il nuovo direttore segna comunque una rottura con il passato. Quanto profonda?

Un manager culturale alla guida della Rsi. Se leggiamo il profilo di Mario Timbal, nominato ieri futuro direttore della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, alla luce di timori e speranze emerse negli ultimi mesi sul successore di Maurizio Canetta, abbiamo l’impressione di una via di mezzo tra la persona di giornalismo e cultura che alcuni auspicavano e la figura più manageriale, per non dire “tagliatore di teste”, che pareva emergere dal bando di concorso. La Corsi, che ha condotto la procedura di selezione, ha insomma puntato su una persona certamente in grado di guidare un’organizzazione complessa – sia internamente, sia per le delicate relazioni con la società, la politica, l’economia – ma allo stesso tempo consapevole che quella organizzazione non è un’azienda qualsiasi che guarda ad azionisti e investitori, ma una realtà di servizio pubblico. Che Timbal sia renda conto di tutto questo è indubbio: lo mostrano le sue esperienze lavorative passate, alla direzione operativa – in stretto dialogo con quella artistica – del Locarno film festival e più recentemente alla gestione di un innovativo centro culturale nel Sud della Francia. E lo mostrano anche le sue risposte alle nostre domande (vedi intervista a pagina 4), nelle quali ha sottolineato l’importanza del dialogo con tutti gli interlocutori, l’essenzialità della cultura per il servizio pubblico, abbinando all’urgenza di raggiungere nuovi pubblici la necessità di non trascurare l’offerta tradizionale nella quale in molti si riconoscono.

Certo bisognerà aspettare per vedere come tutto questo sarà tradotto in pratica, come Timbal e la sua squadra passeranno dalle parole che abbiamo sentito ieri ai fatti. Soprattutto tenendo conto della riduzione delle risorse finanziarie a disposizione della Ssr e della Rsi, un limite con cui il futuro direttore dovrà fare i conti, effettuando anche tagli e riduzioni del personale.

Decisioni che non mancheremo di valutare e se del caso criticare, contando sul fatto di poterne discutere apertamente con Timbal, come del resto è avvenuto anche con Maurizio Canetta.

Non potendo prevedere il futuro, guardiamo al presente, ovvero a come è stato selezionato il nuovo direttore: Timbal è giovane – una ventina di anni in meno dell’uscente Maurizio Canetta e una decina in meno degli altri candidati – e come detto non proviene né dalla Ssr, né dai media tradizionali. Per quanto non sia il primo direttore esterno nella storia della Rsi, siamo indubbiamente di fronte a un cambio di passo ed è lecito chiedersi se non si tratti di una vera e propria rottura con il passato e soprattutto con il presente dell’azienda. La scelta è semplicemente dettata dalla volontà di affrontare con nuovi punti di vista le importanti trasformazioni dei mass media e dell’audiovisivo, oppure hanno pesato anche certe difficoltà emerse all’interno della Rsi, come le recenti denunce di mobbing, bossing e molestie? Rispondendo a questa domanda, il presidente della Corsi Luigi Pedrazzini ha parlato di «una valutazione generale della situazione», affermazione che lascia intendere come il tema sia quantomeno stato oggetto di discussione.

© Regiopress, All rights reserved