locarno-festival-le-porte-di-open-doors-si-aprono-online
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

Teatro Sociale ’21-’22, è tempo di ripartire ‘Insieme’

Dal prossimo 25 settembre a maggio 2022, con ‘regole certe’. A colloquio con Gianfranco Helbling, direttore artistico
Società
8 ore

TikTok in Cina limita l’uso ai bambini sotto i 14 anni

È la prima azienda di video nel settore ad avere questi limiti. Nel 2019, Douyin aveva già iniziato a sperimentare ‘misure anti-dipendenza’
Arte
9 ore

Premi svizzeri d’arte e di design, c’è anche Sonnenstube

Il collettivo itinerante di Lugano è tra i vincitori, nella categoria Critica, edizione e mostre, dei riconoscimenti consegnati durante Art Basel
Streaming
11 ore

‘The Ferragnez - La serie’ su Amazon Prime Video

La quotidianità di Fedez e Chiara Ferragni tra la fine del 2020 e i primi mesi del 2021 in otto episodi in arrivo a dicembre
Arte
12 ore

Nove ‘Picasso’ ceduti alla Francia dalla figlia Maya

Sei dipinti, due sculture e un taccuino appartenuto al gigante della pittura. Le opere saranno presentate integralmente al pubblico a partire da aprile 2022
Spettacoli
18 ore

Agli Emmy Awards trionfano ‘The Crown’ e ‘Ted Lasso’

La saga della Royal Family premiata come migliore serie drammatica, primo riconoscimento nella categoria per Netflix
Musica
1 gior

Esce ‘Outsider’, l’album solista di Roger Taylor dei Queen

Nato durante il lockdown, è dedicato ‘a tutti gli outsider, quelli che si sentono lasciati in disparte’
Cinema
1 gior

A ‘Belfast’ di Kenneth Branagh il Toronto Film Festival

Scritto nelle prime settimane di lockdown, è ‘un ritorno a casa’. Premio del pubblico sezione Midnight Madness alla Palma d’oro di Cannes Titane di Julia Ducournau
Culture
1 gior

Premio Chiara alla carriera a Mario Botta

L’architetto ticinese riceverà il riconoscimento il 10 ottobre al Teatro Sociale di Luino
Spettacoli
1 gior

Stefano Knuchel sulle tracce di Hugo Pratt

‘Hugo in Argentina’ del regista locarnese, un inaspettato ritratto del creatore di Corto Maltese
Spettacoli
1 gior

Miglior canzone di sempre, Aretha supera Dylan e Beatles

La bibbia del rock, Rolling Stone, aggiorna la sua storica classifica dei 500 brani migliori dopo 17 anni e cambia le carte in tavola
Società
1 gior

Moro e Faranda, la giustizia che riconosce l’umanità

Incontro dedicato alla giustizia riparativa, al Festival Endorfine, con la figlia di Aldo Moro e gli ex Br Adriana Faranda e Franco Bonisoli
Libri
2 gior

Pizzicannella, ‘Rito di passaggio’: niente sarà più come prima

Per i quattro protagonisti, e per l’autore del romanzo Alessio Pizzicannella, al suo esordio letterario per Baldini+Castoldi: l’intervista
Arte
2 gior

Morto lo scrittore e pittore grigionese Jacques Guidon

Nato a Zernez nel 1931, aveva lavorato come insegnante prima di intraprendere diversi viaggi di studio e di lavoro in Europa, Stati Uniti, Messico e Canada
Arte
3 gior

‘Paesaggi a confronto’ a Villa dei Cedri

Dal 18 settembre a Bellinzona, curato da Carole Haensler, l’omaggio alla pittura paesaggistica elvetica dalla seconda metà del XIX secolo alla Prima guerra mondiale
Spettacoli
3 gior

Concerto per l’infanzia, al Fevi c’è Loredana Bertè

Si aggiunge ai grandi nomi del tradizionale appuntamento locarnese. Sabato 18 settembre alle 21, tappa ticinese del ‘Figlia di... Summer Tour’
Culture
3 gior

L’Accademia di architettura secondo Walter Angonese

Il nuovo direttore, entrato in carica al posto di Riccardo Blumer, ha incontrato la stampa per parlare delle sfide che attendono l’istituzione
Culture
11.06.2020 - 19:000
Aggiornamento : 20:54

Locarno Festival, le porte di Open Doors si aprono online

Intervista a Sophie Bourdon, responsabile del progetto che da diciotto anni va alla scoperta delle cinematografie emergenti

Anche Open Doors, la sezione del Festival di Locarno che da diciotto anni va alla scoperta delle cinematografie emergenti, sarà online in questo strano 2020, all’interno della nuova iniziativa “For the Future of Films” che quest’anno prenderà il posto del tradizionale festival estivo.

I punti fermi di Open Doors rimangono comunque gli stessi: focus su una regione – il Sud-est asiatico, con 8 progetti e 9 produttori provenienti da Laos, Cambogia, Thailandia, Vietnam, Myanmar, Indonesia, Malesia, Filippine e Mongolia –, l’obiettivo di contribuire allo sviluppo di una scena cinematografica collaborativa indipendente e due diversi contenitori, lo Hub (piattaforma per la coproduzione internazionale) e il Lab (training per produttori creativi), e alcuni film dai Paesi focus accessibili a tutto il pubblico nei giorni del festival, dal 5 al 15 agosto.

Un’edizione online rappresenta «un cambiamento molto importante, che presenta molte sfide» ci spiega Sophie Bourdon, responsabile Open Doors nonché viceresponsabile di Locarno Pro. «Solitamente accogliamo le delegazioni di Open Doors con i vari registi e produttori che arrivano a Locarno nel contesto del Festival… adesso dovremo trasmettere online le specificità del nostro festival, il nostro “tocco” particolare, la nostra identità, anche senza l’atmosfera di Locarno, senza le proiezioni in Piazza Grande…».

Insomma, mantenere anche online lo spirito di Locarno.

Dobbiamo restare un festival libero, responsabile, aperto sul mondo: Open Doors vive soprattutto sull’incontro, sullo scambio culturale. Ma penso avremo anche delle opportunità: se a livello di pubblico il periodo estivo è ideale, a livello professionale a volte non è facile per i professionisti venire a Locarno durante le vacanze, senza dimenticare le distanze geografiche. Online potremmo pensare di coinvolgere un pubblico più ampio, persone che hanno sentito parlare del Festival di Locarno ma che non sono mai venute perché il periodo non andava bene o perché il viaggio era troppo lungo.

Penso che quest’anno potremmo far scoprire ad ancora più persone la ricchezza del Festival di Locarno e di Open Doors.

L’online può essere positivo.

Sì. È un cambiamento: l’esperienza di un film in sala e online non sarà mai la stessa, ma penso che sia importante approfittare il più possibile della situazione. A seconda di come andrà, in avvenire potremmo avere, per i professionisti, un’edizione ibrida con un’edizione fisica, con l’incontro con registi e produttori, e per chi non può essere presente una versione online.

In Europa e in Nordamerica il mondo del cinema, dalle sale ai set, si è fermato a causa della pandemia. È avvenuto anche nei Paesi che Open Doors segue?

L’Asia conosce regolarmente delle crisi sanitarie, dei virus che si diffondono e questo è stato, se vogliamo, un vantaggio: la popolazione è già pronta a cambiare abitudini, a “funzionare diversamente” a livello individuale e collettivo. Non voglio dire che sia meno dura, anche perché si tratta di Paesi la cui economia si basa in buona parte sul turismo, ma la crisi ha forse colpito meno a livello psicologico, ha sconvolto meno le persone.

Nella regione di cui parliamo, il Sud-est asiatico, ci sono grandi differenze tra un Paese e l’altro, nelle strutture sanitarie e nella disponibilità finanziaria. Ma sono Paesi con un’energia notevole, una popolazione molto giovane: per molte persone sarà difficile andare avanti, ma credo ci siano le risorse per reagire.

Pensando al cinema, un’importanza differenza rispetto all’Europa è che nella maggior parte dei casi il cinema non è sostenuto, o lo è in minima parte, dalle autorità nazionali: il finanziamento pubblico non è determinante come da noi e lo stesso vale per le misure di aiuto previste per questa crisi sanitaria, il che rende la situazione ancora più complicata che da noi. Il fatto che non si sia annullata l’edizione di quest’anno di Open Doors è un segnale importante, un sostegno per il cinema di questi Paesi.

Tra i progetti selezionati quest’anno, anche un film d’animazione, opera del regista filippino Avid Liongoren. Queste produzioni sono in genere onerose: si tratta di un segno di crescita?

Sì, per Open Doors selezionare un film d’animazione è una prima. Ma non è nostra intenzione partire in questa direzione, perché come detto si tratta di film particolari per le competenze richieste, per i costi e i tempi di realizzazione – e ci sono già festival e altre iniziative dedicate all’animazione.

Abbiamo scelto questo film per come affronta un tema ancora tabù come l’omosessualità e a noi interessa mostrare la ricchezza creativa di un Paese dove c’è il potenziale non solo per documentari o film drammatici, ma anche per delle buone commedie o, come è il caso, per film d’animazione.

Open Doors ha lo scopo di scorprire cinematografie emergenti. Eppure non mancano registi con lavori selezionati da importanti festival internazionali: possibile che anche per loro ci sia ancora ‘bisogno’ di Open Doors?

È il mercato cinematografico che funziona così. È vero che il digitale ha semplificato alcuni aspetti, creato nuove possibilità e abbattuto alcuni costi, ma realizzare un film resta caro e come già detto in molto casi non ci sono fondi pubblici o sono molto bassi. E ogni progetto è un discorso a sé: non è perché il film porta la firma di qualcuno di conosciuto che la gente dà soldi senza sapere di cosa si tratta, chi ci lavora. E questo è vero non solo per i Paesi del sud del mondo, ma anche per l’Europa.

Come Open Doors inoltre puntiamo molto sullo scambio culturale, sull’incontro di altre tradizioni

© Regiopress, All rights reserved