locarno2020-e-il-futuro-di-una-certa-idea-di-cinema
Archivio Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore

L’eterno ritorno di Hillary Clinton e la mozione Paul Newman

Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo l’ex first lady per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
1 gior

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
2 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
3 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
4 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
4 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
5 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
1 sett

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
1 sett

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
 
04.08.2020 - 06:100

Locarno2020 e il futuro di una certa idea di cinema

Si apre domani un’edizione insolita, di emergenza, del festival del film. Aspettando tempi migliori: per Locarno e per il cinema

Sarebbe dovuta essere l’edizione numero 73. Ma quella che si aprirà domani sera al GranRex sarà un’edizione insolita, del festival del film, e insolito è anche il nome scelto: non Locarno73, ma Locarno2020, anzi “Locarno2020 for the future of films”, nella speranza che questo festival oltre che insolito sia anche eccezionale. Che si possa ritornare alla normalità.

Le cause sono note: la pandemia di nuovo coronavirus, le limitazioni decise dalle autorità che, per tutelare la salute pubblica, non solo hanno reso impossibile quel grande evento che è il festival come lo abbiamo conosciuto finora, ma hanno anche fermato l’apparentemente inarrestabile industria cinematografica mondiale, dalle grandi produzioni al cinema indipendente. Il risultato, per il festival, è riassumibile in quell’assenza che si vede camminando dalla stazione di Locarno al Palacinema: quei dieci minuti a piedi che si percorrono ogni anno per le tradizionali interviste prefestivaliere – come quella alla direttrice artistica Lili Hinstin –, tra stand, tappeti rossi, transenne, sedie gialle e nere, locandine, il maxischermo in Piazza Grande.

Locarno2020 non ha le proiezioni in piazza, non ha film in Concorso, non ha la Retrospettiva – che quest’anno avrebbe dovuto essere dedicata per la prima volta a una regista, la giapponese Kinuyo Tanaka –, non ha la Rotonda, non ha tutte quelle cose che componevano la “Locarno Experience”, come negli ultimi anni è stata chiamata. La chiave per comprendere Locarno2020 è probabilmente questa: non è che in mancanza di eventi in presenza si è semplicemente ragionato su come organizzare proiezioni e incontri online; piuttosto, mancando “l’esperienza Locarno”, si è andati all’essenza, si è cercato di capire qual è l’anima del festival e come incarnarla in un corpo adatto ai tempi eccezionali di questo 2020 pandemico.

Qual è il senso di un festival del film come Locarno? Ognuno – dal fedele festivaliere al semplice curioso fino a direttori e presidente – avrà la sua risposta. La mia è: permettere al pubblico di scoprire il cinema d’autore o, guardandola dall’altro punto di vista, aiutare il cinema d’autore a trovare il suo pubblico. Se guardiamo alle molte e interessanti iniziative di questa insolita, parte in presenza parte in digitale, edizione del festival di Locarno, vediamo che questa essenza è mantenuta. Anzi, forse è addirittura aumentata, se pensiamo che – senza film in concorso e in piazza e grazie a una maggiore presenza online – probabilmente ci sarà un pubblico più eterogeneo a seguire sezioni “non mainstream” come Pardi di domani e Open Doors.

Rimane il fatto che Locarno2020 è un festival di emergenza: non tanto per il poco tempo in cui è stato organizzato – la decisione del Consiglio federale di mantenere il limite di mille persone per gli eventi è di fine aprile –, ma perché nel mondo chiuso e ristretto che le misure sanitarie stanno disegnando non c’è spazio per i festival cinematografici. Un’edizione insolita la si può sopportare, forse anche due; di più, sarebbe la fine di un sistema. Il timore non è solo per il futuro del festival di Locarno, ma anche per una certa idea di cinema che faticava già prima della pandemia e che merita di essere preservata.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved