ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
4 min

Più covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo

Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
teatro
11 min

L’ambiente e il futuro del pianeta raccontato da ‘The Children’

Il testo di Lucy Kirkwood sarà di scena al Sociale 8 e 9 dicembre. Nel fine settimana gli spettacoli ‘Doppio taglio’ e ‘Bentornato Babbo natale’.
Spettacoli
2 ore

Punkreas, Mata Hari e 52 sul palco del Foce

Nei prossimi giorni, lo Studio luganese ha in cartellone due spettacoli con la Compagnia Finzi Pasca e il teatro Paravento e il concerto punk
Società
2 ore

I media online sono più influenti della tivvù

Per quanto riguarda la rilevanza sulla formazione delle opinioni le testate cartacee scivolano in coda alla classifica, dietro a radio e social media
Culture
6 ore

Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)

Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
7 ore

È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’

Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
9 ore

Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?

A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Spettacoli
19 ore

Dalla corsa di Dix alla vita di Foer, con la musica di Savoretti

Tre appuntamenti con altrettanti ospiti d’eccezione per Lugano arte e cultura dal 13 al 17 dicembre prossimi, sempre alle 20.30
Arte
21 ore

Tradizione e sperimentazione nelle opere di Mattia Barbieri

L’artista lombardo sarà l’ultimo ospite dei Visarte Talks di quest’anno. L’appuntamento è per il 6 dicembre, dalle 18.30, allo Studio Foce di Lugano
Spettacoli
1 gior

Parigi conta i giorni per la riapertura del Grand Rex

Dopo un restauro durato tre anni torna a splendere lo storico cinema indipendente dalla facciata Art déco fondato l’8 dicembre 1932
Società
1 gior

Clooney, vittima di sessismo: ‘Mi davano schiaffi sul sedere’

L’attore americano sessantenne ha confessato di essere stato ‘oggettificato’ durante le riprese di una sitcom
Illustrazione
1 gior

Cesare Lombroso e la fissa per il cranio

La controversa figura del medico, antropologo e criminologo è raccontata dal volume illustrato di Stefano Bessoni. Ma non è un libro per bambini.
Letteratura
1 gior

Addio allo scrittore francese Dominique Lapierre

Autore del best-seller ‘La città della gioia’, dalla Francia all’India, raccontava gli ultimi. È morto all’età di 91 anni.
Società
1 gior

Gli italiani? Un terzo della vita lo passano online

Trent’anni (su una speranza media di 82 anni) vengono spesi in rete. Lo indica un’indagine del servizio virtuale NordVpn
Spettacoli
1 gior

Sanremo da Giorgia ai Cugini di campagna (avete letto bene)

Oxa, Mengoni, Grignani, Paola e Chiara, Elodie, Madame, Articolo 31, Ultimo. Amadeus annuncia i primi 22: presto altri 6 nomi da Sanremo Giovani.
la recensione
1 gior

Silvio Orlando torna bambino a Parigi-Belleville

L’attore e regista ha portato lo spettacolo tratto dal romanzo di Émile Ajar sul palco del Teatro di Locarno, sabato 3 dicembre. In replica domenica 4.
Libri
2 gior

‘L’autunno in cui tornarono i lupi’, storie di uomini e animali

Mario Ferraguti entra nelle teste di entrambi e dipana pensieri reconditi, elabora cause ed effetti, svela un legame arcaico e complesso.
Società
2 gior

A New York la palma di città più cara al mondo

La Grande Mela soffia il primato (durato un anno) a Tel Aviv, che scivola sul terzo gradino del podio, preceduta anche da Singapore
Società
2 gior

A come... abbronzatissimi. Anzi no: lo dice Tik Tok

Allarme per incidenza record di cancro alla pelle in Australia, e il social network censura sfide e video... roventi
Microcosmi/Microcinema
3 gior

Il cinema, la Valle, la Finlandia

Storie di architettura al Cine-Teatro Blenio, dove s’incontrano Giampiero Cima, Alvar Aalto e Aki Kaurismaki
Spettacoli
3 gior

Per i Guns N’ Roses solo rose, niente pistole

La popolare band fa causa a un negozio di armi online reo, a suo dire, di averne plagiato il nome
Musica
3 gior

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
laR
 
24.11.2022 - 07:15
Aggiornamento: 15:40

‘Il giovane corsaro’, Pasolini negli anni di Bologna

Tra fiction e documentario, nella sezione ‘Young’, Emilio Marrese racconta la gioventù dell’intellettuale italiano

il-giovane-corsaro-pasolini-negli-anni-di-bologna
Nico Guerzoni

Le scuole ticinesi non lo vedranno, perché nessuna scuola si è iscritta per vederlo. È l’unica pecca de ‘Il giovane corsaro - Pasolini da Bologna’, ma non è colpa del film – vivace, leggero, necessario – a rendere più ‘commestibile’ l’intellettuale italiano in mezzo alle colte celebrazioni dei cent’anni dalla nascita.

"Avevo sette anni – dice il protagonista del film – stavamo cenando, e al telegiornale davano un servizio sull’omicidio di Pasolini (…) Chiesi a mio padre chi era Pasolini; lui girò su ‘Striscia la notizia’ e senza togliere gli occhi dalla tv mi rispose: ‘Un busone’". «È lo spunto dal quale sono partito. Anche a me, che un giorno chiesi chi fosse Pier Paolo Pasolini, fu risposto – non da mio padre – "un pervertito"». Attingendo da archivi audio e video, scritti inediti e tante immagini d’epoca, Emilio Marrese – giornalista, scrittore, sceneggiatore e regista – ricostruisce la gioventù bolognese di Pier Paolo Pasolini (che ha la voce di Neri Marcorè), non esattamente un amore a prima vista: «Figura difficile da farsi piacere, da raggiungere. Proprio per questa mia antica difficoltà sarebbe stato ingiusto liquidarne la sua complessità e così le incongruenze. Ho amato ‘Salò’, ‘Mamma Roma’, ma continuo a trovare ostica parte del suo cinema e della sua letteratura. Eppure la sua forza è arrivata ai nostri giorni per i motivi che in tanti prima di me hanno detto».

Marrese alleggerisce l’ipertrofica celebrazione da centenario del poeta di Casarsa immaginandosi uno studente (Nico Guerzoni) che vuole incentrare la sua tesi di laurea sul rapporto tra Pasolini e la città, ricostruendo del primo la formazione culturale ed esistenziale e, della seconda, l’apporto datogli. Proiettato ieri a Giubiasco, ‘Il giovane corsaro’ è in concorso nella sezione ‘Young’. «Spero che per ‘Young’ intendano il pubblico, perché io ho 55 anni. Mi consola sapere che c’è anche Pupi Avati…».

Emilio Marrese: Pasolini è sempre stato Friuli e borgate romane. Su Bologna in pochi si sono calati…

È il motivo per cui esiste questo documentario. Gli anni di Bologna sono in parte sconosciuti anche ai bolognesi stessi, e invece sono importanti. Non è, quello bolognese, un Pasolini più importante degli altri, anzi, comandano ancora il poeta friulano e il regista delle borgate, ma mi piaceva l’idea che già altri hanno messo in pratica – penso a Mario Martone e al suo Leopardi ne ‘Il giovane favoloso’ –, e cioè andare alle origini del personaggio e del suo pensiero.

Quanto è difficile raccontare Pasolini ai giovani?

Io ci ho provato. Dico sempre che trovo patetici gli adulti che tentano di parlare ai giovani con un linguaggio giovane, e in quel caso gli esiti rischiano di essere comici. Dunque questo non è un film per i giovani. Però ho cercato di fare qualcosa di dinamico, altrimenti mi sarei annoiato io per primo. Stiamo facendo tante proiezioni per i licei, e i ragazzi possono annoiarsi tutti, dormire sulle sedie; ma se anche nella testa di uno di loro si apre un dubbio, se s’interessa alla vita attraverso Pasolini, la cosa mi rende orgoglioso. Alla fine di queste proiezioni spesso mi fanno domande con occhi sgranati, ed è il complimento più autentico, la misura più veritiera di quanto il film sia riuscito o meno. So che chieder loro attenzione su un documentario è come chiedere a me di leggere lo scritto di un amanuense del Trecento, ma Pasolini è giovane perché ribelle, in contrasto col sistema, col potere, con la società, con la famiglia, con l’ordine costituito. Come i ragazzi.

Sta smentendo l’espressione "ah signora mia, i giovani di oggi…"?

Da padre di un 24enne, un 20enne e un 17enne, so bene che esistono canali di totale incomunicabilità e altri di potenziale scambio. Ma non posso più sentir dire che i ragazzi di oggi non valgono niente, che valgono di meno, che sono rimbambiti dal telefonino. Anche noi adulti siamo rimbambiti dal telefonino. I ragazzi di oggi sono meglio di come ero io, di sicuro. Quando, da dinosauro quale ti senti, riesci a risvegliare un interesse, a renderti interessante ai loro occhi senza essere trapper, soubrette o influencer – ma soltanto un vecchio regista – la sensazione è inebriante, gonfia l’ego.

Così dice Pasolini nel film: "Quando Manzoni scriveva I Promessi Sposi, il 97% degli italiani era analfabeta. Eppure nessuno avrebbe mai detto a Manzoni di non scriverli". Pensiero, oggi, rivoluzionario?

Pensiero un po’ snob, anzi molto snob, però le cose si possono anche comprendere più avanti. Occupandomi di comunicazione da quando ho vent’anni, farsi capire è importante, dopodiché è il caso di non prostituirsi o rinunciare a se stessi per la paura di non essere compresi dalla totalità delle persone. Avendo obiettivi diversi da Pasolini, al quale nemmeno oso accostarmi, a me interessava arrivare al numero più ampio di persone per far capire che egli non è una montagna impossibile da scalare. Ho cercato di rendere commestibili concetti che restano difficili. Però, quando vado alla Biennale di Venezia non ho la pretesa di capire tutto degli artisti e nemmeno gli artisti della Biennale si devono preoccupare che io capisca quello che loro vogliono dire.

Gli artisti, "scandalosi già nel momento in cui aprono la bocca", dice il poeta a Enzo Biagi…

Mi auguro con tutto il cuore che se Pasolini fosse vissuto più a lungo non sarebbe stato uno Sgarbi. Oggi, per noi, dare scandalo significa fare il guitto in televisione, cercare lo scontro, esasperare i toni col solo fine di stupire. Non so, in un contesto del genere, come Pasolini si sarebbe comportato. Era sicuramente un narcisista, un innamorato di sé che voleva a tutti i costi provocare; negli ultimi anni era ossessionato dal voler a tutti costi sottolineare la propria diversità, essere corrosivo, urticante a prescindere. Però, molto di quel che sosteneva, in un contesto completamente diverso da quello odierno, era rumoroso ma giusto.

Il suo Pasolini preferito?

Mi ha molto colpito l’opinionista per la forza, l’efficacia chirurgica con la quale portava avanti le sue tesi, che il tempo ci ha detto non essere così folli. In fondo, quanto ha predetto della nostra società e della nostra politica si è, purtroppo, in gran parte avverato.

Anche sul calcio, da lui amato quanto i libri, ci aveva preso: "Nel prossimo futuro il calcio raggiungerà fasti sempre più grandiosi. Il neocapitalismo lo vuole (…) Coppe e campionati aumenteranno di numero perché i lavoratori non chiederanno di meglio che andare allo stadio due volte alla settimana, magari anche tre", specificando che la sua previsione era pessimistica…

È un’intervista del 1975 al Guerin Sportivo. L’istinto per il calcio è qualcosa di primordiale, ancestrale e assolutamente trasversale. Pasolini non è l’unico intellettuale praticante e amante del pallone. Come diceva lui, "è una malattia che si contrae da giovane", e che ci si porta dietro tutta la vita.

Per finire: giri i nostri complimenti a Nico Guerzoni.

L’ho scoperto nel corto ‘Figli delle stelle’. Il suo essere ragazzo in transizione, o ‘attore trans’ come si definisce, richiama i travagli di Pasolini in gioventù. Più di un ragazzo mi ha riconosciuto il coinvolgimento non strumentale. Nico è nel film perché è bravo, non per ottemperare alle richieste dei cast dei film odierni, che chiedono di coprire ogni possibilità legata al gender.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved