ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
11 ore

‘Nostalgia’ di Mario Martone rappresenterà l’Italia agli Oscar

Scritto dallo stesso Martone con Ippolita di Majo, presentato a Cannes 2022, il film è ambientato nel rione Sanità a Napoli
Sconfinare Festival
11 ore

Capire il Metaverso con il professor Silvano Tagliagambe

La conferenza del filosofo della scienza si terrà venerdì 30 settembre alle 18, in Piazza del Sole a Bellinzona
Culture
11 ore

Dieci anni di Studio Foce, la nuova stagione artistica

Illustrata a Lugano la prima parte del cartellone 2022-2023. È affidata alla musica la festa del decennale: sabato 15 ottobre, Tre allegri ragazzi morti
Biografia
13 ore

Volevo una vita esagerata, cit. Axl Rose

In uscita le oltre trecento pagine aggiornate che raccontano la vita dei Guns n’ Roses e del loro frontman, dagli esordi fino al 2021
Classica
14 ore

Michele Mariotti e Marc Bouchkov aprono il ciclo Osi al Lac

Il direttore d’orchestra italiano e il violinista franco-belga si esibiranno su pagine di Brahms e Prokof’ev giovedì 29 settembre alle 20.30
Classica
14 ore

Skrjabin, Chopin e Beethoven suonati da Beatrice Rana

Il debutto alla 77esima edizione delle Settimane musicali della pianista salentina si svolgerà nella chiesa del Collegio Papio il 28 settembre, alle 19.30
Spettacoli
15 ore

Miss Behave al Murrayfield Pub di Chiasso

È il trio formato da Paola Caridi (batteria), Silvia Wakte (chitarra e voce), Camilla Missio (basso elettrico), venerdì 30 settembre dalle 22
Crisi energetica
15 ore

Misure di risparmio energetico alla Ssr

L’azienda al fine di garantire il mandato di servizio pubblico attuerà gli accorgimenti da subito per risparmiare il 13-15 per cento
Spettacoli
15 ore

I 50 anni? ‘Uno straordinario aggiornamento di software’

L’attrice Gwyneth Paltrow il 27 settembre spegnerà le candeline felice di essere così com’è e accettando tutti gli effetti che l’invecchiamento comporta
Conferenza
18 ore

Crisi energetica, progetti concreti e sostenibili per superarla

Il Comune di Morcote propone un dibattito pubblico con esperti del settore, venerdì 30 settembre, dalle 19.30, nella sala Maspoli
Teatro
18 ore

Connessioni fra poesia e musica con Piscazzi e Godard

‘Ferma l’ali’ è lo spettacolo inaugurale della stagione del San Materno di Ascona, domenica 2 ottobre alle 17
Spettacoli
19 ore

Robbie Williams torna a Zurigo dopo oltre cinque anni

Il tour dell’album che celebra i 25 anni di carriera toccherà anche la Svizzera
Musica
22 ore

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
1 gior

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
1 gior

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
17.07.2021 - 17:37

Remembering Christo & Jeanne Claude

Alla Fondazione Ghisla di Locarno, fino al 9 gennaio, una mostra ricorda i due maestri della land art

di Claudio Guarda
remembering-christo-jeanne-claude
The Gates, project for Central Park, New York City 2002

Adesso che Christo e Jeanne-Claude sono morti, i loro disegni, le loro maquette, i loro progetti hanno registrato un forte balzo nelle quotazioni di mercato. La ragione è semplice: sono quanto di materialmente tangibile rimane della loro opera, prodotti cioè con le loro stesse mani e firmati; il resto – vale a dire la parte più rilevante e importante – è visione, emozione, immagine fissata nella memoria o documentata da fotografie che riprendono l’oggetto reale, ma non sono l’oggetto reale, trasfigurato dall’artista e realizzato da operai specializzati. In effetti, nel corso della loro vita, i due artisti si sono sempre mossi tra materialità e immaterialità dell’opera d’arte, anche quando producevano opere palesemente ingombranti e materiche, come nei famosi impacchettamenti o quando si servivano di bidoni e vetrine per creare strutture e composizioni radicate nell’ambiguità.

Il fatto stesso di prelevare oggetti dall’ambiente circostante e poi di coprirli o impacchettarli, sottraendoli allo sguardo, era infatti una maniera spiazzante per smaterializzare la fisicità dell’opera e investirla di riflessioni e interrogativi di natura concettuale concernenti non solo il senso del fare o definire l’arte, ma anche (e forse più) i significati impliciti in quel gesto. L’opera d’arte, per loro, non era un bel manufatto da contemplare, ma uno strumento per interrogare, prendere coscienza, riflettere. Forse anche per immaginare o ricreare mondi diversi. Finita infatti quella prima fase, Christo e Jeanne-Claude passarono dagli oggetti ai progetti: non si avvalsero più di elementi precostituiti che impachettavano, si dedicarono invece sempre più allo studio di possibili interventi ambientali, anche molto diversificati – come ben documenta la mostra – che mettevano a fuoco mediante una continua e insistita elaborazione.

Entriamo così nel vivo della rassegna che intende rendere omaggio ai due artisti esponendo una ventina di loro progetti, di medio o grande formato, nei quali disegni, collages, stoffe, fotografie, rilievi orografici vengono abilmente combinati così da formare un’opera composita e unica nel suo genere destinata a diventare una cifra dei due artisti, un po’ come i ritratti per Andy Warhol. La combinazione manipolatoria di tali elementi elimina la piattezza della semplice illustrazione e immette nell’opera diversificati livelli di lettura che vanno dall’astrazione di una cartina geografica al documento fotografico in bianco e nero, al grande disegno fortemente scorciato che raffigura una porzione dell’oggetto prescelto. Tutto questo attiva l’occhio e la mente dell’osservatore, ma aiuta anche a comprendere i motivi per cui sono nati.

Autofinanziamento e libertà

Il primo dei quali riguarda la loro realizzazione e il loro fine. È infatti cosa nota che quei “progetti” precedevano l’esecuzione materiale dell’opera e concernevano ideazione e progettazione dell’intervento: cosa che cominciava con la ricerca di un luogo idoneo quando avevano un’idea in testa (ma a volte era anche un certo luogo che suggeriva l’idea) e finiva, se finiva, con la sua attuazione: una volta superate remore e riserve, opposizioni civili e ostacoli giuridici (a volte anche decennali), difficoltà tecniche ed economiche dati i costi ingenti. Per non dipendere da sovvenzioni pubbliche o sponsorizzazioni private e preservare la loro autonomia, i due artisti si autofinanziavano promuovendo la prevendita di disegni preparatori, assemblaggi, bozzetti e collage, in certo qual modo coinvolgendo nella realizzazione della futura opera gli acquirenti, facendone dei coautori.

Progettualità e consenso

Quelle opere nascevano però anche per un’altra concretissima ragione: quella era l’unica possibilità per mettere a fuoco l’idea di un’operazione ambientale prima della sua esecuzione, visualizzandola in una serie di progetti e bozzetti grazie ai quali inquadrarla da più punti di vista, variane le combinazioni o le volumetrie, relazionarla al suo contesto urbano o naturale. Non si tratta quindi di illustrazioni tratte a posteriori da fotografie, bensì di un lavorare in anticipo attorno a un’idea che prende corpo e si visualizza tramite il disegno o una realizzazione tridimensionale dove già compaiono stoffe e corde. Ed è proprio grazie a questi lavori di documentazione visibile e condivisibile, che Christo è riuscito spesso a convincere autorità e oppositori della bontà e fattibilità del progetto.

L’opera virtuale

C’è infine un’altra non meno rilevante ragione per cui alcuni di quei pezzi hanno oggi un significato e quindi anche un valore di superiore al fatto di documentare momenti di una progettualità che poi conclude con l’opera finita. E sta nel fatto che durante la loro vita Christo e Jeanne-Claude si sono non di rado dedicati a progetti che, per varie concause, non si sono mai realizzati ma che hanno tuttavia preso forma e vita nella loro mente e poi sulla carta, in disegni, schizzi, fotomontaggi che ce ne restituiscono un’idea, ci danno conto di qualcosa che non avremmo mai potuto conoscere diversamente ed ampliano il corpus della loro produzione. In mostra ve ne sono alcuni. Ognuno di quei pezzi, come in un mosaico, concorre quindi a definire l’identità di un’ulteriore opera d’arte, solo virtuale, certo, ma unica e irripetibile come tante altre dei due artisti di cui restituiscono la visionarietà e l’immaginario.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved